Test Formula 1/ Abu Dhabi 2014: Bottas il più veloce, per Sainz jr “un giorno incredibile” (prima giornata, oggi 25 novembre)

- La Redazione

Formula 1 test Abu Dhabi 2014, info streaming video e diretta tv. La prima giornata di prove in vista del Mondiale 2015: per la Ferrari in pista Kimi Raikkonen (25 novembre)

raikkonen_ferrari_melbourne
Kimi Raikkonen in azione a Melbourne 2014 (Infophoto)

Il primo giorno dei test della Formula 1 ad Abu Dhabi ci ha portato anche il debutto di Carlos Sainz jr al volante di una Red Bull. Ecco quindi le sue impressioni al termine della giornata, riportate nel comunicato ufficiale della scuderia: “Per me è stato un giorno incredibile, il giorno che attendevo fin da quando ho debuttato in Formula Renault 3.5, sapendo che questo sarebbe stato il premio. Così lo avevo sempre in mente ed essere riuscito a farlo succedere mi dà sensazioni incredibili. Avevo un minimo di esperienza grazie ai test di Silverstone dell’anno scorso e così sono riuscito a completare circa 100 giri. Fin da subito mi sono sentito a mio agio, così sono stato in grado di spingere al massimo. Non c’è stato nessun problema per tutta la giornata, nonostante il programma fosse molto ampio. Al mattino dovevamo raccogliere informazioni, mentre il pomeriggio ho potuto spingere di più, perciò è stato più divertente”.

A poche ore dal trionfo di Hamilton ad Abu Dhabi, vittoria che gli ha consegnato anche e soprattutto il mondiale piloti, il mondo dellla Formula 1 torna in pista – e lo fa proprio sull’asfalto degli Emirati – per la prima giornata di test in vista della stagione 2014-2015. La sessione di prove si è conclusa e il più veloce è stato Valtteri Bottas, che con la sua Willimas ha portato a termine ben 80 giri fermando il cronometro, nel suo round migliore, a 1:43.396. Dietro di lui troviamo il connazionale Kimi Raikkonen: il finlandese, ha realizzato un giro in più e il suo miglior tempo è stato 1:43.888. Terzo il grande deluso Nico Rosberg che ha girato più di tutti: 114 passaggi e 1:44.512 come best lap. Alle spalle del vicecampione ecco Jolyon Palmer (vincitore della Gp2 Series) a bordo della Force India-Mercedes: il giovane debuttante ha portato a termine 37 giri con il miglior tempo di 1:45.516. Poi Carlos Sainz Jr, Will Stevens, Charles Pic, Marcus Ericsson e Max Verstappen: il 17enne ha avuto una giornata assai difficile al volante della Toro Rosso/Renault; l’inesperienza lo ha portato a sbattere contro le protezioni della pista, danneggiando la vettura e portando alla sospensione della sessione (nella quale ha realizzato 55 tornate). Decimo Stoffel Vandoorne della McLaren/Honda: gli intoppi elettrici della nuova power unit hanno compromesso la sessione, visto ce ha portato a termine appena 3 giri.

L’avventura di Sebastian Vettel in Ferrari è ufficialmente iniziata. L’annuncio che ha reso noto al grande pubblico un fatto che non era più segreto è arrivato da Abu Dhabi prima dell’ultimo Gran Premio della stagione, e ad Abu Dhabi il tedesco quattro volte campione del mondo ha fatto il suo primo ingresso nel box della Rossa, dove è stato presentato ai meccanici che si sono già rimessi al lavoro per i test di fine stagione. Vettel, come già sapevamo, non prenderà parte a questi test; per la Ferrari saranno in pista Kimi Raikkonen e Raffaele Marciello. Questa però è per l’ex Red Bull un’occasione per iniziare a prendere confidenza con il mondo di Maranello, lui che ha passato tanti anni all’interno delle Lattine Volanti (comprendendo anche il periodo nell’”academy” Toro Rosso); grande sfida per un pilota che ha già vinto tantissimo in carriera ma ora cerca la definitiva consacrazione, cioè un titolo Mondiale con la macchina più prestigiosa.

La prima giornata dei test della Formula 1 ad Abu Dhabi era attesa soprattutto per vedere all’opera la nuova McLaren motorizzata Honda, grande ritorno della Casa giapponese con la scuderia che l’anno prossimo riaccoglierà Fernando Alonso. Per ora però al volante c’è il collaudatore Stoffel Vandoorne, ma soprattutto ci sono stati grossi problemi che di fatto hanno rovinato la giornata alla scuderia britannica. Alcuni problemi all’ hanno fermato la McLaren Mp4-29H 1×1 all’interno del box. Nelle prime ore della sessione, gli ingegneri giapponesi hanno dunque dovuto far fronte a problemi di natura elettrica che hanno impedito il normale svolgimento del programma di lavoro che era previsto. In una affollata conferenza stampa, il team principal Eric Boullier ha spiegato: “Stiamo verificando alcuni problemi elettrici, in particolare dei sistemi nati in McLaren e vogliamo lavorare con molta attenzione. Il minimo che può succedere è bruciare il cablaggio, ma nel peggiore dei casi si potrebbe anche danneggiare la centralina ECU o altre cose del genere. Quindi vogliamo essere molto sicuri. Scendere in pista alle nove, alle dieci o alle dodici non fa differenza. Il programma iniziale vedrà degli stint molto brevi, di circa tre giri, per un massimo di 10 stint ed un totale complessivo di una trentina di giri. Avevamo un piano che è stato modificato già tre volte questa mattina. Si tratta di prendersi cura delle varie parti del nuovo motore. In primo luogo l’affidabilità, il recupero dell’energia e controllare ogni codice di ogni parte che è possibile controllare. Poi scenderemo in pista e gradualmente cercheremo di stressare il motore, ma forse non saremo al limite in questi due giorni. Più avanti sarà ovviamente necessario tentare un tempo sul giro, ma questo non è il momento”.

Alle ore 6.00 italiane di oggi (le 9.00 locali) sono scattati i test della Formula 1 ad Abu Dhabi, e con essi potremmo dire anche la stagione 2015. Due giorni di prove, oggi e domani. Andiamo dunque a vedere quali piloti scenderanno in pista per ciascuna scuderia. Riposo per il campione del Mondo Lewis Hamilton, la Mercedes schiererà Nico Rosberg e il collaudatore Pascal Wehrlein (non ancora confermato). Per la Red Bull ecco la novità Carlos Sainz Jr insieme a Daniel Ricciardo. Come è noto, la Ferrari si affiderà a Kimi Raikkonen e al giovane Raffaele Marciello. Per la Williams ci sono Valtteri Bottas e il collaudatore Felipe Nasr. Grande attesa per la McLaren che inizia la sua nuova avventura con la Honda: l’onore e l’onere è affidato al tester Stoffel Vandoorne. Si alterneranno due piloti al volante in casa Lotus (Esteban Ocon e Charles Pic) e alla Force India, che si affida a Jolyon Palmer e Spike Goddard. Per la Toro Rosso ecco invece Max Verstappen, che sarà molto atteso al debutto l’anno prossimo non ancora maggiorenne, poi per la Sauber: Marcus Ericsson e infine per la Caterham Will Stevens.

Il Mondiale 2014 di Formula 1 è finito domenica ad Abu Dhabi, ma si riaccendono subito i motori. Il Circus infatti si è fermato sul circuito di Yas Marina, dove oggi e domani sono in programma due giorni di test che di fatto saranno l’antipasto dell’anno che verrà. Non sarà però ancora il momento per i due eventi più attesi, cioè i debutti di Sebastian Vettel sulla Ferrari e di Fernando Alonso sulla McLaren, che d’altronde non ha nemmeno ancora ufficializzato l’arrivo del pilota spagnolo. I contratti infatti scadono a fine anno, per cui bisognerà attendere i primi test dell’anno solare 2015 per vedere i due piloti che assommano la bellezza di sei titoli iridati con le loro nuove scuderie. Per la Ferrari dunque in queste giornate ad Abu Dhabi il primo a scendere in pista sarà il titolare Kimi Raikkonen, che mercoledì lascerà il volante della F14 T al giovane pilota della Ferrari Driver Academy Raffaele Marciello. Dunque vedremo un italiano di nuovo al volante della Rossa, fatto raro negli ultimi decenni: l’ultimo fu Davide Rigon nelle prove di Silverstone dell’estate 2013. Per Marciello, che nel 2014 ha debuttato in GP2 ottenendo una vittoria sul difficilissimo tracciato di Spa-Francorchamps, si tratta di un altro passo fondamentale nel percorso di apprendimento e formazione pensato da FDA per i suoi talenti, sotto la guida di Luca Baldisserri, come si può leggere nel comunicato della Ferrari in vista di queste prove. Marciello è impaziente di prendere il volante: “Non vedo l’ora di uscire dal garage al volante della F14 T, sarà sicuramente un’emozione speciale”. Pur senza Vettel, la scuderia di Maranello sarà comunque al centro dell’attenzione, visto che è di ieri la notizia dell’arrivo di Maurizio Arrivabene nel ruolo di team principal al posto di Marco Mattiacci, destituito dopo soli sette mesi. I due giorni di collaudi naturalmente saranno utilizzati dalle varie scuderie per svolgere un programma di sviluppo e sperimentazione in chiave 2015. Un anno che si annuncia ancora una volta sotto il segno della Mercedes, che ha mostrato una superiorità nettissima: sarà però fondamentale per tutti gli altri lavorare duramente per ridurre quanto più possibile le distanze dalla Casa di Stoccarda. Purtroppo non sarà possibile seguire né in diretta tv né in streaming video le due giornate di test, che in Italia non sono coperte da nessuna emittente televisiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori