Diretta/ Formula 1 F1 griglia di partenza: l’incognita pioggia (Gp Cina 2017)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 F1 qualifiche live e griglia di partenza Gp Cina 2017 Shanghai, la Q3 è iniziata: Vettel e Raikkonen combattono per la pole position (oggi sabato 8 aprile)

lewis_hamilton_1_formula1_lapresse_2017
Lewis Hamilton ha vinto il Gp di Francia 2018 (Foto LaPresse)

C’è grande attesa per il Gran Premio della Cina 2017 di Formula 1 previsto per domani sul circuito di Shangai. Se i riscontri delle qualifiche saranno confermati, a contendersi il successo saranno le macchine che hanno conquistato le prime due file sulla griglia di partenza, ma…c’è un grosso ma: e riguarda le condizioni meteo. Le previsioni del tempo per l’orario di gara parlano di un rischio di precipitazioni vicino all’80% nell’orario della partenza del Gp di Cina 2017, e come tutti sappiamo correre con l’asfalto bagnato significa di fatto rimettere in discussione tutti i valori in campo. Nel caso in cui non fosse stato tradito durante la Q1 dalla sua Red Bull, il pilota da tenere d’occhio più d’ogni altro con la pioggia sarebbe stato Max Verstappen, un giovane driver che sul bagnato ha dimostrato di divertirsi e saper divertire, ma che domani sarà costretto a scattare dalla 19esima piazza. A sperare che cadano parecchi goccioloni su Shangai sarà soprattutto lui, così come il compagno di squadra Ricciardo e Felipe Massa (Williams) incroceranno le dita augurandosi di assistere ad un evento in grado di azzerare il gap da Mercedes e Ferrari. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Tutto in una curva, l’ultima: molto nelle qualifiche di Formula 1 per il Gp della Cina 2017 si è giocato nella parte finale del circuito di Shanghai. La curva 16 ha fatto la differenza oggi: lì Hamilton ha conquistato la pole, il primo posto sulla griglia di partenza, lì Vette ha rischiato di perdere la prima fila, lì Raikkonen ha mostrato i suoi limiti attuali e sempre lì Giovinazzi ha distrutto la sua Sauber. Come riportato da Autosprint, non si tratta di una curva nella quale bisogna frenare a fondo, ma si deve rallentare e girare lo sterzo. Si tratta di una curva d’altri tempi, impegnativa e cieca, perché non si vede l’uscita. Bisogna essere puliti nella guida, ma non lenti; non si deve essere aggressivi, ma al tempo stesso non bisogna essere conservativi. Non ci sono riferimenti per il pilota, quindi conta molto l’istinto. Su questa curva Hamilton e Bottas sono stati i più veloci. Domani potrebbe regalarci interessanti sorprese. (aggiornamento di Silvana Palazzo)

Mentre le prime due file della griglia di partenza della Formula 1 per il Gran Premio di Cina 2017 che si correrà domani a Shanghai sono monopolizzate da Mercedes e Ferrari (come era già successo due settimane fa a Melbourne), bisogna sottolineare le difficoltà della terza teorica forza del Mondiale, cioè la Red Bull. Già non è esaltante il quinto posto di Daniel Ricciardo, perché il pilota australiano accusa quasi un secondo di ritardo dalla quarta posizione di Kimi Raikkonen – dato che indica molto bene quanto sia lontana per il momento la Red Bull da Mercedes e Ferrari -, ma naturalmente colpisce soprattutto il diciannovesimo e penultimo posto di Max Verstappen, penalizzato da problemi al motore al punto tale da non superare nemmeno il Q1. A Melbourne tutto era girato storto al padrone di casa Ricciardo, stavolta sarà Verstappen a dover cercare una difficilissima rimonta, anche se la pioggia potrebbe rimescolare le carte. Questa è la speranza dell’olandese, ma è chiaro come in questo momento la Red Bull non sia in grado di reggere il confronto con Mercedes e Ferrari, le due fuggitive della Formula 1 del 2017. (aggiornamento di Mauro Mantegazza)

POS NO DRIVER CAR Q1 Q2 Q3 LAPS
1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:33.333 1:32.406 1:31.678 13
2 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:33.078 1:32.391 1:31.864 15
3 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:33.684 1:32.552 1:31.865 14
4 7 Kimi Räikkönen FERRARI 1:33.341 1:32.181 1:32.140 15
5 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 1:34.041 1:33.546 1:33.033 12
6 19 Felipe Massa WILLIAMS MERCEDES 1:34.205 1:33.759 1:33.507 14
7 27 Nico Hulkenberg RENAULT 1:34.453 1:33.636 1:33.580 16
8 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 1:34.657 1:33.920 1:33.706 15
9 26 Daniil Kvyat TORO ROSSO 1:34.440 1:34.034 1:33.719 17
10 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 1:33.986 1:34.090 1:34.220 18
11 55 Carlos Sainz TORO ROSSO 1:34.567 1:34.150   11
12 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:34.942 1:34.164   12
13 14 Fernando Alonso MCLAREN HONDA 1:34.499 1:34.372   11
14 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 1:34.892 1:35.046   15
15 36 Antonio Giovinazzi SAUBER FERRARI 1:34.963     8
16 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN HONDA 1:35.023     6
17 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:35.223     6
18 30 Jolyon Palmer RENAULT 1:35.279     6
19 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 1:35.433     7
20 31 Esteban Ocon FORCE INDIA MERCEDES 1:35.496     8

Osservando la griglia di partenza del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1 che è scaturita dalle qualifiche disputate oggi a Shanghai, non si può fare a meno di notare che le prime due file sono esattamente identiche a quelle di due settimane fa a Melbourne. Pole position per Lewis Hamilton, che conferma tutte le sue qualità sul giro secco; secondo posto per Sebastian Vettel, che porta la Ferrari per la seconda volta consecutiva in prima fila, dalla quale la Rossa in precedenza mancava da Singapore 2015; terzo posto per Valtteri Bottas, il cui impatto con la Mercedes si sta comunque rivelando positivo e che oggi è arrivato ad un solo millesimo da Vettel, oltre che a meno di due decimi da Hamilton; infine quarto posto per Kimi Raikkonen, che però può sorridere perché appare più vicino ai tre rivali di quanto non fosse in Australia. Meno di mezzo secondo dalla pole e meno di tre decimi da Seb, anche Kimi sta dunque elevando il proprio livello di competitività. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

Le qualifiche del Gran Premio della Cina 2017 di Formula 1 rappresentano, per i tifosi Ferrari, una notizia migliore della vittoria in Australia di Sebastian Vettel. Se, com’è noto, la pista di Melbourne fa storia a sé, essere a ridosso di Lewis Hamilton sulla griglia di partenza del Gp di Shangai, con il britannico ormai abbonato alla pole position (quella di oggi è la numero 75 in carriera, ndr), equivale alla conferma che la vittoria al debutto non sarà un’eccezione alla regola nell’arco della stagione. Vettel è l’uomo demandato a braccare Hamilton: a loro toccherà mettere in scena un duello che ci accompagni fino al termine della stagione, a loro spetterà dare vita ad una rivalità degna di quella dei più grandi di questo sport. Bottas e Raikkonen vestiranno i panni di comprimari di lusso: pronti a proteggere il capitano, e all’occasione ad approfittare di un loro passo falso, nella speranza di conquistare, sporadicamente, la copertina. Che oggi non può non essere dedicata ad Hamilton e Vettel, campioni finalmente in grado di confrontarsi con macchine di valore simile e desiderosi di imporre sull’altro la propria legge. Pensare che il Mondiale sia soltanto alla vigilia del secondo Gran Premio fa già venire l’acquolina in bocca…(aggiornamento di Dario D’Angelo)

Adrenalina allo stato puro nelle qualifiche del Gp di Cina 2017 di Formula 1 che hanno assegnato la pole position a Lewis Hamilton. Il pilota Mercedes, che partirà dalla prima posizione sulla griglia di partenza nella gara di domani, ha frantumato il precedente record di Shangai facendo segnare il giro più veloce in 1:31.678. Note positive anche da parte della Ferrari, che si conferma quanto meno all’altezza della scuderia rivale soprattutto grazie ad un grande Sebastian Vettel, capace di conquistare la prima fila in extremis soffiando la seconda piazza a Valtteri Bottas per un solo millesimo (+0.186 da Hamilton). In miglioramento anche Raikkonen, che dopo aver pagato per quasi tutte le sessioni di qualifiche distacchi importanti dalle Mercedes è riuscito a conquistare la quarta posizione e soprattutto a restare al di sotto del mezzo secondo di ritardo. In quinta posizione Daniel Ricciardo partirà accanto alla Williams di Felipe Massa, mentre la quarta fila sarà composta dalla Renault di Hulkenberg e dalla Force India di Perez. Completano la top ten, in quinta fila, la Toro Rosso di Kvyat e l’altra Williams di Stroll. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Che spettacolo nel Q2 del Gp di Cina 2017 di Formula 1, preludio della terza sessione di qualifiche che indicherà la pole position e stabilirà anche la griglia di partenza per il Gran Premio di domani. A Shangai si conferma il testa a testa più atteso e annunciato della stagione tra Ferrari e Mercedes, ma sono le Rosse al momento a presentarsi da favorite in vista del Q visto il tempo di 1:32.181 fatto segnare da Kimi Raikkonen. Alle sue spalle Sebastian Vettel paga uno svantaggio di 210 millesimi ma sente il fiato sul collo di Lewis Hamilton, staccato da lui di soli 15 millesi. Leggermente più in ritardo Valtteri Bottas, distante 371 millesimi. E gli altri? Ricciardo al momento è il primo degli umani in quinta posizione, dietro di lui la Renaulti di Hulkenberg precede la Williams di Massa e la Force India di Perez. Completano la top ten la Toro Rosso di Kvyiat e l’altra Williams di Stroll.. Primo degli esclusi dal Q3 Carlos Sainz su Toro Rosso. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Si è conclusa con una brutta notizia per i colori italiani la Q1 del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1: Antonio Giovinazzi è infatti stato protagonista di un incidente con la sua Sauber proprio all’ingresso del rettilineo finale! Il pilota azzurro ha commesso un’errore di inesperienza ma è riuscito dove un collega ben più quotato come Max Verstappen su Red Bull non è riuscito: qualificarsi per la seconda sessione di qualifiche. L’olandese ha pagato a caro prezzo i problemi sul motore della sua monoposto, non riuscendo così andare oltre alla 17esima posizione. Nelle posizioni davanti si conferma invece il duello tra Ferrari e Mercedes: davanti a tutti al momento c’è la Rossa di Sebastian Vettel, alle cui spalle troviamo la Mercedes di Hamilton. In terza posizione Kimi Raikkonen, davanti all’altra freccia d’argento di Bottas. Tra pochi minuti avrà inizio la Q2: i rapporti di forza verranno confermati? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

La Q1 del Gp di Cina 2017 di Formula 1 è iniziata e arrivano le prime indicazioni per quella che sarà la composizione della griglia di partenza nella gara di domani. Per il momento le Ferrari di Vettel e Raikkonen sembrano essere di un altro pianeta: le due Rosse, che montano le gomme gialle anziché quelle rosse da qualifica, stanno facendo segnare tempi bassissimi, senza considerare che nella Q3 potrebbero beneficiare di pneumatici nuovi e adatti alla ricerca del giro veloce. Guai invece per Max Verstappen, costretto a rientrare ai box in fretta e furia per alcuni problemi sulla sua Red Bull, e adesso obbligato a tentare il tutto per tutto per avere accesso alla seconda sessione di qualifiche. Vettel, Hamilton, Raikkonen e Bottas: sono questi i primi 4 della classifica provvisoria. L’ordine sulla griglia di partenza subirà dei cambiamenti nei prossimi minuti? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

L’attesa sta per finire: stanno per avere inizio le qualifiche del Gp della Cina 2017 di Formula 1 da cui verrà fuori la griglia di partenza della gara di domani e soprattutto la pole position. Occhi puntati sulle Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen dopo l’ottima prestazione delle Rosse nella FP3 disputatasi quando in Italia era l’alba. La scuderia di Maranello ha infatti conquistato le prime due posizioni nella terza sessione di libere, confermando i progressi fatti intravedere durante il primo Gran Premio in Australia. L’uomo da battere, e non potrebbe essere altrimenti, resta comunque Lewis Hamilton: il britannico ha chiuso la FP3 in quarta posizione alle spalle di Bottas, ma a costargli caro è stato un errore alla curva 14 proprio prima del rettilineo, che ha pregiudicato un tentativo in cui la sua Mercedes aveva fatto segnare il miglior tempo sia nel primo che nel terzo settore. Il tempo per recriminare, però, è finito: parola alla strada, le qualifiche del Gp di Cina stanno per iniziare! Chi otterrà la seconda pole position dell’anno? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Ad un’ora dall’inizio della prima sessione di qualifiche del Gran Premio di Formula 1 di Shangai quali sono le sensazioni rispetto a quanto visto in al di là del confronto Ferrari-Mercedes? Uno dei duelli più interessanti sembra essere quello per il ruolo di terza incomoda del Mondiale 2017 di . A contenderselo sono infatti Williams e Red Bull, con queste ultime finora al di sotto delle aspettative di inizio stagione. Nella terza sessione di libere è stata la macchina di Felipe Massa a collocarsi in quinta posizione davanti alle macchine di Verstappen e Ricciardo, mentre il canadese Lance Stroll sembra ancora pagare un gap di esperienza dal suo compagno di scuderia, dal quale ha accusato per ora un ritardo nell’ordine dei 4 decimi. L’interesse dei tifosi italiani verso l’unico pilota azzurro del circus, Antonio Giovinazzi, per il momento è andato deluso. Il driver della Sauber, ancora alle prese con le difficoltà scaturite dalla scarsa conoscenza della sua monoposto, attualmente ha chiuso in ultima posizione con un ritardo di 5 decimi dal 19esimo Vandoorne. Il suo punto di riferimento, il compagno di squadra Ericsson, dista attualmente poco più di 6 decimi. Giovinazzi riuscirà a ridurre il gap in qualifica? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Se il buongiorno si vede dal mattino la Ferrari è pronta a fare la voce grossa nelle qualifiche del Gran Premio della Cina 2017 di Formula 1 che decideranno griglia di partenza e pole position del secondo appuntamento del Mondiale. Nella che si è conclusa da pochissimo, sono infatti le monoposto di Vettel e Raikkonen ad aver chiuso in prima e in seconda posizione davanti alle Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton, staccati rispettivamente di 3 e 5 decimi dal miglior tempo di Seb. Dietro le due prime file “virtuali”, tinte di rosso e d’argento, la prima vettura è la Williams di Felipe Massa, mentre per trovare le Red Bull bisogna scorrere la classifica fino alla sesta posizione di Verstappen, più veloce del compagno di scuderia Daniel Ricciardo. Ottava l’altra Williams di Lance Stroll, mentre completano la top ten di questa terza sessione di libere la Renault di Palmer e la Toro Rosso di Sainz. Cosa avverrà in qualifica? Il conto alla rovescia è iniziato: lo scopriremo tra meno di due ore! (aggiornamento di Dario D’Angelo)

La del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1 è più interessante che mai: in attesa di vedere le monoposto sfrecciare in qualifica alla ricerca del miglior piazzamento sulla griglia di partenza e, perché no, della pole position, è importante capire le diverse strategie tutte interne alle scuderie. Prendiamo la Red Bull: in una terza sessione di libere in cui bisogna concentrarsi gioco forza sui propri punti deboli, Ricciardo è sì stato a lungo in testa col miglior tempo, ma questo è un segnale inequivocabile che proprio la ricerca del giro veloce venga considerato un problema. Al contrario il compagno di squadra Max Verstappen, primo nella FP1, sembra già essere concentrato sul Gp di Shangai di domani, se è vero che il giovane olandese sta viaggiando su tempi che altro non sono se non un tentativo di simulare il passo gara. Per il momento le Ferrari stanno girando molto bene: Vettel con il tempo di 1.33:336 ha fatto segnare quello che, se fatto in qualifica, gli varrebbe il nuovo record della pista di Shangai. Alle sue spalle, staccato di un secondo abbondante, l’altro ferrarista Kimi Raikkonen è quarto: ad interrompere il dominio rosso le Mercedes di Hamilton e Bottas. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Nella del Gp di Cina 2017 di Formula 1, che ha avuto inizio da 15 minuti a questa parte, sono già scese in pista sul circuito di Shangai tutte le vetture. Un’ora di tempo per mettere a punto la propria monoposto in vista delle qualifiche per i piloti del Mondiale di F1, dopo che le prove libere del venerdì sono state pesantemente condizionate dal meteo. Fino a questo momento il miglior tempo della terza sessione è stato fatto segnare da Daniel Ricciardo su Red Bull: l’australiano ha portato a termine il suo miglior giro con il tempo di 1.37:411. L’evento più particolare di questo inizio sessione, però, è stata la perdita di un’appendice aerodinamica per la Mercedes di Valtteri Bottas. L’aletta si è staccata dalla vettura finendo fortunatamente sulla ghiaia: nel box delle frecce d’argento però si respira già un certo nervosismo per quello che può essere considerato a tutti gli effetti il primo intoppo di giornata! (aggiornamento di Dario D’Angelo)

Mancano pochissimi minuti al via della del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1, preludio alle qualifiche che oggi, sabato 8 aprile 2017, decideranno la pole position e la griglia di partenza. Una terza sessione di libere attesissima da tutti gli appassionati quella che avrà inizio sulla pista di Shangai, soprattutto considerando che nella giornata di ieri i piloti non hanno potuto provare il tracciato per come avrebbero voluto a causa delle condizioni meteo avverse. Protagonisti principali sono stati i banchi di nebbia, che hanno ridotto drasticamente la visibilità rendendo necessaria la cancellazione della FP2 dopo che nella prima sessione di libere il miglior tempo era stato messo a segno di Max Verstappen su Red Bull. Le Ferrari di Vettel e Raikkonen, nonché la Mercedes di Lewis Hamilton, non hanno ancora saggiato le condizioni del circuito di Shangai e per questo la FP3 che sta per iniziare assume una valenza doppia in attesa delle qualifiche. Lo spettacolo sta per iniziare: pronti a seguire con noi la FP3 del Gp Cina 2017 di F1? (aggiornamento di Dario D’Angelo)

La Formula 1 è di nuovo in diretta: grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio della Cina 2017 sul circuito di Shanghai, sede del secondo Gp del Mondiale di quest’anno, che determineranno la griglia di partenza e la pole position della gara di domani sulla pista che sorge nell’immensa megalopoli cinese. Diamo per prima cosa tutte le informazioni utili per seguire nel migliore dei modi le sessioni di oggi, sabato 8 aprile 2017, sul circuito di Shanghai. Le sei ore di fuso orario fra l’Italia e la Cina si faranno naturalmente sentire. Come di consueto il sabato comincerà con la terza e ultima sessione di prove libere FP3. L’appuntamento sarà alle ore 6.00 italiane (le 12.00 locali) per quelli che saranno gli ultimi 60 minuti a disposizione prima della sessione di prove ufficiali che determinerà la composizione della griglia di partenza e chi sarà a scattare dalla pole position domani. Per questa decisiva sessione delle qualifiche l’appuntamento sarà alle ore 9.00, le 15.00 locali.

Le prime due prove libere del Gran Premio di Cina di Formula 1 sono state segnate dal maltempo. Nel corso delle FP1, la pioggia ha impedito che i top team facessero segnare tempi cronometrati rilevanti ai fini della classifica provvisoria. Anzi, Hamilton, Vettel e Raikkonen, pur scendendo in pista, non hanno nemmeno fatto segnare un giro valido, abortendo di fatto alla prima sessione del venerdì. Al mattino, il più veloce sul circuito di Shanghai è stato Max Verstappen con la sua Red Bull. L’olandese, figlio d’arte, ha girato (l’unico a farlo), sull’1.50.000. È sceso in pista anche il brasiliano Felipe Massa, che con la sua Williams ha fatto segnare un tempo superiore ad 1 secondo e 5 decimi rispetto alla pole provvisoria del suo collega più giovane. Seconda fila virtuale per Stroll e Sainz, a due secondi dal pilota di testa. In quinta e sesta posizione ritroviamo Grosjean e Kvyat, sempre distaccati nell’ordine dei due secondi rispetto al miglior crono fatto registrare da Verstappen, che ricordiamo essere uno dei piloti migliori in condizioni di bagnato. Staccati di oltre tre secondi troviamo Alonso (settimo) e Ricciardo. Chiudono la top ten, a quattro secondi di distanza da Max, Valterri Bottas su Mercedes e Magnussen. Un’ulteriore testimonianza che i tempi delle FP1 non siano indicativi è il fatto che i piloti siano rimasti in pista per pochissimi giri. Ad esempio, Verstappen ha completato soltanto 4 giri. Questo a causa delle condizioni meteo proibitive per i piloti di Formula 1.

Non è andata meglio nella seconda sessione di prove libere. Anzi. Stavolta non è scesa in pista neanche una vettura. Stavolta il problema non era tanto la pista bagnata, quanto un problema all’elisoccorso, impossibilitato ad operare per via dei problemi di visibilità nei pressi dell’ospedale, posto a 40 km di distanza dal circuito. La decisione ufficiale della direzione gara è sopraggiunta quando ormai mancavano una manciata di minuti alla fine della seconda sessione di prove libere, con tutti i piloti fermi ai box con le loro vetture. Per quest’oggi non ci sarà più ‘azione’ in pista, come confermato pochi minuti fa da un tweet dell’account ufficiale della Formula 1. Ancora non è certo se i piloti potranno recuperare la seconda sessione di FP2 che non si è corsa oggi. Sulla carta, dovrebbe essere confermato il programma di domani, dunque con una sola sessione di prove a disposizione dei piloti e delle scuderie per girare sul circuito di Shanghai. Le FP3, ricordiamo, precederanno le qualifiche ufficiali, che si terranno sempre in 3 sessioni, come gli anni passati.

Non sappiamo ancora quali siano i reali valori in campo in previsione della gara di domenica, non avendo le macchine potuto girare in pista. Qualora la corsa fosse bagnata, si mescolerebbero un po’ le carte, con Verstappen che tornerebbe prepotentemente in corsa per il gradino più alto del podio, ma non è da sottovalutare nemmeno la bravura in condizioni di pista bagnata di Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, rispettivamente su Mercedes e Ferrari. Non abbiamo in ogni caso punti di riferimento su cui affidarci con le monoposto di quest’anno.

Ricordiamo il format delle qualifiche, che a partire dalla terza gara del Mondiale 2016 è tornato ad essere quello delle stagioni precedenti. Quest’anno niente sorprese, dunque si prosegue con le prove ufficiali come le conosciamo. Tre manche (Q1, Q2 e Q3) con eliminazioni solo al termine di ciascuna sessione; al termine del Q2 rimarranno solamente 10 piloti, che saranno quelli che si giocheranno la pole position e più in generale le posizioni nelle prime cinque file della griglia di partenza nel Q3. Prima di tuffarci sull’attualità, diamo però uno sguardo alla storia del Gp cinese, nato per volontà del governo che inizialmente aveva puntato sul circuito di Zhuhai, bocciato però dalla Fia a fine anni Novanta. Si dovette dunque attendere il 2004, quando fece il suo debutto nel Circus iridato il circuito di Shanghai con la vittoria di Rubens Barrichello, primo dei quattro successi cinesi della Ferrari.

Nel 2006 Michael Schumacher ottenne proprio qui l’ultima vittoria della sua carriera, nel 2007 Kimi Raikkonen pose una pietra fondamentale nella sua rimonta ai danni di Hamilton (che finì nella sabbia all’ingresso della corsia box), nel 2013 infine ecco il successo di Fernando Alonso in una stagione che era iniziata molto bene – poco dopo arrivò il trionfo anche al Montmelò – ma che poi diede il via alla parabola discendente nel rapporto tra lo spagnolo e Maranello. Negli ultimi anni però anche Shanghai è diventato un dominio della Mercedes: c’era già stata nel 2012 la prima vittoria in carriera di Nico Rosberg, che pèoi ha vinto di nuovo in Cina l’anno scorso, mentre nel 2014 e nel 2015 si era imposto Lewis Hamilton. Ma adesso non è più il tempo delle parole e dei numeri, perché la battaglia per la griglia di partenza sta finalmente per cominciare. Allora mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e della del Gran Premio di Cina 2017 di Formula 1 a Shanghai sta per cominciare…

Pos No Driver Car Q1 Q2 Q3 Laps
1 44 Lewis Hamilton HAM Mercedes 1:33.333 1:32.406 1:31.678 13
2 5 Sebastian Vettel VET Ferrari 1:33.078 1:32.391 1:31.864 15
3 77 Valtteri Bottas BOT Mercedes 1:33.684 1:32.552 1:31.865 14
4 7 Kimi Räikkönen RAI Ferrari 1:33.341 1:32.181 1:32.140 15
5 3 Daniel Ricciardo RIC Red Bull Racing TAG Heuer 1:34.041 1:33.546 1:33.033 12
6 19 Felipe Massa MAS Williams Mercedes 1:34.205 1:33.759 1:33.507 14
7 27 Nico Hulkenberg HUL Renault 1:34.453 1:33.636 1:33.580 16
8 11 Sergio Perez PER Force India Mercedes 1:34.657 1:33.920 1:33.706 15
9 26 Daniil Kvyat KVY Toro Rosso 1:34.440 1:34.034 1:33.719 17
10 18 Lance Stroll STR Williams Mercedes 1:33.986 1:34.090 1:34.220 18
11 55 Carlos Sainz SAI Toro Rosso 1:34.567 1:34.150   11
12 20 Kevin Magnussen MAG Haas Ferrari 1:34.942 1:34.164   12
13 14 Fernando Alonso ALO McLaren Honda 1:34.499 1:34.372   11
14 9 Marcus Ericsson ERI Sauber Ferrari 1:34.892 1:35.046   15
15 36 Antonio Giovinazzi GIO Sauber Ferrari 1:34.963     8
16 2 Stoffel Vandoorne VAN McLaren Honda 1:35.023     6
17 8 Romain Grosjean GRO Haas Ferrari 1:35.223     6
18 30 Jolyon Palmer PAL Renault 1:35.279     6
19 33 Max Verstappen VER Red Bull Racing TAG Heuer 1:35.433     7
20 31 Esteban Ocon OCO Force India Mercedes 1:35.496     8


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori