James Allison, dimissioni / Ferrari, Mattia Binotto nuovo direttore tecnico: il saluto di Arrivabene (Formula 1, news)

- La Redazione

James Allison lascia la Ferrari, Formula 1: news, Mattia Binotto è il nuovo direttore tecnico della Rossa. L’ingegnere inglese lascia il team di Maranello dopo tre anni

allison_ferrari
James Allison, 48 anni, inglese (LaPresse)

Non è più il direttore tecnico della Ferrari, che da oggi -mercoledì 27 luglio 2016- volta pagina e promuove nel ruolo Mattia Binotto, fino a ieri responsabile della power unit per il team di Maranello. Sul sito internet ufficiale della Ferrari sono state riportate, assieme alla comunicazione di giornata, le parole con cui James Allison ha salutato la Rossa: “Negli anni passati in Ferrari, in due periodi distinti e con ruoli diversi, ho avuto modo di conoscere e apprezzare il valore della squadra e delle donne e degli uomini che ne fanno parte. A loro va il mio ringraziamento per questa grande esperienza professionale e umana. Auguro a tutti un futuro felice e pieno di soddisfazioni“. Dal canto suo il Team Principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene, ha ringraziato l’ex direttore tecnico per l’impegno ed il sacrificio profusi negli ultimi tre anni di lavoro insieme, augurandogli successo e serenità per i prossimi impegni. Negli ultimi mesi James Allison ha vissuto un momento difficilissimo a livello personale, dopo la morte della moglie avvenuta a marzo a causa di un improvviso attacco di meningite fulminante. Tra le cause della separazione con la Ferrari rientra anche la necessità di stare più vicino ai suoi tre figli Emily, Matteo e Jonathan.

Cambio in casa Ferrari: la scuderia di Maranello ha comunicato, tramite una nota sul proprio sito internet ufficiale, di aver interrotto il rapporto di lavoro con James Allison, che da tre anni ricopriva il ruolo di direttore tecnico del team. Al suo posto è stato promosso il responsabile della Power Unit Mattia Binotto. La collaborazione con James Allison è stata interrotta di comune accordo tra le parti: l’ingegnere inglese lascia una Ferrari in corsa per il secondo posto nel Mondiale costruttori e più in difficoltà nella classifica piloti, in cui Kimi Raikkonen (quarto con 114 punti) e Sebastian Vettel (quinto a quota 110) stanno lottando con i rivali della Red Bull per piazzarsi dietro alle inarrivabili Mercedes. Al posto di Allison quindi un uomo di famiglia come Mattia Binotto, che cercherà di coordinare in maniera efficace lo sviluppo della vettura in vista della stagione 2017. Ma a cominciare dal prossimo week-end in cui la Formula 1 tornerà di scena in Germania, sul circuito di Hockenheim in cui si correrà il dodicesimo Gran Premio del Mondiale 2016.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori