Diretta Formula 1/ F1 streaming video Sky e Rai prove libere live: Mercedes sempre al top con Hamilton

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 del Gp Brasile 2017 Interlagos: tempi e classifica delle due sessioni che aprono il weekend (oggi venerdì 10 novembre)

lewis hamilton festa formula 1
Formula 1 streaming video, Gp Ungheria 2019 (Foto LaPresse)

Si è appena conclusa sul circuito di Interlagos la seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile, penultimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. La Mercedes si conferma al top con entrambi i piloti, Lewis Hamilton ha messo tutti d’accordo in 1:09.515, a soli 48 millesimi di ritardo troviamo Valtteri Bottas (1:09.563) mentre in terza posizione si è inserito un redivivo Daniel Ricciardo (1:09.743), solamente quarta la prima delle Ferrari, quella di Sebastian Vettel (1:09.875). Max Verstappen (1:09.886) ha chiuso la FP2 con il quinto tempo davanti a Kimi Raikkonen (1:10.117), Esteban Ocon (1:10.306) è il primo dei non big e precede Massa (1:10.373), Hulkenberg (1:10.396) e Alonso (1:10.655). In fondo alla classifica troviamo Antonio Giovinazzi (1:12.417) che ha usato solamente la gomma gialla senza sfruttare la mescola più morbida, il pilota italiano non ha compiuto errori portando a termine il programma di lavoro che gli aveva affidato il team Haas. (agg. di Stefano Belli) Formula 1, in diretta in tempo reale le libere

MERCEDES SEMPRE AL TOP CON HAMILTON

Mancano quindici minuti al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile sul circuito di Interlagos, facciamo il punto della situazione. Accantonata la simulazione del giro secco da qualifica i piloti ora si stanno concentrando sulla ricerca del miglior passo gara, anche in questo caso la Mercedes dimostra di averne di più con Hamilton che gira costantemente sull’1:13 basso mentre Vettel si assesta sull’1:13 medio. La Red Bull parte fortissimo con Ricciardo per poi degradare gli pneumatici nel volgere di poche tornate, lavoro differenziato per Raikkonen che è tornato in pista calzando le soft e di conseguenza il suo ritmo è più lento rispetto agli altri che usano una mescola più morbida. Nel frattempo sono arrivate le nuvole a coprire il sole e a raffreddare la pista anche se per il momento sembra scongiurato il rischio pioggia. (agg. di Stefano Belli) 

LA MERCEDES DETTA IL PASSO

Ecco cosa è successo a Interlagos nell’ultima mezz’ora, mentre è in corso la seconda sessione di probe libere del Gran Premio del Brasile, penultimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Verstappen e Bottas continuano a sfidarsi sul giro secco finché non arriva Lewis Hamilton a mettere tutti d’accordo con un 1:09.792 che poi diventerà un 1:09.742. La Ferrari decide di tornare in pista con la gomma rossa, Raikkonen si migliora in 1:10.117 rimanendo dietro alle due Frecce d’Argento. Le temperature più alte rispetto alla FP1 impediscono di abbassare sensibilmente i tempi utilizzando una mescola più morbida, anche Vettel non va oltre la terza posizione e lo stesso Bottas abbassa di appena tre decimi il suo riferimento cronometrico, ancora più risicato il delta per Hamilton che se non altro torna davanti in classifica con un 1:09.515. Torna a dare segnali di vita anche Daniel Ricciardo che si porta a 228 millesimi da Hamilton, mentre Ericsson assaggerà le barriere senza danneggiare seriamente la sua Sauber. (agg. di Stefano Belli) 

VERSTAPPEN E BOTTAS PIU’ VELOCI DELLE FERRARI

Nel primo quarto d’ora della FP2 il primo big a scendere in pista sul circuito di Interlagos che ospiterà il Gran Premio del Brasile di Formula 1 è Sebastian Vettel che con gomma gialla fa segnare un 1:10.775, sfruttando la pista più gommata Raikkonen alza l’asticella in 1:10.450, si tratta in ogni caso di tempi piuttosto alti considerando le migliori prestazioni ottenute nella mattinata brasiliana. E infatti quando scendono in pista anche Mercedes e Red Bull cambia nuovamente il leader della classifica con Verstappen (1:10.280) che si assicura il primato per qualche istante prima di essere scalzato per appena 10 millesimi da Valtteri Bottas. In tutto ciò non si è ancora fatto vedere Lewis Hamilton che solamente adesso è uscito dai box per lanciarsi nella sua prima simulazione del giro di qualifica. In via del tutto eccezionale Antonio Giovinazzi girerà in questa sessione di prove libere con la Haas di Kevin Magnussen. (agg. di Stefano Belli) 

VIA ALLA FP2

Alle ore 17.00 italiane (le 14 locali) i bolidi di Formula 1 si appresteranno a tornare in pista per la seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile, in programma questo fine settimana sul circuito di Interlagos. Solitamente i 90 minuti della FP2 vengono utilizzati per un duplice scopo: simulare il giro secco da qualifica e testare il passo gara con diversi quantitativi di benzina e utilizzando più mescole di pneumatici. Tutto questo a patto che le condizioni atmosferiche lo consentano, nella mattinata brasiliana il sole ha illuminato la pista ma le previsioni meteo non escludono un repentino peggioramento con l’addensarsi di nubi che potrebbero portare anche un po’ di pioggia. In tal caso il piano di lavoro delle dieci squadre rischierebbe di essere stravolto con la conseguenza di non poter raccogliere tutti i dati necessari per interpretare al meglio il comportamento delle macchine e valutare la strategia migliore per le giornate successive. (agg. di Stefano Belli) 

ALTRO WEEKEND DIFFICILE PER LA TORO ROSSO

Si prospetta un altro fine settimana difficile per la Toro Rosso: la Scuderia di Faenza sta attraversando una fase di transizione che culminerà nel 2018 con il passaggio dalla power-unit Renault a quella Honda, ma già nel corso di quest’anno è stata stravolta la line-up di piloti. La stagione di Formula 1 è cominciata infatti con la coppia Sainz-Kvyat e con ogni probabilità finirà con Gasly e Hartley, entrambi debuttanti e ancora a quota zero punti. Il campione 2016 della GP2 non aveva sfigurato nel confronto con Sainz prima che il pilota spagnolo approdasse alla Renault mentre il neozelandese, dopo aver portato a termine la gara di Austin (dietro a Kvyat che nonostante il decimo posto è stato appiedato dal management Red Bull), si è dovuto ritirare in Messico a causa del cedimento del propulsore, una costante inquietante per la Toro Rosso in questi ultimi appuntamenti. Inoltre è probabile che qui in Brasile sia Gasly che Hartley andranno incontro a nuove penalità per le sostituzione di alcuni componenti la power-unit e quindi saranno costretti a partire dal fondo a prescindere dai risultati che otterranno nelle qualifiche. (agg. di Stefano Belli) 

MIGLIOR TEMPO PER HAMILTON DAVANTI A BOTTAS

Lewis Hamilton è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere sul circuito di Interlagos che ospiterà il Gran Premio del Brasile di Formula 1. Con il quarto titolo in tasca il britannico della Mercedes ha fermato il cronometro sull’1:09.202 rifilando 127 millesimi al compagno di squadra Valtteri Bottas (1:09.329), Mercedes inattaccabile sul giro singolo come dimostra il mezzo secondo di ritardo accusato da Kimi Raikkonen (1:09.744) che ha ottenuto il terzo tempo davanti a Verstappen (1:09.750), Ricciardo (1:09.828) e Vettel (1:09.984). Da segnalare il settimo posto di Felipe Massa (1:10.102) che vuole congedarsi dal suo pubblico nel migliore dei modi, completano la top 10 Vandoorne (1:10.402), Ocon (1:10.454) e Alonso (1:10.476). Buon dodicesimo tempo per il debuttante George Russell (1:11.047) che ha saputo subito adattarsi alla Force India rimanendo alla larga dai pericoli e non commettendo errori, Renault in difficoltà con Sainz (1:11.467) e Hulkenberg (1:11.608) rispettivamente in quindicesima e sedicesima posizione, crisi nera per la Toro Rosso che ha chiuso dietro anche alle Sauber di Leclerc (1:11.802) ed Ericsson (1:11.898). Gasly ha girato poco mentre Hartley non è riuscito nemmeno a fare il tempo per la rottura della power-unit Renault. (agg. di Stefano Belli) 

HAMILTON E BOTTAS VELOCISSIMI, GLI ALTRI BIG DIETRO

Mancano solamente quindici minuti al termine della prima sessione di prove libere sul circuito di Interlagos, che ospita il Gran Premio del Brasile di Formula 1. Riassunto degli ultimi 30 minuti: i due piloti Mercedes tornano in pista con gomma rossa, Bottas fa segnare un 1:09.329 che gli consente di tornare momentaneamente davanti a Hamilton che per tutta risposta gli rifila oltre un decimo. Le Frecce d’Argento rimangono inavvicinabili per il resto della compagnia, Kimi Raikkonen e Max Verstappen contengono il ritardo entro il mezzo secondo, a seguire gli altri big con Verstappen che precede Ricciardo e Vettel. In settima posizione troviamo invece Felipe Massa che continua a realizzare tempi interessanti. Pur trattandosi della FP1 non mancano le scintille in pista, un po’ di storie tese soprattutto tra Hulkenberg e Hamilton che hanno un’incomprensione, a farne – relativamente – le spese è il britannico che viene spinto sull’erba dal tedesco della Renault, i due avranno comunque modo di chiarirsi al termine della sessione. (agg. di Stefano Belli)

LA MERCEDES FA IL VUOTO CON LA GOMMA GIALLA

Andiamo a riassumere quanto accaduto nell’ultima mezz’ora a Interlagos dove è in corso la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile, penultima tappa del mondiale 2017 di Formula 1. Brendon Hartley sembra avere un rapporto conflittuale con la power-unit della sua Toro Rosso, mentre il pilota neozelandese si stava lanciando è cominciato a uscire del fumo dal retrotreno che col passare dei secondi è diventato sempre più denso, Hartley è stato costretto a fermare la macchina a pochi metri dall’ingresso in pit lane. Nel frattempo Sebastian Vettel con gomma rossa fa segnare un 1:10.321 che lo porta a 219 millesimi da Valtteri Bottas che risponde al tedesco scendendo sotto l’1:10, arriva Lewis Hamilton a mettere tutti d’accordo in 1:09.445 con gomma gialla: prepariamoci perché questo weekend il record della pista verrà aggiornato svariate volte (pioggia permettendo, ed è prevista per tutta la giornata di domani). Alla sua ultima gara di casa Felipe Massa ci tiene particolarmente a fare bella figura e girando con una Williams scarica di benzina sale in terza posizione, dietro solamente alle due Frecce d’Argento che nel frattempo stanno facendo il vuoto. (agg. di Stefano Belli) 

BOTTAS PIU’ VELOCE DI VERSTAPPEN

Da circa un quarto d’ora è in corso sulla pista di Interlagos la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile, penultimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Nei primi minuti i piloti si limitano a effettuare qualche installation lap, in particolare Leclerc e Russell che in questa FP1 guideranno le macchine, rispettivamente, di Wehrlein e Perez. Max Verstappen è il primo a stampare un tempo significativo in 1:12.253 con gomma rossa, al secondo passaggio l’olandese si migliora in 1:11.491 e al terzo alza l’asticella in 1:10.959. Valtteri Bottas, pur utilizzando una mescola meno performante, migliora di 139 millesimi la prestazione del portacolori della Red Bull, cosa che invece non riesce a fare Daniel Ricciardo che gira un secondo e mezzo più piano. Siamo solamente al venerdì mattina, è ancora prematuro dire che i big stiano facendo sul serio, i due piloti Ferrari ad esempio non sono nemmeno usciti dai box. (agg. di Stefano Belli) 

VIA ALLA FP1

Sul circuito di Interlagos è tutto pronto per l’inizio della prima sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile, penultimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Alle ore 13.00 italiane (le 10 locali) si accenderanno i motori per i 90 motori della FP1 che servirà ai piloti per prendere confidenza con il tracciato e studiare il comportamento delle gomme. In questo fine settimana la Pirelli ha messo a disposizione dei team le seguenti mescole: medium (bianca), soft (gialla) e super-soft (rossa), una classica via di mezzo in cui sono stati sacrificati i compound più duri (hard) e morbidi (ultra-soft). Occhio anche al meteo, le previsioni non escludono infatti che possa venire a piovere durante la giornata, l’augurio è che il maltempo non possa interferire con il programma di lavoro prestabilito dalle varie squadre.  (agg. di Stefano Belli) 

I TEAM PENSANO GIA’ AL 2018

Sul circuito di Interlagos, dove il circus della Formula 1 sta per disputare il penultimo gran premio della stagione, si respira già aria di 2018: con i due titoli iridati assegnati a Lewis Hamilton e alla Mercedes, i team stanno pensando all’anno prossimo. L’unico realmente interessato a migliorare la propria classifica è Valtteri Bottas, il finlandese ha infatti messo nel mirino il secondo posto nella classifica piloti di Sebastian Vettel che dopo aver visto miseramente sfumare i suoi sogni di gloria ora deve difendere la propria posizione per scongiurare una doppietta Mercedes nella graduatoria finale per il quarto anno consecutivo. La Red Bull, con la rivoluzionaria power-unit Renault (che promette di essere grande protagonista nel 2018), proverà a bissare il successo di Verstappen in Messico, l’olandese sta attraversando un periodo eccezionale, a differenza del compagno di squadra Daniel Ricciardo che improvvisamente sembra essere diventato un ripiego per la scuderia anglo-austriaca che non ha fatto mistero di puntare tutte le sue fiches sul figlio di Jos per i campionati a venire. (agg. di Stefano Belli) 

GLI ORARI DEL VENERDI’

La Formula 1 oggi, venerdì 10 novembre, torna protagonista con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Brasile 2017 in diretta dal circuito di Interlagos a San Paolo, dove domenica si correrà il diciannovesimo e penultimo appuntamento del Mondiale 2017 di Formula 1. La prima annotazione è doverosamente riservata agli orari, che saranno condizionati dalle tre ore di fuso orario che separano l’Italia dalla metropoli brasiliana. Ecco dunque quando si svolgeranno le due sessioni in programma oggi: la FP1 avrà inizio alle ore 13.00 italiane del pomeriggio, quando in Brasile saranno invece solamente le 10.00; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 17.00 per la FP2 (le 14.00 locali), la sessione più significativa perché si disputerà alla stessa ora della gara di domenica sul tracciato dell’Autodromo dedicato alla memoria di José Carlos Pace, una tappa fra le più tradizionali del Mondiale di Formula 1. Il pubblico è sempre numeroso e appassionato, con un occhio di riguardo naturalmente per l’idolo di casa Felipe Massa (al passo d’addio) ma grande tifo per tutti, a partire dalle Ferrari che pure in Brasile hanno molti sostenitori. Si spera in un grande spettacolo, favorito anche dal fatto che la tensione per i due titoli iridati è ormai svanita.

FORMULA 1, DOVE VEDERLA IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV

Le sessioni di oggi saranno trasmesse su Sky Sport F1 HD, canale numero 207 della piattaforma satellitare Sky, che detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della Formula 1. Inoltre va detto che per questo Gran Premio la Rai non potrà trasmettere in tempo reale tutte le varie sessioni che caratterizzeranno questo evento, perché il Gp Brasile 2017 non è compreso nel pacchetto delle corse che potremo vedere in chiaro in tempo reale in chiaro. Anche in questa occasione la telecronaca Sky di tutti gli eventi è affidata a Carlo Vanzini, affiancato da vari commentatori fra i quali Marc Gené, la voce dall’interno dei box Ferrari. Inviata ai box sarà Mara Sangiorgio, mentre la rubrica Paddock Live che farà da filo conduttore alla giornata sarà come sempre condotta da Federica Masolin. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione SkyGo.

GLI APPUNTAMENTI IN CHIARO

Per quanto riguarda la tv in chiaro, come detto sulla Rai in questo weekend non potremo seguire tutto in tempo reale. Per quanto riguarda le due odierne sessioni di prove libere, appuntamento per la FP1 alle ore 18.40 e per la FP2 alle ore 23.30, in entrambi i casi su Rai Sport + HD (canale numero 57 del telecomando, disponibile anche al numero 5057 della piattaforma satellitare Sky) per seguire il racconto di tutto quello che succederà oggi sul circuito con la telecronaca di Gianfranco Mazzoni e il commento tecnico di Ivan Capelli. Lo streaming della Rai sarà come sempre garantito dal sito Internet ufficiale www.raiplay.it. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, gli account @Formula 1 e @F1. 

FOCUS MERCEDES

Lewis Hamilton infatti ha ormai matematicamente vinto il Mondiale: la Mercedes da Singapore in poi ha tenuto un passo insostenibile per la Ferrari, anche se forse più per gli errori e le sfortune di Maranello che per gli effettivi meriti di Stoccarda, come ad esempio dimostra il rendimento di Valtteri Bottas, in evidente calo dopo la pausa estiva dopo un’ottima prima parte di stagione, a parte il secondo posto di Città del Messico in una gara comunque condizionata dagli eventi di un convulso primo giro. Dopo Monza, le due gare più convincenti in termini di prestazioni per la Mercedes sono state Suzuka e Austin, entrambe non a caso vinte da Hamilton: tanto è bastato, sfruttando al massimo tutte le incertezze della Ferrari, per vincere con enorme anticipo prima il Mondiale Costruttori negli Stati Uniti e poi anche il titolo del Mondiale Piloti in Messico, nonostante il nono posto in gara di Hamilton. In ottica futura però di certo un campanello d’allarme sarà scattato: Ferrari e anche Red Bull (come ha dimostrato nelle ultime gare) sono più vicine e nel 2018 la lotta potrebbe essere ancora più avvincente.

FOCUS FERRARI

La Ferrari è l’altra faccia della medaglia: sia a Singapore sia a Sepang è apparsa più veloce della Mercedes, ma non ha raccolto praticamente nulla così come poi a Suzuka a causa del ritiro di Sebastian Vettel dopo pochi giri, salutando ogni speranza di vincere qualcosa in questo 2017 che pure resta largamente positivo per la Rossa. L’ultima delusione è arrivata in Messico: grande pole position di Vettel al sabato, poi però alla domenica ogni ambizione è svanita già alla prima curva, tanto che Hamilton si è permesso il lusso di conquistare la matematica certezza del titolo nonostante il nono posto sul traguardo. Inutile piangere sul latte versato: bisognerà ripartire dagli enormi miglioramenti mostrati quest’anno, facendo però naturalmente tesoro anche degli errori e dei guasti che hanno impedito di lottare fino alla fine per un obiettivo che fino a Monza sembrava concretamente realizzabile. Ci si attende da parte della Ferrari una reazione, magari per tornare alla vittoria che in Brasile manca dal 2008, anno del trionfo con beffa finale per Felipe Massa. L’auspicio è che possa essere grande protagonista anche Kimi Raikkonen, che torna sul luogo della memorabile impresa nel 2007, che rimane nei cuori di tutti i tifosi della Ferrari. L’attesa per quanto succederà in questo stuzzicante weekend sta finalmente per finire, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Brasile 2017 di Formula 1 a Interlagos sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori