FORMULA 1/ Gp Abu Dhabi 2012, Giancarlo Minardi: Alonso e la Ferrari devono sfruttare la penalizzazione di Vettel (esclusiva)

- int. Giancarlo Minardi

Questa penalità non ci voleva per la Red Bull, ma decisamente per Fernando Alonso e la Ferrari è la manna. Oggi si corre il Gran Premio di Abu Dhabi, ne parliamo con GIANCARLO MINARDI

vettel_cascoR439
Sebastian Vettel (Infophoto)

Questa non ci voleva per la Red Bull, ma decisamente per Fernando Alonso e la Ferrari è la manna. Qui al Gran Premio degli Emirati Arabi Uniti, Vettel infatti è stato penalizzato, come era successo per Lewis Hamilton al Gran Premio di Spagna, per un carico irregolare di benzina (troppo basso). Vettel partirà così ultimo nella griglia di partenza. In pole position proprio Lewis Hamilton e la sua McLaren, accanto a Mark Webber l’altro pilota della Red Bull. Aprendo il capitolo Ferrari, per Alonso, terminato settimo, e Massa, che ha chiuso nono, con la retrocessione di Vettel all’ultimo posto della griglia di partenza la possibilità di scalare una posizione. Soprattutto per il pilota spagnolo si materializza la possibilità di guadagnare punti preziosi nella lotta per il titolo mondiale proprio ai danni di Vettel. 240 quelli del pilota tedesco attualmente, 227 quelli di Alonso. Un’occasione d’oro per una Ferrari che anche in queste prove ufficiali qui ad Abu Dhabi non è andata certo fortissima. Dopo Abu Dhabi ci saranno solo il Gran Premio degli Stati Uniti e quello del Brasile e trovarsi in vantaggio a questo punto del Campionato del Mondo sarebbe veramente fondamentale. Per commentare tutto questo abbiamo sentito Giancarlo Minardi. Eccolo in questa intervista a ilsussidiario.net.

Vettel ultimo nella griglia di partenza cosa cambia per il Mondiale? Alonso dovrà prendere più punti possibile in questa gara per tentare di vincere questo titolo mondiale a spese del pilota tedesco

Hamilton in pole position risultato a sorpresa? No perchè è solo una questione di gomme, quando la Mc Laren ha utilizzato quelle giuste ha vinto 3 gare di fila e così in questo Gran Premio è tornata competitiva ai massimi livelli.

Nel caso il pilota inglese vincesse come modificherebbe la lotta Vettel–Alonso? Dipenderà sempre da quanti punti prenderà Alonso in questo Gran Premio.

Alonso però ha deluso molto col settimo tempo, con un circuito dove superare le altre macchine è complicato? E’ vero la Ferrari non è andata bene nelle prove, infatti anche Massa è arrivato nono. Credo però che la possibilità di scalare le posizioni e superare i piloti davanti ci siano tutti. C’è un rettilineo molto lungo che concede questa possibilità in gara.

E come è possibile riuscire in questa impresa? Tutto dipenderà proprio anche dagli altri piloti. Ad esempio Webber che corre per la Red Bull farà di tutto per evitare di farsi superare dalla Ferrari, anche per aiutare Vettel nella corsa al Mondiale.

Problemi di affidabilità in ogni caso per la Red Bull oggi. Questi ci sono da tempo, da alcune gare la Red Bull ha questi problemi.

Ma poi è mai possibile che un team di Formula Uno così importante faccia errori di questo tipo?

Può succedere, sta nella regola del gioco, avranno fatto calcoli sbagliati e ora Vettel partirà ultimo in griglia di partenza 

Cosa non va nella Ferrari invece, perchè questa differenza fra prove e gara? E’ un problema di gomme, probabilmente nel giro più veloce la Ferrari non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale. 

Chi è favorito a questo punto nella corsa al titolo? E’ tutto ancora da decidere, dipenderà appunto dai punti che farà Alonso in questa gara. Ma credo che il Mondiale si deciderà all’ultimo Gran Premio. 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori