FORMULA 1/ Gran Premio di Cina 2012 (Shanghai): la cronaca e la classifica della gara

- La Redazione

Nico Rosberg vince questo Gp di Cina , che riporta la Mercedes sul gradino più alto del podio dopo 57 anni di assenza. Il Gran premio di Shanghai è dominato dal primo all’ultimo giro

Mercedes_R400
Michael Schumacher e Nico Rosberg (Infophoto)

Vittoria storica per Nico Rosberg in questo Gp di Cina , che riporta la Mercedes sul gradino più alto del podio dopo 57 anni di assenza. Il Gran premio di Shanghai è dominato dal primo all’ultimo giro dal tedesco, che parte bene e si piazza subito al comando, seguito inizialmente da Schumacher, Button, Raikkonen e Hamilton.La Ferrari di Fernando Alonso è invece fin da subito in nona posizione. Durante il secondo giro, Alonso passa momentaneamente Webber, portandosi in ottava posizione, mentre Vettel risulta addirittura quindicesimo. Alla conclusione del terzo giro, Rosberg è sempre in testa, con un vantaggio di 1”1 su Michael Schumacher e di 3”3 su Jenson Button. La classifica provvisoria dopo il sesto giro vede Rosberg come sempre al comando, seguito da Schumacher, Button, Raikkonen, Hamilton, Perez, Kobayashi, Alonso, Webber e Massa, con Vettel in quattordicesima posizione. Dopo un paio giri il vantaggio di Rosberg su Schumacher aumenta a 4”2, mentre Alonso è a ben 10” dalla vetta. Hamilton comincia a guadagnare posizioni, e ne approfitta all’undicesimo giro, dopo la sosta ai box in contemporanea con Raikkonen, che deve lasciare il posto anche a Webber che sopraggiunge in uscita.

Michael Schumacher deve invece ritirarsi al giro numero tredici, dopo aver avuto dei problemi al cambio gomme per il fissaggio di una ruota, mentre Rosberg nello stesso momento fa sosta ai box. Al quattordicesimo giro vediamo in testa Perez, seguito da massa, ma i due ancora non si sono fermati ai box. Dopo un giro la classifica vede sempre i due piloti in prima e seconda posizione, seguiti da Rosberg, Button, Hamilton, Webber, Raikkonen e Alonso. Nel corso del giro successivo Perez si ferma ai box, così a passare in testa è Massa, ma appena un giro dopo il ferrarista viene superato proprio da Rosberg. Massa si fermerà ai box durante il diciannovesimo giro. Poco dopo il vantaggio di Rosberg aumenta, 4″6 su Button e 7″3 su Hamilton, con quest’ultimo che al giro 23 fa sosta ai box, mentre Alonso è quasi in scia a Raikkonen. L’inglese però supera Massa al giro 26, e adesso il ferrarista deve vedersela anche con Webber, che spinge forte. E’ il momento dei secondi pit stop, e al giro 26, prima di fermarsi ai box, Rosberg è al comando con 11″3 su Raikkonen e 12″ su Alonso, ma i tre devono ancora fermarsi. Al giro successivo Massa deve arrendersi a Webber, che lo supera, mentre poco dopo Alonso compie il secondo pit stop rientrando in 13 esima posizione proprio alle spalle del compagno di squadra. Al giro numero 30 Button passa Vettel e Alonso supera Massa, mentre al giro 34 Button è a soli 11″7 da Rosberg che avendo fatto una sosta in meno, forse sta pensando di cambiare strategia e fare due soste invece che tre. Rosberg rientra però ai box nel giro successivo, rientrando alle spalle di Button e davanti a Perez e Hamilton che intanto si stanno affrontando a viso aperto. Alonso li segue non lontano, con Webber che intanto ha fatto il terzo pit stop. Al trentanovesimo giro la classifica è la seguente: in testa c’è Button, poi Rosberg a 7″7, Hamilton a 13″, 4 e Alonso a 13″8. Button rovina la gara dopo la lentissima sosta ai box, così al 40esimo giro la classifica cambia nuovamente: Rosberg, Massa, Raikkonen, Vettel, Button, Grosjean, Senna, Webber, Maldonado, Hamilton e Alonso. Hamilton passa Maldonado e poco dopo anche Senna, mentre Alonso, nel tentativo di attaccare Maldonado, va largo sull’erba e perde anche la posizione a vantaggio di Perez. Dal giro 48 in poi è un susseguirsi di duelli: Vettel passa Raikkonen, mentre Hamilton passa Webber e il finlandese. Button passa invece Vettel, portandosi in seconda posizione, e a 4 giri dalla fine Rosberg ha 25″ di margine su Button. Hamilton passa poi anche Vettel dopo un bel duello, portandosi in terza posizione, e infine anche Webber passa Vettel, ed è quarto. 

 

Pos. No. Driver Constructor Laps Time/Retired Grid Points
1 8 Nico Rosberg Mercedes 56 1:36.26.929 1 25
2 3 Jenson Button McLaren-Mercedes 56 +20.626 5 18
3 4 Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 56 +26.012 7 15
4 2 Mark Webber Red Bull-Renault 56 +27.924 6 12
5 1 Sebastian Vettel Red Bull-Renault 56 +30.483 11 10
6 10 Romain Grosjean Lotus-Renault 56 +31.491 10 8
7 19 Bruno Senna Williams-Renault 56 +34.597 14 6
8 18 Pastor Maldonado Williams-Renault 56 +35.643 13 4
9 5 Fernando Alonso Ferrari 56 +37.256 9 2
10 14 Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 56 +38.720 3 1
11 15 Sergio Pérez Sauber-Ferrari 56 +41.066 8  
12 11 Paul di Resta Force India-Mercedes 56 +42.273 15  
13 6 Felipe Massa Ferrari 56 +42.779 12  
14 9 Kimi Räikkönen Lotus-Renault 56 +50.573 4  
15 12 Nico Hülkenberg Force India-Mercedes 56 +51.213 16  
16 17 Jean-Éric Vergne Toro Rosso-Ferrari 56 +51.756 24  
17 16 Daniel Ricciardo Toro Rosso-Ferrari 56 +1:03.156 17  
18 21 Vitaly Petrov Caterham-Renault 55 +1 Lap 19  
19 24 Timo Glock Marussia-Cosworth 55 +1 Lap 20  
20 25 Charles Pic Marussia-Cosworth 55 +1 Lap 21  
21 22 Pedro de la Rosa HRT-Cosworth 55 +1 Lap 22  
22 23 Narain Karthikeyan HRT-Cosworth 54 +2 Laps 23  
23 20 Heikki Kovalainen Caterham-Renault 53 +3 Laps 18  
Ret 7 Michael Schumacher Mercedes 12 Wheel 2


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori