Diretta/ Formula 1 (F1) gara GP Australia 2015: ordine d’arrivo e classifica: vincitore Hamilton. Raikkonen: Ferrari ok ma io… (Melbourne, 15 marzo)

- La Redazione

Diretta Formula 1, la gara del Gran Premio d’Australia 2015 live da Melbourne: cronaca, classifica, ordine d’arrivo, vincitore e orari tv (oggi domenica 15 marzo 2015)

Vettel_Ferrari_rosso
Calendario Formula 1 2019, Sebastian Vettel (da Facebook Scuderia Ferrari)

Per un Vettel che ride, un Kimi Raikkonen che piange. Per il finlandese la stagione 2015 di Formula 1 è iniziata male: nel corso del Gran Premio d’Australia la sua Ferrari è stata costretta al ritiro dopo 41 giri, ma già all’inizio lui aveva avuto un contatto che lo aveva costretto a rallentare. “Qualche danno, ma è rimasto tutto intero” ha commentato Raikkonen a fine gara. “Abbiamo cercato di riprendere Ricciardo e tutti quelli che stavano davanti, avevamo buona velocità ma purtroppo c’è stato il problema durante il pit stop. Che, viene ipotizzato, potrebbe essere stato causato dal danno in pista. “Non posso saperlo, di sicuro c’è stato un danno alla macchina e abbiamo perso un po’ di carico, ma forse si è trattato di un altro errore”. Per quanto riguarda il podio del compagno Vettel, Raikkonen si è detto soddisfatto: “Per la Ferrari è positivo, sembra che abbiamo un’ottima velocità in gara; io però non sono riuscito a completare il Gran Premio”

Ha esordito con un podio al volante della Ferrari. Il terzo posto nel Gran Premio d’Australia, primo appuntamento con la Formula 1 2015, è un risultato che lascia positivo tutto il team e in particolare il pilota tedesco. “E’ grandioso essere alla Ferrari” ha commentato il quattro volte campione del mondo a fine gara, “abbiamo fatto un ottimo inverno, il lavoro è stato fenomenale e possiamo essere fieri. La macchina è ottima” ha proseguito Vettel “sia per la qualifica che per la gara. Certamente abbiamo ancora tanto lavoro da fare per battere le Mercedes, ma sono certo che ci muoveremo nella strada giusta”. E’ comunque un inizio positivo per la Ferrari: lo scorso anno la Rossa aveva ottenuto due podi (con Alonso) in tutta la stagione, qui alla prima gara ne è già arrivato uno. 

Finisce la gara del Gran Premio d’Australia 2015 di Formula 1, l’ordine di arrivo finale e la classifica sorridono alla Ferrari che conquista un podio importante con Vettel, il gap con la mercedes è ancora ampio ma il progetto quest’anno sembra molto valido specialmente per quanto riguarda il consumo delle gomme e la power unit. Le Mercedes hanno gestito tra di loro questa gara non dando mai la possibilità agli altri team di impensierirli. Competitiva la Williams con un Massa che per la prima metà di gara ha messo a dura prova Vettel. Deludono le Red Bull ma specialmente le McLaren-Honda ancora lontana dal poter competere ai livelli dei top team.  

10 giri alla fine di questo Gran Premio d’Australia 2015 di Formula 1 con la Ferrari che per un errore di un ai box durate il pitstop monta male la gomma di Raikkonen costringendolo al ritiro. Vettel continua in terza posizione ma Massa sta recuperando ancora terreno con il distacco che si porta sui 2.5 secondi. Intato è sfida a botta giri record tra Hamilton e Rosberg che però resta ancora con un gap di 2 secondi. 

Siamo attorno al giro numero 33 del Gran Premio d’Australia 2015 di Formula 1 con le Ferrari che stanno vivendo una seconda giovinezza, con i pit stop Vettel si piazza terzo alle spalle di Rosberg. Senza Massa davanti è riuscito a mettere in fila dei grandi giri tanto da accumulare i secondi necessari per mantenere la terza posizione. Va sottolineato il grandissimo comportamento di Raikkonen che con giri veloci su giri veloci si è portato in quinta posizione a 7.8 da Massa. Si ritira anche Verstappen per problemi al motore.

Sono passati 8 giri del Gran Premio d’Australia 2015 di Formula 1 subito all’insegna delle Mercedes che sa subito stanno imprimendo un ritmo indemoniato, specialmente Hamilton che in pochi giri porta il distacco sul compagno di squadra a 2 secondi e 7 a Massa che segue in terza posizione. Fatica Vettel che ora ha un distacco dall’ex ferrarista di quasi 1 secondo, brutta la sua partenza in questo Gran Premio. Gara tutta in salita per Raikkonen in ottava posizione penalizzato da un piccolo tamponamento in avvio da Sainz Jr. 

Di Formula 1 a Melbourne. La Brembo informa nella sua presentazione del circuito che la curva più impegnativa per l’impianto frenante è la numero 3, nella quale si passa da una velocità di circa 313 km/h ad una di 91 km/h nello spazio di 122 metri che vengono percorsi in 2,64 secondi, con una decelerazione che arriva a toccare un massimo di 4,6 g, mentre sul tempo complessivo di percorrenza di un giro se ne trascorre il 18% in frenata. Altre decelerazioni molto impegnative sono quelle della curva 1 (quella al termine del rettilineo d’arrivo) e della curva 13. Intato attivano nuove informazioni dal tracciato, Bottas non prederà parte alla gara per problemi tecnci come Kvyat e Magnussen. L’affidabibilità inizia a fare le prime vittime, vedremo ora durante la gara cosa succederà.

Di Formula 1 dal circuito di Melbourne, un tracciato urbano che si snoda fra le vie di Albert Park. Come ci informa la Brembo, il percorso è veloce e abbastanza impegnativo per i freni. Le nove staccate del circuito australiano presentano infatti tutte un grado di difficoltà medio-alto per gli impianti frenanti e sono caratterizzate da decelerazioni variabili. Inoltre, trattandosi di un tracciato non permanente, durante il weekend di gara si assiste ad un progressivo gommarsi della pista, il che comporta un aumento delle decelerazioni e dell’impegno per i freni in termini di temperatura ed usura.  

Di Formula 1 dal circuito di Melbourne, il grande padrone di casa sarà Daniel Ricciardo, chiamato alla stagione della consacrazione dopo il terzo posto nel Mondiale piloti. A Melbourne un anno fa Ricciardo, esordiente sulla Red Bull, aveva centrato un incredibile secondo posto quando tutti aspettavano il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel; ma poi la sua Red Bull numero 3 era stata squalificata per un’irregolarità tecnica e così erano sfumati i primi punti. “Lo scorso anno è stato molto positivo” ha raccontato Ricciardo, come si legge su un comunicato Red Bull. “Sono ancora giovane e la Formula 1 è uno sport in cui ti sviluppi costantemente e continui ad imparare; non vedo perchè non dovrei andare forte come l’anno scorso. Non ho bisogno di cambiare molto” ha concluso il suo pensiero Ricciardo.

In diretta con il Gran Premio d’Australia 2015 sul circuito di Melbourne, primo appuntamento del Mondiale di quest’anno. Diciamo subito che la partenza è in programma alle ore 6.00 italiane di domenica mattina, le 16.00 locali visto che sono da considerare ben dieci ore di fuso orario. Si spegneranno i motori per dare il via ad una nuova, attesissima stagione: la domanda che tutti si fanno è naturalmente se proseguirà il dominio della Mercedes che nel 2014 non ha avuto rivali e dunque vorrà riproporre il duello fra l’iridato in carica Lewis Hamilton e il suo compagno di squadra Nico Rosberg. A dire il vero, dovrebbe essere proprio così, almeno in questa prima parte della stagione: per tutte le altre scuderie, sarà fondamentale essere riuscite a ridurre il ritardo dalla Frecce d’argento e soprattutto proseguire questo trend di crescita per l’intera stagione. Questo è senza dubbio l’obiettivo anche della Ferrari, che ha aperto una nuova era nella quale solo Kimi Raikkonen e il direttore tecnico James Allison sono rimasti al loro posto dalla scorsa stagione. Per il resto è cambiato praticamente tutto: sotto i riflettori il nuovo team principal Maurizio Arrivabene e soprattutto Sebastian Vettel, che è arrivato a Maranello dopo i quattro Mondiali vinti con la Red Bull e con il chiaro obiettivo di ripetere le gesta del connazionale Michael Schumacher, pur ricordando che pure Schumi vinse il primo titolo con il Cavallino Rampante solo nella quinta stagione. In attesa di scoprire che cosa ci riserverà quest’anno la pista ricavata all’interno dell’Albert Park di Melbourne, andiamo a ripercorrere brevemente la storia della Formula 1 in Australia. Anche se il primo Gran Premio risale al lontanissimo 1928 a Phillip Island e in presenza di campioni tra cui su tutti Jack Brabham (tre volte campione del Mondo fra il 1959 e il 1966), la prima edizione di un Gran Premio d’Australia valido per il Mondiale è piuttosto recente, dal momento che risale al 1985, probabilmente a causa della grande distanza dall’Europa che in precedenza sconsigliava la trasferta. Per undici edizioni si corse ad Adelaide, e sono da ricordare soprattutto le edizioni del 1986, vinta da Alain Prost che così conquistò il titolo ai danni di Nigel Mansell che fu costretto al ritiro mentre era al comando, e del 1994 che vide l’incidente fra Michael Schumacher e Damon Hill: entrambi si ritirarono e il titolo andò per la prima volta in carriera al pilota tedesco. Dal 1996 invece si corre a Melbourne ed inoltre la gara passò dal termine all’inizio della stagione: nell’albo d’oro spiccano le quattro vittorie di Michael Schumacher, seguito a quota tre da Jenson Button che è il miglior pilota in attività mentre l’anno scorso vinse Nico Rosberg anche grazie al ritiro di Lewis Hamilton. Ma adesso non è più il tempo delle parole e dei numeri, perché l’inizio di una nuova stagione che aspettavamo ormai da mesi sta finalmente per arrivare. Allora mettiamoci comodi: la diretta della gara del Gran Premio d’Australia 2015 di Formula 1 a Melbourne sta per cominciare…

Pos. Pilota Squadra V Punti
1 Lewis Hamilton Mercedes AMG Petronas F1 Team 1 25
2 Nico Rosberg Mercedes AMG Petronas F1 Team 0 18
3 Sebastian Vettel Scuderia Ferrari 0 15
4 Felipe Massa Williams Martini Racing 0 12
5 Felipe Nasr Sauber F1 Team 0 10
6 Daniel Ricciardo Infiniti Red Bull Racing 0 8
7 Nico Hülkenberg Sahara Force India F1 Team 0 6
8 Marcus Ericsson Sauber F1 Team 0 4
9 Carlos Sainz Jr Scuderia Toro Rosso 0 2
10 Sergio Pérez Sahara Force India F1 Team 0 1
11 Jenson Button McLaren Honda 0 0
12 Kimi Räikkönen Scuderia Ferrari 0 0
13 Max Verstappen Scuderia Toro Rosso 0 0
14 Romain Grosjean Lotus F1 Team 0 0
15 Pastor Maldonado Lotus F1 Team 0 0
16 Daniil Kvyat Infiniti Red Bull Racing 0 0
17 Kevin Magnussen McLaren Honda 0 0

Pos. Squadra V Pti
1 Mercedes AMG Petronas F1 Team 1 43
2 Scuderia Ferrari 0 15
3 Sauber F1 Team 0 14
4 Williams Martini Racing 0 12
5 Infiniti Red Bull Racing 0 8
6 Sahara Force India F1 Team 0 7
7 Scuderia Toro Rosso 0 2
8 McLaren Honda 0 0
9 Lotus F1 Team 0 0


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori