Diretta/ Formula 1 prove libere FP2 live: Ferrari fa tremare la “roccaforte” Mercedes (Gp Russia 2017 Sochi)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 Gp Russia 2017 Sochi: tempi e classifica delle prime due sessioni del quarto Gran Premio stagionale (oggi venerdì 28 aprile)

formula1_generica_australia_lapresse_2016
Pronostico Formula 1 - LaPresse

Masticano amaro in casa Mercedes nel venerdì di prove del Gran Premio di Russia 2017: a Sochi per ora è dominio Ferrari. Valtteri Bottas e Lewis Hamilton si sono ritrovati a dover rincorrere Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. In vista della quarta gara del Mondiale 2017 di Formula 1, gli scenari si fanno particolarmente interessanti per i tifosi della Scuderia di Maranello: a Sochi le Rosse volano, mentre le Frecce d’Argento devono accontentarsi della seconda fila virtuale. Chi avrebbe scommesso alla vigilia su questo risultato? Del resto il circuito di Sochi rappresenta una specie di “roccaforte” per la Mercedes, che nelle ultime tre edizioni ha conquistato altrettante vittorie. La Ferrari per ora sembra in grado di poter fermare la Mercedes, avendo due monoposto più competitive. Sebastian Vettel, in particolare, ha lanciato segnali interessanti, perché, oltre ad essere stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere, ha fatto registrare un buon passo gara. La Mercedes, dunque, dovrà “sudare” per riuscire a lasciare un’altra impronta.  (agg. di Silvana Palazzo)

Si è appena conclusa sul circuito di Sochi la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Russia (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1), nella FP2 la Ferrari ha dimostrato di essere davvero in palla: non solo nella classifica dei tempi troviamo Vettel (1:34.120) e Raikkonen (1:34.383) davanti a tutti con Bottas (1:34.790) e Hamilton (1:34.829) che a parità di mescola (ultra-soft) non hanno saputo replicare le prestazioni delle Rosse, ma anche sul passo gara i due ferraristi hanno fornito un feedback davvero molto incoraggiante con un ritmo costante, mentre Bottas ha alternato giri velocissimi con altri piuttosto lenti. Con Ferrari e Mercedes (oggi le Frecce d’Argento si sono comunque nascoste con tantissimi giri con le ultra-soft) che fanno campionato a sé, le Red Bull si confermano le più veloci delle altre, con Verstappen che vince il duello interno con Ricciardo anche se siamo solo al venerdì. (agg. di Stefano Belli)

Quando manca un quarto d’ora al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) i piloti stanno girando per simulare il passo gara in vista della gara di domenica. Se sul giro secco la Ferrari ha dimostrato di essere più veloce anche della Mercedes, nel long run la situazione non cambia granché con Vettel che a parità di mescola (ultra-soft) gira sei decimi più veloce rispetto a Bottas e oltre un secondo più rapido rispetto a Raikkonen che però sta utilizzando le super-soft. Gli altri girano dall’1:40 in su, a cominciare da Williams e Red Bull, mentre le Mercedes alternano giri velocissimi ad altri in cui vanno più decisamente più piano. Da segnalare un problema tecnico per Verstappen, appiedato dalla sua Red Bull che ha accusato una perdita di potenza piuttosto preoccupante. (agg. di Stefano Belli)

Quando mancano 45 minuti al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) le Ferrari guidano la classifica dei tempi dimostrando di essere su questa pista più veloce rispetto alla Mercedes che invece fa fatica a trovare il ritmo giusto. Raikkonen è stato il primo ad utilizare le gomme ultra-soft (di colore fucsia) fermando il cronometro prima sull’1:34.721 e poi sull’1:34.383, più tardi sarà Vettel a stabilire il nuovo limite in 1:34.120. La Mercedes prova a rispondere con Bottas che fa 1:34.998 accusando oltre otto decimi di ritardo, nel secondo tentativo il finlandese si migliora in 1:34.790 ma rimane comunque in terza posizione; a Hamilton ci vogliono ben tre giri per mandare in temperatura le ultra-soft, il britannico si deve accontentare del quarto tempo con 1:34.829. Segue un abisso con Ricciardo, il primo degli altri, che a malapena è sceso sotto l’1:36 precedendo Verstappen, Massa, Hulkenberg, Perez e Ocon. Chiudono il gruppo le Sauber di Ericsson e Wehrlein, il team elvetico rischia di essere il fanalino di coda del gruppo questo fine settimana. (agg. di Stefano Belli)

Da circa un quarto d’ora è in corso sul circuito di Sochi la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Russia (quarta tappa del mondiale 2017 di Formula 1), davanti a tutti nella classifica dei tempi troviamo Lewis Hamilton che ha realizzato la miglior prestazione in 1:35.752 precedendo di 228 millesimi Kimi Raikkonen e di 531 millesimi il compagno di squadra Bottas, dietro di loro Vettel che finora non è riuscito a trovare la zampata sul giro secco. Ancora distanti da Ferrari e Mercedes tutti gli altri, nessun tempo per la Red Bull con Verstappen e Ricciardo che sono stati tra gli ultimi a scendere in pista e non hanno ancora fatto segnare tempi significativi. Finora hanno girato tutti con la mescola super-soft (gomma rossa) ma a breve vedremo all’opera anche la mescola più prestazionale, la ultra-soft, per la simulazione della qualifica. (agg. di Stefano Belli)

Alle ore 14 italiane (le 15 locali) prenderà il via la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1). La FP2 si disputa nello stesso orario in cui sono previste le qualifiche di domani e soprattutto la gara di domenica, motivo per cui può dare preziose indicazioni sia ai piloti che alle squadre in relazione al comportamento degli pneumatici – che su questo tracciato in particolare accusano un degrado piuttosto basso – e delle macchine nelle varie curve. Salvo fuoriprogramma e imprevisti imponderabili, la prima parte sarà dedicata alla simulazione del giro secco da qualifica (presumibilmente con la mescola ultra-soft), la seconda invece vedrà i team lavorare sul passo gara e in questa fase si può cominciare a farsi un’idea su chi potrebbe avere buone chance per giocarsi la vittoria. (agg. di Stefano Belli)

Gli ordini di scuderia potrebbero essere una delle parole chiave che caratterizzano il mondiale 2017 di Formula 1: se nelle tre annate precedenti abbiamo assistito sostanzialmente a un monologo Mercedes con Toto Wolff che lasciava i suoi piloti a darsele di santa ragione in pista fino a prendersi a sportellate, quest’anno per i dirigenti della Casa di Stoccarda il lavoro sarà decisamente più complicato: in Bahrain, ad esempio, dove Hamilton aveva dimostrato di essere nettamente più veloce di Bottas, al pilota finlandese è stato chiesto via radio di farsi da parte per consentire al compagno di box di poter andare a caccia della Ferrari di Vettel. Uno scenario che potrebbe ripetersi più volte nel corso della stagione, e non solo in casa Mercedes, a meno che Raikkonen non si ricordi improvvisamente di essere pur sempre il campione del mondo 2007 e non ricominciare ad andare forte come ai bei tempi. Per adesso i due top team stanno adottando filosofie diverse: se la scuderia tedesca ha già designato Hamilton come indiscusso leader, a Maranello Vettel i galloni di prima guida se li sta guadagnano a suon di prestazioni, e con 2 vittorie nelle prime 3 gare il tedesco spera di aver lanciato un messaggio chiaro ad Arrivabene su quale dev’essere il cavallo di battaglia giusto per puntare al titolo piloti che alla Rossa manca dal 2007, quando il mondiale se lo aggiudicò un certo Kimi Raikkonen. (agg. di Stefano Belli)

Kimi Raikkonen è stato il più veloce di tutti nella prima sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1): al volante della sua Ferrari, il finlandese ha fatto segnare un 1:36.074 con il quale ha preceduto di 45 millesimi le Mercedes di Bottas (1:36.119) e Hamilton (1:36.681) con Verstappen (1:37.174) che alla guida della Red Bull è riuscito a precedere Sebastian Vettel: nelle battute conclusive della FP1 il tedesco, nel tentativo di migliorarsi, si gira e va in testacoda, per fortuna il quadricampione del mondo riesce a non toccare le barriere e a non danneggiare così la sua Ferrari, riportando la macchina ai box perfettamente integra. Completano la top 10 Ricciardo (1:37.290), Perez (1:37.457), Massa (1:37.900), Stroll (1:37.944) e Ocon (1:38.065), sempre nelle retrovie la McLaren-Honda con Alonso (1:38.813) tredicesimo e Vandoorne diciassettesimo (1:39.541) ma che negli ultimi test in Bahrain sembrano aver risolto i cronici problemi di affidabilità. L’unico pilota senza tempo è Sirotkin, appiedato a inizio sessione dalla sua Renault. (agg. di Stefano Belli)

A un quarto d’ora dalla fine della prima sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) il miglior tempo appartiene a Kimi Raikkonen che con la mescola super-soft (gomma rossa) ha fermato il cronometro sull’1:36.074, precedendo (a parità di mescola) di appena 45 millesimi Bottas e di 607 millesimi Hamilton, quarto tempo per la Force India di Sergio Perez con il compagno di squadra Esteban Ocon che invece ha perso un pezzo del cofano costringendo la direzione gara a esporre la bandiera rossa per consentire ai commissari di rimuovere il detrito dalla pista in tutta sicurezza. Sebastian Vettel non ha ancora provato la super-soft ma lo farà nei prossimi minuti, al momento nessuno ha ancora utilizzato il compound più prestazionale (ultra-soft) che con ogni probabilità verrà utilizzato nella FP2 in programma nel pomeriggio quando avverrà la simulazione del giro da qualifica. (agg. di Stefano Belli)

Quando mancano circa 45 minuti al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Russia sul circuito (quarta tappa del mondiale 2017 di Formula 1) davanti a tutti nella classifica dei tempi troviamo come al solito Mercedes e Ferrari che anche qui stanno dimostrando di avere nettamente una marcia in più rispetto al resto della compagnia (compresa la Red Bull che con Ricciardo e Verstappen continua a faticare). Con la gomma soft (gialla) il più rapido di tutti è stato Sebastian Vettel che alla guida della Ferrari ha rifilato oltre otto decimi a Lewis Hamilton (a parità di mescola), la Mercedes reagisce subito e manda nuovamente in pista Hamilton e Bottas con la super-soft, il finlandese ferma il cronometro prima sull’1:36.988 e poi 1:36.119, il britannico invece non va oltre l’1:36.681, con una mescola di vantaggio le Frecce d’Argento rifilano un secondo alle Rosse di Maranello, un gap che può comunque essere annullato non appena Vettel e Raikkonen monteranno anche loro la super-soft. (agg. di Stefano Belli)

Da circa un quarto d’ora è cominciata la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Russia sul circuito di Sochi (quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1), al momento la maggior parte dei piloti si è limitata a effettuare qualche giro di out-in per assicurarsi che le macchine fossero a posto dal punto di vista meccanico e strutturale, il primo a riempire la classifica dei tempi è stato Valtteri Bottas con un 1:39.871 ancora abbastanza alto, il suo compagno di squadra Hamilton migliora il suo crono di circa tre decimi facendo segnare un 1:39.558. Da segnalare un problema tecnico per il russo Sergey Sirotkin che nella FP1 userà la Renault di Nico Hulkenberg, purtroppo un problema alla power unit lo ha immediatamente appiedato costringedolo a parcheggiare la macchina nella via di fuga. (agg. di Stefano Belli)

Alle ore 10 italiane (le 11 locali) prenderà il via la prima sessione di prove libere del Gran Premio della Russia sul circuito di Sochi, quarto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Il tracciato, lungo 5848 metri, ricavato all’interno del villaggio olimpico (la città situata nel Krasnodar ha ospitato le olimpiadi invernali nel 2014), è tra quelli che stressano meno le gomme per via dell’asfalto liscio e poco abrasivo e delle temperature che raramente raggiungono valori alti (sebbene per tutto il fine settimana le previsioni meteo diano sole e bel tempo), motivo per cui la Pirelli ha portato le seguenti mescole: ultra-soft (gomma fucsia, 7 set a disposizione), super-soft (gomma rossa, 4 set) e soft (gomma gialla, 2 soft). Optando per dei compound più aggressivi e prestazionali, l’obiettivo della casa produttrice di pneumatici è di dar modo ai team di poter diversificare le tattiche, visto che dodici mesi fa quasi tutti i piloti effettuarono solamente un pit stop dando vita a una corsa monotona dal punto di vista strategico. (agg. di Stefano Belli)

Non è stato un inizio di stagione particolarmente felice per Kimi Raikkonen: il pilota finlandese della Ferrari, nelle prime tre gare del mondiale 2017 di Formula 1, non è mai salito sul podio ottenendo come miglior risutato due quarti posti, mentre il suo compagno di squadra, Sebastian Vettel, ha portato la Rossa al trionfo in Australia e Bahrain e attualmente guida la classifica piloti. La Scuderia di Maranello, nei prossimi Gran Premi a cominciare da quello di Russia sul circuito di Sochi in programma questo fine settimana, ha comunque bisogno che il campione del mondo 2007 torni a esprimersi ai massimi livelli per poter finalmente battagliare ad armi pari con la Mercedes dopo tre anni di dominio assoluto da parte delle Frecce d’Argento. Tuttavia il feeling tra Raikkonen e la SF70-H non è mai stato idilliaco e il finlandese, da quando è tornato nel circus dopo i due anni sabbatici, ha dato il meglio di sé solamente alla guida di vetture disegnate da James Allison, ora al servizio della Casa di Stoccarda, ma ora deve dimostrare tutto il suo talento e portare risultati di prestigio se vorrà essere al via anche nel 2018. (agg. di Stefano Belli)

La Formula 1 torna in diretta con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Russia 2017 sul circuito di Sochi, la quarta gara del Mondiale 2017. Si riaccendono i motori, per prima cosa eccovi dunque gli orari delle due sessioni in programma oggi, venerdì 28 aprile: come sempre, anche stavolta naturalmente il venerdì sarà dedicato alle prove libere. Bisogna tenere presente l’ora di fuso orario tra l’Italia e la città russa sulle sponde del Mar Nero, di conseguenza gli orari delle varie sessioni sulla pista che sorge all’interno del Villaggio Olimpico degli scorsi Giochi invernali non si discosteranno da quelli delle gare nell’Europa occidentale: la avrà inizio alle ore 10.00 italiane, quando sul circuito saranno le 11.00; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 14.00 (le 15.00 locali) per la , la sessione più significativa perché si disputerà sostanzialmente alla stessa ora delle qualifiche di domani e della gara di domenica e come di consueto sarà la più indicativa per scuderie e piloti.

La Formula 1 ci ha regalato un inizio di stagione decisamente molto interessante, perché la Ferrari sta riuscendo a lottare ad armi pari con la Mercedes ed anzi ha iniziato l’anno addirittura meglio delle Frecce d’Argento grazie alle due vittorie di Sebastian Vettel a Melbourne e Sakhir a fronte dell’unico successo ottenuto da Lewis Hamilton a Shanghai, in tutti i casi con il grande rivale in seconda posizione. Il Mondiale è ancora lunghissimo e le variabili che potrebbero cambiare numerose, ma per adesso ci godiamo l’equilibrio, che nel Circus mancava da molti anni, oltre a diversi sorpassi di pregevole fattura che abbiamo potuto ammirare nei tre precedenti Gran Premi, dunque con la speranza che lo spettacolo in pista possa essere di ottimo livello anche a Sochi. I nuovi regolamenti rendono forse più complesso sorpassare, ma la conseguenza è che i duelli adesso sono “veri”, meno condizionati dal Drs e altri artifici. Toto Wolff ha sottolineato più volte che la Ferrari funziona “un po’ meglio di noi” con le nuove gomme più larghe: sarà così anche in Russia?

Di certo il duello tra Vettel e Hamilton, i due piloti più vincenti dell’ultimo decennio che però quasi mai si erano trovati direttamente in lotta per il titolo dal momento che le stagioni buone per uno coincidevano sempre con anni complicati per l’altro, potrà attirare l’attenzione di tutti gli appassionati di Formula 1 in giro per il mondo. In fondo basta poco per dare spettacolo: i due piloti più forti in circolazione (ci sarebbe anche Fernando Alonso, condannato però dalla sua McLaren-Honda) sulle due macchine più forti e prestigiose che lottano per il titolo mondiale sono garanzia di incertezza e sfida, i due ingredienti che possono tornare a catalizzare l’attenzione del grande pubblico sulla Formula 1 dopo anni complicati, nei quali quasi sempre già dopo poche gare si capiva come sarebbe finita la stagione, con al massimo un duello interno alla Mercedes per il Mondiale Piloti. Vedremo dunque quali responsi ci saprà dare in tal senso la gara russa. L’attesa per quanto succederà in questo weekend sta per finire, per la gioia di tutti i tifosi e gli appassionati, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Russia 2017 di Formula 1 a Sochi sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori