FORMULA 1/ Grosjean confermato dalla Lotus per il 2013

- La Redazione

La Lotus-Renault ha confermato per il Mondiale di Formula 1 2013 il pilota francese Romain Grosjean, protagonista nel 2012 di buone gare ma anche di troppi incidenti

grosjean
Romain Grosjean (Infophoto)
Pubblicità

Non cambieranno i piloti in organico per la Lotus-Renault in vista del Campionato del Mondo 2013 di Formula 1. Dopo aver confermato (come era inevitabile) il finlandese Kimi Raikkonen come prima guida, autore di un 2012 davvero di grande livello e culminato con il successo di Abu Dhabi e soprattutto con un terzo posto nella classifica mondiale Piloti davvero imprevisto ad inizio stagione, è stato rinnovato ieri il contratto del pilota francese Romain Grosjean, fino a tutto il 2013.

Lo ha annunciato la scuderia anglo-lussemburghese con un comunicato ufficiale. Grosjean, 26 anni, nativo di Ginevra (Svizzera), ma con licenza francese, nel 2012 era alla prima esperienza in Formula 1 dopo aver vinto la classe nel 2011, e si è reso protagonista sia nel bene sia nel male. Il franco-svizzero ha chiuso all’ottavo posto nella classifica piloti del Mondiale con 96 punti. Per tre volte è salito sul podio (con un secondo posto in Canada e due terzi posti in Bahrain e in Ungheria), e in dieci occasioni si è piazzato in zona punti. Grosjean ha impressionato soprattutto nella prima parte della stagione, mentre dopo la pausa di agosto non è riuscito ad essere altrettanto brillante. Non è stato questo però il problema principale della sua stagione: Grosjean si è distinto anche per avere causato una lunga serie di incidenti, spesso provocati da una condotta di gara troppo aggressiva, che ha provocato anche la sospensione del pilota per un Gran Premio. Il pilota è finito nel mirino dei suoi colleghi soprattutto per tanti episodi avvenuti al via delle corse: il più tristemente celebre è il maxi-incidente innescato da Grosjean a Spa, alla partenza del Gran Premio del Belgio, coinvolgendo pure Lewis Hamilton e Fernando Alonso, e che gli costò appunto la squalifica per la successiva gara di Monza. Però anche molte altre gare lo hanno visto protagonista nel modo sbagliato, e tra queste possiamo ricordare Montecarlo (quando finì addosso a Michael Schumacher) e Suzuka, quando mise fine al GP di Mark Webber. Anche la sua squadra lo aveva messo sotto accusa, perché naturalmente così tanti incidenti non fanno bene alla scuderia, ma alla fine Grosjean si è conquistato la riconferma.

Il rinnovo di Romain Grosjean con la Lotus non è l’unica notizia per quanto riguarda l’organico dei piloti per il Mondiale di Formula 1 2013.

Pubblicità

Un nuovo tassello si è messo a posto per quanto riguarda le scuderie minori: il patron della Marussia, il russo Nikolai Fomenko, ha infatti annunciato l’ingaggio del 21enne pilota inglese Max Chilton per sostituire il francese Charles Pic, a sua volta passato a guidare una Caterham. Chilton era già il pilota di riserva della Marussia nella stagione che si è appena conclusa, e si conquista un posto da titolare soprattutto per ‘meriti’ fuori dalla pista. Il padre è infatti il vice-presidente del gigante delle assicurazioni Aon, uno sponsor fondamentale per una piccola scuderia in questi anni di crisi economica. Così gira il mondo, e resta ancora senza un posto il campione della classe GP2, il nostro Davide Valsecchi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori