Diretta / Formula 1 F1 ordine d’arrivo gara GP Cina Shanghai 2015 vinto da Hamilton. Vettel Terzo. Le accuse di Rosberg (12 Aprile 2015)

- La Redazione

Diretta Formula 1, la gara del Gran Premio della Cina 2015 dal circuito di Shanghai live: cronaca, classifica, ordine d’arrivo, vincitore. Doppietta Mercedes, vince Hamilton; Vettel terzo

Vettel_Ferrari_rosso
Calendario Formula 1 2019, Sebastian Vettel (da Facebook Scuderia Ferrari)

Tensione in casa Mercedes dopo il Gran Premio della Cina di Formula 1. A scontrarsi sono nuovamente i piloti della scuderia tedesca, Lewis Hamilton e Nico Rosberg, giunti rispettivamente primo e secondo in questo terzo appuntamento stagionale. Il tedesco ha accusato il compagno di team di aver rallentato e di aver dunque permesso alla Ferrari di Vettel (arrivato terzo) di metterlo in difficoltà. “Non stavo controllando la gara, stavo controllando la mia gara. Il mio obiettivo è quello di gestire la mia macchina e portarla al termine nel modo più veloce possibile”, si è difeso Hamilton. “Non ho fatto niente intenzionalmente per rallentare, mi concentravo solo su me stesso”, ha aggiunto. Ma Rosberg non ci sta: “E’ interessante sentire ora da Lewis che stava pensando solo a se stesso, quando ha compromeso la mia gara – ha spiegato in conferenza – Guidare più lento del necessario rischiava di avvicinarmi a Vettel e apriva la possibilità a Sebastian di provare un pit-stop anticipato per cercare di sorpassarmi”.

Altra solida gara per la Ferrari nel Gran Premio di Cina 2015: terzo podio in altrettante domeniche per Sebastian Vettel, quarto posto per un Kimi Raikkonen sempre più convincente, e pazienza se oggi la Mercedes ha riaffermato la propria superiorità vincendo il Gran Premio con Lewis Hamilton e centrando la doppietta, portando Nico Rosberg in seconda posizione. La Rossa è tornata, e la Formula 1 non può che esserne soddisfatta; e ovviamente c’è soddisfazione anche nelle parole di Maurizio Arrivabene. Il team principal della Ferrari si è fin qui dimostrato perfezionista facendo intendere di non volersi accontentare dei piazzamenti; ma questa volta, conscio delle difficoltà, ai microfoni di Sky Sport ha dichiarato che “sono soddisfatto, molto contento anche per Kimi. Questa per noi non è una pista facile e aver consolidato la nostra posizione è perfetto. Ne riparliamo in Bahrain”. Alla domanda se la vera Ferrari sia quella di oggi o quella che ha vinto in Cina sopravanzando la Mercedes, Arrivabene ha fatto sapere che “è difficile dirlo. Ogni pista ha una storia; noi proveremo a raccontarvi storie vere ma interessanti”. Nessun impiccio, inoltre, nella gestione del “duello” tra Vettel e Raikkonen negli ultimi giri; il finlandese si stava avvicinando avrebbe potuto provare il sorpasso ai danni del compagno di squadra, ma la Safety Car lo ha bloccato. “Nessun problema” ha detto Arrivabene: “anzi, la squadra ha fatto un ottimo lavoro perchè in quella situazione era più facile sbagliare che fare la cosa giusta”.

Ha vinto il Gran Premio di Cina 2015, il terzo appuntamento stagionale della Formula 1; weekend perfetto per l’inglese che dopo la quarantunesima pole position (tre su tre in stagione) centra la vittoria numero 35, che è la seconda nel Mondiale 2015 e gli permette di allungare nella classifica generale. Una vittoria arrivata in regime di Safety Car: a tre giri dal termine infatti la Toro Rosso di Max Verstappen ha avuto un problema al motore proprio sulla linea del traguardo e si è fermata. Ironia della sorte: Sebastian Vettel si è potuto portare a ridosso delle due Mercedes, ma non ha più auvto tempo per provare l’attacco. I punti di Hamilton in classifica sono adesso 68; niente da fare questa volta per Sebastian Vettel, che però mantiene il secondo posto nella graduatoria piloti grazie al terzo posto, che gli permette peraltro di continuare la sua striscia di podi. Il tedesco sale a 55 e tiene alle spalle Nico Rosberg che ha 51 punti; grande battaglia per il titolo, la Mercedes ha confermato sulla pista di Shanghai il suo dominio riprendendosi il comando dopo l’incidente di percorso in Malesia, ma la Ferrari conferma una volta di più di potersi giocare non soltanto il secondo posto nel Mondiale costruttori ma anche qualche vittoria in più di quanto si pensava in inverno. La Rossa, anche in virtù dell’ottimo quarto posto di un Kimi Raikkonen sempre più concreto, dà un’altra spallata alla Williams, che migliora le sue prestazioni (Felipe Massa quinto, Valtteri Bottas sesto) ma si deve accontentare ancora di rimanere dietro la Ferrari. A chiudere l’ordine d’arrivo in zona punti sono Romain Grosjean (Lotus), Felipe Nasr (Sauber), Daniel Ricciardo su una Red Bull sempre più deludente e Magnus Ericsson con la seconda Sauber. 

Siamo al 38° giro della gara Formula 1 del Gp della Cina 2015, prosegue il dominio Mercedes che mantengono la testa della gara anche dopo il secondo pitstop con Hamilton capace di prolungare lo stilt con le soft mettendo a segno tempi record che gli hanno consentito di mettere ulteriori secondi tra se e Rosbeg. Iniziano ad essere importanti i gap tra Vettel e Rosberg, come tra Vettel e Raikkonen. Posizioni abbastanza bloccate a meno di colpi di scena. Ferrari e Mercedes che stanno facendo gara a se rispetto tutte le altre scuderie 

Siamo al 21 giro della gara Formula 1 del Gp della Cina 2015 con le Mercedes sempre in testa ma che in questo secondo run dopo il cambio gomme non stanno mantenendolo stesso passo della prima parte di gara con le Ferrari che stanno riuscendo a recuperare qualche decimo a giro. Le Mercedes sembra stiano cercando di conservare meglio gli pneumatici. Le Ferrari stanno mettendo pressione alle Mercedes, ottimo Raikkonen che in questo gran premio sta fecendo una grande gara. 

E’ partita la diretta Formula 1 del gran premio di Cina con le Mercedes di Hamilton e Rosberg rispettivamente in prima e seconda posizione. L’avvio di Vettel non è dei più rapidi ma conserva la terza pizza, ma chi ha fatto una partenza mostruosa è Raikkonen che con grande aggressività sorpassa le due Williams e si porta dietro il compagno di squadra. Grande lavoro del fillandese che mostra tutta la sua classe in questi primi giri della gara. Ora Hamilton cerca la fuga, ha un passo importante e proverà ad imporlo da subito.

La diretta della gara Formula 1 Gp Cina 2015 sta per iniziare. Dopo la sconfitta della Mercedes all’ultimo gran premio sono state molte le innovazioni portate del team tedesco ma la più efficace sembra essere quella dell’ala anteriore. La competitività della monoposto è aumentata e questa pista non incidendo molto sull’usura delle gomme indica ora come ora le Mercedes come la maggiore candidata alla vittoria finale. Le strategie saranno su due soste e molto dipenderà dalle evoluzioni della gara dopo la partenza. Podio alla portata della Ferrari ma attenzione alle Williams e alla rinata Red Bull di Ricciardo. 

Sta per iniziare la diretta della gara Formula 1 del Gran Premio della Cina. L’ennesima pole position conquistata dal britannico Lewis Hamilton, e la seconda piazza assicurata da Nico Rosberg, distante soli 4 centesimi dal compagno di scuderia, non servono a mettere al riparo la Mercedes da brutte sorprese in gara. Lo sanno bene i primi due delle qualifiche, che nel Gp di Shangai cercheranno di rispondere alla vittoria conquistata dalla Ferrari con Vettel nel primo appuntamento stagionale in Australia. A predicare calma, o secondo alcuni a mettere le mani avanti, sono stati proprio Hamilton e Rosberg, che scesi dalle loro vetture hanno affermato di non avere già vinto e che “in gara sarà dura”, visto che già nel primo Gp dell’anno le Rosse hanno dimostrato di soffrire le qualifiche e di esprimere il meglio di domenica. Per capire se le parole dei due piloti Mercedes debbano essere lette come campanelli d’allarme o frasi di circostanza, non resta che attendere il responso della pista.  

Mancano poche ore alla diretta della gara Formula 1 del Gran Premio della Cina. Che il punto di forza delle Ferrari di quest’anno non siano le qualifiche è un dato di fatto. La terza e la sesta piazza conquistate da Vettel e Raikkonen, non consentono però alla Mercedes, capace di occupare tutta la prima fila, di festeggiare con serenità la pole position ottenuta da Lewis Hamilton. Il pilota britannico dopo l’ottima prova in qualifica ha dichiarato di avere “un ottimo feeling con la macchina”, ma che le “gomme degradano velocemente” rispetto a quelle del team di Maranello. A rincarare la dose è stato l’altro pilota Mercedes, Nico Rosberg, che ha ricordato come “la gomma morbida si distrugge subito”. Il migliore passo gara delle Ferrari potrebbe dunque risultare decisivo nella giornata di domenica, e sarà la scuderia che adotterà la strategia migliore a poter esultare dopo la bandiera a scacchi.

Si avvicina la diretta della gara Formula 1 Gp Cina 2015 e nonostante delle qualifiche non buono Fernando Alonso e Daniel Ricciardo, seppure non riescano a nascondere una punta di delusione per le prestazioni offerte dalle loro vetture, non rinunciano a guardare con ottimismo al futuro di questa stagione. Lo spagnolo della Mc Laren, analizzando il suo momento personale e quello del suo team ha affermato:”Stiamo progredendo, ma siamo molto indietro”. Per l’ex Ferrarista è chiaro che il Gp cinese non rappresenti un obiettivo alla portata, per quanto la gara di Shanghai debba essere sfruttata a fondo “per compiere più giri possibili, e progredire”. Chi non è certamente entusiasta della settima piazza conquistata è l’australiano della Red Bull Daniel Ricciardo. Il pilota di origini italiane ha ammesso che la qualifica “non è andata male”, ma sperava in “qualcosa di meglio”. Anche lui, così come Alonso, si è detto soddisfatto del progresso della squadra, mettendo nel mirino le Williams e la top five.

In diretta: grande mattina con il Gran Premio della Cina 2015 sul circuito di Shanghai, che ospita il terzo appuntamento del Mondiale 2015. Diciamo subito che la partenza avrà luogo alle ore 8.00 italiane, quando nell’immensa metropoli cinese saranno le 14.00, classico orario d’inizio dei Gran Premi. Diamo subito alcune importanti informazioni tecniche: la gara si svolgerà sulla distanza di 56 giri, ognuno dei quali misura 5.451 metri, per un totale di 305,066 km. Il circuito si caratterizza per la presenza di due rettilinei molto lunghi, quello del traguardo e quello compreso fra le curve 13 e 14 (in entrambi si potrà utilizzare il Drs), mentre la prima parte è più tortuosa, con una successione di curve medio-lente. Ecco dunque che, come rende noto la Brembo, nel complesso il circuito cinese non è particolarmente impegnativo per i freni pur in presenza di due decelerazioni davvero significative – alla curva 14 di ben 4,9 g. Per quanto riguarda invece le gomme, Pirelli porterà le mescole morbide e medie, con quest’ultime che saranno dunque le più dure a disposizione delle scuderie.

Parlare di gomme ci porta inevitabilmente a uno dei temi di maggiore interesse fornito dalla gara di due settimane fa a Sepang: la Ferrari è stata in grado di fare una sosta in meno ai box rispetto alla Mercedes e questo è stato uno dei motivi della vittoria di Sebastian Vettel e anche della splendida rimonta di Kimi Raikkonen. Shanghai però non è un circuito particolarmente fortunato per il pilota tedesco, che in Cina ha colto soltanto uno dei suoi 40 successi nel Circus che lo hanno portato ad una sola lunghezza dal terzo posto di Ayrton Senna (41) nella classifica dei piloti più vincenti della storia della Formula 1. Anzi, questa unica vittoria risale all’ormai lontano 2009 e va comunque ricordata come la prima vittoria di Vettel con la Red Bull, ma poi il tedesco non si è più ripetuto negli anni dei suoi quattro titoli consecutivi. Qui si trova meglio Lewis Hamilton, che ha vinto nel 2008 e 2011 con la McLaren e l’anno scorso con la Mercedes. Per Raikkonen c’è la vittoria nel 2007, anno del Mondiale vinto dal finlandese, mentre Nico Rosberg ha vinto nel 2012, un successo storico perché fu il primo della Mercedes dal suo ritorno come costruttore: il precedente risaliva al 1955… Per Fernando Alonso bisogna invece ricordare le vittorie del 2005 con la Renault e del 2013 con la Ferrari, ma la McLaren di oggi ha ambizioni ben più ridotte e il primo obiettivo per Fernando e per Jenson Button (vincitore a Shanghai nel 2010) sarà finire la gara. Adesso però mettiamoci comodi, perché è arrivato il momento tanto atteso in cui sarà la pista ad emettere il suo verdetto: la diretta della gara del Gran Premio della Cina 2015 di Formula 1 a Shanghai sta per cominciare…

 

P NAME
1 L. HAMILTON
2 N. ROSBERG
3 S. VETTEL
4 K. RAIKKONEN
5 F. MASSA
6 V. BOTTAS
7 R. GROSJEAN
8 F. NASR
9 D. RICCIARDO
10 M. ERICSSON
11 S. PEREZ
12 F. ALONSO
13 J. BUTTON
14 C. SAINZ
15 W. STEVENS
16 R. MERHI
17 M. VERSTAPPEN
  P. MALDONADO
  D. KVYAT
  N. HULKENBERG

 

1. Lewis Hamilton (Mercedes) 68

2. Sebastian Vettel (Ferrari) 55

3. Nico Rosberg (Mercedes) 51

4. Felipe Massa (Williams) 30

5. Kimi Raikkonen (Ferrari) 24

6. Valtteri Bottas (Williams) 18

7. Felipe Nasr (Sauber) 14

8. Daniel Ricciardo (Red Bull) 11

9. Romain Grosjean (Lotus) 6

10. Nico Hulkenberg (Force India) 6

11. Max Verstappen (Toro Rosso) 6

12. Carlos Sainz (Toro Rosso) 6

13. Marcus Ericsson (Sauber) 5

14. Daniil Kvyat (Red Bull) 2

15. Sergio Perez (Force India) 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori