FORMULA 1/ Gp Brasile: Vettel ha superato con le bandiere gialle? Un “giallo” che vale il mondiale per Alonso

- La Redazione

Il Gran Premio del Brasile è finito da pochissimo e già scoppia un caso relativo a Sebastian Vettel, fresco campione del mondo per la terza volta consecutiva

Vettel_occhio_Alonso
Foto: InfoPhoto

Formula 1, Gp Brasile: Sebastian Vettel (campione del mondo) ha superato con le bandiere gialle? Il Gran Premio del Brasile è finito da pochissimo e già scoppia un caso relativo a Sebastian Vettel, fresco campione del mondo per la terza volta consecutiva. C’è il dubbio, infatti, che il pilota tedesco della Red Bull abbia compiuto un sorpasso sotto regime di bandiere gialle, cosa non consentita dal regolamento. Non si sa molto di quanto accaduto realmente. I primi sospetti sono circolati durante la telecronaca del Gran Premio e sono stati riportati dai commentatori della Rai. Dalla direzione corsa non sono però arrivati avvisi di indagini al riguardo, perciò ufficialmente Sebastian Vettel non sembra rischiare nulla. A quanto pare l’episodio sarebbe avvenuto nel corso del sedicesimo giro, quando il pilota della Red Bull ha superato Kamui Kobayashi durante sua rimonta seguita al testacoda avvenuto nei primissimi attimi della gara. Ricordiamo che la penalità per un sorpasso sotto regime di bandiere gialle consiste in un drive through: il pilota deve quindi rientrare ai box e percorrere tutta la pitlane rispettando il limite di velocità fissato a seconda del circuito. Una manovra che costa parecchi secondi al pilota.

Teoricamente la penalità si può applicare anche a gara conclusa, con una penalizzazione di 20 secondi. Era già successo proprio a Vettel di essere penalizzato dopo la corsa disputata in Germania a Hockenheim lo scorso luglio per un sorpasso negli ultimi giri ai danni di Jenson Button. Allora non c’erano bandiere gialle di mezzo, ma la manovra del tedesco venne giudicata irregolare perché la sua Red Bull aveva oltrepassato di parecchio la via di fuga laterale: insomma, Vettel era andato bene oltre la pista per superare Button e arrivare così secondo alle spalle di Fernando Alonso.  Come detto la direzione corsa non ha comunicato di aver messo Vettel sotto inchiesta, ma se l’episodio fosse avvenuto davvero e se fosse dimostrabile con qualche immagine, c’è da scommettere che qualcuno (nello specifico la Ferrari) non esiterebbe a presentare un reclamo.

Infatti, se Vettel venisse penalizzato di 20 secondi, finirebbe all’ottavo posto: a questo punto la sua gara si chiudere con 4 punti, contro i 18 di Alonso. Lo spagnolo quindi risulterebbe primo in classifica mondiale per un solo punto.

Ripetiamo che al momento non ci sono inchieste in corso su Vettel e che non si sa se realmente il pilota tedesco abbia superato con bandiere gialle esposte. Per ora può godersi il suo terzo mondiale piloti consecutivo in tutta tranquillità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori