FORMULA 1/ Griglia di partenza e Pole Position del Gran Premio della Cina 2013 (cronaca e tempi)

- La Redazione

La griglia di partenza del Gran Premio della Cina di Formula 1 che si correrà domani a Shanghai: Lewis Hamilton in pole position davanti a Raikkonen e Alonso. La cronaca e i tempi

hamilton_mercedes
Lewis Hamilton (Infophoto)

Dominio totale della Mercedes e di Lewis Hamilton nelle qualifiche del Gran Premio della Cina a Shanghai: il pilota britannico conquista la pole position dopo aver fatto segnare il miglior tempo in tutte e tre le fasi delle prove ufficiali. La pista cinese un anno fa vide la prima (e finora unica) vittoria della Mercedes da quando è rientrata in proprio nel Mondiale, e sembrano esserci tutte le condizioni per fare il bis. Anzi, senza un errore che ha relegato Nico Rosberg in quarta posizione, il dominio del team tedesco poteva essere ancora più netto. Bene la Ferrari, che piazza Fernando Alonso terzo e Felipe Massa quinto, dando la sensazione che sia inferiore solamente alla Mercedes e che abbia tutte le carte in regola per salire almeno sul podio. La sconfitta di giornata è invece la Red Bull: bocciata in affidabilità (Mark Webber lasciato a piedi nella Q2) ma anche come prestazioni, tanto che Sebastian Vettel ha deciso di non girare nella Q3 per preservare le gomme. Tattica che può anche essere valida, ma che di certo non avrebbe attuato se fosse stato in grado di lottare per la pole (che aveva ottenuto sia in Australia sia in Malesia). Sarà Mercedes contro tutti domani? L’incognita è Kimi Raikkonen, a lungo in ombra ma poi issatosi al secondo posto con un giro finale magistrale.
La prima parte delle qualifiche è stata anomala: nei primi 9 minuti non è sceso in pista nessuno, poi tutto dentro con le gomme morbide, anche i big che teoricamente non rischiano nulla nella Q1, che elimina gli ultimi sei classificati. Lewis Hamilton comincia subito il suo show stabilendo il miglior tempo in 1’35”793, infliggendo due decimi al compagno di squadra Rosberg. Subito bene anche le Ferrari, con Massa terzo e Alonso quinto, intervallati da Webber. Vittime di questi venti minuti sono stati soprattutto Bottas (Williams) e Gutierrez (Sauber), eliminati e condannati alla terzultima fila. Nelle ultime quattro posizioni come al solito Marussia e Caterham, con Bianchi davanti al compagno di squadra Chilton e in ultima fila le Caterham di Pic e Van Der Garde.
Il Q2 vede un’altra dimostrazione di forza della Mercedes: ad Hamilton e Rosberg basta un solo giro con le gomme morbide per mettersi al sicuro e guadagnare un posto nei primi 10. Tutti gli altri devono fare due tentativi, e nonostante questo l’inglese resta al primo posto con 1’35”078, davanti ad Alonso staccato di meno di un decimo. Terzo Vettel e quarto Massa, che riescono a precedere Rosberg. La notizia principale è stata però il problema di alimentazione sulla Red Bull di Mark Webber, che condanna il pilota australiano al quattordicesimo posto e quindi all’eliminazione. Gli altri esclusi sono stati Sergio Perez – dodicesimo, continua a fare fatica con una McLaren deludente –, le Force India di Di Resta (undicesimo) e Sutil (tredicesimo) da cui forse ci si aspettava di più, Maldonado quindicesimo con la Williams e Vergne sedicesimo con la Toro Rosso.
Gli ultimi dieci minuti si riducono di fatto a tre, visto che succede tutto nel finale: Hamilton coglie la sua sacrosanta pole position in 1’34”484, mentre il compagno di squadra Rosberg sbaglia nell’ultima curva, si deve accontentare del quarto posto e impedisce al dominio Mercedes di essere ancora più netto. Ne approfittano Raikkonen ed Alonso: il finlandese esce dall’anonimato delle prime due sessioni e trova il guizzo che lo proietta in prima fila, lo spagnolo dimostra che la Ferrari è la seconda forza a Shanghai, impressione che viene confermata pure dal quinto posto di Massa. A seguire troviamo Romain Grosjean, un ottimo Daniel Ricciardo settimo con la Toro Rosso e Jenson Button, ottavo e in difficoltà con la McLaren. Ci sono poi i due piloti che hanno deciso di non girare per usare le gomme medie nella prima parte di gara e quindi fermarsi più tardi ai box: decimo un buon Nico Hulkenberg con la Sauber, ma soprattutto appena davanti a lui l’iridato Vettel. La tattica pagherà? Lo sapremo domani mattina alle 9.00 ore italiane.

 

Pos No Driver Team Q1 Q2 Q3 Laps
1 10 Lewis Hamilton Mercedes 1:35.793 1:35.078 1:34.484 9
2 7 Kimi Räikkönen Lotus-Renault 1:37.046 1:35.659 1:34.761 11
3 3 Fernando Alonso Ferrari 1:36.253 1:35.148 1:34.788 12
4 9 Nico Rosberg Mercedes 1:35.959 1:35.537 1:34.861 9
5 4 Felipe Massa Ferrari 1:35.972 1:35.403 1:34.933 12
6 8 Romain Grosjean Lotus-Renault 1:36.929 1:36.065 1:35.364 9
7 19 Daniel Ricciardo STR-Ferrari 1:36.993 1:36.258 1:35.998 15
8 5 Jenson Button McLaren-Mercedes 1:36.667 1:35.784 2:05.673 12
9 1 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 1:36.537 1:35.343   13
10 11 Nico Hulkenberg Sauber-Ferrari 1:36.985 1:36.261   11
11 14 Paul di Resta Force India-Mercedes 1:37.478 1:36.287   9
12 6 Sergio Perez McLaren-Mercedes 1:36.952 1:36.314   10
13 15 Adrian Sutil Force India-Mercedes 1:37.349 1:36.405   11
14 2 Mark Webber* Red Bull Racing-Renault 1:36.148 1:36.679   6
15 16 Pastor Maldonado Williams-Renault 1:37.281 1:37.139   10
16 18 Jean-Eric Vergne STR-Ferrari 1:37.508 1:37.199   12
17 17 Valtteri Bottas Williams-Renault 1:37.769     3
18 12 Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 1:37.990     5
19 22 Jules Bianchi Marussia-Cosworth 1:38.780     6
20 23 Max Chilton Marussia-Cosworth 1:39.537     3
21 20 Charles Pic Caterham-Renault 1:39.614     6
22 21 Giedo van der Garde Caterham-Renault 1:39.660     6

* Penalizzato, partirà in ultima posizione

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori