DIRETTA LIVE/ Formula 1 (F1), il Gran Premio d’India 2012 a Greater Noida: la gara in temporeale

- La Redazione

Segui e commenta in diretta il Gran Premio d’India 2012 di Formula 1 a Greater Noida: Sebastian Vettel parte in pole, mentre Fernando Alonso è chiamato a rimontare dalla terza fila.

alonso_india
Foto: InfoPhoto

Questa mattina, alle 10.30 ore italiane (in India saranno le 15.00) è in programma l’attesissimo appuntamento con il Gran Premio dell’India 2012 di Formula 1. Dopo due giorni di prove, è finalmente arrivato il momento della gara. La corsa asiatica si svolge sul tracciato del Buddh International Circuit di Greater Noida, località a forte vocazione industriale a circa 40 km dalla capitale Nuova Delhi, e sarà una nuova puntata dell’appassionante volata per il titolo Mondiale, che vede Fernando Alonso staccato di sei punti dal leader della classifica iridata – nonché campione del Mondo in carica – Sebastian Vettel, e poi Kimi Raikkonen, Lewis Hamilton e Mark Webber ancora matematicamente in corsa, e per lo meno in grado di essere l’ago della bilancia tra il tedesco della Red Bull e lo spagnolo della Ferrari, quando mancano quattro Gran Premi (compreso questo) al termine del Mondiale 2012. L’anno scorso si è corso in India per la prima volta, e l’edizione del 2011 vide la vittoria di Vettel davanti a Button e ad Alonso. Dal punto di vista tecnico, il tracciato è tra i più veloci dell’intero calendario, soprattutto grazie ai lunghi rettilinei che costituiscono la prima parte del circuito. In questo modo, le occasioni per effettuare sorpassi non mancano, ed anzi nella fase di costruzione dell’autodromo sono stati contattati piloti e scuderie proprio per chiedere consigli in proposito: le curve 1 e 4, poste al termine dei due rettilinei maggiori, sono in questo senso i punti più indicati (e sono anche le due curve più impegnative per i freni). Di certo, l’anno scorso la pista ha incontrato il gradimento dei piloti. Inoltre, il meteo sta regalando giorni di cielo sereno o poco nuvoloso: questa non sarà una preoccupazione per piloti e scuderie.

Ieri le qualifiche ci hanno regalato una griglia di partenza nettamente favorevole alla Red Bull. In testa ci sono infatti le due monoposto del team anglo-austriaco, con Sebastian Vettel in pole position e Mark Webber che partirà al suo fianco. Condizioni ideali per provare ad andare in fuga e non essere più raggiunti per il resto della corsa. Inoltre, a Vettel non dispiacerà l’idea che in seconda fila ci sono le due McLaren di Lewis Hamilton e Jenson Button (clicca qui per la cronaca delle qualifiche e per la griglia di partenza del Gran Premio d’India), mentre per trovare le Ferrari di Fernando Alonso e di Felipe Massa bisogna scendere in terza fila. Lo spagnolo dovrà inventarsi qualcosa per cancellare il ritardo che lo separa da Vettel in partenza. Le parole di Fernando sono state chiarissime dopo le prove ufficiali: “È questa la nostra posizione: se vuoi vincere un Mondiale devi avere dei mezzi pari a quelli degli altri. Prima li avevamo ed eravamo in testa alla classifica, ora no e inseguiamo. Non lottiamo contro Vettel ed Webber, ora la lotta è con Newey e la sua macchina. In gara dobbiamo fare una bella partenza e superare subito le McLaren perché il nostro passo è buono e se riuscissimo a mettere le Red Bull sotto pressione, magari qualche pensiero o problema di affidabilità glielo potremmo creare…”. Aria molto diversa in casa delle ‘lattine’. Vettel ha commentato così la sua quinta pole stagionale: “È stata una sessione combattuta, ho fatto un errore all’inizio, poi per fortuna con il secondo tentativo ho fatto un bel giro, anche senza prendere troppi rischi e ce l’ho fatta a centrare la pole. È un risultato importante, è la posizione migliore per affrontare la gara, anche se sappiamo che in corsa è un’altra cosa e in tanti sul passo sembrano competitivi. Fantastico il lavoro della squadra, ci sta spingendo alla grande: abbiamo ottime possibilità di andare bene qui”. Ma ora la parola deve passare alla pista di Yeongam: la gara del Gran Premio di Corea 2012 di Formula 1 sta per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori