Michael Schumacher / Foto rubata in vendita ai tabloid: il comunicato della portavoce (oggi, 19 dicembre 2016)

- La Redazione

Foto Schumacher, offerto uno scatto rubato all’ex campione di Formula 1 per moltissimo denaro. La procura elvetica indaga e si cerca di capire quanto accaduto (oggi, 19 dicembre 2016)

MickSchumacher
Foto La Presse

Il caso della foto di Michael Schumacher che sarebbe stata offerta a diversi giornali ha naturalmente riaperto il tam tam mediatico circa le condizioni di salute di Schumi, la cui vita è radicalmente cambiata a causa dell’incidente sugli sci del 29 dicembre 2013. Dunque è intervenuta la portavoce del sette volte campione del Mondo di Formula 1, Sabine Kehm, che ha ribadito il diritto alla privacy da parte della famiglia Schumacher: “La sua salute non è una questione pubblica. Siamo consapevoli che per molte persone potrà essere difficile da capire ma noi rispettiamo solamente le linee guida di Michael che è sempre stato molto protettivo in merito alla sua privacy”, si legge in un comunicato, pubblicato dalla Kehm, relativo all’iniziativa no-profit lanciata sui canali social con gli hashtag #KeepFighting e #NeverGiveUp, che sono legate ai tanti messaggi che da allora sui social network sono stati pubblicati dai tifosi di Michael Schumacher come invito al campionissimo di non mollare nella sua gara più difficile.

Torna a fare notizia perché nelle scorse ore è emerso che qualcuno avrebbe offerto una foto di Schumi a diversi tabloid internazionali chiedendo in cambio un milione di euro, fatto che naturalmente ha fatto scattare le indagini da parte degli inquirenti per tutelare la privacy di Schumacher, ancora alle prese con una lunghissima e difficile convalescenza dopo l’incidente sugli sci che si verificò il 29 dicembre 2013. Naturalmente una foto che ritraesse le attuali condizioni di salute di Schumacher sarebbe uno scoop clamoroso, che però probabilmente non avrà luogo (almeno questa volta). Bisogna comunque ricordare che non si tratta della prima volta in cui la famiglia dell’ex campione della Ferrari si ritrova ad affrontare una simile situazione. Nel 2014, un reporter travestito da prete entrò furtivamente nell’ospedale di Grenoble dove Schumi venne ricoverato dopo l’incidente sugli sci a Meribel, imitato qualche mese dopo da un dipendente di una società di soccorso svizzero che rubò le sue cartelle cliniche prima di impiccarsi in cella, episodio drammatico che turbò ulteriormente tutti i tifosi di Michael.

Non c’è pace attorno a Michael Schumacher. Nelle ultime ore (come potete leggere nel paragrafo sotto) si è diffusa la notizia che alcuni editori di giornali avrebbero ricevuto la proposta di una foto di Schumacher, evidentemente scattata da un ospite della famiglia del sette volte campione del Mondo di Formula 1, che ne avrebbe così rivelato le attuali condizioni. Nessuno però l’avrebbe pubblicata anche perché, secondo quanto riferiscono indiscrezioni da parte della stampa tedesca, l’anonimo offerente avrebbe chiesto in cambio la bellezza di un milione di euro. Naturalmente sono già scattate le indagini da parte degli inquirenti, per la precisione indaga sulla vicenda la Procura di Offenburg, città tedesca del Baden-Württemberg.

La situazione legata a Michael Schumacher è sicuramente poco chiara, ma le ultime notizie emerse sono sicuramente inquietanti. Sabine Kehm, portavoce dell’ex ferrarista, infatti ha confermato Motorsport-Magazin.com  che è stata sporta una denuncia. Pare infatti che un ospite a casa di Schumacher avrebbe fotografato l’uomo durante uno dei suoi momenti giornalieri andando poi a proporla in cambio di una somma di denaro molto importanti. La procura svizzera intanto indaga in merito a questa particolare situazione. Infatti si cerca di trovare il responsabile che ha offerto questa immagine ai giornali. Sicuramente la situazione è molto difficile da decifrare e bisogna per forza andare con i condizionali visto anche che si parla dello stato di salute di una persona. Difficile esporsi di fronte a quanto è accaduto, ma di certo sarebbe anche bene rispettare la privacy di una persona qualsiasi sia il suo passato. Resta il fatto che Michael Schumacher andrebbe rispettato prima come persona e poi come atleta. Staremo a vedere le evoluzioni legate a quanto accaduto in queste ultime ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori