PAGELLE/ Formula 1, qualifiche Gran Premio del Bahrain: il ritorno di Vettel e Red Bull. Ferrari? Bene il motore…

- La Redazione

Vettel e la Red Bull tornano in pole, nelle prime file anche la McLaren, Mercedes in calo, Ferrari sempre lontane… Ecco le pagelle delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain di Formula 1

schumacher_vettel_r400
Vettel e Schumacher: il campione in carica e il pluri-iridato (Infophoto)

Nelle qualifiche del Gran Premio del Bahrain che si sono da poco concluse sul circuito di Sakhir, Sebastian Vettel e la Red Bull sono tornati davanti a tutti centrando la pole position. In seconda posizione Lewis Hamilton, e in seconda fila ancora Red Bull e McLaren con i compagni di squadra Mark Webber e Jenson Button. In calo la Mercedes, con Rosberg quinto e Schumacher clamorosamente eliminato in Q1. Fernando Alonso, dopo essere riuscito a portare la Ferrari in Q3, si è ritrovato senza più set nuovi di gomme morbide. Ma vediamo ora come si sono comportati tutti i protagonisti: ecco le pagelle della sessione di prove ufficiali del Gran Premio del Bahrain.

Vettel, 9 Un po’ sornione nelle prove libere e per tutte le qualifiche, piazza la zampata vincente proprio dopo la bandiera a scacchi. Sembra di essere tornati all’anno scorso. La pole conquistata è una bella iniezione di fiducia per il campione del mondo in carica.

Webber, 8 Vorrebbe fare come il suo compagno di squadra, ma la sua prima posizione dura pochi secondi. Oltre a dover cederla al suo compagno-avversario Vettel si vede anche sfilare da Hamilton. Niente prima fila quindi.

Red Bull, 9,5 Un bel passo avanti. La scuderia austriaca sembra tornata volare come un anno fa e permette al suo campioncino Vettel di piazzare la pole position. All’appello manca ancora un pilota della Red Bull al successo in questa stagione: che sia la volta buona?

Hamilton, 9 Non gli riesce il colpaccio, ma è sempre lì incollato a chiunque si trovi in testa. Finora ha chiuso sempre al terzo posto. Chissà che qui in Bahrain non possa ottenere qualcosa di più. Intanto però si può gustare il suo primo posto in classifica mondiale.

Button, 8 Dopo aver vinto alla prima gara in Australia, il pilota inglese si è un po’ perso e, rispetto anche all’anno scorso, sembra aver perso smalto in qualifica. In ogni caso la seconda fila è sempre un buon posto da cui partire.

McLaren, 9 Non riesce ancora ad avere il dominio completo su questo campionato. E’ sempre veloce e costante, ma non è come la Red Bull dell’anno scorso. Meglio così, ne guadagna lo spettacolo. Ma meglio stare attenti ai progressi altrui.

Rosberg, 6,5 Dopo la vittoria in Cina, dopo il dominio nelle libere, il pilota tedesco non va oltre la quinta posizione sulla griglia. Forse è anche colpa della Mercedes, che non appare più un fulmine sul giro secco. Domani ne sapremo di più.(continua)

Schumacher, 5 Gli capitava l’anno scorso di rimanere fuori dalla Q3. Quest’anno era invece partito bene, perseguitato dalla sfortuna solamente in gara. Ora, invece, pare soffrirne anche in qualifica. Resta fuori dalla Q2 per soli 13 millesimi: bastava una sbavatura in meno…

Mercedes, 6 Irriconoscibili rispetto a una settimana fa. Forse le cose andranno meglio in gara. Forse.

Raikkonen, 5 Di botto arrugginito resta fuori dalla Q3 e deve cedere il posto alla Force India di Paul Di Resta. Il suo compagno di squadra, il giovane Grosjean (voto 6,5), chiude col settimo tempo. Forse un calo generale delle Lotus (voto 5,5), fatto sta che domani dovrà cercare la rimonta.

Alonso, 6 Non può che cercare subito la strategia aggressiva: gomme morbide fin dal primo giro della Q3. Così si “brucia” subito i tre set di pneumatici soft, ma almeno riesce a piazzarsi nei primi 10. Per fortuna che anche Paul Di Resta rinuncia a girare nell’ultima manche e che quindi si ritrova in nona posizione.

Massa, 5 Cerca di risparmiare le gomme e anche questa volta rimedia l’eliminazione dalla Q3. Sembra che il brasiliano stia dando ragione a chi lo vede privo di grinta. Se dopo tre gare a secco di punti il pensiero è al risparmio delle gomme…

Ferrari scuderia, 5 Difficile sperare in un cambiamento repentino nell’arco di una sola settimana. Alla fine in Bahrain va tutto come in Cina. Certo è che ancora una volta emergono tutti i limiti del lavoro di Maranello.

Ferrari motore, 7 Infatti la Toro Rosso di Ricciardo (voto 7,5) motorizzata Ferrari chiude con il sesto tempo alle spalle di Rosberg, mentre la Sauber (anch’essa motorizzata Ferrari) di Perez (voto 6,5) partirà domani davanti ad Alonso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori