Diretta/ Formula 1, prove libere live Gran Premio di Spagna a Barcellona. Classifica tempi FP2: primo Hamilton (oggi 18 aprile 2014)

- La Redazione

Diretta Formula 1, le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Spagna 2014 live dal circuito di Montmelò, Barcellona: segui le sessioni di oggi con Fernando Alonso e la Ferrari attesissimi

alonso_spagna_montmelo
Fernando Alonso vince il Gran Premio di Spagna 2013 (Infophoto)

Ancora una volta davanti a tutti. Il verdetto della del Gran Premio di Spagna di Formula 1, seconda sessione di prove libere sul circuito di Barcellona, è stato chiarissimo: il pilota britannico della Mercedes è una spanna davanti a tutti, sia per quanto riguarda la prestazione sul giro secco () sia nelle simulazioni di gara, fatto che getta una pesante ipoteca non solo sulle qualifiche di domani ma anche sulla corsa di domenica. Il suo compagno di squadra Nico Rosberg è risalito al secondo posto dopo il quinto del mattino, staccato però di ben 449 millesimi, e al momento non sembra in grado di lottare fino in fondo con Lewis. Men che meno gli altri, dal momento che il terzo, cioè ancora una volta l’ottimo Daniel Ricciardo, becca già un secondo di ritardo dal britannico. Comunque è lui l’uomo di riferimento in casa Red Bull, visto che oggi pomeriggio Sebastian Vettel non è nemmeno riuscito a scendere in pista dopo il guasto mattutino. Dietro a Ricciardo ecco le due Ferrari, con Fernando Alonso quarto davanti a Kimi Raikkonen: se il piazzamento può essere giudicato positivo, preoccupa non poco il fatto che entrambi i piloti del Cavallino Rampante abbiano subito un ritardo di oltre un secondo e mezzo da Hamilton. Da segnalare due incidenti nei minuti finali della sessione, che hanno coinvolto – senza conseguenze fisiche – Jean-Eric Vergne (Toro Rosso) e Max Chilton (Marussia).  –  –

Ci siamo: la seconda sessione di prove libere per il Gran Premio di Formula 1 (Spagna 2014) stanno per cominciare. Tutti dietro a Lewis Hamilton.  –

Si è conclusa da pochi minuti la diretta della prima sessione di prove libere FP1 in vista del Gran Premio di Spagna 2014 di Formula 1 a Barcellona. Ancora una volta, bisogna registrare il dominio assoluto della Mercedes di Lewis Hamilton, che ha ottenuto il miglior tempo in , oltre otto decimi di vantaggio sulla McLaren di Jenson Button, secondo. In effetti, il dominio Mercedes è stato meno netto del solito perché per trovare Nico Rosberg dobbiamo scendere invece fino al quinto posto, alle spalle anche della Red Bull di Daniel Ricciardo – che ha ottenuto la terza miglior prestazione – e della Ferrari di Fernando Alonso, che ha iniziato con un quarto posto il weekend della gara di casa. Per la Ferrari è da registrare anche il sesto posto di Kimi Raikkonen, per un bilancio che possiamo definire positivo sia per i piazzamenti dei due piloti sia perché i distacchi sono molto ridotti, naturalmente escluso Hamilton che ha un margine importante su tutti i rivali, a dimostrazione del fatto che comunque il vantaggio della Mercedes è ancora piuttosto evidente. Brutte notizie invece per Sebastian Vettel, il cui primo turno di prove è finito quasi subito, probabilmente a causa di problemi elettrici.

Sempre in diretta, la Formula 1 torna in pista con il Gran Premio di Spagna 2014 che si disputa sul circuito di Montmelò (Barcellona), quinta gara del Mondiale di quest’anno. Naturalmente, in questa giornata di venerdì sono in programma le prime due sessioni di prove libere, che inizieranno a darci un’idea dei rapporti di forza tra le varie monoposto in vista della corsa che si terrà domenica su questo circuito che sorge nelle vicinanze del capoluogo della Catalogna. L’attesa è grande per tanti motivi: innanzitutto sono passate tre settimane dall’ultimo Gran Premio disputato, dunque tutti desiderano tornare in pista e tornare a darsi battaglia. Inoltre, è da tempo che si parla della gara di Barcellona come di quella che potrebbe dare una svolta al Mondiale perché tutte le scuderie porteranno importanti novità per le proprie vetture. Insomma, tutti vogliono capire se queste novità potranno consentire agli inseguitori di ridurre le distanze dalla Mercedes che sta letteralmente dominando il campionato fino a questo momento. Sia chiaro che sembra impossibile pensare di avere cancellato del tutto questo ritardo in sole tre settimane, ma è chiaro che Ferrari e Red Bull dovranno mandare segnali importanti e quanto meno avvicinarsi in modo significativo alla Casa di Stoccarda per riaprire i giochi. Questo farebbe anche la gioia del protagonista più atteso, il padrone di casa Fernando Alonso che qui l’anno scorso vinse al volante della Ferrari, ottenendo una delle gioie più belle della propria carriera. Oggi non è facile immaginarlo vittorioso, ma se riuscisse almeno a salire sul podio per la seconda gara consecutiva sarebbe comunque il segnale di una svolta per la F14 T. Prima di buttarci sull’attualità, però, andiamo a ripercorrere brevemente la storia del Gran Premio di Spagna. Si tratta naturalmente di una corsa classica, che affonda le sue radici agli albori dell’automobilismo sportivo. Eppure, a differenza degli altri grandi Paesi europei, per molto tempo la Spagna non è riuscita ad organizzare stabilmente una corsa: basterebbe dire ad esempio che fra la prima e la seconda edizione passarono dieci anni, dal 1913 al 1923. Fino alla Seconda Guerra Mondiale furono solo dieci in tutto le edizioni di questa corsa, che poi tornò nel 1951, primo anno in cui fu valida per il Mondiale che era nato l’anno prima. Eppure, le interruzioni furono ancora numerose: in particolare, spiccano i ben dodici anni di stop dal 1955 al 1966 compresi. Nel 1967 si iniziò a gareggiare sul circuito di Jarama, nei dintorni di Madrid, anche se la prima edizione non fu inserita nel calendario iridato. Questo tracciato si alternò poi con quello del Montjuic a Barcellona fino al 1981. Ecco poi altri quattro anni di stop: dal 1982 al 1985 la Formula 1 non fece tappa in Spagna, per poi tornarci – finalmente in modo stabile e definitivo – solamente dal 1986 in poi. Per qualche anno si corse sul circuito di Jerez de la Frontera, sostituito nel 1991 dal Montmelò, che quest’anno ospiterà il Gran Premio iberico per la ventiquattresima stagione consecutiva: ormai un classico, anche perché il tracciato catalano è stato spesso anche sede di test, per cui non ha davvero segreti per i piloti del Circus. Nell’albo d’oro spiccano le sei vittorie di Michael Schumacher, di cui cinque con la Ferrari e quattro consecutive dal 2001 al 2004. Lo seguono a grande distanza altri nomi leggendari come Jackie Stewart, Nigel Mansell, Alain Prost e Mika Hakkinen, tutti fermi a quota tre, mentre fra i piloti ancora in attività nessuno ha saputo fare a meglio delle due vittorie ottenute sia da Kimi Raikkonen (2005 con la McLaren e 2008 con la Ferrari) sia da Fernando Alonso, che prima del successo del 2013 aveva vinto già nel 2006, al volante della Renault. Ma adesso è giunto il momento di tornare al presente e di scendere in pista facendo parlare l’asfalto e il cronometro: le prove libere del Gran Premio di Spagna 2014 di Formula 1 sul circuito di Barcellona Montmelò stanno per cominciare…

Pos No Driver Team Time/Retired Gap Laps
1 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:27.023   17
2 22 Jenson Button McLaren-Mercedes 1:27.891 0.868 26
3 3 Daniel Ricciardo Red Bull Racing-Renault 1:27.973 0.950 21
4 14 Fernando Alonso Ferrari 1:28.128 1.105 23
5 6 Nico Rosberg Mercedes 1:28.168 1.145 9
6 7 Kimi Räikkönen Ferrari 1:28.337 1.314 19
7 20 Kevin Magnussen McLaren-Mercedes 1:28.423 1.400 27
8 13 Pastor Maldonado Lotus-Renault 1:28.744 1.721 34
9 11 Sergio Perez Force India-Mercedes 1:28.779 1.756 18
10 19 Felipe Massa Williams-Mercedes 1:28.791 1.768 13
11 26 Daniil Kvyat STR-Renault 1:28.792 1.769 24
12 27 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 1:28.828 1.805 17
13 25 Jean-Eric Vergne STR-Renault 1:28.859 1.836 24
14 40 Felipe Nasr Williams-Mercedes 1:29.272 2.249 15
15 99 Adrian Sutil Sauber-Ferrari 1:29.688 2.665 16
16 17 Jules Bianchi Marussia-Ferrari 1:29.820 2.797 22
17 8 Romain Grosjean Lotus-Renault 1:29.944 2.921 21
18 36 Giedo van der Garde Sauber-Ferrari 1:30.440 3.417 22
19 4 Max Chilton Marussia-Ferrari 1:30.748 3.725 19
20 1 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 1:30.942 3.919 4
21 10 Kamui Kobayashi Caterham-Renault 1:30.997 3.974 22
22 9 Marcus Ericsson Caterham-Renault 1:31.421 4.398 22

Pos No Driver Team Time/Retired Gap Laps
1 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:25.524   33
2 6 Nico Rosberg Mercedes 1:25.973 0.449 36
3 3 Daniel Ricciardo Red Bull Racing-Renault 1:26.509 0.985 38
4 14 Fernando Alonso Ferrari 1:27.121 1.597 33
5 7 Kimi Räikkönen Ferrari 1:27.296 1.772 33
6 20 Kevin Magnussen McLaren-Mercedes 1:27.788 2.264 37
7 22 Jenson Button McLaren-Mercedes 1:27.811 2.287 29
8 19 Felipe Massa Williams-Mercedes 1:27.824 2.300 31
9 13 Pastor Maldonado Lotus-Renault 1:27.866 2.342 42
10 26 Daniil Kvyat STR-Renault 1:28.049 2.525 35
11 27 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 1:28.074 2.550 31
12 25 Jean-Eric Vergne STR-Renault 1:28.246 2.722 30
13 99 Adrian Sutil Sauber-Ferrari 1:28.284 2.760 33
14 77 Valtteri Bottas Williams-Mercedes 1:28.698 3.174 33
15 21 Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 1:29.105 3.581 24
16 11 Sergio Perez Force India-Mercedes 1:29.129 3.605 34
17 8 Romain Grosjean Lotus-Renault 1:29.493 3.969 26
18 17 Jules Bianchi Marussia-Ferrari 1:29.991 4.467 26
19 4 Max Chilton Marussia-Ferrari 1:31.148 5.624 28
20 10 Kamui Kobayashi Caterham-Renault 1:31.338 5.814 38
21 9 Marcus Ericsson Caterham-Renault 1:31.586 6.062 39


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori