DIRETTA/ Formula 1 F1, qualifiche e griglia di partenza: il punto sul GP (Bahrain 2017)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 F1 qualifiche e FP3 live e griglia di partenza Gp Bahrain 2017 Sakhir: la cronaca e i tempi delle sessioni per la pole position (oggi sabato 15 aprile)

formula1_generica_australia_lapresse_2016
Pronostico Formula 1 - LaPresse

La griglia di partenza del Gp del Bahrain di Formula 1 evidenzia un fatto fondamentale. Le Mercedes hanno potenziale, e un potenziale in atto, tale da poter dar vita anche quest’anno a un mondiale “monomarca”. Più ancora che per la vettura, il setting da sistemare è quello dei piloti e della scuderia. Dell’errore costato la vittoria nello scorso GP non c’è molto altro da dire se non che è quasi impossibile si ripeta a meno di condizioni del tutto eccezionali. Dei piloti possiamo dire che Lewis Hamilton si è espresso sotto il proprio potenziale anche in questa sessione di qualifiche, ma non c’è da parlar di crisi, quanto di un pizzico di malasorte. L’analisi degli intertempi è sufficiente per scoprire che avrebbe saldamente ottenuto il giro più veloce se fosse riuscito a mettere tutti i suoi parziali record in un unico giro perfetto. Così non è stato, ma è solo questione di tempo. Per Bottas il discorso è diverso: dategli in mano una supercar come la Mercedes e concedetegli almeno un Gp per capire come funziona. Fatto. E ora ecco la pole position in griglia di partenza. Vettel ci prova, al pari di Raikkonen, ma la Rossa tradisce (dobbiamo capire se per quel fuoco in più nel motore saremo costretti a pagare lo scotto di una anima infedele per tutto il campionato). E così pesa come un masso quel mezzo secondo dalle Mercedes, senza contare che le Red Bull sembrano aver capito dove trovare il bandalo per sbrogliare la loro matassa. Forse non sarà in questo Gran Premio, ma c’è da credere che non ce ne metteranno ancora molti.

Prima gioia per Valtteri Bottas, che ha conquistato la pole position nel Gran Premio del Bahrain 2017, la prima della sua carriera. A sorpresa il successore di Nico Rosberg ha beffato Lewis Hamilton, che si deve accontentare del secondo posto. Prima fila tutta Mercedes dunque domani. Non può essere soddisfatta la Ferrari, che non ha dato il massimo nella parte finale della Q3: Sebastian Vettel ha chiuso al terzo posto con mezzo secondo di ritardo, mentre Kimi Raikkonen partirà quinto sulla griglia di partenza, perché Daniel Ricciardo si è preso l’ultimo posto disponibile della seconda fila con soli 22 millesimi di vantaggio. Terza fila, dunque, per il pilota finlandese, che partirà davanti a Max Verstappen. Settimo tempo Hulkenberg, che può regalarsi un gran bel weekend, mentre all’ottavo posto c’è Felipe Massa. Soddisfatto Romain Grosjean del suo nono posto, considerando com’era cominciato per lui il weekend. E lo stesso potremmo dire di Joylon Palmer, che ha conquistato un buon decimo tempo. (agg. di Silvana Palazzo)

Va in archivio anche la Q2 delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain 2017 e comincia finalmente l’azione sulla pista di Sakhir. Il testa a testa tra Mercedes e Ferrari sta entusiasmando i rispettivi tifosi. Hamilton, Bottas e Vettel sono racchiusi in 61 millesimi e ciò la dice lunga sul margine che c’è in questo momento tra le due scuderie. Al quarto posto Kimi Raikkonen, che finalmente sembra trovarsi a suo agio a bordo della sua monoposto. A sorpresa subito dopo Mercedes e Ferrari si piazza Nico Hulkenberg, che ha sopravanzato le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. La sensazione che le Frecce d’Argento e il Cavallino stessero giocando a nascondino nelle prove libere è stata confermata dai tempi delle qualifiche, dove è stato ristabilito il margine con le Red Bull. Al Q3 sono passati anche Felipe Massa, Romain Grosjean e Joylon Palmer. Divertente il team radio del francese, protagonista di un weekend altalenante: problemi e incidenti, poi la sorprendente qualificazione in Q3 con il nono tempo. Continua la crisi della McLaren: Fernando Alonso non ha neppure girato per cercare l’accesso nell’ultima fase delle qualifiche a causa di nuovi problemi della sua monoposto. Ora, dunque, comincia la caccia alle qualifiche: la Q3 ha inizio! (agg. di Silvana Palazzo)

La Q1 è appena terminata, quindi tra poco si passerà alla seconda fase delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain 2017. Sta per cominciare la Q2, ma prima bisogna ricapitolare quanto accaduto poco fa sulla pista di Sakhir. Partiamo da chi non può essere contento: esclusi dalla Q2 Carlos Sainz, Stoffel Vandoorne, Sergio Perez, Marcus Ericsson e Kevin Magnussen. Ha chiuso in vetta alla classifica la Q1 Lewis Hamilton, davanti a Max Verstappen e le due Ferrari. Kimi Raikkonen ha tolto il terzo posto a Sebastian Vettel, solo quinto Valtteri Bottas, tallonato da Nico Hulkenberg. Settimo Felipe Massa, buon ottavo posto di Jolyon Palmer, mentre  Daniil Kvyat è nono, davanti a un finora deludente Daniel Ricciardo, che chiude la top ten. Undicesimo Romain Grosjean, dietro Lance Strool, Esteban Ocon, Pascal Wehrlein e Fernando Alonso. Il pilota della McLaren si è qualificato in extremis alla Q2. Ora, dunque, torna l’azione: la seconda fase delle qualifiche può cominciare! (agg. di Silvana Palazzo)

Il Q1 volge al termine e la classifica parla già chiaro, quindi facciamo il punto della situazione sulla prima parte delle qualifiche del Gran Premio del Bahrein 2017. Valtteri Bottas ha fatto registrare la miglior prestazione del weekend, partendo con il tempo Bottas 1:31.041, ma Lewis Hamilton lo ha subito preceduto, girando in 1:30.814. Il sostituto di Nico Rosberg è stato poi sorpassato da Max Verstappen e Sebastian Vettel, rispettivamente a +0.090 e +0.223 dal pilota britannico. Non va forte Kimi Raikkonen nel suo primo giro in Q1: il gap di 869 millesimi gli vale il settimo posto. Quinto Massa con 559 millesimi di gap, segue Daniel Ricciardo, che sta evidenziando qualche difficoltà in questo weekend. Dietro Raikkonen, invece, Nico Hulkenberg e Daniil Kvyat, mentre Carlos Sainz chiude la top ten momentanea. Questa classifica, però, è destinata a cambiare nei prossimi minuti. (agg. di Silvana Palazzo)

È arrivato il momento tanto atteso: si comincia con le qualifiche nel Gran Premio del Bahrain! In questa fase, dunque, prenderà forma la griglia di partenza per la gara di domani. Chi partirà in pole position tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel? Le sorprese sono dietro l’angolo: lo ha dimostrato Max Verstappen, che ha chiuso in vetta la FP3, facendo registrare un tempo molto interessante. La Red Bull ha dimostrato di poter allargare la corsa nel Mondiale di Formula 1, ma bisognerà confermare quanto di buono fatto nell’ultima sessione delle prove libere con un’ottima prestazione nelle qualifiche. La Ferrari, invece, si aspetta risposte da Kimi Raikkonen, che in questa fase iniziale della stagione ha dimostrato di avere scarso feeling con la sua monoposto. Discorso simile per Valtteri Bottas, che però ha riscontrato meno problemi del pilota finlandese finora. Sulla pista di Sakhir, dunque, si fa sul serio: è tempo di disegnare la griglia di partenza per domani. (agg. di Silvana Palazzo)

Le FP3 del Gran Premio del Bahrain non sono molto indicative, visto che non si disputano nello stesso orario di qualifiche e gara, ma sono state comunque utili per raccogliere altri dati. L’azione in pista è cominciata nella parte finale della sessione: i piloti si sono dedicati alle simulazioni della qualifica e c’è stato tempo anche per le prove di partenza, visto che in questa stagione è più difficile effettuare i sorpassi a causa del nuovo regolamento. La Red Bull ha ridotto il gap e, infatti, Max Verstappen e Daniel Ricciardo hanno mostrato un passo gara interessante, soprattutto con le Supersoft. Nonostante il primo tempo registrato dal pilota olandese, è però difficile pensare che possano dare filo da torcere a Mercedes e Ferrari nella prossima gara del Mondiale di Formula 1. Attenzione, però, ai problemi ai freni registrati da Lewis Hamilton. Ieri ne ha avuti la Scuderia di Maranello, ma di altra natura (Vettel, ad esempio, alla centralina), oggi invece hanno avuto il loro bel da fare i meccanici delle Frecce d’Argento. FP3 da dimenticare, invece, per Romain Grosjean, che ha avuto problemi di sovrasterzo con la sua VF17 e poi è finito a muro dopo essere finito sullo sporco. Dopo l’incidente da bandiera rossa ha chiuso al diciannovesimo posto. Peggio di lui Marcus Ericsson e Joylon Palmer, ma non c’è da consolarsi. (agg. di Silvana Palazzo)

Si è conclusa la FP3 del Gran Premio del Bahrain 2017 e a sorpresa il tempo migliore è quello di Max Verstappen, autore di un bel giro. Il pilota della Red Bull ha, infatti, chiuso in 1:32.194, sistemandosi davanti a Lewis Hamilton, che ha fatto registrare un distacco di 110 millesimi. Sebastian Vettel ha soffiato il terzo posto a Valtteri Bottas per quattro millesimi: 1:32.750 per il pilota della Ferrari. Quinto, invece, Kimi Raikkonen a +0.591 da Verstappen. Bel sesto posto per Felipe Massa, che si è piazzato davanti all’altra Red Bull, quella di Daniel Ricciardo. Buono anche il tempo di Nico Hulkenberg, ottavo, mentre il compagno della Renault, Joylon Palmer è finito all’ultimo posto. Il tedesco, dunque, ha chiuso davanti alle due Toro Rosso: Carlos Sainz e Daniil Kvyat hanno chiuso la top ten. Ora l’attenzione è tutta rivolta alle qualifiche, nelle quali ci si gioca la pole position per il Gran Premio del Bahrain. (agg. di Silvana Palazzo)

Bandiera rossa durante l’ultima sessione di prove libere: l’incidente di Romain Grosjean ha portato alla temporanea sospensione della FP3. Il pilota della Haas è finito lungo sullo sporco e ha, quindi, perso il controllo della monoposto, finita poi a muro. Finora, però, le Ferrari non si sono fatte vedere sulla pista di Sakhir: la Scuderia di Maranello sta aspettando gli ultimi minuti della FP3 per uscire, in modo tale da girare con una temperatura più vicina a quella che ci sarà nelle qualifiche. Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen vogliono, dunque, mettersi alla prova quando le condizioni sono simili a quelle che si avranno quando in gioco ci sarà la pole position. E, infatti, ora i due ferraristi sono scesi in pista per far registrare i primi tempi e raccogliere così le indicazioni per la prossima fase. Per ora è primo Raikkonen in 1:32.785, segue Verstappen in 1:33.249 e Sebastian Vettel 1:33.570 (agg. di Silvana Palazzo)

Inizio a rilento per la FP3, ultima sessione di prove libere del Gran Premio del Bahrain 2017, ma ci sono già prime indicazioni suoi tempi. Partiamo da Lewis Hamilton, che ha visto fumare i suoi freni: immediato l’intervento dei meccanici della Mercedes per far abbassare la temperatura. Il pilota britannico non ha, quindi, terminato il primo giro. Tornato ai box, ha lasciato la monoposto al team: il problema non sembra legato alle alte temperature della pista, anche perché sarebbero più basse rispetto a ieri. Problemi, dunque, per le Frecce d’Argento? Ora i meccanici sono al lavoro per verificare il problema e risolverlo, così da permettere ad Haimlton di tornare in pista. Intanto Carlos Sainz ha fatto registrare finora il miglior tempo: 1:34.219. Dietro le due Force India: Ocon a +0.196 e Perez a +0.650. Quarta la Williams di Stroll, ma cresce l’attesa per l’entrata in pista delle Ferrari. (agg. di Silvana Palazzo)

Si fa sul serio a Sakhir, dove si tiene il Gran Premio del Bahrain 2017: oggi il programma prevede l’ultima sessione di prove libere, le , e le qualifiche per il terzo appuntamento del Mondiale di Formula 1. Il grande caldo caratterizzerà il nuovo round, ma i piloti dovranno dare comunque il massimo per conquistare il miglior piazzamento possibile. Dopo la prima giornata di prove libere è emerso che sarà ancora sfida tra Mercedes e Ferrari, ma le sorprese sono dietro l’angolo. Da non sottovalutare, infatti, la Red Bull. Sebastian Vettel è stato il più veloce nella prima e seconda sessione di prove libere, ma sul passo gara la Mercedes ha dimostrato di avere un piccolo vantaggio sulla scuderia di Maranello. Queste indicazioni verranno confermate oggi in occasione della FP3 e delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain 2017? L’attesa è finita, a Sakhir comincia una nuova giornata all’insegna della velocità! (agg. di Silvana Palazzo)

Non è stato un venerdì positivo per Lewis Hamilton. Il tre volte campione del mondo di Formula 1 è uno dei protagonisti più attesi per le odierne qualifiche del Gran Premio del Bahrain a Sakhir, ma ieri ha avuto diversi problemi:  “E’ stato un normale venerdì – dice Hamilton ai giornalisti – no, anzi, a dire il vero è stato terribilmente caldo in mattinata, per cui il turno è stato molto impegnativo sia fisicamente per noi piloti, sia per le gomme. Ma abbiamo capito come bisogna utilizzare gli pneumatici e, per fortuna, nel pomeriggio era più fresco, dandoci una migliore rappresentazione di ciò che vedremo in qualifica e in gara”. Lewis ha quindi sottolineato l’importanza della scelta gomme, poi regala un commento sui rivali in vista del ritorno in pista: “Sono stato in grado di comprendere le gomme per avere una migliore monoposto in FP2. E, infatti, sono stato molto vicino alla Ferrari che è rimasta la più veloce. In configurazione gara sembrano meglio di noi di un paio di decimi, quindi mi aspetto una grande battaglia in qualfica e anche domenica. Lavoreremo sodo per cercare di chiudere il gap dalla Rossa”. (agg. Jacopo d’Antuono)

E’ un Valtteri Bottas piuttosto soddisfatto quello ascoltato alla fine delle prove libere del Gran Premio del Bahrain di Formula 1, che oggi a Sakhir propone le qualifiche. Il pilota finlandese della Mercedes ha chiuso al secondo posto, a 41 millesimi di distacco da Vettel. “Diciamo che complessivamente le cose sono andate bene – ha commentato Bottas – Non è facile imparare qualcosa in queste prime fasi, la macchina si è comportata bene ma sappiamo che possiamo migliorarla”. La Ferrari è l’avversario più temibile per la gara, Bottas non si nasconde ed è pronto a dire la sua in pista: “Sembra che questa tendenza continui anche qui, perchè siamo ancora molto vicini”. Non solo Ferrari nel mirino: “Anche la Red Bull è messa bene, l’intero pacchetto di mischia è più raccolto”. Poi Bottas torna sulla performance delle prove libere e spiega:  “Nelle prove ha funzionato tutto in termini di set up, ma c’è la volontà da parte nostra di ottimizzare e migliorare in vista delle qualifiche e poi della gara”. (agg. Jacopo d’Antuono)

Secondo e terzo posto per Daniel Ricciardo nelle due sessioni di prove libere di Formula 1. Un buon inizio di week end per il pilota della Red Bull, che si candida a protagonista delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain ma si aspetta comunque un prosieguo molto più difficile e complicato. Nelle interviste di fine giornata si è così espresso: “Ferrari e Mercedes probabilmente spingeranno più di noi. E’ strano essere così vicini, per noi è stata una buonissima giornata. La vettura ha risposto bene fin dall’inizio e sono soddisfatto”. Ritmo alto e concorrenza serrata, Daniel Ricciardo è chiamato a confermarsi nelle qualifiche: “Mercedes a volte è più veloce di noi anche di un 1 secondo, altre volte mezzo. Questo distacco esiste purtroppo, è un vero peccato”. Il bicchiere è comunque mezzo pieno, secondo Ricciardo: “Io guardo in casa nostra e la macchina ha funzionato bene, sono contento della mia prestazione. Davanti erano più lenti, per questo sembravano tutti vicini”. (agg. Jacopo d’Antuono)

Una giornata di prove libere da dimenticare per Max Verstappen. Il pilota della Red Bull ha cominciato male il suo Gp Bahrain 2017 di Formula 1 a Sakhir, perché ha dovuto fare i conti con danni molto pesanti alla sua vettura a causa dei detriti lasciati in pista dalla Mercedes di Valtteri Bottas, una perdita di tempo che potrebbe incidere sul suo rendimento nelle qualifiche di oggi. Ecco dunque come si è espresso l’olandese davanti ai microfoni dei giornalisti: “Abbiamo perso davvero tanto tempo, non mi aspettavo che i detriti potessero incidere negativamente in questo modo. Non è stata affatto una giornata buona, la fortuna non ci ha voluto aiutare”. Tuttavia, non tutto sembrerebbe da buttare: “Non riesco ad essere felice in questo momento, ma dall’altra parte del box pare che ci siano gli elementi per essere competitivi”. L’incidente è costato parecchie sterline al team, come ha riferito il team principal Horner alla stampa: “E’ andata così, ormai non si possono cambiare le cose. Siamo stati sfortunati”. (agg. Jacopo d’Antuono)

Non è un Sebastian Vettel del tutto soddisfatto quello ascoltato nel post prove libere di Formula 1 al termine della prima giornata del Gp Bahrain 2017, che oggi proporrà le qualifiche a Sakhir. Il pilota della Ferrari vuole migliorare il rendimento, la sua performance non l’ha convinto. Ai giornalisti presenti in Bahrain ha spiegato il perché: “Ad un tratto la macchina si è spenta, così di improvviso. Noi siamo riusciti a recuperare, a riaccendere il motore al box. Per fortuna è successo tutto alla fine del giro”. Tanti sono stati gli intoppi, gli imprevisti hanno frenato la voglia di mettersi in mostra di Vettel: “Diciamo che non è stata la giornata ideale, abbiamo bisogno di fare meglio”. Secondo il ferrarista ci sono i presupposti per fare bene, nonostante tutto, come dimostrano i tempi sul giro: “Anche perché sul giro singolo la macchina va bene, e quanto alla simulazione gara, possiamo ancora migliorare. Nel complesso non sono del tutto soddisfatto dei miei long run, ma in fondo non erano così male, e bisogna tener conto anche del traffico”. E conclude: “Vediamo cosa succederà nel fine settimana”. (agg. Jacopo d’Antuono)

In vista delle qualifiche del Gran Premio del Bahrain, facciamo un passo in casa Ferrari per le dichiarazioni dei protagonisti dopo le prove libere di Formula 1 che si sono disputate nella giornata di ieri. Kimi Raikkonen è soddisfatto del lavoro del team, che ha dovuto riparare la macchina per la FP2 dopo i problemi accusati nella prima sessione. Sui possibili traguardi del week end il pilota non si sbilancia: “E’ davvero presto per dire come potremo andare qui, e oggi le condizioni sono state difficili. Abbiamo avuto un problema che ci ha fermato verso l’inizio della prima sessione: niente a che vedere con il motore, ma piuttosto nella zona del turbo. I ragazzi sono stati molto bravi a riparare il danno e a essere pronti per la seconda sessione. Poteva essere una giornata un po’ migliore, ma è andata così”. Raikkonen ha un buon feeling con il circuito di Sakhir e ne parla così: “Questa pista mi piace, ma non è che ci sia qualcosa di più ‘speciale’ rispetto ad altri circuiti. Naturalmente fa molto caldo e questo può creare difficoltà con le gomme”. (agg. Jacopo d’Antuono)

La Formula 1 è di nuovo in diretta: grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio del Bahrain 2017 sul circuito di Sakhir, sede del terzo Gp del Mondiale di quest’anno, che determineranno la griglia di partenza e la pole position della gara di domani sulla pista che sorge di fatto nel deserto, sia pure a poca distanza dalla capitale Manama. Diamo per prima cosa tutte le informazioni utili per seguire nel migliore dei modi le sessioni di oggi, sabato 15 aprile 2017, appunto sul circuito di Sakhir. Una sola ora di fuso orario non costituirà un problema, tuttavia bisogna tenere presente che si gareggerà in notturna per limitare l’effetto delle alte temperature del deserto, che naturalmente dopo il tramonto si fanno sentire meno. Come di consueto il sabato comincerà con la terza e ultima sessione di prove libere FP3. L’appuntamento sarà alle ore 14.00 italiane (le 15.00 locali) per quelli che saranno gli ultimi 60 minuti a disposizione prima della sessione di prove ufficiali che determinerà la composizione della griglia di partenza e chi sarà a scattare dalla pole position domani. Per questa decisiva sessione delle qualifiche l’appuntamento sarà alle ore 17.00, le 18.00 locali.

La Ferrari ha ridotto ulteriormente le distanze dalla Mercedes: è questo il primo dato emerso dalle prove libere – Fp1 e Fp2 – del GP del Bahrain. Sebastian Vettel è stato il più veloce sia nella prima sia nella seconda sessione, mentre Lewis Hamilton ha mostrato un buon passo gara. Il pilota britannico ha chiuso la top five: secondo il compagno Vallteri Bottas, terzo Daniel Ricciardo davanti a Kimi Raikkonen. Neppure un piccolo problema elettrico, un guasto alla centralina, ha frenato Vettel. Nella seconda parte della FP2, però, si è fatto notare Kimi Raikkonen. I piloti in questa fase hanno montato gomme soft e aumentato il carico di benzina per simulare il passo gara: il finlandese è stato il più veloce, Lewis Hamilton a 238 millesimi. Non è tutto oro quello che luccica, perché la Ferrari ha avuto il suo bel da fare durante le prove libere del GP del Bahrain: nella FP1 è andato in fumo il motore di Kimi Raikkonen, mentre nella FP2 Sebastian Vettel è uscito fuori perché la macchina si è spenta all’improvviso. Nel primo caso si è trattato di un surriscaldamento della power unit, nell’altro di un guasto alla centralina che ha portato allo spegnimento dei comandi sul volante del pilota tedesco. La Red Bull intanto sta valutando di cambiare qualcosa: potrebbe rivedere l’aerodinamica delle RB13 di Daniel Ricciardo e Max Verstappen, visto che i risultati finora non sono esaltanti.

Ricordiamo il format delle qualifiche, che a partire dalla terza gara del Mondiale 2016 è tornato ad essere quello delle stagioni precedenti. Quest’anno niente sorprese, dunque si prosegue con le prove ufficiali come le conosciamo. Tre manche (Q1, Q2 e Q3) con eliminazioni solo al termine di ciascuna sessione; al termine del Q2 rimarranno solamente 10 piloti, che saranno quelli che si giocheranno la pole position e più in generale le posizioni nelle prime cinque file della griglia di partenza nel Q3. Prima di tuffarci sull’attualità, diamo però uno sguardo alla storia del Gp del Bahrain. Questa gara fece il suo debutto nel 2004, anno in cui vide la vittoria di Michael Schumacher in una stagione dominata dal tedesco e dalla Ferrari. Nelle due stagioni successive ecco però la doppietta di Fernando Alonso al volante della Renault, nei Mondiali dei titoli iridati dello spagnolo (2005 e 2006). Nel 2007 e 2008 riecco vincente la Ferrari, in entrambi i casi per merito di Felipe Massa, che ha un feeling speciale con questo circuito. Dopo la parentesi del 2009, anno decisamente anomalo che vide il successo di Jenson Button e della Brawn Gp sia in Bahrain sia a fine anno, nel 2010 tornano protagonisti Alonso e Massa, che regalarono alla Ferrari una memorabile doppietta nel primo Gran Premio dello spagnolo al volante di una Rossa.

Pausa forzata nel 2011, quando la corsa fu annullata a causa della travagliata situazione politica del Paese mediorientale, coinvolto nella cosiddetta Primavera araba, che avrebbe messo in dubbio il Gran Premio anche in anni successivi, senza però che si arrivasse ad altre cancellazioni. Nel 2012 ci fu la prima di due vittorie consecutive di Sebastian Vettel con la Red Bull. Dopo Seb, ecco un’altra doppietta: quella di Lewis Hamilton nel 2014 e nel 2015. Per la Mercedes possiamo invece parlare di tripletta, perché nel 2016 vinse Nico Rosberg, che proprio grazie ad un inizio trionfale avrebbe infine strappato al compagno di squadra il titolo iridato. Da segnalare che fu proprio a partire dal 2014 che da queste parti si gareggia in notturna: fu un’innovazione voluta per celebrare il decennale del debutto e il 900° GP della storia del mondiale di Formula 1, che è stata confermata poi anche nelle stagioni successive. Ma adesso non è più il tempo delle parole e dei numeri, perché la battaglia per la griglia di partenza sta finalmente per cominciare. Allora mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e della del Gran Premio del Bahrain 2017 di Formula 1 a Sakhir sta per cominciare…

POS NO DRIVER CAR Q1 Q2 Q3 LAPS
1 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:31.041 1:29.555 1:28.769 12
2 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:30.814 1:29.535 1:28.792 13
3 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:31.037 1:29.596 1:29.247 12
4 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 1:31.667 1:30.497 1:29.545 12
5 7 Kimi Räikkönen FERRARI 1:30.988 1:29.843 1:29.567 16
6 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 1:30.904 1:30.307 1:29.687 12
7 27 Nico Hulkenberg RENAULT 1:31.057 1:30.169 1:29.842 15
8 19 Felipe Massa WILLIAMS MERCEDES 1:31.373 1:30.677 1:30.074 12
9 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:31.691 1:30.857 1:30.763 16
10 30 Jolyon Palmer RENAULT 1:31.458 1:30.899 1:31.074 15
11 26 Daniil Kvyat TORO ROSSO 1:31.531 1:30.923   12
12 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 1:31.748 1:31.168   12
13 94 Pascal Wehrlein SAUBER FERRARI 1:31.995 1:31.414   15
14 31 Esteban Ocon FORCE INDIA MERCEDES 1:31.774 1:31.684   12
15 14 Fernando Alonso MCLAREN HONDA 1:32.054 DNF   8
16 55 Carlos Sainz TORO ROSSO 1:32.118     5
17 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN HONDA 1:32.313     8
18 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 1:32.318     7
19 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 1:32.543     9
20 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:32.900     8


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori