Pronostico Formula 1/ Gran Premio del Brasile Interlagos: il punto di Pierluigi Martini (esclusiva)

- int. Pierluigi Martini

Pronostico Formula 1: intervista esclusiva a Pierluigi Martini in vista del Gran Premio del Brasile 2017. Annunciato il ritiro dalla F1, Massa saluterà il suo pubblico a Interlagos.

felipe_massa_williams_lapresse_2017
Diretta Formula E: atteso il debutto di Felipe Massa (LaPresse)

PRONOSTICO FORMULA 1. Penultimo appuntamento del campionato 2017 della Formula 1: il circus in questo weekend fa tappa sulla pista di Interlagos per disputare il Gran Premio del Brasile e benché i titoli mondiali siano già stati distribuiti, di certo non mancheranno comunque le sorprese. Proprio qui Felipe Massa dovrebbe salutare per ultima volta il suo pubblico prima del ritiro ufficiale dal mondo della F1: il brasiliano però non  sarà l’unico protagonista atteso. Ancora una volta a rubare la scena stanno i grandi nomi di questa stagione della Formula 1 che si sta chiudendo, da Hamilton a Vettel fino ai due alfieri della Red Bull Verstappen e Ricciardo, che vorranno chiudere la stagione con un altro successo. Per presentare il Gran Premio del Brasile 2017 abbiamo sentito Pierluigi Martini: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Come vede questo Gran Premio del Brasile? Dovrebbe essere una gara abbastanza tranquilla ora che ormai la gara per il titolo è praticamente finita!

La Mercedes e Lewis Hamilton ancora favoriti? Penso che più che altro la Mercedes e Hamilton ci tengano a dimostrare di essere ancora più forti anche in Brasile. Hamilton comunque non avrà l’assillo del risultato.

Si aspetta Vettel e la Ferrari pronti a dimostrare tutto il loro valore? Credo che la Ferrari parta favorita a Interlagos e possa vincere.

Red Bull in crescita, Verstappen potrebbe vincere la gara? Anche la Red Bull potrebbe disputare una grande gara, con Verstappen protagonista. Il pilota olandese potrebbe così puntare al successo.

Marchionne ha detto che dal 2021 la Ferrari potrebbe lasciare il circus: non sono piaciute le nuove linee guida sulla Power Unit e la standardizzazione di alcuni elementi. Secondo lei questa mossa  potrebbe permettere l’ingresso di nuovi costruttori o porterà all’ appiattimento della concorrenza?  Intanto penso che l’ingresso di nuovi costruttori potrebbe permettere un maggiore spettacolo, con queste nuove regole uguali per tutti. Poi certo la Ferrari e in questo caso Marchionne come imprenditore non potrebbero essere contenti. Perderebbero il loro vantaggio, che hanno anche con la ricerca che fanno in modo continuo. E’ anche vero che i proprietari attuali della Formula 1 fanno bene a fare questa scelta per rendere più interessante il Mondiale.

La Ferrari quindi potrebbe veramente ritirarsi dalla Formula 1? Si potrebbe arrivare a un accordo tra la Ferrari e la Liberty e la rossa potrebbe far risaltare la sua forza di grande costruttore di Formula 1. Poi c’è anche un’altra cosa importante da non sottovalutare, da qui al 2021 ci saranno ancora quattro anni e potrebbero succedere tante cose. Aspettiamo ancora quindi a dire come andranno veramente le cose!

Felipe Massa ha annunciato il suo ritiro e domenica saluterà il pubblico di casa: il brasiliano lascerà veramente il circus? E’ possibile un suo ingresso in Formula E? Per quanto riguarda il suo ritiro dalla Formula 1 sono cose che sa solo lui! Sinceramente poi non so quanto gli convenga passare dalla Formula 1 alla Formula E.

Quali sono le caratteristiche del circuito di Interlagos? E’ un circuito misto veloce, difficile quando piove, che si può ben guidare in condizioni non impossibili di tempo. Sono molto importanti poi i pit stop.

Cosa si aspetta dalla prossima stagione? Una lotta per il titolo tra Mercedes, Ferrari e Red Bull con il possibile inserimento come outsider della McLaren col motore Renault.

Ci potrebbe essere qualche sorpresa nel mercato piloti?  Sinceramente mi auguro che un giorno un pilota della classe di Verstappen possa guidare la Ferrari. Lui e Hamilton sono i piloti migliori della Formula 1!

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori