FORMULA 1/ Montezemolo: la Ferrari non molla, restiamo i più costanti. Domani l’incontro con Massa per il rinnovo

- La Redazione

Il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo commenta il Gran Premio di Corea e continua ad essere ottimista per il titolo di Fernando Alonso. Domani incontro con Massa per la conferma

alonso_massa_hockenheim
Foto Infophoto

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto per la Ferrari dopo il Gran Premio di Corea a Yeongam? La prestazione è stata migliore delle precedenti, Felipe Massa conferma di vivere un ottimo momento di forma, Fernando Alonso è salito sul podio e la scuderia di Maranello ha scavalcato la McLaren al secondo posto della classifica Costruttori. D’altra parte, però, la straordinaria Red Bull di questo periodo ha piazzato una doppietta e grazie a ciò Sebastian Vettel ha effettuato il sorpasso più importante, quello ad Alonso in vetta alla classifica Piloti. La Ferrari vuole comunque guardare a quanto di positivo è emerso, e c’è voglia di riscatto e di combattere fino alla fine della stagione per conquistare il titolo iridato. A caricare la squadra ha provveduto personalmente il presidente Luca Cordero di Montezemolo, che ha parlato così ai microfoni di ‘Radioanch’io Sport’, trasmissione radiofonica Rai: “La Ferrari non molla e ce la giochiamo fino in fondo. Abbiamo la squadra migliore: anche ieri il lavoro in pista è stato perfetto. Abbiamo anche il pilota migliore, Fernando Alonso, e sono contento di rivedere un Felipe Massa ad alti livelli: domani lo incontrerò a Maranello, avremo modo di parlare del suo futuro e poi prenderò una decisione”. Domani lavoro intenso per il presidente, che prima di vedere il brasiliano parlerà con Stefano Domenicali e Pat Fry del programma di sviluppo della F2012 per le ultime quattro gare della stagione: “Ci mancano pochi decimi rispetto ai migliori, soprattutto in qualifica. Dobbiamo cercare di avere una macchina da prima fila perché altrimenti, partendo dietro, si fa molta più fatica e si rischia di più di essere coinvolti in incidenti. Per avere una vettura più veloce dovremo lavorare giorno e notte, con metodo e determinazione”. Montezemolo è comunque ottimista: “E’ un campionato apertissimo: pochi Gran Premi fa era la McLaren a sembrare imbattibile, oggi tocca alla Red Bull mentre noi siamo sempre lì a lottare: attenzione che quest’anno la ruota gira in fretta. Certo, a noi resta il grande rammarico per quella trentina di punti persi con i due incidenti di Spa e Suzuka. Con quelli oggi avremmo ancora 24 lunghezze di margine e saremmo qui a fare tutt’altri discorsi però io in tanti anni di Ferrari ne ho viste di tutti i colori: mondiali persi all’ultimo come quello di Fernando nel 2010 o addirittura dopo il traguardo come quello di Felipe nel 2008 ma anche vinti quando nessuno lo avrebbe mai immaginato, come quello di Kimi nel 2007”.

Porte chiuse ai ventilati arrivi di Adrian Newey e Sebastian Vettel: “Oggi noi tutto abbiamo meno che il problema dei piloti. Il 2013 è di là da venire ma io non voglio avere due galli nel pollaio, bensì due piloti che corrano per la Ferrari e non per se stessi. Non voglio problemi e rivalità, cose che non abbiamo avuto fra Schumacher e Irvine, fra Schumacher e Barrichello, fra Alonso e Massa o Massa e Schumi o Massa e Raikkonen. Quanto a Newey posso dire che è bravissimo ma anche che noi abbiamo vinto otto titoli Costruttori negli ultimi tredici campionati senza di lui: ho grandissima fiducia nei nostri tecnici”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori