PAGELLE/ Formula 1, la gara del Gran Premio di Ungheria (Budapest): i voti, i promossi e i bocciati

Hamilton e la McLaren tornano al successo al Hungaroring, dove si è corsa l’undicesima gara del mondiale di Formula 1. Sul podio anche le Lotus di Raikkonen e Grosjean

29.07.2012 - La Redazione
Hamilton_McLaren_CascoR439
Lewis Hamilton ha dominato le libere di oggi (Infophoto)

Lewis Hamilton e la McLaren tornano al successo al Hungaroring, dove si è corsa l’undicesima gara del mondiale di Formula 1. Sul podio anche le Lotus di Kimi Raikkonen e Romain Grosjean. Fernando Alonso chiude con il quinto posto, dietro a Sebastian Vettel, ma mantiene il primato in classifica, grazie anche all’ottavo posto finale di Mark Webber, che resta il suo primo inseguitore nel mondiale. Felipe Massa chiude nono, mentre Michael Schumacher è costretto all’ennesimo ritiro. Vediamo ora le pagelle con i voti ai protagonisti della gara.

Hamilton, 10 e lode Un weekend perfetto per il pilota inglese, che torna alla vittoria dopo Montreal. In un circuito dove conta partire davanti a tutti non sbaglia le qualifiche (dopo aver dominato le prove libere) e resta sempre (tranne qualche giro dopo la sosta ai box) davanti. Ora dovrà trovare continuità per rimettersi definitivamente in corsa per il titolo mondiale.

Raikkonen, 9,5 Partito quinto fa una gara in rimonta, battagliando anche con il suo compagno di squadra. Dopo aver rischiato il patatrac con Grosjean si lancia all’inseguimento di Hamilton, gli si fa sotto, ma non prova nemmeno ad attaccarlo. Un vero peccato, perché avrebbe potuto almeno provarci.

Grosjean, 8,5 Nella prima parte della gara prova a restare incollato ad Hamilton, ma deve poi cedere il passo. Si fa prendere “a sportellate” dal compagno di squadra e decide di accontentarsi del podio. Poteva forse metterci più grinta.

Vettel, 8,5 Quando non parte davanti, il campione del mondo sembra soffrire troppo. Verso fine gara decide di cambiare gomme per provare ad avvicinarsi a Grosjean, ma alla fine non arriva sul podio. Alla fine strappa due punti ad Alonso in ottica mondiale. Un po’ pochino.

Webber, 8 Da 10 la prima parte della gara, dato che partito undicesimo si ritrova persino davanti ad Alonso. Poi, dopo l’ultima sosta ai box, rimane incastrato dietro a Senna. Alla fine perde quattro punti in classifica rispetto allo spagnolo. Ma resta il primo degli “inseguitori”.

Button, 6,5 Dopo il podio di Hockeinheim sembrava essersi ritrovato. Anche nelle qualifiche si era comportato bene. In gara però non è mai apparso agguerrito. E ora nel mondiale è stato raggiunto dal debuttante Grosjean.

Senna, 7,5 Ottima gara del brasiliano della Williams. Partito dietro il suo compagno di squadra, chiude la gara tenendosi alle spalle Webber e Massa, mentre Maldonado non centra nemmeno un punticino mondiale. Una piccola soddisfazione.

Rosberg, 7 Un piccolo recupero per il pilota tedesco, che chiude la gara con un punticino che rende meno amaro un weekend disastroso per la Mercedes, complice anche la prestazione da dimenticare di Schumacher.

Schumacher, 5 Sembra essere tornato quello di inizio stagione, travagliato da problemi. Ma è difficile capire quanto oggi sia stata solo sfortuna o ci abbia messo del suo: la sua Mercedes si ferma sulla griglia di partenza e costringe tutti a ripartire; poi supera i limiti di velocità in pit lane e viene penalizzato; infine è costretto al ritiro.

McLaren, 10 Tornano a dominare in un momento in cui le ambizioni mondiali sembravano del tutto spente. Ora c’è una lucina accesa. Bisognerà lavorare duro in agosto per alimentarla.

Lotus, 9 Porta due piloti sul podio e passa la Ferrari nel mondiale costruttori. Purtroppo manca ancora la soddisfazione di una vittoria in questa stagione. E se ci sono riuscite Mercedes e Williams bisognerà provarci.

Red Bull, 8 Non proprio la gara che probabilmente ci si aspettava: fuori dal podio e con punti persi in ottica mondiale. Forse stavolta la tattica dei box non è stata perfetta come in altre occasioni. Ma c’è un mese per cercare di rimettersi in forma.

Alonso, 8,5 Fa vedere uno dei pochi sorpassi di tutta la gara (almeno per quel che riguarda la top ten) quando dopo la prima sosta ai box si trova dietro a Perez. Non era una gara semplice quella di oggi e lui è riuscito a limitare bene i danni, complici anche le prestazioni di Vettel e Webber. Certo avrebbe forse preferito festeggiare diversamente il suo trentunesimo compleanno.

Massa, 6,5 Ancora una volta si nota la differenza con il compagno di squadra. In ogni caso, perse le due posizioni al via, è riuscito poi a difendere i suoi punticini mondiali. Cosa non semplice se si pensa a quanto ha fatto nel resto della stagione.

Ferrari, 8 Un duro colpo vedersi ripassare nel mondiale costruttori da McLaren e Lotus. Per fortuna Alonso contiene i danni, anche grazie alle scelte del muretto. Certo è che in una settimana sembra essere tornata la brutta macchina di inizio stagione. Sarà un agosto di duro lavoro a Maranello… 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori