Direetta / Formula 1 F1 prove libere live: La classifica completa dei tempi in FP2, Hamilton primo (GP Canada 2016 Montreal, oggi 10 giugno)

- La Redazione

Diretta Formula 1 prove libere FP2 e FP1 live del GP Canada 2016 a Montreal: orario tv, cronaca e tempi delle due sessioni d’apertura sul circuito Gilles Villeneuve (oggi venerdì 10 giugno)

montreal_F1
Infophoto

Ferrari competitiva sia sul giro secco da qualifica che sul passo gara, Mercedes che continua ad avere sempre quel qualcosa in più per primeggiare: questo il verdetto della seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada, in programma sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve. In casa Mercedes, almeno il venerdì, il confronto lo ha vinto nettamente Lewis Hamilton che è stato decisamente più veloce del suo compagno di squadra Nico Rosberg, che nella simulazione del giro da qualifica è stato più lento anche di Sebastian Vettel. Per quanto riguarda il passo gara, Vettel ha effettuato 23 giri con lo stesso set di gomma ultra-soft, con tempi decisamente interessanti, ma ora bisogna vedere se la Rossa sarà in grado di replicare simili prestazioni anche domenica in gara, per non parlare della qualifica dove la Ferrari fa sempre molta fatica. In chiaroscuro Kimi Raikkonen, solamente ottavo nella classifica dei tempi e che è rimasto a lungo ai box, girando poco nella seconda metà della FP2. Leggermente più indietro le Red Bull che, a differenza di Montecarlo, non riescono a tenere il ritmo delle Mercedes. Classifica completa tempi fp2.

Lewis Hamilton è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere che si è appena conclusa sul circuito Gilles Villeneuve, sede del Gran Premio del Canada (settimo appuntamento del mondiale 2016 di Formula 1). Il britannico della Mercedes ha fermato il cronometro sull’1:14.212, precedendo la prima Ferrari di Sebastian Vettel (1:14.469) e la seconda Mercedes di Nico Rosberg (1:14.738). Più staccate le Red Bull con Verstappen quarto (1:15.155) e Ricciardo quinto (1:15.168), ancora più indietro l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen (1:15.234), ottavo e che non è riuscito a completare la simulazione del passo gara per un imprecisato problema tecnico. Per quanto riguarda il long run, la Mercedes ha dimostrato di avere il miglior passo gara, ma la Ferrari con Vettel è riuscita a fare 23 giri con la gomma ultra-soft su tempi soddisfacenti, leggermente più lente Red Bull e Williams. – 

Quando mancano solamente 15 minuti al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal intitolato a Gilles Villeneuve, non è cambiata la classifica dei tempi (Hamilton, Vettel, Rosberg, Verstappen e Ricciardo i primi cinque), poiché in questo momento i piloti stanno effettuando la simulazione del passo gara, come accade sempre nella seconda metà della FP2. Problemi per Kimi Raikkonen che, dopo essere andato piuttosto piano nella simulazione del giro secco da qualifica, non è riuscito a girare per il long run, mentre Sebastian Vettel con la gomma ultra-soft gira sull’1:18 basso, ma la resa alla distanza delle fucsia resta un’incognita. 

Sono passati 45 minuti dall’inizio della seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal intitolato a Gilles Villeneuve, davanti a tutti nella classifica dei tempi c’è Lewis Hamilton che con 1:14.212 ha fatto chiaramente capire di essere in palla, soprattutto nella simulazione del giro secco da qualifica con gomma fucsia (ultra-soft). Molto bene anche la Ferrari con Sebastian Vettel che accusa solamente 257 millesimi di ritardo nei confronti del britannico della Mercedes. Terzo tempo per l’altra Mercedes di Nico Rosberg, quarta e quinta la Red Bull con Verstappen e Ricciardo. 

Sono passati 15 minuti dall’inizio della seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal intitolato a Gilles Villeneuve, al momento il miglior tempo appartiene a Ricciardo (1:15.530) davanti a Vettel e al compagno di team Verstappen. In gran spolvero la Force India con Hulkenberg quarto e Perez quinto. Problemi di traffico per Lewis Hamilton che finora non è riuscito a far segnare tempi singificativi, realizzando comunque parziali record. 

Alle 20 ora italiana (le ore 14 in Canada) prenderà il via la seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal intitolato a Gilles Villeneuve. La Formula 1 torna in pista per la seconda volta oggi, e stavolta i piloti troveranno condizioni simili a quelle che si dovrebbero avere domenica in gara, se si corresse sull’asciutto. Solitamente, nella prima parte del FP2 i piloti effettuano la simulazione del giro secco da qualifica con i serbatoi vuoti e la mescola di gomme più performante (la ultra-soft), mentre nella seconda parte della sessione i team si concentreranno sul passo gara, con i vari tipi di gomma portati dalla Pirelli per questa trasferta nord-americana.  

Anche nel Gran Premio del Canada, esattamente come due settimane fa a Montecarlo, il meteo potrebbe giocare un ruolo chiave nella settima gara del mondiale 2016 di Formula 1. Per la giornata di oggi e di domani, la pioggia non dovrebbe disturbare il lavoro di team e piloti, in particolare per le qualifiche il tempo dovrebbe mantenersi buono e con temperature in rialzo rispetto alle prove libere odierne. Ma per il giorno della gara, le previsioni danno pioggia, anche se non intensa, per cui il rischio di trovare una pista quanto meno umida è piuttosto alto. Ricordiamo che, qualora la gara venisse dichiarata bagnata, non ci sarebbe più l’obbligo di usare due mescole diverse di gomme e le squadre sarebbero libere di adottare la tattica che vogliono per i loro piloti. 

La prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada 2016 a Montreal è stata piuttosto enigmatica, a differenza degli altri fine settimana i piloti non hanno girato moltissimo e quindi è difficile capire i veri valori di forza tra le varie squadre. L’unica certezza è rappresentata dalle Mercedes davanti a tutti, ma ormai questa è una costante quasi infallibile dall’inizio del 2014 a oggi. Hamilton sembra essersi finalmente svegliato dal letargo di inizio stagione e sta cominciando a girare più forte di Rosberg, che può comunque contare su un tesoretto invidiabile per la lotta al titolo. Non male le Ferrari, entrambe in top 5 con Vettel terzo e Raikkonen quinto, ma nelle prove libere le Rosse hanno sempre dimostrato di andare forte, il problema sono le qualifiche, in particolare la Q3 dove la Casa di Maranello soffre parecchio nel cercare il giro perfetto. Red Bull sottotraccia con Verstappen quarto e Ricciardo undicesimo, ma guai a sottovalutare i bibitari. 

Lewis Hamilton è stato il più veloce di tutti nella prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito di Montreal, che ospiterà la setima prova del mondiale 2016 di Formula 1. Il britannico della Mercedes con il tempo 1:14.755 ha messo in chiaro di essere tornato in forma e che la vittoria al Gran Premio di Monaco non è stata un caso fortuito. Subito dietro di lui l’altra Mercedes di Nico Rosberg (1:15.086) che ha realizzato il tempo con la gomma ultra-soft (fucsia). Terza posizione per la Ferrari di Sebastian Vettel (1:15.243), davanti alla Red Bull di Max Verstappen (1:15.553) e all’altra Rossa di Kimi Raikkonne (1:15.618). Bene la McLaren che ha portato una versione evoluta della power unit Honda con Alonso decimo (1:16.663) e Button dodicesimo (1:16.788), quest’ultimo rallentato però da alcuni problemi tecnici. La mescola di gomme più performanti sembra quella super-soft (rossa), che però non dovrebbe essere utilizzata in gara, salvo ripensamenti.

Quando mancano 15 minuti al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito Gilles Villeneuve a Montreal (settimo appuntamento del mondiale 2016 di Formula 1), le Mercedes sono tornate davanti a tutti con Hamilton che ha realizzato un 1:14.755 con il quale ha messo in riga tutti quanti, a partire dal compagno di squadra Rosberg che ha girato con gomma fucsia (mentre Hamilton ha usato le supersoft). Terzo tempo per la Ferrari di Sebastian Vettel, a seguire la Red Bull di Max Verstappen e l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Più indietro Daniel Ricciardo, a ridosso della top ten. In questa FP1 si è girato relativamente poco, soprattutto rispetto alle sessioni di prove libere degli altri gran premi. 

Sono passati 45 minuti dall’inizio della prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito Gilles Villeneuve a Montreal (settimo appuntamento del mondiale 2016 di Formula 1), davanti a tutti nella classifica dei tempi troviamo Kimi Raikkonen che con 1:161.38 precede la Red Bull di Max Verstappen e l’altra Ferrari di Sebastian Vettel. Non hanno ancora fatto registrare tempi significativi le Mercedes di Hamilton e Rosberg, che hanno comunque 45 minuti a disposizione per girare. Da segnalare l’uscita di pista di Felipe Massa che è andato a muro in curva 1 dopo aver perso il, Williams danneggiata ma nessun problema fisico per il pilota brasiliano che è uscito dalla macchina da solo. A causa di questo incidente, la FP1 è stata interrotta per circa dieci minuti. In ogni caso, finora i piloti stanno girando poco, l’attività in pista è stata tutt’altro che frenetica. 

Sono passati 15 minuti dall’inizio della prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito Gilles Villeneuve a Montreal (settimo appuntamento del mondiale 2016 di Formula 1), al momento l’unico pilota ad aver fatto segnare un tempo significativo è stato Nico Rosberg con 1:30.434, un giro comunque troppo lento per poter essere valutato con tutti i crismi. La maggior parte dei piloti si è limitata a fare un semplice giro d’installazione per verificare che le macchine fossero a posto, in questi primi 15 minuti di FP1 è successo davvero poco in pista, con la gran parte del lavoro che finora è stato svolto ai box. 

Alle ore 16 italiane (le 10 ora locale) comincerà la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Canada sul circuito Gilles Villeneuve a Montreal. La Formula 1 torna a far rombare i motori, e lo fa su una delle piste più difficili da interpretare di tutto il calendario 2016. Nei 90 minuti della FP1, i piloti cominceranno a prendere confidenza con il tracciato, con le macchine e con le gomme (la Pirelli ha portato tre mescole di gomme, soft, supersoft e ultrasoft, le stesse di Montecarlo) e a cercare il giusto compromesso per avere prestazioni soddisfacenti sia in termini di velocità di punta che di aerodinamica nei tratti più lenti. Le previsioni meteo non sono incoraggianti, in vista di prove libere e qualifiche la pioggia non dovrebbe dare noie ai piloti, ma probabilmente la gara di domenica sarà bagnata. 

Dopo due settimane di pausa, la Formula 1 torna in pista a Montreal per il Gran Premio del Canada in programma questa domenica sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve. Continua a tenere banco il grosso errore dei meccanici Red Bull che è costata la vittoria a Daniel Ricciardo nel Gran Premio di Monaco, il pilota australiano non è ancora riuscito a sbollire tutta la rabbia accumulata ed è sbarcato oltreoceano con il dente avvelenato nei confronti della sua squadra. Nel Quebec probabilmente verrà scritto un nuovo capitolo della guerra fratricida tra Hamilton e Rosberg, con il campione del mondo in carica che ha finalmente trovato la sua prima vittoria stagionale e ha cominciato la rimonta nei confronti del compagno di squadra, apparso in difficoltà sulle strade del Principato che lo avevano visto andare sempre fortissimo. Menzione a parte per le Ferrari, che in Canada portano una versione aggiornata della propria power unit con l’obiettivo di lottare per il successo, assieme a Mercedes e Red Bull. 

Dopo la brutta prestazione al Gran Premio di Montecarlo e al centro delle indiscrezioni riguardo al prossimo casco che indosserà nel campionato 2017 di Formula 1, Nico Rosberg per il momento vuole solo concentrarsi sull’impegnativa gara di questo weekend al circuito di Montreal, prova valida per il Gran Premio del Canada, settimo appuntamento del mondiale di F1. Il tracciato che questa mattina si andrà ad affrontare per le prime due sessioni di prove libere è molto impegnativo soprattutto a livello mentale per il pilota, ma Nico sembra piuttosto tranquillo, almeno a suo dire: “fisicamente non è una pista stressante, ma le parti del tracciato in frenato non sono le mie preferite e la mia concentrazione è tutta su quelle zone. I freni e la trazione sono settati alla perfezione: la velocità e l’equilibri dei pesi della vettura sono stati preparati apposta, per portare la macchina al limite”. Non resterà quindi che vedere come la Mercedes si è preparata a questo importante weekend: tra pochi minuti infatti la prima sessione di prove libere avrà inizio a Montreal,

-Tra i team che si lotteranno il Gran Premio di Formula 1 di Montreal c’è anche la Ferrari di Kimi Raikkonen. Il pilota della Ferrari, ormai alla sua tredicesima esperienza sul circuito canadese, settimo appuntamento di questo Mondiale di ha parlato così: “Ci sono dei pezzi nuovi e non li metteremo mai se non pensassimo portino dei miglioramenti. E’ difficile capire cosa aspettarci, la direzione è giusta ed era un po’ che aspettavamo questo aggiornamento al motore. Non ci aspettiamo nulla di magico, ma un progresso normale ed operativo per la Ferrari che mira a una direzione”. Il pilota finlandese poi spende alcune parole anche del suo futuro: “Non so nulla, voi siete sempre molto informati. La decisione non spetta a me sul rinnovo. Sono felice e spero di poter rimanere a stare qui per aiutare la Ferrari dove vogliamo come Team. Se sarà così anche in futuro lo vedremo”.

Uno dei fattori che si è sempre mostrato come decisivo per il Gran Premio di Montreal è proprio il meteo: il circuito canadese è una delle pista ormai considerate classiche, che hanno fatto la storia della Formula 1 e che ogni anno ed ad ogni Campionato di F1 ci regala sorprese continue. La pista è molto tecnica, dove motore e il feeling tra pilota e monoposte sono i fattori chiave per interpretare bene il complesso tracciato. Molto spesso però anche la strategia più raffinata è stata messa in crisi da violenti acquazzoni che hanno movimentato la gara. Fortunatamente le condizioni meteo di oggi si mantengono stabili, con cielo coperto ma con scarse probabilità di precipitazioni e temperature nella norma stagionale. Per fortuna il meteo dovrebbe mantenersi su queste indicazioni per tutto il weekend: ricordiamo infatti molto bene alcuni precedenti in cui le forti piogge avevano portato alla sospensione della gara, nei miglior dei casi. Nella gara era stata sospesa e poi ripresa con Sebastian Vettel in pole position, ma peggio era andata nel dove, sempre per la pioggia alla prima curva un grave incidente coinvolse le vetture di Jean Alesi, Alexander Wurz, Jhonny Herbert e Jarno Trulli. Ancor più triste è il ricordo del Gran Premio del 1982, quando il pilota italiano del Team Osella Riccardo Paletti perse la vita in un tragico incidente alla partenza. 

-Per Daniel Ricciardo della Red Bull, giunto in Canada per affrontare il Gran Premio di Montreal, settimo appuntamento del Mondiale di Formula 1, non è stata ancora digerita la delusione per il Gran Premio F1 a Monaco quando il suo team l’ha esposto per un errore tecnico a una brutta figura. Come mostrato da Sky Sport in conferenza stampa ha rivelato: “Ho avuto bisogno di qualche giorno per riprendermi, per sbollire. Dopo la gara non ero nelle condizioni di cercare una soluzione a qunato successo. Ho dovuto staccare per qualche giorno e poi abbiamo pensato a quello che era accaduto. Ho parlato con diverse persone del team e ci siamo spiegati per quanto era accaduto. Era importante sentire la loro spiegazione, ma la cosa più importante è voltare pagina e fare in modo che non si ripeta più“. Spiega poi nella corsa al Gp di Montreal: “C‘è sempre la possibilità, sarebbe un ottimo modo per riscattarmi. Realisticamente credo che la Mercedes sarà ancora la squadra da battare. Mi aspetto che noi possiamo essere i secondi, ma è dura. La Ferrari è lì a volte sorprendente a volte meno. Credo comunque che saremo il secondo team dietro la Mercedes. A quanto non lo so, speriamo di mettergli pressione e magari gli strappiamo la vittoria“.

La Formula 1 torna in diretta con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Canada 2016 sul circuito di Montreal, la settima gara del Mondiale 2016 che si disputa sull’isola di Notre Dame, che ospita la pista intitolata alla memoria di Gilles Villeneuve, uno degli appuntamenti più classici del calendario iridato. Si riaccendono i motori ed ecco dunque gli orari delle due sessioni in programma oggi, venerdì 10 giugno: come sempre, naturalmente il venerdì sarà dedicato alle prove libere. Bisogna evidentemente tenere conto delle sei ore di fuso orario che separano l’Italia dalla metropoli del Quebec, la maggiore città della regione francofona del Canada: si comincia dunque con la , che avrà inizio alle ore 16.00 italiane (le 10.00 di Montreal); si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle nostre ore 20.00 (le 14.00 locali) per la , la sessione più significativa perché si disputerà negli orari delle qualifiche di domani e della gara di domenica.

Montreal è sempre uno dei Gran Premi più attesi: il pubblico è numeroso e competente, il panorama è fra i più suggestivi dal momento che si corre nel parco creato sull’isola artificiale che era stata realizzata nell’immenso estuario del fiume San Lorenzo per ospitare i padiglioni dell’Expo 1967 e le gare di canottaggio delle Olimpiadi 1976, inoltre il circuito ha caratteristiche particolari. Potremmo azzardare a definirlo un mix fra Montecarlo e Monza, consapevoli che si tratta degli estremi opposti: d’altronde è un circuito cittadino e con ridotte vie di fuga come quello monegasco, ma ha anche poche curve e alte velocità come quello monzese.

Il Mondiale arriva in Canada con una situazione ancora incerta: la Mercedes è sempre davanti a tutti ma non sembra dominante come nelle scorse stagioni; inoltre anche all’interno delle Frecce d’Argento le gerarchie sono parzialmente cambiate, visto che Nico Rosberg è davanti a Lewis Hamilton (che però con la vittoria a Montecarlo ha drasticamente accorciato le distanze). Quanto alle inseguitrici, oltre alla Ferrari è tornata molto forte anche la Red Bull sia con Daniel Ricciardo – sfortunato sia al Montmelò sia a monaco, avrebbero potuto essere due vittorie per lui – sia con Max Verstappen, che ha tutti i difetti di un 18enne alle prime armi ma senza dubbio ha pure grande talento e coraggio, doti che da queste parti potrebbero far tornare in mente un certo Gilles Villeneuve.

Quanto alla Ferrari, per Maranello finora il Mondiale 2016 è senza dubbio rimasto sotto le aspettative, anche perché non sempre il Cavallino Rampante è riuscito a sfruttare al meglio le proprie possibilità, che certamente sarebbero maggiori di quelle che le classifiche e i risultati sembrerebbero indicare. Urge dunque al più presto una svolta, magari sul circuito che ai tempi di Michael Schumacher era diventato una sorta di ‘giardino di casa’ per la Ferrari, ma che da allora non ha mai più visto vincere una monoposto della Rossa. L’attesa per quanto succederà in questo weekend sta però per finire, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Canada 2016 di Formula 1 a Montreal sta per cominciare…

POS NO DRIVER CAR TIME GAP LAPS
1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:14.755   22
2 6 Nico Rosberg MERCEDES 1:15.086 +0.331s 30
3 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:15.243 +0.488s 22
4 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 1:15.553 +0.798s 29
5 7 Kimi Räikkönen FERRARI 1:15.618 +0.863s 23
6 77 Valtteri Bottas WILLIAMS MERCEDES 1:16.301 +1.546s 30
7 27 Nico Hulkenberg FORCE INDIA MERCEDES 1:16.464 +1.709s 24
8 55 Carlos Sainz TORO ROSSO FERRARI 1:16.543 +1.788s 21
9 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 1:16.577 +1.822s 25
10 14 Fernando Alonso MCLAREN HONDA 1:16.663 +1.908s 18
11 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 1:16.734 +1.979s 28
12 22 Jenson Button MCLAREN HONDA 1:16.788 +2.033s 8
13 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:17.008 +2.253s 22
14 19 Felipe Massa WILLIAMS MERCEDES 1:17.065 +2.310s 7
15 26 Daniil Kvyat TORO ROSSO FERRARI 1:17.310 +2.555s 24
16 21 Esteban Gutierrez HAAS FERRARI 1:17.319 +2.564s 24
17 12 Felipe Nasr SAUBER FERRARI 1:17.855 +3.100s 21
18 88 Rio Haryanto MRT MERCEDES 1:18.103 +3.348s 21
19 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 1:18.129 +3.374s 8
20 20 Kevin Magnussen RENAULT 1:18.409 +3.654s 13
21 94 Pascal Wehrlein MRT MERCEDES 1:18.453 +3.698s 30
22 30 Jolyon Palmer RENAULT 1:18.583 +3.828s 28


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori