Diretta/ Formula 1 F1: prove libere FP1 e FP2. La proposta di Hamilton alla FIA (Gp Cina 2017 Shanghai)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 Gp Cina 2017 Shanghai: tempi e classifica delle due sessioni del secondo Gran Premio stagionale (oggi venerdì 7 aprile). La proposta di Hamilton

formula1_generica_australia_lapresse_2016
Pronostico Formula 1 - LaPresse

Lewis Hamilton propone nuove modifiche al programma delle prove dopo quanto accaduto in Cina, dove la FP2 è stata annullata a causa della nebbia che ha ridotto drasticamente la visibilità. Il pilota della Mercedes ha avanzato una proposta molto particolare: le tre sessioni delle prove libere dovrebbero essere fissate al sabato, mentre le qualifiche e la gara alla domenica. «Dobbiamo trovare una soluzione per affrontare il problema del tempo», ha dichiarato il britannico, secondo cui questa soluzione potrebbe garantire maggiore sicurezza e al tempo stesso creatività. Il pensiero di Hamilton è rivolto ai fan, che hanno visto una sola macchina in pista oggi. Il pilota della Mercedes si è reso disponibile ad una discussione con la FIA e la FOM per trovare una soluzione che prevenga situazioni di questo tipo. E il direttore esecutivo della scuderia, Zak Brown, si è detto d’accordo: «Abbiamo bisogno di un piano di emergenza per queste situazioni». (agg. di Silvana Palazzo)

È difficile, se non praticamente impossibile, trarre delle indicazioni dopo la prima giornata di prove libere sul circuito di Shanghai, sede del Gran Premio della Cina che ospita il secondo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1: a causa delle condizioni meteo avverse i piloti hanno potuto girare soltanto per 20 minuti (e con l’asfalto reso umido dalla pioggia) nel corso della FP1, mentre le Libere 2 sono state annullate poiché l’elicottero medico non ha potuto volare per colpa della nebbia che aveva drasticamente ridotto la visibilità, senza dimenticare che l’ospedale è distante parecchi chilometri rispetto all’autodromo e che l’aeroporto era stato addirittura chiuso. Per quanto possa valere, la classifica della FP1 ci dice che il più veloce con le gomme intermedie è stato Max Verstappen (1:50.491), l’olandese della Red Bull ha preceduto i due piloti Williams, Massa (1:52.086) e Stroll (1:52.507); solamente quattordici hanno fatto segnare tempi significativi ma comunque decisamente alti, i due piloti Ferrari e Lewis Hamilton si sono limitati solamente a qualche giro di out-in, basti pensare che Kevin Magnussen con 8 giri è stato quello che ha trascorso più tempo in pista, mentre Hulkenberg si è anche reso protagonista di un’escursione nella via di fuga in ghiaia. Adesso sta alla direzione gara decidere sul da farsi, considerando che per domenica le previsioni non sono affatto rincuoranti: se per la giornata di sabato il maltempo dovrebbe concedere una tregua, per il giorno della gara il rischio è che il circus si ritrovi nuovamente in balia dei capricci del clima, per adesso il programma non varia con FP3 e qualifiche per domani e la gara nel classico slot orario di domenica delle 14 (locali), quando qui in Italia saranno le 8 del mattino. (agg. di Stefano Belli)

Visto che il venerdì del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1 ha detto poco, con pochissimi giri nella FP1 e la FP2 annullata del tutto in una giornata decisamente complicata dalla nebbia a Shanghai, andiamo a curiosare in qualche dato statistico relativo alle precedenti partecipazioni dei big alla corsa cinese. Lewis Hamilton batte sonoramente Sebastian Vettel, anche se gli inizi avrebbero fatto pensare il contrario. Nel 2007 Lewis commise un errore banale ma letale, che gli costò la gara e con il senno di poi anche il titolo iridato, mentre Seb stupiva tutti arrivando quarto con la Toro Rosso, inoltre il tedesco vinse nel 2009 e fu il suo primo successo con la Red Bull (secondo assoluto dopo Monza 2008). Da allora però non ha più vinto e vanta pure una media punti piuttosto deludente. Hamilton invece si è ampiamente riscattato da quell’errore con quattro vittorie e cinque pole position, anche se l’anno scorso è tornato a vedere i sorci verdi con un settimo posto dovuto a problemi tecnici in qualifica che lo relegarono all’ultimo posto sulla griglia. (agg. di Mauro Mantegazza)

Nel venerdì del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1 a Shanghai ha vinto il maltempo. Pochissimi giri nella FP1, totalmente annullata la FP2, di fatto una giornata completamente buttata. La classifica dei tempi della FP1 ci dice pochissimo, purtroppo per Max Verstappen: infatti, se dessimo uno sguardo superficiale ai tempi dovremmo parlare di un trionfo per l’olandese della Red Bull, che ha inflitto ben 1″595 al meno lontano degli inseguitori, cioè Felipe Massa. In realtà bisogna considerare che sei piloti (fra cui le due Ferrari e Lewis Hamilton) non hanno fatto registrare nemmeno un tempo cronometrato, mentre il pilota che ha girato di più è stato Kevin Magnussen, che però non è andato oltre gli otto giri. Insomma, per Verstappen si tratta di una soddisfazione puramente simbolica: la realtà è che tutti hanno buttato due sessioni, quindi – sperando che tutto vada per il meglio – domani ne vedremo delle belle già a partire da una fondamentale FP3, in programma alle ore 6 del mattino italiano. (agg. di Mauro Mantegazza)

Gli appassionati di Formula 1 che stanotte hanno fatto le ore piccole e si sono alzati prestissimo per non perdersi le prime due sessioni di prove libere del Gran Premio della Cina sul circuito di Shanghai (seconda prova del mondiale 2017 di Formula 1) saranno rimasti sicuramente delusi dallo spettacolo offerto dalla pista: l’impossibilità per l’elicottero di soccorso di alzarsi da terra ha costretto la direzione gara ad annullare completamente la FP2 e a tenere le macchine ferme nei box per la maggior parte del tempo anche nella FP1, a causa di una fitta nebbia che ha ridotto la visibilità. Il tutto accompagnato da una leggera pioggerellina che ha reso l’asfalto viscido e scivoloso, costringendo i pochi piloti che sono scesi in pista per fare un tempo significativo a sbagliare e ad andare fuori pista. Una giornata di lavoro praticamente gettata al vento e ora le squadre nella giornata di domani sono chiamate a recuperare il tempo perduto, quindi prepariamoci a una FP3 intensa considerando che per domani le previsioni danno un netto miglioramento delle condizioni, per poi peggiorare nuovamente in vista della gara di domenica.  (agg. di Stefano Belli)

A quanto pare per il nostro Antonio Giovinazzi non c’è verso di effettuare un weekend completo di gara: il pilota di Martina Franca (il primo italiano a gareggiare in Formula 1 dal 2011, dai tempi di Trulli e Liuzzi) in Australia è stato chiamato dalla Sauber per sostituire l’infortunato Wehrlein solamente nella prima mattinata del sabato, entrando in azione solamente dalla FP3, il pochissimo preavviso non gli ha comunque impedito di sfiorare la Q2 e di compiere una gara dignitosa terminata in 12^ posizione. In Cina la chiamata di Giovinazzi è arrivata con qualche giorno di anticipo per dargli modo di potersi aggregare alla squadra già nelle giornate precedenti al venerdì, ma stavolta a mettere i bastoni tra le ruote al driver italiano ci hanno pensato le condizioni climatiche: le prime due sessioni di prove libere, infatti, sono state pesantemente compromesse dalla nebbia che ha impedito all’elicottero medico di alzarsi in volo e poter raggiungere l’ospedale di Shanghai (che si trova piuttosto lontano dal circuito), se in mattinata Giovinazzi ha potuto compiere qualche giro di out-in, nel pomeriggio nessuno è potuto scendere in pista e la FP2 di fatto è stata annullata. Un’occasione persa per Giovinazzi che poteva accumulare tanti chilometri e soprattutto esperienza in vista di un impiego full-time che diventa sempre più probabile dal 2018, anche se la speranza è che possa bruciare le tappe e vederlo in pianta stabile già da quest’anno.  (agg. di Stefano Belli)

È ufficiale, la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Cina sul circuito di Shanghai (secondo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) è stata cancellata a causa delle avverse condizioni climatiche (pioggia ma soprattutto la nebbia che ha impedito all’elicottero medico di alzarsi in volo e poter operare, senza mezzi di soccorso in azione non ci sono infatti le condizioni minime di sicurezza e in questi casi la direzione gara blocca tutto, saggiamente), di fatto in questi 90 minuti non c’è stata alcuna attività in pista con i piloti costretti a rimanere ai box e a ingannare l’attesa nelle maniere più disparate. C’è chi inganna l’attesa ridendo e scherzando con i meccanici, come Romain Grosjean che ha regalato a Gunther Steiner, team principal della Haas, un bastone per il suo 52^ compleanno prendendolo in giro. Lewis Hamilton ne ha approfittato per firmare cappellini e lanciarli ai tifosi assiepati nella tribuna che si affaccia sul rettilineo d’arrivo, concedendosi anche qualche selfie.  (agg. di Stefano Belli)

Per adesso la nebina domina incontrastata in quella che doveva essere la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Cina (secondo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) sul circuito di Shanghai: nessuna novità rispetto a mezz’ora, l’elicottero medico non può ancora alzarsi in volo e raggiungere così l’ospedale che si trova a una certa distanza rispetto all’autodromo, e visto che nel motorsport la prudenza non è mai troppa sarebbe stato da irresponsabili far girare i piloti con i mezzi di soccorso impossibilitati a entrare in azione qualora ce ne fosse (si spera di no) bisogno. In ogni caso, tecnicamente, la sessione è in corso e difatti mancano 45 minuti al termine della FP2, a prescindere dal fatto che si giri oppure no, purtroppo non sono previsti degli immediati miglioramenti e continua a cadere una leggera pioggerellina, la direzione gara non intende sbilanciarsi e quindi non resta che armarsi di pazienza e sperare che almeno negli ultimi minuti si possa vedere qualche macchina in pista.  (agg. di Stefano Belli)

Sul circuito di Shanghai (sede del Gran Premio della Cina, secondo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) la seconda sessione di prove libere non è ancora cominciata: l’elicottero medico non si è potuto alzare in volo a causa della scarsa visibilità dovuta alla nebbia, mentre la pioggia sta concededo una tregua e in questa maniera è andata asciugandosi sempre più. Ora si attende solamente il via libera da parte della direzione gara, sperando che già in questi minuti la foschia possa diradarsi, ovviamente se i mezzi di soccorso non possono operare vengono a mancare le condizioni minime di sicurezza per far scendere le macchine in pista e dunque la direzione gara, prudentemente, ha deciso di fermare ogni attività sperando che le condizioni meteorologiche possano migliorare da qui a breve.  (agg. di Stefano Belli)

Tra circa un quarto d’ora, alle 14:00 locali (le 8 del mattino qui in Italia), prenderà il via la seconda sessione di prove libere del Gran Premio della Cina sul circuito internazionale di Shanghai, sede del secondo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Tempo permettendo, la FP2 darà modo ai piloti e ai team di affinare la messa a punto delle macchine sia per il giro secco da qualifica che per il passo gara, 90 minuti in cui, salvo imprevisti, le squadre potranno portarsi avanti con il lavoro in vista del prosieguo del weekend. La pioggia ha già stravolto il programma della mattinata, tant’è vero che nella FP1 solamente 14 piloti hanno fatto realizzare dei tempi significativi, con i due piloti della Sauber (Ericsson e Giovinazzi) che hanno girato sul 2:15, e a causa della scarsa visibilità l’elicottero non si è potuto alzare in volo, costringendo la direzione gara a esporre la bandiera rossa. Il pilota più veloce è stato Max Verstappen che al volante della Red Bull ha preceduto le Williams di Massa e Stroll, mentre i piloti Mercedes e Ferrari si sono limitati a qualche giro di out-in per poi rientrare subito ai box ritenendo non necessario girare in queste condizioni. (agg. di Stefano Belli)

In vista del Gran Premio di Formula 1 di Shanghai gli animi sono sicuramente caldi e dopo il ritorno alla vittoria, la Ferrari vuole fare ancora bene. Il team è stato accolto dalla pioggia e sicuramente ha regalato un problema in più nonostante questo Kimi Raikkonen si concentra sul tracciato che ha definito molto diverso da Melbourne e più in generale ”normale”. Le sensazioni però sono diverse: “È decisamente presto per capire come andrà a finire la gara, non abbiamo neanche fatto un giro di ricognizione e le condizioni climatiche cambiano in fretta”. Raikkonen vuole sottolineare anche le condizioni che in Australia erano giuste e la macchina andava molto bene. Il risultato poi del suo compagno di squadra Sebastian Vettel è stato importante: “Abbiamo un buon team, ma c’è stata solo una gara fino a questo momento. La stagione è ancora lunga e le piste sono tutte diverse”. L’obiettivo è quello di continuare a lavorare bene e di ridurre gli errori però al minimo.

Per Sebastian Vettel il Gran Premio di Formula 1 di Shanghai sarà ancora più importante di quello della settimana scorsa a Melbourne in Australia. Questo perché l’inaspettata vittoria sicuramente ha regalato ancora maggiore motivazione ma ha anche alzato le aspettative. Il pilota però è tranquillo: “Dobbiamo cercare di fare un buon lavoro. Certo saranno poi importanti anche le condizioni e quella dose di fortuna che non guasta”. Il fatto di aver addirittura superato la Mercedes fa capire al team di essere arrivati a livelli prima difficili anche solo da pensare. Conclude: “Come squadra stiamo lavorando molto meglio. Abbiamo fatto ancora di più dello scorso anno e in Australia siamo andati molto bene. Quella però era solo una gara. Il potenziale però c’è e possiamo fare ancora meglio di quanto visto proprio la settimana scorsa”. (agg. di Matteo Fantozzi)

La Formula 1 torna in diretta con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio della Cina 2017 sul circuito di Shanghai, la seconda gara del Mondiale 2016. Si riaccendono i motori, per prima cosa ecco gli orari delle due sessioni in programma oggi, venerdì 7 aprile: come sempre, anche stavolta naturalmente il venerdì sarà dedicato alle prove libere. Bisogna tenere presente che ci sono ben sei ore di fuso orario tra l’Italia e Shanghai, dunque gli orari non saranno di certo agevoli per gli appassionati italiani: la avrà inizio alle ore 4.00 italiane, quando sul circuito saranno le 10.00; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 8.00 (le 14.00 locali) per la , la sessione più significativa perché si disputerà sostanzialmente alla stessa ora della gara di domenica sul tracciato della megalopoli cinese.

Siamo reduci dalla gara di Melbourne che ha regalato a Sebastian Vettel e alla Ferrari una splendida vittoria, ottenuta battendo in pista con pieno merito la Mercedes, grazie soprattutto al migliore consumo delle gomme Pirelli che sulle Frecce d’Argento si sono invece deteriorate più velocemente. Ci è voluto anche un pizzico di fortuna, sotto forma di Max Verstappen che ha rallentato Lewis Hamilton nei giri tra la sosta del britannico e quella di Vettel, ma non c’è dubbio che la Ferrari vista a Melbourne può combattere sostanzialmente alla pari con la Mercedes, un enorme balzo in avanti rispetto al finale della scorsa stagione, quando il Cavallino Rampante era finito anche alle spalle della Red Bull, che invece adesso deve inseguire gli altri due top team.

Adesso tutti attendono con ansia quello che succederà a Shanghai, perché l’Albert Park di Melbourne è un tracciato dalle caratteristiche particolari. La pista cinese è il primo circuito “normale” della stagione e di conseguenza le risposte che potrà dare il Gp di Shanghai sono considerate particolarmente significative. Ciò varrà senza dubbio per Antonio Giovinazzi, che ancora una volta sarà al volante della Sauber: anche lui, come la Ferrari, è chiamato a confermare quanto di buono fatto vedere due settimane fa. L’attesa per quanto succederà in questo weekend sta per finire, per la gioia di tutti i tifosi e gli appassionati, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio della Cina 2017 di Formula 1 a Shanghai sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori