Test Formula 1 F1 2016 / Montmelò in diretta live: Il Tweet dell’F1. Info streaming video e tv, tempi e classifica 1^ giornata (1 marzo 2016)

- La Redazione

Test Formula 1 2016 Montmelò in diretta live: info streaming video e tv, tempi e classifica della prima giornata dei test F1 con Ferrari e Mercedes (oggi, 1 marzo 2016)

montmelo_rettilineo
Il rettilineo del Montmelò (Infophoto)

La prima giornata di test Montmelò per la Formula 1 ha regalato molte sorprese e qualche conferma. La classifica finale ci ha detto che il miglior tempo è stato stabilito dalla Mercedes di Niko Rosberg che ha fatto 1.23.022. Dietro di lui con un ritardo di 0.207 c’è Bottas della Williams. In terza posizione troviamo invece Alonso della McLaren Honda. Seguono Raikkonen della Ferrari, che oggi ha avuto qualche problema di troppo, Kvyat Red Bull Racing, Hamilton Mercedes, Verstappen Toro Rosso Ferrari, Hulkenberg Force India Mercedes, Nasr Sauber Ferrari, Magnussen Renault, Gutierrez Haas Ferrari e Haryanto MRT Mercedes. Clicca qui per il tweet con la classifica dal profilo ufficiale di Twitter della Formula 1.

Si è conclusa a Barcellona la prima giornata di questa seconda sessione di test prestagionali di Formula 1. Ultima emozione di oggi  la bandiera rossa causata dalla Renault di Magnussen rimasto fermo in curva 3, quando mancavano dieci minuti al termine. Si è potuti ripartire quando restavano a disposizione solo settanta secondi e quindi anche se quasi tutti i piloti sono tornati in pista non c’è stato alcun nuovo miglioramento cronometrico. Nessuno dunque è riuscito a battere il tempo siglato da Rosberg in mattinata: il tedesco chiude davanti a Bottas e ad Alonso. Quarto Kimi Raikkonen, che ha ripreso a girare con regolarità nel finale. Il primato dei km percorsi oggi invece se lo aggiudica Verstappen, che con la sua Toro Rosso ha completato ben 144 tornate.

E’ iniziata l’ultima mezzora di prove a Barcellona sul circuito del Montmelò. Sono tanti i piloti in pista che stanno ritoccando, seppur di poco, le loro migliori prestazioni. Fernando Alonso con le soft è riuscito a siglare il terzo tempo di giornata dietro Rosberg e Bottas, mentre Lewis Hamilton su gomme medie è salito fino al sesto posto provvisorio, preceduto di un soffio da Kvyat. Hanno abbassato i loro crono di riferimento anche Nasr e Haryanto, ma restano dietro nella lista dei più rapidi, soprattutto l’indonesiano.

Quando a Barcellona scocca l’ultima ora di prove della giornata, ci sono buone notizie per la Ferrari. Dopo il lungo stop, Kimi Raikkonen è infatti riuscito a tornare in pista e sta siglando discreti tempi con le medium. Nel frattempo, Lewis Hamilton ha terminato la sua simulazione e anche Nico Hulkenberg e Valtteri Bottas hanno tagliato il traguardo dei 100 giri completati. Piovono critiche intanto sul nuovo format delle qualifiche che dovrebbe entrare in vigore a partire dal Gp di Spagna e stavolta non solo dagli appassionati. Da Ginevra Sergio Marchionne ha fatto sapere che non è scontato che la Ferrari lo approverà, mentre Rosberg, interpellato sulla questione, ha bollato come “non professionale” il fatto che il cambiamento avverrà a stagione in corso.

Era da questa mattina che non vedevamo più Gutierrez in pista e la Haas poco fa ha comunicato che, a causa di un guasto al sistema di alimentazione, il team è costretto a interrompere definitivamente le sue prove che riprenderanno quindi domani. Davvero un peccato per il pilota messicano, che ha potuto mettere insieme solo 23 passaggi. Mentre Hamilton si avvia al termine della sua simulazione gara e Kvyat si è portato in quarta posizione, lievi miglioramenti anche da parte di Haryanto con la Manor, che però resta sempre fanalino di coda del gruppo.

Questo il riepilogo dei tempi provvisorio:

1. Nico Rosberg – Mercedes – 1:23.022 – 82 laps
2. Valtteri Bottas – Williams – 1:23.572 – 90 laps
3. Kimi Raikkonen – Ferrari – 1:24.836 – 47 laps
4. Daniil Kvyat – Red Bull – 1:25.049 – 33 laps
5. Fernando Alonso – McLaren – 1:25.252 – 71 laps
6. Max Verstappen – Toro Rosso – 1:25.356 – 111 laps
7. Kevin Magnussen – Renault – 1:25.760 – 87 laps
8. Nico Hulkenberg – Force India – 1:25.954 – 97 laps
9. Esteban Gutierrez – Haas – 1:26.661 – 23 laps
10. Felipe Nasr – Sauber – 1:26.821 – 78 laps
11. Lewis Hamilton – Mercedes – 1:27.043 – 58 laps
12. Rio Haryanto – Manor – 1:29.593 – 18 laps

Proseguono a Barcellona le prove di questa seconda sessione di test della Formula 1. Hamilton continua nella sua simulazione di gara con pit stop invero non proprio perfetti da parte del team, mentre Bottas con le ultrasoft viola si avvicina al tempo di Rosberg, restando però ancora staccato di un paio di decimi, il che la dice lunga sul potenziale Mercedes. Per quel che riguarda invece Raikkonen, sembra che sia stato fatto fermare precauzionalmente dai tecnici Ferrari che avevano riscontrato anomalie nella telemetria. Non ci sono ancora comunicazioni ufficiali della scuderia sul rientro in pista. Sul tracciato invece è ricomparso Kvyat, per lui dovrebbero essere risolti i problemi ai freni. Verstappen infine, è ad un passo dai 100 giri completati.

La Ferrari di Kimi Raikkonen è tornata ai box e tecnici e meccanici la stanno esaminando per capire cosa ha causato lo stop in pista. Nel frattempo, insolita strategia della Mercedes con Hamilton, che prima ha effettuato alcuni giri a pieno carico di benzina con le soft, ora sembra passato ad un long run con le medie: tempi ancora poco significativi per lui. Nella lista dei migliori crono balzo in avanti di Bottas, che ha ottenuto il secondo posto alle spalle di Rosberg, anche lui su gomme soft. Non sono ancora tornate in pista Haas e Red Bull. Quest’ultima intanto, ha appena comunicato di aver rinnovato per altri tre anni la sua partnership con la Ansys, azienda specializzata nella realizzazione del software per lo sviluppo aerodinamico.

Bandiera rossa e test interrotti in questo momento a Barcellona a causa purtroppo della Ferrari di Kimi Raikkonen, che subito dopo aver tagliato il traguardo, si  è fermato poco oltre l’uscita dalla corsia box, prima della curva 1. La sua vettura sta per essere caricata sul carroattrezzi. Poco fa un piccolo giallo ha coinvolto anche Lewis Hamilton, che al primo tentativo di scendere in pista è rimasto bloccato in pitlane. La W07 è stata quindi spinta indietro dai meccanici e l’inglese è riuscito a ripartire, fermandosi però dopo soli 3 giri e senza registrare riferimenti cronometrici. Nel pomeriggio mancano ancora all’appello Kvyat, Alonso e Gutierrez con la Haas.

Ripresi da qualche minuto dopo la pausa pranzo a Barcellona i test della Formula 1. Come sovente accade, in queste prime fasi attività in pista ancora blanda, con i soli Hulkbenberg e Bottas che sono usciti poco fa dai box. Ricordiamo che in casa Mercedes il campione del mondo in carica Lewis Hamilton prenderà il posto di Nico Rosberg, il più veloce fino a questo momento. Da verificare le condizioni delle monoposto della Manor e della Mclaren. Riepiloghiamo intanto i tempi di questa mattina:

1. Nico Rosberg – Mercedes – 1:23.022 – 82 laps
2. Kimi Raikkonen – Ferrari – 1:24.836 – 42 laps
3. Fernando Alonso – McLaren – 1:25.252 – 50 laps
4. Valtteri Bottas – Williams – 1:25.255 – 58 laps
5. Max Verstappen – Toro Rosso – 1:25.356 – 59 laps
6. Nico Hulkenberg – Force India – 1:25.954 – 50 laps
7. Daniil Kvyat – Red Bull – 1:26.227 – 22 laps
8. Esteban Gutierrez – Haas – 1:26.661 – 23 laps
9. Felipe Nasr – Sauber – 1:26.923 – 42 laps
10.. Kevin Magnussen – Renault – 1:26.981 – 54 laps
11. Rio Haryanto – Manor – No time – 2 laps

A Barcellona è tempo di pausa pranzo nel corso di questa prima giornata della seconda sessione dei test prestagionali della Formula 1. Nico Rosberg termina il suo lavoro con 82 giri completati e un miglior tempo di gran lunga inferiore a quello degli inseguitori. Nel pomeriggio verrà sostituito da Hamilton. Da segnalare negli ultimi minuti il leggero miglioramento di Raikkonen con le medie e quello di Alonso con le soft: i due consolidano la loro seconda e terza posizione alle spalle della Freccia d’Argento. Lo spagnolo però, a pochi secondi dalla conclusione della mattinata, ha visto fermarsi la sua vettura alla fine della pitlane, causando una bandiera rossa. Vedremo dunque se nel pomeriggio potrà ripresentarsi regolarmente sul tracciato. Haryanto è riuscito infine a tornare in pista per un giro di controllo, dopo la riparazione della perdita d’olio sulla sua Manor.

Finalmente la Mercedes comincia a scoprire le sue carte a Barcellona e non sembrano esserci buone notizie per gli avversari. Per la prima volta nel corso dei test sul circuito del Montmelò infatti, Nico Rosberg ha montato delle gomme soft ottenendo un notevole 1’23’022″. Per dare un’idea, con la stessa mescola Alonso oggi ha siglato un tempo più alto di oltre due secondi. Dietro il tedesco, abbastanza staccati, ci sono sempre i due finlandesi Raikkonen e Bottas. La Ferrari sta continuando in questa fase a girare con le medie registrando buoni parziali. Felipe Nasr, intanto, sta prendendo maggior confidenza con la nuova Sauber e adesso i suoi riferimenti cronometrici sono più in linea con il resto del gruppo.

Ultima ora della mattinata a Barcellona in questa prima giornata della seconda sessione di test. Dopo il guasto della Manor, sulla quale stanno lavorando freneticamente i meccanici, problemi di affidabilità toccano anche alla Red Bull di Kvyat che è rientrata ai box sprigionando fumo bianco dal posteriore. Vedremo se la scuderia chiarirà con una comunicazione ufficiale quanto accaduto. Nel frattempo Rosberg (che ha superato quota 60 giri) ha iniziato a spingere un po’ di più e fatto segnare con gomme medie un ottimo 1’24’329″, che lo porta davanti a tutti nella lista dei più veloci, staccando Raikkonen di circa sei decimi. Si migliora pure Alonso, che però, per salire in quinta posizione, ha approfittato anche dell’utilizzo di gomme soft.

Dopo aver trascorso un periodo abbastanza lungo ai box, Kimi Raikkonen è tornato in pista e ha subito dato una scossa alla tabella dei giri più veloci, facendo segnare con le medie un interessante 1’24’907″ e staccando di ben 4 decimi Verstappen, che poco prima si era migliorato con la sua Toro Rosso. La Mercedes continua anche in questa prima giornata della seconda sessione di test a macinare molti chilometri senza la ricerca della prestazione. Dalla Manor intanto hanno fatto sapere che è stata riscontrata una perdita d’olio sulla monoposto di Haryanto, ma si cercherà di risolvere in tempi ragionevoli il guasto e rimandarlo sul tracciato appena possibile.

Proseguono a Barcellona le prove prestagionali 2016 della Formula 1. In questi minuti attività un po’ limitata sul tracciato e molto lavoro nei box. Il miglior crono rimane sempre quello fatto segnare precedentemente da Bottas, di un soffio più rapido di Raikkonen, mentre l’unica variazione di rilievo è l’inserimento al terzo posto di Max Verstappen con la Toro Rosso, che così si accoda ai due finlandesi. Comincia a non essere ideale la situazione della Manor, con Haryanto che al momento ha percorso solo un installation lap e poi non è più rientrato in pista. Oggi Alonso sembra invece poter girare con continuità, pur se i suoi tempi non sono finora molto significativi.

Comincia ad intensificarsi l’attività sul tracciato del Montmelò in questa prima giornata della seconda sessione di test della Formula 1 sul circuito catalano. Il miglior riferimento cronometrico al momento è quello di Bottas, che con la sua Williams ha girato in 1’25’682″. Il finlandese precede di appena sette millesimi il connazionale Raikkonen, seguono poi Rosberg e Kvyat. Primo giro registrato anche per Felipe Nasr con la nuova Sauber C35. Il brasiliano però è ancora piuttosto prudente, come dimostra il suo 1’39″334″. Senza tempi restano finora i soli Verstappen e Haryanto.

Iniziata a Barcellona la prima giornata di questa ultima sessione di test prestagionali della Formula 1 prima del via del Mondiale in Australia. Cielo sereno, ma pista ancora decisamente umida e prove che devono ancora entrare nel vivo. C’è molta curiosità oggi soprattutto per vedere all’opera la nuova Sauber C35 che è in pista con Felipre Nasr e la Toro Rosso con la livrea definitiva portata al debutto da Verstappen. La Mercedes intanto ha scelto di continuare ad alternare i suoi due piloti e proprio Rosberg, che guiderà la w037 in mattinata, è il più attivo al momento con una decina di giri percorsi. Oltre al tedesco, solo Alonso, Kvyat, Magnussen e Gutierrez hanno fatto registrare tempi cronometrati, comunque piuttosto alti. Per Raikkonen finora solo qualche giro di aerotest con i rastrelli su gomme hard.

Sta per iniziare la giornata di test di Formula 1 al Montmelò; dopo il lavoro svolto in particolar modo sulla Power Unit e l’affidabilità in generale, in questi giorni le monoposto daranno finalmente uno sguardo al cronometro. Nico Rosberg, reduce da due Mondiali chiusi al secondo posto alle spalle del compagno di squadra Lewis Hamilton, non vede l’ora di lanciare in piena velocità la sua Mercedes: “E’ una macchina molto veloce” ha detto il pilota tedesco – lo riporta vavel.com – “e non vedo l’ora di provare il giro veloce con poca benzina a bordo”. Insomma, in assetto da qualifica perchè, come ha ricordato Rosberg, “girare con gomme medie e tanta benzina è utile, ma poco divertente”. Il tedesco ha anche sottolineato i progressi fatti in casa Mercedes, ha parlato di una macchina “molto buona” e ha parlato dell’importanza dei tecnici, che “stanno analizzando i dati e aiutandoci a capire dove siamo rispetto ai nostri concorrenti”.

La prima giornata di test Formula 1 al Montmelò sta per prendere il via; nel frattempo sono arrivate le parole di Bernie Ecclestone in merito al nuovo sistema di qualifiche per il Mondiale 2016. Il patron della Formula 1 ha confermato che si tratterà di una novità da introdurre a stagione in corso: “Avevamo l’intenzione di partire dal Gran Premio d’Australia” ha detto Ecclestone “ma effettivamente il software è complesso e ci vorrà del tempo per prepararlo”. Dunque la stagione inizierà con il sistema già utilizzato negli scorsi anni, per poi passare al nuovo format da Barcellona (cioè dal quinto Gran Premio stagionale). Resta da capire come la prenderanno gli addetti ai lavori; qualcuno (in particolare Lewis Hamilton) ha già storto il naso di fronte alle nuove regole della Formula 1 e pensare ad un’introduzione così importante a metà campionato (comunque a Mondiale già iniziato) rischierà probabilmente di sollevare critiche non da poco.

Mentre la giornata dei test di Formula 1 al Montmelò procede, Gilles Villeneuve ha tracciato alla Gazzetta dello Sport i suoi pronostici per la stagione 2016. Il campione del mondo 1997 (su Williams), oggi commentatore per Sky Sport, ha escluso che il Mondiale che prenderà il via il prossimo 20 marzo possa essere un duello a due tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel: “Non ci dobbiamo dimenticare dei compagni di squadra” il pensiero del canadese “Nico Rosberg e Kimi Raikkonen avranno il loro spazio. Nico in particolare vorrà iniziare molto forte ed evitare di ‘prenderle’ come avvenuto un anno fa” ha detto Villeneuve, che ha anche ricordato come “a differenza del 2015, se le Mercedes vorranno battere la Ferrari dovranno spingersi molto oltre il limite”.

La Formula 1 torna in pista a partire da oggi per la sua seconda sessione di test al Montmelò, in Catalogna: infatti questa sarà la prima giornata delle prove che fanno seguito a quelle di settimana scorsa, sempre sul circuito che sorge nei pressi di Barcellona. L’inizio del Mondiale avrà luogo domenica 20 marzo a Melbourne, dunque è sempre più vicino e restano solo questi quattro giorni di test (fino a venerdì) prima del Gran Premio d’Australia, vista l’ulteriore riduzione delle prove invernali rispetto al 2015 (quando c’erano stati anche quattro giorni a Jerez). Si lavorerà al mattino dalle ore 9.00 alle ore 13.00, poi di nuovo dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

In attesa di scoprire cosa succederà in questi giorni, tentiamo di fare un bilancio di quello che abbiamo visto settimana scorsa: la Mercedes ha impressionato tutti per l’affidabilità percorrendo oltre 3.000 km, una soglia nemmeno sfiorata da tutte le altre scuderie. Per le prestazioni non si può invece dire molto, perché Stoccarda si è permessa di non girare nemmeno una volta con le gomme supersoft e nemmeno con le soft: solo gomme medie, con le quali comunque la Mercedes ha ottenuto ottimi tempi, però simili a quelli della Ferrari – soprattutto con Sebastian Vettel.

Già, la Ferrari: il Cavallino per ora può essere soddisfatto dei tempi sia sul giro secco (la migliore prestazione assoluta è proprio di Vettel) sia sul passo con le gomme medie, però ha percorso poco più della metà dei giri della grande rivale tedesca. La è una monoposto radicalmente diversa da quelle degli anni precedenti, dunque l’affidabilità non è ancora al top: questa è una cosa normale, ma bisognerà fare progressi velocemente perché la Mercedes di certo non aspetta e quest’anno arrivare secondi non sarà più sufficiente per essere soddisfatti.

Non è prevista una diretta tv dei test Formula 1 2016 a Montmelò; non sarà a disposizione dunque nemmeno una diretta streaming video per seguire l’evento, ma tutti gli abbonati alla pay tv satellitare potranno avvalersi degli aggiornamenti che nel corso della giornata verranno dati su Sky Sport 24, all’interno della consueta striscia dei TG sportivi dell’emittente che detiene i diritti integrali del Mondiale. Inoltre, potrete seguire l’evoluzione dei tempi e qualche novità sui vari profili delle scuderie sui social network: indichiamo in particolare l’account Twitter ufficiale della Formula 1, all’indirizzo ; da seguire anche il profilo ufficiale della Ferrari, che trovate digitando @ScuderiaFerrari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori