Formula 1 / Mercedes sub judice: test irregolari con la Pirelli per il Gran Premio di Monaco a Montecarlo

- La Redazione

Fonti accertate riportano che la Mercedes avrebbe svolto dei test non consentiti, d’accordo con la Pirelli, dopo il Gran Premio di Barcellona per migliorare la gestione della gomme in gara

gomme_pirelli
Pirelli Infophoto

Le Meredes hanno guadagnato la pole position per il gran premio di Monaco, il sesto della stagione 2013 di Formula 1. Le prestazioni di Nico Rosberg e Lewis Hamilton sono state positive sin dalle prove libere, ma è emerso un retroscena che può cambiare le prospettive della scuderia tedesca. Secondo fonti accertate la Mercedes ha svolto dei test privati con la Pirelli nei giorni successivi all’ultima gara, quella di Barcellona vinta dalla Ferrari di Alonso. Le Mercedes si sono sempre comportate meglio in prove e qualifiche, ma hanno fatto più fatica a gestire le gomme durante i gran premi sin qui disputati. Per questo i test privati potrebbero essere decisivi per lo svolgimento della prossima gara, migliorando in maniera non consentita le prestazioni di Hamilton e Rosberg. Il capo della Pirelli, Paul Hembery, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito: “I test della Mercedes sono regolari, non c’è stato nessun vantaggio per la Mercedes“. La notizia dei test Mercedes-Pirelli è già stata sottoposta alla FIA, la Federazione Internazionale Automobilistica: vedremo se questa prenderà provvedimenti in merito. Nel frattempo la Mercedes potrebbe svolgere il gran premio di Monaco sub giudice, ovvero con la possibilità che il suo risultato venga invalidato. Dalla Pirelli filtrano altre dichiarazioni: “Perché proprio con la Mercedes? L’abbiamo fatto con un team che ha dato la disponibilità. Alla fine della scorsa stagione avevamo mandato una mail in cui chiedevamo disponibilità a tutti i team. Non ci ha risposto nessuno a parte la Mercedes, e abbiamo programmato con loro il test che ci era necessario, nella pista più facile da raggiungere. Non c’è nulla di segreto o di irregolare“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori