Diretta/ Formula 1 F1: griglia di partenza GP Cina Shanghai 2015. Pole position di Hamilton. Le parole Vettel (qualifiche, oggi sabato 11 aprile 2015)

- La Redazione

Diretta Formula 1, qualifiche e FP3 del Gran Premio della Cina 2015 dal circuito di Shanghai live: cronaca e tempi delle sessioni per determinare griglia di partenza e pole position

hamilton_champagne
Hamilton Infophoto

Sebastian Vettel partirà dalla terza posizione della griglia di partenza formula 1 Gp Cina 2015 dietro le due Mercedes di Hamilton e Rosberg. Il campione tedesco, fresco vincitore del Gran Premio della Malesia, è pero contento della prestazione della Ferrari: “Noi abbiamo fatto tutto bene, non abbiamo sbagliato nulla. Il terzo posto è il massimo per noi, non ci aspettavamo le Mercedes così veloci. E poi in gara avremo l’occasione di avvicinarci ancora di più ma non sarà semplice. Certo, la prima curva non è poi così lontana dal via”. Vettel dunque prepara la grande gara di domani pensando già ad una possibile strategia di partenza aggressiva per superare le due Mercedes. Di certo il campione tedesco ha uno stato mentale importante che potrebbe proiettarlo verso un’altra emozionante vittoria. 

Pole position di Lewis Hamilton al Gran Premio di Cina 2015 a Shanghai, in una prima fila della griglia di partenza che sarà monopolizzata dalla Mercedes visto che al secondo posto troviamo Nico Rosberg. Insomma, si torna al solito scenario della Formula 1 degli ultimi tempi: straordinaria la prestazione del pilota inglese, che già al primo tentativo fa fermare i cronometri sul tempo di 1’35”762, quanto gli è bastato per conquistare la pole position numero 41 della carriera. Rosberg gli si è avvicinato nell’ultimo tentativo, ma si deve accontentare della seconda piazza a soli 42 millesimi di ritardo. Per la Ferrari molto bene Sebastian Vettel, che centra il terzo posto che obiettivamente era il massimo fattibile per il ‘resto del mondo’, anche se i nove decimi di distacco da Hamilton sono sicuramente tanti. Dietro al tedesco ci sono le due Williams: Felipe Massa quarto, Valtteri Bottas quinto per una terza fila tutta finlandese visto che al sesto posto troviamo Kimi Raikkonen, un po’ in ombra oggi. Si annuncia quindi un gran duello Ferrari-Williams per fare compagnia alla Mercedes sul podio. Giornata negativa invece per la Red Bull: si salva Daniel Ricciardo con il settimo posto, comunque alle spalle di tutti gli altri top team, ma non sono entrati in Q3 né Daniil Kvyat né le due Toro Rosso. Sorridono Romain Grosjean, ottavo con la Lotus, e la Sauber che ha piazzato Felipe Nasr nono e Marcus Ericsson decimo, entrambi arrivati alla Q3. Disastrosa infine la McLaren, che piazza Fernando Alonso e Jenson Button in penultima fila, davanti solo alle due Manor Marussia ed entrambi eliminati già in Q1.

Siamo giunti all’ultima sessione delle qualifiche Formula 1 Gp Cina 2015 che deciderà i primi posti della griglia di partenza e la poleposition. Non accedono a questa ultima parte: Maldonado, Kvyat, Verstappen, Sainz e Perez. Ferrari che sono riuscite ad accorciare il gap dalle Mercedes a parità di mescola (soft) portandosi a mezzo secondo da Hamilton ancora il più veloce in pista. Interessante in prospettiva gara il gap minore da Rosberg forse alla portata delle rosse di Maranello.

Sta per iniziare la sessione Q2 delle qualifiche Formula 1 Gp Cina 2015 ed abbiamo già i primi eliminati tra cui oltre alle due Marussia, troviamo le due McLaren che non riescono a migliorare le loro prestazioni. E’ ancora molta la strada che deve fare questo team per tornare a competere per l prime posizioni della griglia di partenza. Insieme a loro abbiamo Hulkemberg che chiude in diciassettesima posizione. Le Mercedes le uniche ad aver usato solo le mescole medie, questo a dimostrare la grande superiorità delle monoposto che a parità di mescola avevano dato 1 secondo alle Ferrari. 

Ci siamo sta per partire la sessione Q1 delle qualifiche Formula 1 Gp Cina 2015 e la superiorità della Mercedes è netta e come ammette Vettel in una intervista questa mattina sarà difficile superare le Mercedes se non cambiano le condizioni climatiche in pista. La Ferrari deve essere pronta a sfruttare ogni errore e possibilità degli avversari per poter mettere a segno un migliore piazzamento nella griglia di partenza. Cresce anche la concorrenza, dietro le Ferrari i team stanno lavorando molto per aumentare la competittivtà come dimostrano gli sforzi della Red Bull quindi vietato rilassarsi, servirà la massima concentrazione.

Manca poco alla diretta delle qualifiche Formula 1 Gp Cina 2015 e tra i protagonisti della Q1, Q2 e Q3 mancherà sicuramente Alonso e la sua McLaren che continua a faticare al livello di prestazioni e affidabilità. Nonostante l’avvio di stagione tutt’altro che esaltante, (zero punti collezionati sinora), Fernando Alonso non rinnega la sua scelta di passare alla McLaren, dopo cinque anni alla Ferrari. Alonso, intervistato da Autosport.com, ha invitato a non trarre conclusioni affrettate e ha minimizzato il buon inizio di stagione del team di Maranello (“Ho vinto la mia prima gara in Bahrain con la Ferrari, abbiamo iniziato bene ma a novembre sono stati altri a vincere il titolo”). Il pilota spagnolo ha chiesto ai detrattori di avere pazienza e di aspettare sino a novembre, sottolineando di essere passato alla scuderia inglese proprio per evitare di arrivare, ancora una volta, secondo, e di essere nel posto giusto. 

Si avvicina la diretta delle qualifiche Formula 1 Gp Cina 2015 ed ancora una volta sono le Mercedes le monoposto da battere. Le prestazioni nella FP3 hanno dimostrato ancora una volta il potenziale del team tedesco che guidato da uno straordinario Hamilton (1:37.615) sono in grado di infliggere alla Ferrari Vettel (1:38.313) in terza posizione un distacco sette decimi e di quasi un secondo a Raikkonen (1:38.512) arrivato quarto alle spalle del compagno di squadra. Si registra un concreto miglioramento delle Red Bull con con le nuove ali si posizionano quinti e sesti con Ricciardo e Kvyat ma il gap dalle Ferrari e dalle Mercedes resta ancora molto alto.

Durante le prove libere del Gran Premio della Cina i piloti hanno potuto lavorare con condizioni climatiche ottimali. Niente a che vedere con il caldo di Sepang dello scorso Gran Premio. Sicuramente una situazione ottimale per le gomme, come rivelato dal  direttore del Mototorsport di Pirelli Paul Hembery al termine delle sessioni: “C’è stato poco graining e quindi le gomme hanno potuto lavorare molto bene, infatti il divario tra le due miscele è basso e quindi prevedo una strategia di due pit stop durante la gara. Questo deriva dalle temperature che non sono molto alte, oggi si sono mantenute attorno ai 20 gradi facilitando le strategie dei team. In passato queste temperature hanno portato al graining, ovvero a quel fenomeno che deteriorano la gomma che provoca un effetto a buccia d’arancia”. Chiaramente l’indicazione di Hembery potrà essere ascoltata dai team che dovranno progettare al meglio il Gran Premio della Cina che regalerà certamente emozioni a tutti gli appassionati. 

La Formula 1 torna in diretta: grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio della Cina 2015 sul circuito di Shanghai, terzo appuntamento del Mondiale di quest’anno. Come al solito, il sabato avrà inizio con la terza e ultima sessione di prove libere FP3, che saranno gli ultimi 60 minuti a disposizione prima della sessione di prove ufficiali che determinerà la composizione della griglia di partenza e chi sarà a scattare dalla pole position in questo Gran Premio che si disputa sul circuito sorto nel 2004 alla periferia dell’immensa metropoli cinese. Per prima cosa, diamo uno sguardo a tutti gli orari, che saranno pesantemente condizionati dalle sei ore di fuso orario tra l’Italia e Shanghai: la avrà inizio alle ore 6.00, quando invece in Estremo Oriente saranno già le 12.00 di sabato. L’attesissimo appuntamento con le qualifiche sarà invece alle ore 9.00, con i verdetti che arriveranno quindi attorno alle 10.00 (15.00-16.00 in Cina). Gli orari dunque non saranno tutto sommato così scomodi, in particolare per quanto riguarda le qualifiche che potranno essere seguite a mattino ormai inoltrato. Meglio così per tutti gli appassionati, perché i temi d’interesse saranno davvero tanti, soprattutto dopo il ritorno alla vittoria della Ferrari che ovviamente è il modo migliore per attirare l’attenzione del grande pubblico sulla Formula 1. 

La vittoria di Sebastian Vettel di due settimane fa a Sepang, ma anche il terzo posto del tedesco a Melbourne e le ottime prestazioni di uno sfortunatissimo Kimi Raiokkonen sembrano indicare che i due piloti del Cavallino Rampante potranno lottare con Lewis Hamilton (che con tre vittorie è il pilota più vincente in Cina) e Nico Rosberg, anche se naturalmente siamo appena all’inizio di una stagione lunghissima. Prima di tuffarci sull’attualità, diamo però uno sguardo alla storia del Gp cinese, nato per volontà del governo che inizialmente aveva puntato sul circuito di Zhuhai, bocciato però dalla Fia a fine anni Novanta. Si dovette dunque attendere il 2004, quando fece il suo debutto nel Circus iridato il circuito di Shanghai con la vittoria di Rubens Barrichello, primo dei quattro successi cinesi della Ferrari. Nel 2006 Michael Schumacher ottenne proprio qui l’ultima vittoria della sua carriera, nel 2007 Kimi Raikkonen pose una pietra fondamentale nella sua rimonta ai danni di Hamilton (che finì nella sabbia all’ingresso della corsia box), nel 2013 infine ecco il successo di Fernando Alonso in una stagione che era iniziata molto bene – poco dopo arrivò il trionfo anche al Montmelò – ma che poi diede il via alla parabola discendente nel rapporto tra lo spagnolo e Maranello. Insomma, temi mai banali arrivano dalla Cina per il Cavallino Rampante… Allora mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e della del Gran Premio della Cina 2015 di Formula 1 a Shanghai sta per cominciare…

P NAME  
1 L. HAMILTON 1:37.615
2 N. ROSBERG 1:37.841
3 S. VETTEL 1:38.313
4 K. RAIKKONEN 1:38.512
5 D. RICCIARDO 1:39.020
6 D. KVYAT 1:39.106
7 C. SAINZ 1:39.113
8 V. BOTTAS 1:39.243
9 M. VERSTAPPEN 1:39.274
10 R. GROSJEAN 1:39.405
11 F. MASSA 1:39.410
12 N. HULKENBERG 1:39.513
13 M. ERICSSON 1:39.559
14 F. NASR 1:39.591
15 J. BUTTON 1:39.694
16 P. MALDONADO 1:39.766
17 S. PEREZ 1:39.781
18 W. STEVENS 1:42.928
19 R. MERHI 1:44.956
20 F. ALONSO  

P NAME  
1 L. HAMILTON 1:35.782
2 N. ROSBERG 1:35.824
3 S. VETTEL 1:36.687
4 F. MASSA 1:36.954
5 V. BOTTAS 1:37.143
6 K. RAIKKONEN 1:37.232
7 D. RICCIARDO 1:37.540
8 R. GROSJEAN 1:37.905
9 F. NASR 1:38.067
10 M. ERICSSON 1:38.158
11 P. MALDONADO 1:38.134
12 D. KVYAT 1:38.209
13 M. VERSTAPPEN 1:38.393
14 C. SAINZ 1:38.538
15 S. PEREZ 1:39.290
16 N. HULKENBERG 1:39.216
17 J. BUTTON 1:39.276
18 F. ALONSO 1:39.280
19 W. STEVENS 1:42.091
20 R. MERHI 1:42.842


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori