Diretta / Formula 1 F1 griglia di partenza e qualifiche live: pole Hamilton! Vettel e Alonso, gioia per tutti

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 F1 qualifiche e FP3 live e griglia di partenza Gp Spagna 2017 Barcellona Montmelò: la cronaca e i tempi delle sessioni per la pole position (oggi sabato 13 maggio)

vettel_raikkonen_ferrari_sochi_lapresse_2017
Griglia di partenza Formula 1: i piloti Ferrari (LaPresse)

Le qualifiche del Gran Premio di Spagna di Formula 1 a Barcellona Montmelò hanno dato felicità ai tre piloti più quotati del Circus. La prima fila sulla griglia di partenza vedrà affiancati Lewis Hamilton e Sebastian Vettel: per l’inglese della Mercedes essere tornato a conquistare la pole position è davvero importante, visto che si sentiva sempre più insidiato sia dalle Ferrari sia dalla crescita più veloce del previsto del nuovo compagno di squadra Valtteri Bottas; molto importante però anche il secondo posto di Vettel, ennesima conferma del fatto che quest’anno la Ferrari può lottare con la Mercedes anche sul giro secco, mentre l’anno scorso non aveva conquistato nemmeno una volta la prima fila. Eppure il più felice di tutti è probabilmente Fernando Alonso, settimo con la derelitta McLaren-Honda proprio nelle qualifiche del Gran Premio di casa: un miracolo vero e proprio – almeno dal punto di vista sportivo – per Fernando, che ha festeggiato probabilmente più che per una pole position negli anni d’oro, a conferma che il valore del pilota resta indiscutibile. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

La Mercedes si prende la pole, ma la Ferrari fa il miracolo con Vettel. Si sono rivelate avvincenti le qualifiche del Gran Premio di Spagna. Partirà al primo posto della griglia di partenza Hamilton, che ha rischiato di farsi beffare nel finale da Vettel, il quale ha chiuso con 51 millesimi di ritardo per un bloccaggio. Terzo tempo per Bottas, che è riuscito a sopravanzare Raikkonen. Terza fila tutta Red Bull con Verstappen davanti a Ricciardo. Ottima prestazione di Alonso, che ha chiuso il Q3 al settimo posto, quindi partirà sulla griglia di partenza davanti a Perez. Quinta fila, invece, per Massa e Ocon. Si è deciso tutto nel finale: incredibile il giro di Hamilton, ma ancor più incredibile stava andando Vettel, che per un breve bloccaggio della gomma ha registrato un gap di 51 millesimi. Grande lavoro della Ferrari, che ha sistemato la monoposto di Vettel in tempo per le qualifiche: la sensazione è che i piloti della Scuderia di Maranello non abbiano ancora tirato fuori il potenziale delle loro monoposto sul circuito di Montmelò. (agg. di Silvana Palazzo)

È terminato il Q2 delle qualifiche di Formula 1 per il Gran Premio di Spagna e la sorpresa è il decimo posto di Fernando Alonso, che è riuscito a conquistarsi l’ultimo posto per accedere in Q3. Risultato incoraggiante per il pilota della McLaren, protagonista di un avvio di stagione complicato. In vista dell’assalto finale, ecco la situazione: è ancora testa a testa tra Mercedes e Ferrari con Hamilton che si è confermato al primo posto, ma Vettel è salito al secondo, davanti a Bottas e Raikkonen. Dietro le Red Bull con Verstappen e Ricciardo. Bel settimo tempo per Ocon, che si è piazzato davanti a Massa. Nono, invece, Perez che ha sopravanzato Alonso. La sua esultanza dopo il giro fotografa il momento della McLaren. Niente Q3, invece, per Magnussen, Sainz, Hulkenberg, Grosjean – che si è fermato per un problema proprio nel finale di Q2 – e Wehrlein. Ora, dunque, comincia la caccia vera e propria alla pole del Gran Premio di Spagna! (agg. di Silvana Palazzo)

Si è concluso il Q1 delle qualifiche del Gran Premio di Spagna e prosegue la lotta accesa tra Mercedes e Ferrari. Hamilton si è preso il primo tempo, dietro le due Ferrari. A sorpresa, però, la prima è quella di Raikkonen, che ha registrato il secondo tempo della prima parte delle qualifiche. Terzo, dunque, Vettel, che ha avuto qualche difficoltà durante il suo primo giro. Il pilota tedesco è rimasto in pista e ha concluso il giro, conquistando così l’accesso alla Q2. Quarto tempo per Bottas, dietro le due Red Bull: prima quella di Verstappen e poi Ricciardo. Buon settimo posto per Grosjean, che era rischio eliminazione: nell’ultimo giro ha tirato fuori il massimo per conquistare il pass per il prossimo step. Lo stesso si potrebbe dire per Ocon, Sainz e Magnussen che hanno chiuso la top ten. Dodicesimo posto per Alonso, che ha sopravanzato Hulkenberg e Massa. Si è salvato Wehrlein, che è riuscito a prendersi l’ultimo posto utile per passare in Q2. Esclusi: Ericsson, Palmer, Stroll, Vandoorne e Kvyat. (agg. di Silvana Palazzo)

Sono cominciate le qualifiche del Gran Premio di Spagna. In attesa di conoscere il nome del pilota che conquisterà la pole e, quindi, come sarà composta la griglia di partenza, analizziamo i primi tempi registrati sul tracciato di Montmelò. Il primo a scendere in pista è stato Vandoorne con la sua McLaren, poi è toccato a Vettel che ha voluto girare con la nuova power unit. Subito problemi per il pilota della Ferrari: dopo aver ringraziato i meccanici per la sostituzione del motore in tempi record, ha riscontrato altri problemi, ma proprio quando si avviava mestamente ai box la monoposto si è ripresa e ha potuto fare il suo giro. La decisione di non spegnere il motore e lasciare la vettura sul tracciato è stata importante: Vettel così avrebbe chiuso all’ultimo posto, pregiudicando le qualifiche, mentre così permette ai meccanici di intervenire in corsa e quindi può restare in gioco. Nonostante il contrattempo ha registrato il terzo tempo, sistemandosi dietro Hamilton e Raikkonen. (agg. di Silvana Palazzo)

Il Gran Premio di Spagna 2017 entra nel vivo: cominciano le qualifiche sul circuito del Montmelò. Chi conquisterà la pole position? L’attesa è finita: tra poco scopriremo la griglia di partenza per la gara di domani, valida per il quinto appuntamento del Mondiale di Formula 1. La Ferrari ha fatto passi in avanti importanti in un giorno per colmare il gap emerso venerdì. Nelle prime sessioni delle prove libere hanno, infatti, dominato le Mercedes, ma la situazione è cambiata stamattina. Qualche problema per Sebastian Vettel, che ha avuto noie alla telemetria dopo che i meccanici avevano lavorato a lungo per problemi idraulici sulla sua monoposto. Corsa contro il tempo dei meccanici della Rossa per sostituire la power unit: il tedesco partirà già per le qualifiche con un motore nuovo. Si fa, dunque, sul serio ora in Spagna: comincia così la caccia alla pole e riparte il duello tra Ferrari e Mercedes! (agg. di Silvana Palazzo)

La FP3 del Gran premio di Spagna 2017 di Formula 1 si è chiusa da pochi minuti con le Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel che hanno conquistato rispettivamente la prima e la seconda piazza sul Circuit de Catalunya e dunque favoriti per le qualifiche che sanciranno l’ordine dei piloti sulla griglia di partenza. Una giornata all’apparenza perfetta, se non fosse che in conclusione di sessione i tecnici della Rossa hanno ravvisato alcuni problemi sulla vettura di Vettel costringendolo a fermarsi nella pit lane e a rientrare ai box. Alle spalle delle Rosse si sono piazzate le Mercedes di Hamilton e Bottas (che è riuscito a compiere almeno 2 giri, ndr), staccate da Raikkonen di 381 e 654 millesimi. In quinta e sesta posizione troviamo le Red Bull di Verstappen e Ricciardo, bravi a infilarsi sul finale di sessione davanti alla Renault dell’ottimo Hulkenberg. Completano la top ten la Williams di Massa, la Toro Rosso di Sainz e (abbastanza a sorpresa) la McLaren di Fernando Alonso. I valori verranno rispettati in qualifica? E chi conquisterà la pole position? Quesiti a cui potremo rispondere tra poco! (agg. di Dario D’Angelo)

Quando mancano 15 minuti al termine della FP3 del Gran Premio di Spagna di Formula 1, ultima occasione per mettere a punto le macchine prima delle qualifiche che assegneranno la pole position, c’è Kimi Raikkonen in testa con il miglior tempo. Il pilota finlandese nella simulazione di qualifica con gomma gialla ha chiuso il proprio tentativo in 1:20.214 lasciandosi alle spalle il compagno di squadra Sebastian Vettel di 242 millesimi. La risposta Mercedes si è tradotta nel buon giro di Lewis Hamilton, staccato di 381 millesimi rispetto al finlandese e comunque incapace di inserirsi tra le due Rosse. Novità importanti anche per quanto riguarda Valtteri Bottas: il pilota Mercedes è stato richiamato ai box, segno che potrebbe fare in tempo a girare durante quest’ultima sessione di prove libere. Si tratta davvero di una corsa contro il tempo: Bottas avrà tempo per testare la sua monoposto prima delle qualifiche? (agg. di Dario D’Angelo)

La FP3 del Gran Premio di Spagna 2017 di Formula 1 ha preso il via da 15 minuti a questa parte e per il momento a far segnare il miglior tempo sul Circuit de Catalunya è stata la monoposto di Ocon con il tempo di 1.24:944. Un risultato ancora poco indicativo visto che nelle qualifiche che stabiliranno l’ordine di partenza della gara di domani si viaggerà su tempi molto più bassi. Alle spalle del pilota della Force India si è piazzato Vandoorne su McLaren attardato di soli 95 millesimi. La notizia più importante, però, arriva dal paddock: da segnalare, infatti, che almeno inizialmente non prenderà parte alla FP3 Vallteri Bottas. I meccanici della Mercedes hanno infatti riscontrato dei problemi alla sua Power Unit e stanno adesso lavorando alacremente per cercare di garantire al finlandese la possibilità di scendere in pista prima della fine della terza sessione, ce la faranno? (agg. di Dario D’Angelo)

Prenderà il via fra pochissimi minuti la FP3 del Gran Premio di Spagna 2017 di Formula 1, ultimo appuntamento prima delle qualifiche che stabiliranno la pole position per la gara di domani e comporranno la griglia di partenza. Come sempre, anche in questa terza e ultima sessione di prove libere, occhi puntati su Mercedes e Ferrari. Nella giornata di ieri sono state le Frecce d’Argento a mostrare i muscoli, conquistando la prima e la seconda piazza davanti a Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Sarà probabilmente in questi sessanta minuti prima delle qualifiche che riusciremo ad intuire se le Rosse hanno il potenziale per insidiare le vetture di Hamilton e Bottas anche sul Circuit de Catalunya. I piloti sono già ai box, molti a colloquio con i meccanici per mettere a punto le loro monoposto prima del via della FP3: voi siete pronti a gustarvi con noi la diretta? Tra poco si comincia! (agg. di Dario D’Angelo)

In attesa di capire se riuscirà a conquistare la pole position nelle qualifiche di oggi, sono state prove libere del Gp di Spagna 2017 di Formula 1 esaltanti per Lewis Hamilton, che è apparso ultra sorridente davanti alle telecamere durante le interviste: “E’ stata una grande sfida restare in pista in quelle condizioni ma ci siamo divertiti e al mattino siamo andati alla grande”. Il britannico ha piazzato il miglior tempo nelle prime prove e ha preceduto il suo compagno Bottas in entrambe le sessioni: “Sono proprio felice, soprattutto per il lavoro che abbiamo fatto come team. Sono stati apportati degli aggiornamenti importantissimi, la macchina va esattamente come speravamo”. I presupposti per un weekend stellare sembrano esserci tutti, ma Lewis ci tiene a volare basso e a non farsi illusioni: “Il nostro compito è di tenere la testa bassa e continuare su questa strada”. Infine svela il suo obiettivo: “Vogliamo essere i numeri uno”. Il vicecampione del mondo sembra in gran forma e si presenta ai prossimi appuntamenti nelle condizioni ideali per fare bene. 

Valtteri Bottas, secondo nelle prove libere del Gp di Spagna 2017 di Formula 1, conferma il suo ottimo stato di forma in vista delle qualifiche che sanciranno l’ordine delle monoposto sulla griglia di partenza. Il pilota Mercedes ha così commentato la sua giornata in pista: “Avevamo apportato delle modifiche importanti, sembra che i riscontri siano stati positivi”. Regna quindi grande ottimismo in casa Mercedes per questo week end di Formula Uno, Bottas è certo di poter fare bene a cominciare dalle qualifiche: “Credo che siamo sulla strada giusta, è sempre importante cominciare con il piede giusto ma è chiaro che i giorni più importanti siano sabato e domenica”. Il finlandese ha aggiunto di essersi divertito molto in pista, nonostante le condizioni climatiche avverse: “E’ stata una giornata molto divertente, è stato bello guidare”. Infine ha svelato i prossimi obiettivi: “Dobbiamo pensare ad apportare ulteriori migliorie al nostro pacchetto, spero che saremo in grado di crescere ancora”.  

Spazio ai commenti rilasciati alla stampa da Carlos Sainz per la scuderia Toro Rosso, al termine delle prove libere del Gp di Spagna 2017 di Formula 1, antipasto delle qualifiche che andranno ad assegnare la pole position nella giornata odierna. Il pilota spagnolo ha raccontato il suo venerdì a Barcellona, soffermandosi sulle difficoltà riscontrate in pista: “È stata una prima giornata difficile qui a Barcellona. Penso che le condizioni del tracciato ci abbiano sorpreso un po’, perché la pista si è rivelata più lenta rispetto ai test invernali”. Raffiche di vento molto intense hanno disturbato non poco i piloti durante le prove: “E’ vero, c’era molto vento: cosa che ci ha complicato la vita ancora di più”. Carlos Sainz ha analizzato nel dettaglio cosa non ha funzionato, per poi gettare uno sguardo alle qualifiche imminenti: “Non è stato semplice trovare il giusto bilanciamento, ma nel complesso direi che abbiamo chiuso la giornata in modo soddisfacente e facendo dei miglioramenti. Possiamo guardare alle qualifiche in maniera positiva”.

Daniil Kvyat, pilota russo della Toro Rosso, che oggi andrà a caccia del miglior posizionamento sulla griglia di partenza nelle qualifiche del Gp di Spagna 2017 di Formula 1, ha fatto il punto della situazione soprattutto per quanto concerne il feeling con la sua vettura dopo il venerdì  in pista: “Al momento sto riscontrando alcune difficoltà nella guida della vettura – ha commentato – Dobbiamo avere pazienza e cercare di fare qualcosa per permettermi di sentirmi più a mio agio nell’abitacolo perché, allo stato attuale, la macchina non si adatta al mio stile di guida”. Problemi dei quali James Key, Technical Director Toro Rosso, è al corrente: “Abbiamo avuto alcuni problemi sui giri singoli, dove non siamo riusciti a raggiungere il giusto bilanciamento – ha ammesso – sfortunatamente Daniiil ha perso parte delle FP2 dopo aver danneggiato il fondo, cosa che ha rallentato il suo programma”. Tanto lavoro da fare, dunque, prima di tornare in pista per le qualifiche: “Dobbiamo esaminare il lavoro svolto e la performance nei giri secchi”.

Aspettando le qualifiche che determineranno la griglia di partenza e la pole position del Gp di Spagna 2017 di Formula 1, quarto tempo in entrambe le sessioni di prove libere per Sebastian Vettel. Il pilota della Ferrari ha fatto del suo meglio, ma ha dovuto fare i conti con le difficoltà che il Circuit de Catalunya ha riservato a tutti i protagonisti del venerdì. “E’ stato tutto molto difficile – spiega Vettel in una intervista rilasciata ai media – si è girato in condizioni molto complicate, ma penso che si possa migliorare”. Chiaramente Seb non è al settimo cielo per la sua giornata: “Non sono del tutto contento perché penso che ci sia ancora molto potenziale da sfruttare su questa pista e non sono riuscito a trovarlo”. Con un po’ di ottimismo il bicchiere può comunque considerarsi mezzo pieno in vista delle qualifiche: “Sento che la macchina è veloce, si tratta solo di trovare questo potenziale. L’atmosfera nel complesso è buona, solo che adesso io penso più a quanto è accaduto oggi”. Le difficoltà della pista non devono diventare un alibi per il pilota Ferrari, come lui stesso ha ribadito: “Penso che sia stata difficile per tutti, non solo per noi. Non so chi abbia portato più aggiornamenti qui, ma l’importante è che questi aggiornamenti funzionino”.

 Condizioni difficili durante le prove libere di Formula 1 in Spagna, preludio delle qualifiche di oggi che assegneranno la pole position sulla griglia di partenza del Circuit de Catalunya, Kimi Raikkonen è riuscito comunque ad ottenere un buon terzo tempo in entrambe le sessioni. Nelle interviste ai giornalisti il pilota Ferrari ha raccontato il suo venerdì, con l’auspicio che le condizioni generali in pista possano essere più invitanti per il fine settimana: “Tirava vento e la pista era scivolosa. Ma penso che sia lo stesso per tutti, al primo giorno si scoprono le condizioni del tracciato e poi ci si regola di conseguenza”. Per quanto riguarda la sua prestazione, Kimi analizza così: “I tempi sul giro non dicono molto, noi siamo riusciti a svolgere il nostro programma, collaudando diverse cose. Rispetto ai test invernali è normale che si trovino condizioni differenti: le temperature sono più alte e cambia lo stato della pista”. Dopo le prove il team è già al lavoro per fare il punto della situazione: “Come sempre, al venerdì, abbiamo del lavoro da fare: per cui vedremo che cosa riusciremo a fare in qualifica”.

La Formula 1 è di nuovo in diretta: grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio di Spagna 2017 sul circuito di Montmelò, sede del quinto Gp del Mondiale di quest’anno, che determineranno la griglia di partenza e la pole position della gara di domani sulla pista del Circuit de Catalunya a poca distanza da Barcellona, appuntamento ormai tradizionale per il Circus che vi fa tappa da oltre un quarto di secolo. Diamo per prima cosa tutte le informazioni utili per seguire nel migliore dei modi le sessioni di oggi, sabato 13 maggio 2017 sul circuito della città catalana. Il fuso orario finalmente non costituirà più un problema, ricordiamo comunque tutti gli appuntamenti per gli appassionati. Come di consueto il sabato comincerà con la terza e ultima sessione di prove libere FP3. L’appuntamento sarà alle ore 11.00 per quelli che saranno gli ultimi 60 minuti a disposizione prima della sessione di prove ufficiali che determinerà la composizione della griglia di partenza e chi sarà a scattare dalla pole position domani. Per questa decisiva sessione delle qualifiche l’appuntamento sarà alle ore 14.00, come al solito nelle gare che si svolgono in Europa. Tre manche (Q1, Q2 e Q3) con eliminazioni solo al termine di ciascuna sessione; al termine del Q2 rimarranno solamente 10 piloti, che saranno quelli che si giocheranno la pole position e più in generale le posizioni nelle prime cinque file della griglia di partenza nel Q3.

Essendo solamente al venerdì nel Gp di Formula 1 di Spagna è ancora presto per trarre le prime conclusioni, ma se dovessimo basarci sui tempi registrati nelle prime due sessioni di prove libere del Gran Premio di Spagna (quinta tappa del mondiale 2017 di Formula 1) si direbbe che la Mercedes sembra aver ristabilito le gerarchie in vigore fino al termine dello scorso anno: in particolare Hamilton, dopo il fine settimana da dimenticare in Russia, ha deciso di premere nuovamente il piede sull’acceleratore rivelandosi costantemente più veloce di Valtteri Bottas, che desidera confermarsi ai vertici dopo aver ottenuto la sua prima vittoria in carriera meno di 15 giorni fa. La Ferrari insegue anche se rispetto a stamattina le Rosse hanno ridotto sensibilmente il gap nei confronti delle Frecce d’Argento, e sulla simulazione del passo gara Raikkonen per diverse tornate ha girato sugli stessi tempi di Hamilton e Bottas. Resta da vedere quanta benzina avesse a bordo il finlandese, i tifosi del Cavallino sperano che oggi la Casa di Maranello si sia nascosta e non abbia svelato tutto il suo potenziale, in caso contrario la Mercedes avrebbe già prenotato la prima fila per le qualifiche di domani e la doppietta per la gara di domenica. Ancora indietro la Red Bull che qui a Barcellona era attesa alla riscossa, magari con una versione rinnovata della sua RB13 e invece sia Ricciardo che Verstappen non sono andati oltre il sesto e il quinto tempo. La Renault conferma i progressi sul giro secco portando Hulkenberg e Palmer nei primi 10, prosegue l’Odissea di Fernando Alonso all’interno della McLaren-Honda, lo spagnolo ha chiuso in fondo alla classifica dei tempi e tanto per cambiare ha sfogato tutta la sua frustrazione nei team radio senza sapersi spiegare come facesse a girare più piano degli altri con la mescola più prestazionale.

I tifosi della Ferrari già in pre-allarme dopo aver visto i tempi della prima sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna di Formula 1 al Montmelò, quinto appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1: a parità di mescola, infatti, Hamilton e Bottas hanno rifilato quasi un secondo ai ferraristi Vettel e Raikkonen, ristabilendo le gerarchie a cui eravamo abituati fino al termine dello scorso anno. Più che altro a destare preoccupazione in seno al Cavallino è il problema al cambio accusato da Vettel a inizio FP1 che gli ha impedito di girare per oltre tre quarti d’ora, non consentendogli di rispettare fedelmente il piano di lavoro originario: finché questi inconvenienti capitano di venerdì mattina ci può stare, il problema è se queste grane capitassero in qualifica o peggio ancora in gara. Tuttavia già nel pomeriggio odierno la Ferrari ha la possibilità di ridurre il gap nei confronti delle Frecce d’Argento, quando durante la simulazione del giro di qualifica verranno impiegate per la prima volta le gomme soft, ed è cosa nota che la SF70-H sappia sfruttare le mescole più morbide in maniera decisamente migliore rispetto alla W08.

In attesa di buttarci sull’attualità, andiamo adesso a ripercorrere in breve la storia della Formula 1 in Spagna. Una storia lunghissima, perché ebbe inizio addirittura nel 1913, anche se per decenni il Gran Premio iberico si tenne solo sporadicamente, talvolta addirittura con lunghe pause fra un’edizione e l’altra. Nel 1951 si tenne la prima edizione valida per il Mondiale che era nato l’anno prima: vinse Juan Manuel Fangio su Alfa Romeo sul circuito di Pedralbes, a Barcellona, dove poi si corse anche nel 1954 con vittoria della Ferrari di Mike Hawthorn. Tuttavia poi si dovette aspettare fino al 1968 per rivedere la Spagna nel calendario iridato: iniziò l’alternanza fra il circuito di Jarama (vicino a Madrid) e la pista del Montjuic a Barcellona, quasi in ossequio alle due anime della Spagna sportiva e non solo, ma quel che più conta è che finalmente la Spagna divenne una tappa fissa del Circus, salvo le interruzioni dovute all’assenza negli anni fra il 1982 e il 1985. Il più vincente di quegli anni fu Jackie Stewart con i suoi tre successi consecutivi fra il 1969 e il 1971. Il ritorno definitivo della Spagna risale al 1986, quando per la prima volta si corse a Jerez de la Frontera e vinse Ayrton Senna. Il circuito andaluso ospitò la gara per cinque anni consecutivi, cioè fino al 1990, poi dal 1991 la sede fissa diventò il Montmelò, che fu inaugurato proprio quell’anno.

Stiamo ormai per entrare nell’epopea di Michael Schumacher, che ha vinto per ben sei volte il Gran Premio di Spagna: nel 1995 con la Benetton, nel 1996 invece fu proprio questo il suo primo successo in Ferrari, poi arrivò il poker consecutivo dal 2001 al 2004. Degne di nota anche le tre vittorie consecutive di Mika Hakkinen dal 1998 al 2000. Dopo Schumacher, gli unici due piloti che hanno saputo vincere più di una volta al Montmelò sono stati Kimi Raikkonen e Fernando Alonso. Il finlandese ci è riuscito nel 2005 con la McLaren e nel 2008 con la Ferrari, mentre lo spagnolo ha fatto gioire il suo pubblico nel 2006 al volante della Renault e nel 2013 con la Ferrari in quella che però ancora oggi resta l’ultima vittoria della sua carriera. Nessun altro ha ottenuto il bis, nemmeno Sebastian Vettel che ha vinto solo nel 2011 con la Red Bull e Lewis Hamilton che ha rotto il ghiaccio nel 2014, mentre nel 2015 a trionfare fu Nico Rosberg e l’anno scorso ci fu la clamorosa prima vittoria di Max Verstappen, favorita dall’incidente fra le due Mercedes. Tuttavia adesso non è più il tempo delle parole e dei numeri storici, perché la battaglia per la griglia di partenza sta finalmente per cominciare. Allora mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e della del Gran Premio di Spagna 2017 di Formula 1 a Barcellona Montmelò sta per cominciare…

POS NO DRIVER CAR Q1 Q2 Q3 LAPS
1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:20.511 1:20.210 1:19.149 12
2 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:20.939 1:20.295 1:19.200 16
3 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:20.991 1:20.300 1:19.373 15
4 7 Kimi Räikkönen FERRARI 1:20.742 1:20.621 1:19.439 14
5 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 1:21.430 1:20.722 1:19.706 12
6 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 1:21.704 1:20.855 1:20.175 12
7 14 Fernando Alonso MCLAREN HONDA 1:22.015 1:21.251 1:21.048 15
8 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 1:21.998 1:21.239 1:21.070 14
9 19 Felipe Massa WILLIAMS MERCEDES 1:22.138 1:21.222 1:21.232 15
10 31 Esteban Ocon FORCE INDIA MERCEDES 1:21.901 1:21.148 1:21.272 17
11 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:21.945 1:21.329   13
12 55 Carlos Sainz TORO ROSSO 1:21.941 1:21.371   12
13 27 Nico Hulkenberg RENAULT 1:22.091 1:21.397   12
14 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:21.822 1:21.517   13
15 94 Pascal Wehrlein SAUBER FERRARI 1:22.327 1:21.803   15
16 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 1:22.332     9
17 30 Jolyon Palmer RENAULT 1:22.401     6
18 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 1:22.411     7
19 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN HONDA 1:22.532     9
20 26 Daniil Kvyat TORO ROSSO 1:22.746     6


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori