FORMULA 1/ Test Barcellona: Grosjean (Lotus) il più veloce del pomeriggio, Alonso non pensa ai tempi

- La Redazione

I tempi del secondo pomeriggio della terza sessione dei test Formula 1 a Barcellona: Fernando Alonso ha provato una simulazione gran premio cercando il passo migliore della sua Ferrari

meccanici_test_ferrari
(INFOPHOTO)

E’ tornato in pista Fernando Alonso, nella terza sessione dei test di Barcellona, giunta al suo secondo giorno. Il pilota spagnolo non ha puntato al raggiungimento di tempi notevoli, ma più che altro ha badato al feeling con la macchina, che appare ancora un pò indietro rispetto alle occorrenti principali. Alonso ha provato una simulazione Gran Premio, interrotta solo nella sua parte finale a causa della bandiera rossa, sventolata per il guasto occorso all’olandese Van Der Garde della Caterham. Dopo l’ultimo pit stop la Ferrari si è fermata per un problema alla gomma anteriore sinistra: le indicazioni dalla monoposto di Maranello restano di difficile interpretazione. Lo stesso Alonso ha dichiarato che i nuovi innesti tecnici saranno probabilmente sperimentati solo a Melbourne, in occasione del primo gran premio in programma il 17 marzo p.v. Comunque più indicativi potranno essere i test nelle giornate di sabato e domenica, in cui sono previste condizioni meteorologiche migliori. Dopo una mattina condizionata dalla pioggia, il pomeriggio ha registrato un clima nuvoloso ma stabile, caratterizzato da vento a tratti. La pista di Montmelò è rimasta umida e quasi tutti i piloti hanno mantenuto gomme intermedie (anche Alonso). Il tempo migliore è stato ottenuto da Roman Grosjean sulla Lotus, che ha girato in 1.22.176. 

1. R. Grosjean Lotus 1:22.716

2. J. Button McLaren 1:23.181

3. P. Maldonado Williams 1:23.628

4. S. Vettel Red Bull 1:23.743

5. N. Hulkenberg Sauber 1:23.744

6. A. Sutil Force India 1:24.215

7. D. Ricciardo Toro Rosso 1:25.483

8. M. Chilton Marussia 1:25.598

9. G. Van der Garde Caterham 1:26.316

10. N. Rosberg Mercedes 1:26.655

11. F.Alonso Ferrari 1.27.878

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori