FORMULA 1/ Alonso verso il Gran Premio di Corea: riparto da zero, ho fiducia nella mia Ferrari

- La Redazione

Fernando Alonso ha parlato al sito ufficiale della Ferrari: dopo la delusione di Suzuka, riparte verso il Gran Premio di Corea con rinnovata fiducia nella monoposto e nella squadra…

Alonso_Ferrari
Ferrari Infophoto

Per la Ferrari la parola d’ordine ora è ripartire. Ripartire dopo lo sciagurato Gran Premio del Giappone a Suzuka, dove la gara di Fernando Alonso è finita ancora prima di arrivare alla prima curva. Ora il vantaggio del pilota spagnolo su Sebastian Vettel è di soli quattro punti, e praticamente il Mondiale di Formula 1 riparte da zero quando alla fine mancano solamente cinque gare, la prima delle quali si disputerà subito questa domenica, il Gran Premio di Corea a Yeongam, che giunge quest’anno alla sua terza edizione. Fernando Alonso ha deciso di rimanere in Giappone nella prima parte di questa settimana, ed è sbarcato in Corea del Sud solo oggi. Giorni delicati dal punto di vista psicologico, visto come è evaporato il vantaggio che aveva avuto per gran parte della stagione. Ecco come li ha raccontati Alonso al sito ufficiale della scuderia di Maranello, www.ferrari.com: “Sono stato sempre a Tokyo, una città che mi piace tantissimo. Ci sono sempre tanti angoli diversi da scoprire e, nonostante sia una megalopoli, c’è molta tranquillità, soprattutto grazie alla gente che ci vive. Un’altra cosa che mi piace è il cibo”. Poi però è inevitabile tornare sulla delusione dell’ultima gara: “La delusione è stata forte ma ormai è archiviata, inutile rimuginarci sopra ancora. Come ho detto prima di lasciare il circuito, adesso si riparte da zero, visto che fra me e Vettel ci sono appena quattro punti e anche gli altri si sono un po’ riavvicinati. Vincerà chi farà un punto in più di tutti. Per farcela bisognerà avere una macchina veloce, non fare errori e sperare che eventuali sbagli altrui non ti costino caro, com’è accaduto a noi, prima a Spa e poi a Suzuka. Senza questi episodi la situazione sarebbe ben diversa”.
E la competitività della com’è? “Sicuramente ci sono stati alcuni team che in quest’ultimo scorcio di stagione hanno fatto un passo avanti importante mentre noi non abbiamo fatto altrettanto, soprattutto per quanto riguarda il comportamento della vettura su certi tipi di piste. E’ altrettanto vero peraltro che a Monza, ad esempio, avevamo una macchina in grado di fare la pole ma poi a Singapore ci siamo un po’ persi e, in qualche modo, ne abbiamo sofferto anche a Suzuka, dove comunque Felipe in gara ha dimostrato di essere piuttosto competitivo: se non è stato veloce quanto la Red Bull lo è stato certamente più di tutti gli altri. Del resto questi alti e bassi sembrano caratterizzare questo campionato: in Giappone la McLaren è sembrata meno forte di quanto non lo fosse stata nella gara precedente mentre è la Red Bull che è venuta fuori in maniera importante, cosa accaduta ad esempio anche alla Sauber. Si parla molto dei nostri perché gli occhi di tutti sono sempre puntati sulla Rossa: qui, ad esempio, se proviamo una volta un’ala e non la usiamo diventa un caso ma queste sono cose che accadono regolarmente in tutte le squadre. Adesso non dobbiamo far altro che riprendere il cammino nella giusta direzione e sono sicuro che ci riusciremo”.

La fiducia dello spagnolo nelle capacità della squadra è comunque totale: “Sono certo che potremo giocarci le nostre carte fino in fondo. Le persone che stanno lavorando sulla macchina sono le stesse che lo hanno fatto fino ad ora e non c’è motivo che non sappiano fare bene anche adesso. Non dimentichiamoci che se sono ancora in testa al Mondiale è perché siamo stati capaci sia di migliorare la vettura in maniera importante rispetto all’inizio di campionato sia perché siamo stati in grado di sfruttare sempre al massimo quello che avevamo a disposizione. A noi non ci ha mai regalato niente nessuno, anzi Spa e Suzuka ci hanno privato di piazzamenti che erano ampiamente alla nostra portata. Il miracolo che ci ha fatto arrivare sin qui in questa posizione non ha origine divina ma è il frutto del lavoro di tutti noi, dal primo all’ultimo. La Formula 1 è uno sport di squadra: si vince e si perde tutti insieme”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori