MICHAEL SCHUMACHER / Flavio Briatore e il paragone con Fernando Alonso (Oggi, 8 febbraio 2016)

- La Redazione

Michael Schumacher, la bufala del risveglio gira in Rete: “Ho visto il paradiso” avrebbe detto l’ex pilota di Formula 1 ma subito si capisce che la notizie è falsa

schumacher_incidente
Schumacher Infophoto

Dopo le brutte notizie sulle condizioni di Michael Schumacher arrivate settimana scorsa per bocca di Luca di Montezemolo, ecco adesso altre parole su Schumi da parte di chi lo conosce molto bene. Stiamo parlando stavolta di Flavio Briatore, il manager piemontese che ha lanciato prima Michael e poi Fernando Alonso e che ha fatto un paragone fra i due parlando con il giornale Arabian Business: “Li ho scelti a istinto. Quando vidi Michael per la prima volta, vidi un ragazzo molto arrabbiato e molto timido. Ricordo che lo incontrai a Londra e che fu ugualmente a Londra anche la prima volta che vidi Fernando, anche lui così timido da non dire buongiorno o buonanotte. Ma lo senti a pelle, senti qualcosa dentro quando parli di determinate cose con certe persone e li vedi cambiare totalmente. Scatta l’animale da velocità che c’è dentro di loro, è un sacro: è il loro talento”.

Si sarebbe risvegliato dal coma Michael Schumacher, il noto pilota tedesco di Formula 1 rimasto seriamente ferito in un incidente sugli sci il 29 dicembre 2013. La notizia però, circolata in Rete, si è rivelata falsa. Nelle scorse ore, secondo quanto riporta Blog di Motori, sul sito lasera.altervista.org, è apparso questo articolo: “Dopo più di 2 anni da quel terribile incidente, si risveglia dal coma, e tra lo stupore e la commozione di parenti e amici pronuncia le sue prime parole. Michael rivela di aver visto il paradiso, di averci osservato da un modo parallelo ultraterreno dove aveva trovato la pace e la serenità che in tutti questi anni passati tra gli uomini, erano venute meno. Schumi lascia tutti sotto shock, confessa che la vita ultraterrena esiste ed è qualcosa di indescrivibile, adesso vuole dedicarsi completamente e interamente a fare del bene, e inizierà donando tutta la sua fortuna in beneficenza”. Subito però si è capito che si trattava di un pezzo ironico e che il pilota continua in realtà a trovarsi nelle stesse condizioni di salute causate dall’incidente sugli sci. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori