Diretta/ Formula 1 FP2 live info streaming e tv: Mercedes da qualifica, contromosse Ferrari (Gp Spagna 2017)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 Gp Spagna 2017 Barcellona Montmelò: tempi e classifica delle prime due sessioni del quinto Gran Premio stagionale (oggi venerdì 12 maggio)

lewis_hamilton_1_formula1_lapresse_2017
Lewis Hamilton ha vinto il Gp di Francia 2018 (Foto LaPresse)

La Mercedes ha lasciato il segno nelle prove libere del Gran Premio di Spagna. Le Frecce d’Argento hanno dominato nel venerdì di Barcellona con la doppietta al mattino e nel pomeriggio. Lewis Hamilton si è preso il primo posto, ma il vantaggio su Valtteri Bottas è stato minimo. Le novità sulla W08 Hybrid sembrano funzionare, mentre è stata una giornata un po’ tormentata per la Ferrari. Al mattino problemi per Sebastian Vettel, seppur non gravi, quindi Kimi Raikkonen è stato più veloce del compagno di scuderia. Nel pomeriggio, però, la Ferrari ha tirato fuori le unghie, riducendo lo scarto a 3-4 decimi. Non si tratta di tempi incoraggianti, ma domani Vettel avrà a disposizione una nuova unità endotermica. La sensazione è che le Mercedes sul giro da qualifica abbiano un bel vantaggio, ma la Scuderia di Maranello ha collaudato anche una T-wing biplano e sistemato le prestazioni sul passo-gara. Inoltre, sembra riuscire a mandare più rapidamente in temperature le gomme. La Red Bull resta, invece, sempre alle spalle, ma il divario sembra ridotto. (agg. di Silvana Palazzo)

Si è appena conclusa sul circuito di Catalunya la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna (quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1): il più veloce di tutti è stato Lewis Hamilton (1:20.802) che ha preceduto di novanta millesimi il compagno di squadra Valtteri Bottas (1:20.892), a seguire le Ferrari di Raikkonen (1:21.112) e Vetel (1:21.220), le Red Bull di Verstapepn (1:21.438) e Ricciardo (1:21.585) e le Renault di Hulkenberg (1:21.687) e Palmer (1:21.992); chiudono la top 10 Massa (1:22.015) e Sainz (1:22.265). Negli ultimi 15 minuti i piloti si sono concentrati sulla simulazione del passo gara dove è emerso chiaramente che le Frecce d’Argento avessero più ritmo anche se non possiamo dire con certezza se le Rosse si siano risparmiate oppure no, non conoscendo i carichi di carburante con i quali girano le macchine. Chiude il gruppo Fernando Alonso che a parità di mescola ha accusato più di 3 secondi di ritardo nei confronti di Hamilton, si prospetta un altro weekend nero per lo spagnolo e per la McLaren-Honda. (agg. di Stefano Belli)

Quando manca solamente un quarto d’ora al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinta tappa del mondiale 2017 di Formula 1) i piloti sono alle prese con la simulazione del passo gara dove la Mercedes sembra avere qualcosa in più rispetto alla Ferrari con Hamilton e Bottas che girano tra l’1:25 alto e l’1:26 basso, un secondo più piano sia Vettel che Raikkonen anche se il tedesco gira con una mescola di svantaggio rispetto ai suoi diretti rivali. Da segnalare una breve interruzione della FP2 per consentire ai commissari di rimuovere dal tracciato i detriti volati via dalla Toro Rosso di Sainz che passando a tutta velocità sul cordolo ha rovinato il fondo della sua vettura, un piccolo fuoriprogramma che comunque non ha rovinato i piani dei team. (agg. di Stefano Belli)

Quando mancano 45 minuti al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) l’attività in pista si è fatta più prenetica, e soprattutto si comincia a fare sul serio con Vettel che monta la gomma soft (gialla) e ferma il cronometro sull’1:21.220 alzando notevolmente l’asticella che viene però fissata di nuovo prima da Raikkonen (1:21.112), poi da Bottas (1:20.892) e infine da Hamilton (1:20.802) che mette tutti in riga, in ogni caso Mercedes e Ferrari sono piuttosto vicine tra loro. Anche la Red Bull sta provando a cucire lo strappo con il quinto tempo di Ricciardo che precede le Renault di Hulkenberg e Palmer, la Casa francese dimostra di essere in palla sul giro secco sebbene difetti ancora parecchio sul passo gara. (agg. di Stefano Belli)

Da circa un quarto d’ora è cominciata la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinto appuntamento del mondiale 2017 in Formula 1), in questa fase della FP2 i piloti stanno girando con la gomma media (bianca), al momento al comando della classifica dei tempi troviamo le due Ferrari con Kimi Raikkonen (1:23.143) che precede di 860 millesimi il compagno di box Sebastian Vettel (1:24.003), ancora non hanno effettuato giri veloci i due piloti Mercedes, Hamilton e Bottas, che se la prendono piuttosto comoda visto che c’è ancora tanto tempo a disposizione per portare a termine il piano di lavoro. Ancora indietro la Red Bull con Verstappen e Ricciardo che non sono riusciti a girare sui tempi dei ferraristi. (agg. di Stefano Belli)

Alle ore 14.00 comincerà sul circuito di Catalunya la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna, quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Nel primo pomeriggio i piloti e i team dovranno le stesse condizioni ambientali della gara e dunque potranno raccogliere molti più indicazioni utili in vista della domenica. Come al solito la FP2 (che durerà 90 minuti) si dividerà in due parti: nella prima saranno effettuate le varie simulazioni di qualifica con la mescola di gomme più prestazionale che ha portato qui la Pirelli (la soft/gialla), nella seconda invece sarà dato spazio alle simulazioni del long run e del passo gara, probabilmente verranno utilizzate per questa fase le mescole medium e soft mentre le hard non sembrano essere tenute in considerazione in chiave gara proprio a causa del loro non degrado e dell’impossibilità di poter variare le strategie in base alle circostanze utilizzando questo compound. (agg. di Stefano Belli)

Per Fernando Alonso questo è uno dei fine settimana più importanti dell’anno: correre il Gran Premio di casa, in Spagna, trasmette sempre delle vibrazioni particolari al pilota asturiano che sul circuito di Catalunya (quinta tappa del mondiale 2017 di Formula 1) ha trionfato due volte, la prima nel 2006 al volante della Renault e la seconda nel 2013 alla guida della Ferrari. Stamattina Alonso si è calato nell’abitacolo della sua macchina, ha atteso il via libera dai suoi meccanici, è uscito dai box per immettersi sul tracciato, e… dopo qualche centinaio di metri ha dovuto parcheggiare mestamente nella via di fuga, appiedato dall’ennesimo problema tecnico sulla sua McLaren-Honda, ancora una volta la power unit ha ceduto costringendo lo spagnolo a saltare tutta la prima sessione di prove libere, perdendo un mucchio di tempo e di lavoro che nel pomeriggio potrà essere recuperato solamente in parte. Probabilmente la fine della gara di domenica sarà vista come una liberazione per Alonso che salirà su un jet privato alla volta di Indianapolis, dove il prossimo 28 maggio si correrà la 500 Miglia, una delle corse più belle e famose del mondo. (agg. di Stefano Belli)

Lewis Hamilton è stato il più veloce di tutti nella prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1): al volante della sua Mercedes il britannico ha fatto segnare un tempo di 1:21.521 che gli ha consentito di lasciarsi alle spalle il compagno di box Valtteri Bottas (1:21.550), piuttosto indietro la Ferrari che insegue con Raikkonen (1:22.456) e Vettel (1:22.600), e la Red Bull con Verstappen (1:22.706) e Ricciardo (1:23.084); bene la Haas con entrambi i piloti nella top 10, Magnussen (1:23.670) e Grosjean (1:23.758), tuttavia nei minuti conclusivi il danese è stato appiedato dalla sua macchina costringendolo a fermarsi nella via di fuga dopo un lungo per non rovinare il fondo nuovo di zecca. Mattinata da dimenticare per Alonso che non ha ottenuto tempi significativi a causa dell’ennesimo problema tecnico sulla sua McLaren-Honda. (agg. di Stefano Belli)

A 15 minuti dalla conclusione della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) le Mercedes continuano a dettare il passo con Hamilton che precede di appena 29 millesimi di Bottas, a seguire il resto del gruppo con Raikkonen e Vettel davanti a Verstappen e Ricciardo, una costante vedere la Ferrari saldamente davanti alla Red Bull (quando dodici mesi fa era l’esatto contrario). I primi due piloti a scendere in pista con la gomma media (bianca) sono Massa e Stroll con il brasiliano che grazie alla mescola più performante toglie subito diversi decimi al suo tempo risalendo in quarta posizione, col passare dei minuti anche gli altri accantonano la hard e le prestazioni complessive migliorano. Nel frattempo Vettel torna in pista grazie all’immenso lavoro dei meccanici Ferrari che in poche decine di minuti hanno riparato il cambio della sua Gina ma il tedesco, a parità di mescola, accusa comunque oltre un secondo di ritardo nei confronti delle Frecce d’Argento che qui sembrano avere una marcia in più anche rispetto alle Rosse. (agg. di Stefano Belli)

Quando mancano 45 minuti al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna sul circuito di Catalunya (quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) si sta intensificando l’attività in pista con i due piloti Mercedes che già fanno sul serio, 1:23.531 per Hamilton che rifila 83 millesimi al suo compagno di box Bottas, il tutto utilizzando la mescola dura continuando a preservare i compound più prestazionali. Problema al cambio sulla Ferrari di Sebastian Vettel che è stato costretto a fermarsi sulla corsia di uscita dai box in modo da consentire ai suoi meccanici di poterla recuperare al volo, in ogni caso uno scomodo inconveniente che farà perdere parecchio tempo agli uomini del Cavallino che cercheranno di riparare la macchina nel più breve tempo possibile per poter rimandare in pista il tedesco, al momento tocca a Raikkonen girare e raccogliere più dati possibili, per Iceman il gap nei confronti delle Frecce d’Argento è di circa otto decimi. (agg. di Stefano Belli)

Da circa quindici minuti è in corso sul circuito di Catalunya la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna, quinta tappa del mondiale 2017 di Formula 1. Nelle fasi iniziali della FP1 i piloti si sono limitati a un giro di out-in calzando la gomma dura (che probabilmente non verrà adottata come soluzione in gara a meno di imprevisti) per verificare che le macchine fossero a posto senza lanciarsi, il primo a farlo con questa mescola è stato Felipe Massa che non è andato oltre l’1:26.731, un tempo decisamente alto e che i suoi colleghi non avranno alcun problema a migliorare passando semplicemente a una mescola più prestazionale. Problema tecnico, tanto per cambiare, per Fernando Alonso che non fa nemmeno in tempo a uscire dai box e viene appiedato dalla sua McLaren-Honda, meno male per lo spagnolo che la 500 Miglia di Indianapolis si avvicina. (agg. di Stefano Belli)

Alle ore 10.00 prenderà il via sul circuito di Catalunya (sede del Gran Premio di Spagna, quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) la prima sessione di prove libere. In mattinata, così come nel pomeriggio, i piloti e i team avranno a disposizione 90 minuti per prendere confidenza con il tracciato – che presenta uno dei rettilinei più lunghi di tutto il calendario – e iniziare la messa a punto delle monoposto con le mescole di gomme a disposizione: a Montmeló la Pirelli ha portato soft (gialla), media (bianca) e hard (arancione), una scelta prudente considerando che l’asfalto del Catalunya è uno dei più abrasivi in circolazione e le temperature elevate che si raggiungono solitamente in un fine settimana di metà maggio mettono a dura prova la resistenza degli pneumatici. Anche qui in Spagna il numero di set per ciascun compound è prestabilito dalla Casa produttrice italiana per tutti quanti, quindi ci saranno 7 set di soft, 4 di media e 2 di hard. Al momento c’è il sole e il cielo presenta poche nuvole, uno scenario meteorologico che dovrebbe ripetersi anche nelle giornate di domani e domenica, fatta eccezione per qualche isolato rovescio previsto per il tardo pomeriggio di sabato. (agg. di Stefano Belli)

Il circus della Formula 1 sbarca in Spagna per la seconda tappa europea del mondiale 2017 sul circuito di Catalunya situato a Montmeló, a pochi bassi da Barcellona: riprende la lotta senza esclusione di colpi tra Ferrari e Mercedes, destinata a diventare il vero leitmotiv della stagione, o almeno è quello che si augurano i tifosi della Casa di Maranello e tutti gli appassionanti di motorsport dopo i tre anni di dominio assoluto delle Frecce d’Argento. Entrato a far parte del calendario dal 1991, sin dalla prima edizione ha regalato momenti destinati a entrare nella storia, come il ruota a ruota sul rettilineo principale tra Mansell e Senna; la prima vittoria in Ferrari di Michael Schumacher nel 1996; l’ultima in assoluto di Fernando Alonso nel 2013; l’unica in carriera di Pastor Maldonado nel 2012, quando il pilota venezuelano al volante della Williams stupì il mondo intero dimostrando di non essere solamente uno sfasciamacchine; quest’anno può essere scritto un altro capitolo molto interessante della battaglia per il titolo tra Hamilton e Vettel. Una delle novità principali di questo fine settimana riguarderà senz’altro i numeri di gara, che saranno ingranditi sulle monoposto per consentire agli spettatori di riconoscerle immediatamente e con facilità. In particolare la Scuderia del Cavallino ha adottato una soluzione vantage con il numero nero su sfondo bianco, esattamente come le Rosse che sfrecciavano negli anni ’70 quando le guidava un certo Niki Lauda, oggi passato dalla parte del “nemico”. (agg. di Stefano Belli)

La Formula 1 torna in diretta con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Spagna 2017 sul circuito di Montmelò, la quinta gara del Mondiale 2017. Si riaccendono i motori, per prima cosa eccovi dunque gli orari delle due sessioni in programma oggi, venerdì 12 maggio: come sempre, anche stavolta naturalmente il venerdì sarà dedicato alle prove libere. Siamo a Barcellona, sull’ormai tradizionale Circuit de Catalunya che fa parte del Circus fin dal 1991, di conseguenza gli orari delle varie sessioni sulla pista che sorge a poca distanza dal capoluogo catalano non si discosteranno da quelli delle gare nell’Europa occidentale, non essendoci problemi di fuso orario. La pista è ben conosciuta, anche grazie alle tante sessioni di test invernali che si disputano proprio a Barcellona, ma le tre ore odierne saranno comunque molto utili a tutti.

Le prove libere FP1 e FP2 di Formula 1 del Gran Premio di Spagna 2017 sul circuito di Montmelò, saranno trasmesse come ormai è tradizione da qualche anno su Sky Sport F1 HD, il canale numero 207 della piattaforma satellitare Sky, che per il quinto anno consecutivo detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della Formula 1. Diciamo subito che questa è una delle gare che sulla Rai sono visibili solamente in differita, dato che come nelle stagioni scorse la Tv di Stato trasmetterà tutti i Gp, ma solo la metà circa in tempo reale: presentiamo dunque tutte le modalità per seguire le prove dell’appuntamento sul Circuit de Catalunya, che costituirà un nuovo atto del duello Ferrari-Mercedes con Vettel davanti a tutti per ora nella classifica Piloti.

Nessuna ora di fuso orario naturalmente separa l’Italia da Barcellona: non ci saranno dunque problemi per i telespettatori nostrani. Il primo appuntamento sarà alle ore 10.00 di venerdì mattina per la ; poi dalle ore 14.00 la : ricordiamo che entrambe le sessioni avranno la durata di 90 minuti. Anche quest’anno la telecronaca di tutti gli eventi sarà affidata a Carlo Vanzini, affiancato da una schiera di commentatori tecnici d’eccezione tra cui Marc Gené. Inviata ai box sarà Mara Sangiorgio, mentre la rubrica Paddock Live che farà da filo conduttore alla giornata sarà affidata come di consueto a Federica Masolin. Confermate anche le grafiche tridimensionali di Fabiano Vandone. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione Sky Go.

Per quanto riguarda la tv in chiaro, come detto sulla Rai in questo weekend potremo seguire solo le differite: appuntamento sia per la FP1 sia per la FP2 su Rai Sport + HD (canale numero 57 del telecomando, disponibile anche al numero 5057 della piattaforma satellitare Sky) per seguire il racconto di tutto quello che succederà oggi sul circuito con la telecronaca di Gianfranco Mazzoni e il commento tecnico di Ivan Capelli. Alle ore 14.30 ci sarà la FP1, alle ore 18.30 la FP2. Lo streaming della Rai sarà come sempre garantito dal sito Internet ufficiale www.raiplay.it. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, gli account @Formula 1 e @F1.

La Formula 1 ci ha regalato un inizio di stagione decisamente molto interessante, perché la Ferrari sta riuscendo a lottare ad armi pari con la Mercedes ed anzi ha iniziato l’anno forse anche meglio delle Frecce d’Argento  che pure sono un punto davanti alla Rossa nella classifica del mondiale Costruttori: pesano però le due vittorie di Sebastian Vettel a Melbourne e Sakhir, la prima fila tutta per la Ferrari a Sochi come non succedeva dal lontanissimo 2008 (un’era geologica in Formula 1) e in ogni caso l’enorme miglioramento messo in mostra rispetto al pessimo 2016. Probabilmente i tifosi della Ferrari osavano solamente sognare di ritrovarsi in una situazione simile dopo soli quattro Gran Premi della nuova stagione, che tutti pensavano ancora dominata dalla Mercedes. Come se non bastasse, il team di Stoccarda deve fare anche i conti con una crescita impetuosa di Valtteri Bottas: il finlandese non è solo una seconda guida e sta mettendo più del previsto in difficoltà Lewis Hamilton, dunque potrebbe profilarsi un dualismo di cui la Ferrari potrebbe approfittare.

Di certo il duello tra Vettel e Hamilton, i due piloti più vincenti dell’ultimo decennio che però quasi mai si erano trovati direttamente in lotta per il titolo dal momento che le stagioni buone per uno coincidevano sempre con anni complicati per l’altro, dovrebbe attirare l’attenzione di tutti gli appassionati di Formula 1 in giro per il mondo, ma attenzione alla variabile Bottas. Essendo in Spagna, dobbiamo naturalmente spendere qualche parola per Fernando Alonso, condannato dalla sua McLaren-Honda a lottare solamente per le posizioni di rincalzo e spesso nemmeno per quelle, tanto che Alonso finora non ha ancora ottenuto nemmeno un punto in classifica. Una situazione che mette tristezza pensando al valore del pilota, non a caso fra due settimane Alonso correrà la 500 Miglia di Indiapnapolis, impegno che in questo momento appare senza dubbio più motivante per un campione che in Formula 1 si trova impelagato a lottare fra i peggiori. L’attesa per quanto succederà in questo weekend sta per finire, per la gioia di tutti i tifosi e gli appassionati, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Spagna 2017 di Formula 1 a Barcellona sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori