FORMULA 1/ Gli orari del weekend del Gran Premio di Germania a Hockenheim

Domani prende il via il weekend che conduce al Gran Premio di Hockenheim di Formula 1. Fernando Alonso ci arriva da leader del mondiale, ma intanto brutte notizie per il Nurburgring.

19.07.2012 - La Redazione
alonso_commossoR400
Alonso Infophoto

La Formula 1 riapre i battenti dopo il Gran Premio di Silverstone, in Gran Bretagna. Due settimane fa a vincere è stato Mark Webber, che ha così ridotto il gap che lo separa in classifica da Fernando Alonso, superato sulla pista britannica a quattro giri dal traguardo, un’operazione che gli è valsa 7 punti mangiati allo spagnolo. Che resta davanti, con 129 punti contro i 116 dell’australiano. I due, peraltro, sono gli unici ad essersi assicurati almeno due vittorie stagionali, poi ci sono cinque piloti fermi a una (Vettel – terzo in classifica con 100 punti – Hamilton, Rosbger, Button e Maldonado). Lo scorso anno non si è corso qui: da qualche anno c’è un’alternanza tra Hockenheim e il Nurburgring, dovuta a problemi economici che impediscono di ospitare la gara ogni anno (da parte di entrambi i circuiti). Ora, però, questo fatto rischia di cancellare il Gran Premio di Germania, almeno quello del 2013. La notizia, infatti, è quella del fallimento della società pubblica che gestiva il circuito del Nurburgring. E’ già stato aperto un processo di insolvenza, e sono stati chiesti aiuti all’Unione Europea, ma da Bruxelles hanno fatto sapere che prima di agosto non potranno prendere in esame il caso. Dunque, il prossimo anno potrebbe davvero non esserci una corsa in Germania, visto che sarebbe la volta del Nurburgring. Si vedrà. Intanto, Fernando Alonso parla da leader del mondiale: “Dal punto di vista fisico, questa per me è la miglior stagione. Negli ultimi anni avevo sempre avvertito dolori lieve alle braccia e alle gambe; stavolta, invece, sono sempre arrivato al 100% della forma a tutte le gare. Spero davvero che sia così fino alla fine”. La Ferrari confida in lui: la Rossa non vince un mondiale piloti dal 2007 (fu Kimi Raikkonen a trionfare) e con Felipe Massa che sembra essere rinato, a Maranello possono essere ottimisti. La Red Bull però, che ha portato a casa gli ultimi due titoli con Sebastian Vettel, non sta a guardare: “Hanno centrato quattro delle ultime pole position”, ha detto Alonso al proposito, “in termini di prestazioni sono avanti e noi dobbiamo ricucire lo strappo”. A proposito di Vettel, ieri il pilota tedesco è tornato sulle voci che lo vorrebbero in Ferrari nel 2013: “Non ho firmato nulla”, ha detto, “ma sono lusingato di venire accostato a una scuderia così storica”. Poi c’è la McLaren, che si presenta qui con modifiche importanti che possono portare a uno stop nella crisi delle Frecce d’Argento; in più, Lewis Hamilton festeggia i 100 GP in Formula 1 e avrà motivazioni extra. Nel 2010, ultima volta che si corse a Hockenheim, fu doppietta Ferrari con polemica: vinse Alonso davanti a Massa, ma il sorpasso avvenne dietro ordini di scuderia. Ci fu una multa di centomila sterline per la Rossa, e a seguito di quell’episodio gli ordini di scuderia impartiti ai piloti furono riammessi. Per quanto riguarda il circuito, non si tratta più di quello che fino al 2002 prevedeva rettilinei infiniti dove si toccavano anche i 340 Km/h; oggi la pista è più breve e più funzionale al pubblico, televisamente e dal vivo. Recentemente, poi, si è deciso di modificare la via di fuga della curva 1, oltrepassando la quale si potevano guadagnare posizioni; adesso la striscia di erba sintetica oltre il cordolo è decisamente più lunga, quindi chi dovesse compiere escursioni fuori pista in quel punto perderà molto più tempo rispetto a prima.

 

PROVE LIBERE 1 – 10:00-11:30

PROVE LIBERE 2 – 14:00-15:30

 

PROVE LIBERE 3 – 11:00 – 12:00

QUALIFICHE: 14:00-15:00

 

GARA – 14:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori