FORMULA 1/ Massa (Ferrari): a Shanghai con il ritmo giusto

- La Redazione

Felipe Massa ha parlato con il sito ufficiale della Ferrari, esponendo il proprio punto di vista sul Gran Premio della Cina che si correrà domenica a Shanghai e più in generale sul Mondiale

Massa_Ferrari_abitacoloR439
Felipe Massa (Infophoto)

Felipe Massa ha parlato oggi tramite il sito ufficiale della Ferrari: per la scuderia di Maranello inizia così l’avvicinamento al Gran Premio della Cina che si disputerà domenica sul circuito di Shanghai. Il pilota brasiliano ha cominciato bene la stagione, con un quarto posto in Australia e un quinto in Malesia e piazzandosi davanti al compagno di squadra Fernando Alonso in qualifica in entrambe le gare, e ora è fiducioso anche per la Cina: “Anche se abbiamo disputato solo due gare, l’inizio di questo campionato ha evidenziato una competitività maggiore rispetto allo scorso anno. Vuol dire che il lavoro che abbiamo fatto durante l’inverno sulla ha dato i frutti sperati. Credo che la monoposto abbia ampi margini di sviluppo. Ho sempre una grande voglia di lottare per la vittoria, e anche se nelle prime due gare non tutto ha funzionato alla perfezione, abbiamo avuto dei riscontri incoraggianti, a iniziare da un ritmo di gara molto buono”. Due gare bastano per cominciare ad immaginare come sarà il resto della stagione 2013 della Formula 1: “L’idea che mi sono fatto è che ci sono più di due squadre in grado di lottare sia per le singole vittorie che per il campionato e in questo gruppo ci siamo anche noi. Mi rende ottimista vedere che ogni volta che scendiamo in pista i riscontri rispecchiano le aspettative maturate sia in galleria del vento che nelle simulazioni. Credo che tutta la squadra si sia preparata molto bene in vista del prossimo GP, riusciremo ad avere a disposizione tutti gli aggiornamenti che avevamo pianificato di portare a Shanghai dopo il lavoro fatto al simulatore la scorsa settimana. Spero che questo sforzo si traduca in un miglioramento delle prestazioni come ci aspettiamo che sia”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori