FERRARI/ Alonso in difesa, Massa in bilico: il difficile avvicinamento al Gran Premio di Sepang

- La Redazione

La Ferrari non si avvicina molto bene al Gran Premio della Malesia di domenica a Sepang: Alonso sottolinea le difficoltà che dovrà affrontare, e per Massa la situazione è ancora peggiore…

f12R400
La Ferrari F2012 (Infophoto)

L’inizio del Mondiale 2012 non è stato certamente facile per i piloti Ferrari. Fernando Alonso ha parzialmente raddrizzato la situazione arrivando quinto in gara, ma non era certo questo il risultato sperato. Per Felipe Massa la situazione è ancora più critica. Intanto si avvicina il Gran Premio della Malesia a Sepang, e Alonso avvisa già tutti che non potranno succedere miracoli: “Correremo in difesa anche in Malesia. Non potrebbe essere altrimenti, visto che la F2012 è praticamente identica a quella che abbiamo utilizzato in Australia. Dovremo cercare di adattarla al meglio, sapendo che ci sarà da soffrire”. La sofferenza sarà anche fisica, visto il tremendo caldo-umido che caratterizza questa regione del mondo, anche se almeno da questo punto di vista le condizioni sono uguali per tutti: “Sono arrivato a Kuala Lumpur già lunedì scorso, è importante acclimatarsi velocemente alle condizioni estreme, che ci sono in quest’angolo del mondo. È la gara più faticosa dal punto di vista fisico: affrontarla preparati nella maniera migliore è fondamentale e, verso la fine, può anche fare la differenza in pista – spiega il pilota spagnolo sul suo diario sul sito Ferrari -. Ce la sto mettendo tutta per essere pronto per questo weekend così come so che sta facendo anche la squadra, sia tutti i ragazzi che sono al lavoro nei box a Sepang, anche per loro è molto faticoso stare in queste condizioni, che tutta la nostra gente a casa a Maranello”. Dal punto di vista tecnico, ecco l’analisi degli scenari malesi: “Sono due i punti su cui dovremo lavorare con grande attenzione: trovare il giusto compromesso sul carico aerodinamico e il degrado degli pneumatici. A Sepang ci sono due veri rettilinei, molto lunghi e un deficit di velocità di punta si paga più a caro prezzo rispetto a Melbourne. Vedremo poi come si comporteranno gli pneumatici Pirelli con temperature elevate come quelle malesi. L’anno scorso arrivammo a fare quattro soste: vedremo se la situazione si ripeterà anche stavolta”. Anche il meteo è una variabile fondamentale a Sepang: “Non c’è altro posto al mondo, quello della Formula 1, ovvio, dove si passi dal sole accecante alla pioggia torrenziale nello spazio di pochi minuti: nemmeno a Spa c’è una variabilità così accentuata”. Ma almeno i problemi di Fernando sono “solo” tattici: su Felipe Massa si addensano nubi anche per quanto riguarda il futuro immediato in Ferrari.

Già si sa che in questa stagione il brasiliano si gioca il futuro, ma c’è chi ipotizza che possa non arrivare a fine stagione. Non vince dal Brasile 2008, l’anno scorso non è mai salito sul podio e questa stagione non è iniziata per niente bene. La squadra gli è vicina anche dal punto di vista psicologico (a partire da Domenicali) e in Malesia gli fornirà un telaio nuovo, ma sui social network i tifosi hanno già cominciato a chiederne l’addio. Scenario futuribile e al momento non nei progetti di Maranello, così come il nome del successore (da Trulli a Sutil, da Perez a Bianchi), ma certamente se le cose non miglioreranno sarà un anno durissimo per Felipe.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori