Diretta Formula 1/ F1 streaming video Sky e Rai tv qualifiche live: pole Vettel. Penalità per Kvyat

Diretta Formula 1 del Gran Premio Ungheria 2017: info streaming video e tv qualifiche F1 live, pole position e tempi all’Hungaroring. Le ultime notizie e gli aggiornamenti

29.07.2017 - Silvana Palazzo
sebastian_vettel_1_ferrari_lapresse_2017
Video Formula 1, highlights Gp Canada 2018 (Foto LaPresse)

PENALITÀ PER KVYAT PER AVER OSTACOLATO STROLL

Penalità per Daniil Kvyat al termine delle qualifiche del Gran Premio d’Ungheria di Formula 1 dominate dalla Ferrari. Il pilota della Toro Rosso ha perso tre posizioni sulla griglia di partenza e un punto della patente per l’ostruzione su Lance Stroll nel Q1. Kvyat aveva chiuso la sessione di qualifica a Budapest con il tredicesimo tempo, così è stato eliminato nel Q2. I commissari di gara però al termine della sessione hanno deciso di infliggergli questa penalità. Il pilota della Williams stava facendo il suo giro veloce per provare ad avanzare in Q2, ma nelle ultime curve dell’Hungaroring si è trovato di mezzo la vettura di Daniil Kvyat, che anziché posizionarsi in una zona “sicura” per lasciar sfilare il canadese lo ha ostacolato. Kvyat partirà dunque dalla sedicesima posizione domani in gara: lo scavalcano Sergio Perez, Romain Grosjean e Kevin Magnussen. Di seguito il video dell’ostruzione. (agg. di Silvana Palazzo) 

FORMULA 1, LA GARA DEL GRAN PREMIO DI UNGHERIA IN DIRETTA

VETTEL CONQUISTA LA POLE POSITION, LA FERRARI MONOPOLIZZA LA PRIMA FILA!

La Ferrari torna a conquistare la pole position e lo fa con Sebastian Vettel che per la 48^ volta da quando corre in Formula 1 partirà davanti a tutti, il tedesco ha fermato il cronometro sull’1:16.276, un tempo irraggiungibile per chiunque. La Scuderia di Maranello monopolizza la prima fila con Raikkonen (1:16.444) che proprio in extremis ha tirato fuori dal cilindro un super giro che gli ha consentito di lasciare dietro di sé le due Mercedes di Bottas (1:16.530) e Hamilton (1:16.693) con le Frecce d’Argento che si sono dovute accontentare della seconda fila. Ancora più indietro la Red Bull: quinto Verstappen (1:16.797), sesto Ricciardo (1:16.818); segnali incoraggianti da parte della McLaren-Honda in quarta fila con Alonso (1:17.549) e Vandoorne (1:17.894), in quinta fila si schiereranno Sainz (1:18.311) e Palmer (1:18.415) mentre Hulkenberg (1:17.468) che in pista ha conquistato la settima piazza scenderà di cinque posizioni per la sostituzione del cambio. (agg. di Stefano Belli) 

HAMILTON AVVERTE LA FERRARI NELLA Q2!

Nella seconda sessione di qualifiche del Gran Premio d’Ungheria Lewis Hamilton si riprende la scena e manda un segnale alla Ferrari, il britannico con il tempo di 1:16.693 mette le cose in chiaro, Vettel se vuole prendersi la pole dovrà passare sul suo cadavere. Bisogna fare molta attenzione anche a Max Verstappen che si è messo davanti ai finlandesi Raikkonen e Bottas, benissimo Nico Hulkenberg sesto con la Renault che precede l’altra Red Bull di Ricciardo, nella Q3 anche le due McLaren-Honda di Alonso e Vandoorne, decimo Sainz che nonostante il periodo di appannamento della Toro Rosso rientra nella top 10 escludendo Palmer, qualifica finita anche per Ocon, Kvyat, Perez e Grosjean. Dopo qualche minuto di pausa si tornerà in pista per la resa dei conti. (agg. di Stefano Belli) 

VETTEL IL PIU’ VELOCE NELLA Q1!

Si è appena conclusa la prima sessione di qualifiche del Gran Premio d’Ungheria sul circuito dell’Hungaroring, undicesimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Molto bene la Ferrari con Vettel che ha fatto segnare il miglior tempo davanti a Verstappen, Raikkonen, Hamilton, Ricciardo, Bottas, Hulkenberg, Alonso, Vandoorne, Palmer, Kvyat, Ocon, Sainz, Grosjean e Perez che rivedremo di nuovo in pista tra qualche minuto per la Q2. Eliminati Magnussen, Stroll, Wehrlein, Di Resta (considerando che non correva in un evento ufficiale da quasi 4 anni il pilota scozzese è andato fin troppo bene) ed Ericsson. Sin dalla prima fase delle qualifiche Ferrari e Mercedes si sfidano a suon di giri velcoci, si intromette anche la Red Bull con Verstappen che si porta ad appena 22 millesimi da Vettel, in palla anche Hamilton che dopo aver sofferto non poco in mattinata ora sembra essersi ripreso. (agg. di Stefano Belli) 

COMINCIANO LE QUALIFICHE, SI PARTE CON LA Q1!

Alle ore 14.00 prenderanno il via le qualifiche del Gran Premio di Ungheria sul circuito dell’Hungaroring, undicesimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1. Qualifiche che promettono di essere davvero molto interessanti, dopo aver visto cosa è stata capace di fare la Ferrari nelle ultime prove libere con Vettel nettamente più veloce di tutti gli altri, se ci dovessimo basare esclusivamente sui tempi della FP3 la SF70-H dovrebbe monopolizzare la prima fila a occhi chiusi ma sicuramente la Mercedes tirerà fuori tutti i cavalli della sua power-unit con Bottas e Hamilton, qualche punto interrogativo in più sul britannico che fatica a trovare il feeling con le gomme super-soft. Anche la Red Bull rappresenta una grossa incognita, Ricciardo non è riuscito a replicare le prestazioni di ieri e nel corso della FP3 ha avuto pure un serio problema tecnico al cambio. Novità in casa Williams: Paul Di Resta prende il posto di Felipe Massa che ha alzato bandiera bianca a causa di un imprecisato malessere. (agg. di Stefano Belli) 

MASSA NON CORRE, AL SUO POSTO DI RESTA!

La notizia era nell’aria già da diversi minuti, ora arriva la conferma ufficiale anche da parte del team Williams: per Felipe Massa il weekend del Gran Premio di Ungheria termina qui, il pilota brasiliano non prenderà parte alle qualifiche tantomeno alla gara di domani a causa di un malore accusato ieri pomeriggio al termine della FP2 di ieri pomeriggio. Al centro medico Massa aveva comunque ricevuto il via libera per scendere in pista ma stamattina dopo aver compiuto qualche tornata ha deciso di tornare ai box e di non girare più, non sentendosela di rischiare. Non dimentichiamo che proprio all’Hungaroring, 8 anni fa, Massa fu vittima del più grave incidente della sua carriera, quando una molla impazzita persa dalla Brawn di Barrichello lo colpì sul casco in pieno rettilineo facendolo schiantare contro la barriera di gomme, a parte la grande paura l’allora ferrarista non riporto gravi conseguenze ma fu costretto a saltare il prosieguo della stagione 2009. Dopo un rapido consulto la Williams ha deciso di sostituirlo con Paul Di Resta, il pilota scozzese non prende parte a un evento di Formula 1 dal Gran Premio del Brasile 2013 e di sicuro la sua confidenza con le macchine di oggi sarà minima e l’obiettivo per lui diventa accumulare più chilometri possibili per domani. (agg. di Stefano Belli) 

MIGLIOR TEMPO PER VETTEL NELLA FP3!

Sebastian Vettel ha ottenuto il miglior tempo nella terza sessione di prove libere del Gran Premio di Ungheria in programma domani sul circuito dell’Hungaroring per la 32^ edizione nella storia della Formula 1. Il tedesco della Ferrari ha stampato un impressionante 1:17.017 grazie al quale ha rifilato quasi mezzo secondo al compagno di squadra Kimi Raikkonen (1:17.492) e quasi un secondo a Valtteri Bottas (1:17.914), gli unici a scendere sotto l’1:18. Quarto tempo per Max Verstappen (1:18.194) che precede Hamilton (1:18.434), Vandoorne (1:18.638), Hulkenberg (1:18.699), Ricciardo (1:18.714), Alonso (1:18.884) e Palmer (1:18.956). In difficoltà Force India e Williams fuori dalla top 10, c’è grande apprensione per le condizioni di Felipe Massa che dopo aver percorso qualche tornata è rientrato ai box accusando un malessere generale, per precauzione il team di Grove ha allertato il terzo pilota Paul Di Resta che non prende parte a una gara da novembre 2013 (Gran Premio del Brasile a Interlagos). (agg. di Stefano Belli) 

FERRARI VELOCISSIMA CON VETTEL!

Quando mancano quindici minuti alla fine delle terze prove libere del Gran Premio di Ungheria (undicesimo appuntamento del mondiale 2017 di Formula 1) andiamo a riepilogare quanto accaduto nell’ultima mezz’ora. Per la prima volta dall’inizio del weekend la Ferrari fa sul serio con Kimi Raikkonen che aggiorna il record della pista diventando il primo pilota in assoluto a scendere sotto l’1:18, Sebastian Vettel non è da meno e alza ulteriormente l’asticella in 1:17.790. La Mercedes reagisce mandando in pista Hamilton e Bottas con la gomma gialla, la scuderia tedesca vuole qualificarsi con la Q3 con questa mescola per poter ritardare la prima sosta ai box domani in gara., con una mescola di svantaggio le Frecce d’Argento accusano oltre un secondo di ritardo dalle Rosse. Anche Daniel Ricciardo che ieri aveva fatto la voce grossa nelle libere non riesce ad avvicinarsi ai tempi di Vettel e Raikkonen (a parità di mescola) e quando prova a spingere di più viene appiedato dalla sua Red Bull (probabilmente un guasto al cambio); la McLaren si conferma nella top 10 con Alonso e Vandoorne, a ulteriore conferma che a livello di telaio, al netto della power-unit Honda, il team di Woking non è poi messo così male. Nei minuti successivi la Mercedes torna in pista con Bottas che calzando le super-soft non migliora i tempi dei ferraristi, in compenso Vettel ritocca nuovamente il record della pista con il tempo di 1:17.017, mezzo secondo più lento di lui il compagno di box Raikkonen. (agg. di Stefano Belli) 

RAIKKONEN E VERSTAPPEN I PRIMI BIG A LANCIARSI

È cominciata da circa quindici minuti la terza sessione di prove libere del Gran Premio di Ungheria, sul circuito dell’Hungaroring (che per la 32^ volta ospiterà una gara valida per il mondiale di Formula 1) i piloti stanno girando con le macchine in assetto da qualifica. Max Verstappen è il primo dei big a scendere in pista con la gomma rossa (super-soft) e realizza subito un 1:19.012 molto interessante, dando un riferimento prezioso agli altri che devono ancora lanciarsi. Kimi Raikkonen migliora il tempo dell’olandese di quasi tre decimi mentre rimangono ancora fermi ai box i due piloti Mercedes, Hamilton e Bottas, e l’altra Ferrari di Vettel che preferiscono aspettare qualche altro minuto, quando la pista sarà ancora più gommata, per immettersi sul tracciato. (agg. di Stefano Belli) 

VIA ALLA FP3!

Alle ore 11.00 riprende l’attività sul circuito dell’Hungaroring con la terza e ultima sessione di prove libere del Gran Premio d’Ungheria, undicesima prova del mondiale 2017 di Formula 1. La FP3 precede di qualche ora le qualifiche vere e proprie per cui il lavoro che i team effettueranno si focalizzerà soprattutto sul trovare il set-up ideale per le vetture in configurazione giro secco, assisteremo dunque a una simulazione vera e propria con la gomma più performante messa a disposizione dalla Pirelli per questo fine settimana, la super-soft (rossa). La cosa più importante da verificare è se la Red Bull sarà realmente in grado di lottare per la pole position, ieri Ricciardo è stato il più veloce e se lo sarà anche tra un’ora allora l’australiano può quantomeno aspirare alla prima fila. Si attendono temperature più alte rispetto a quelle registrate nella giornata di ieri, quindi gli pneumatici potrebbero comportarsi in maniera diversa e non avere lo stesso rendimento di 24 ore fa. (agg. di Stefano Belli) 

HANS IN VIGORE DAL 2018

Adesso è ufficiale, dal 2018 entrerà in vigore il sistema di protezione per la testa dei piloti all’interno dell’abitacolo meglio noto come Halo: nei giorni scorsi lo Strategy Group ha ratificato la decisione e dalla prossima stagione verrà installato su ogni macchina che prenderà parte al campionato del mondo di Formula 1. Ovviamente la versione definitiva sarà diversa dai prototipi che abbiamo ammirato durante le varie sessioni di prove libere, lo ha comunicato la FIA sostenendo che tra i vari progetti studiati e messi al vaglio Halo è risultato il migliore. Due settimane fa, a Silverstone, la Ferrari aveva provato un’alternativa, denominata Shield, che non aveva lasciato per nulla soddisfatto Vettel il quale, dopo aver percorso un paio di giri ad andatura ridotta, rientrò immediatamente ai box bocciandola drasticamente. I tifosi, gli appassionati e gli addetti ai lavori dovranno cominciare ad abituarsi, Halo diventerà parte integrante dell’abitacolo, un po’ come all’epoca lo divenne il collare Hans sul casco dei piloti. (agg. di Stefano Belli) 

DIRETTA FORMULA 1 GP UNGHERIA 2017: QUALIFICHE

Dopo le prime libere il weekend del Gran Premio d’Ungheria entra finalmente nel vivo: stamattina verranno concluse le prove libere con la terza sessione, poi partirà la caccia alla pole position con le qualifiche. Si tratta del primo momento decisivo di questo nuovo appuntamento del Mondiale di Formula 1, perché il circuito dell’Hungaroring non offre molti spunti per i sorpassi. Conquistare un ottimo posto sulla griglia di partenza è quindi fondamentale per non cominciare in salita la gara. Sarà una lotta a dir poco avvincente, considerando che i big sono racchiusi in pochi decimi. Non sarà duello tra Mercedes e Ferrari, perché nella battaglia si è iscritta pure la Red Bull, che è apparsa particolarmente competitiva finora. Aspettiamoci allora molte sorprese e diversi colpi di scena oggi, anche perché la pista, sebbene non sia particolarmente veloce, presenta delle curve molto insidiose, quindi richiede la massima concentrazione da parte dei piloti. 

PER LA POLE POSITION SARÀ LOTTA SERRATA

Lewis Hamilton è ad un passo da Michael Schumacher: oggi potrebbe conquistare la pole position numero 68, eguagliando così l’ex pilota della Ferrari nella classifica di tutti i tempi. Ma il weekend in Ungheria non sembra essere cominciato nel migliore dei modi per il pilota della Mercedes, che ha chiuso le prove libere ieri al quinto posto. D’altra parte è un tempo conquistato con le gomme a mescola soft e ciò è molto indicativo del potenziale che ha il britannico. Ha preferito nascondersi all’inizio del weekend per non rivelare il potenziale della sua Mercedes con la mescola più performante, ma non sarà facile oggi nelle qualifiche con Ferrari e Red Bull. Deve fare i conti con la fame di Daniel Ricciardo, che ha ottenuto i migliori tempi nelle libere. Non è stato facile per la scuderia di Maranello far funzionare il nuovo pacchetto aerodinamico, ma le prestazioni registrate sono simili, quindi sarà lotta serrata oggi. 

IL PRONOSTICO

I piloti di Formula 1 stanno facendo di tutto per renderci la vita difficile quando si tratta di fare i pronostici. No, le qualifiche del Gran Premio d’Ungheria non saranno caratterizzate solo dal duello tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Prendete Daniel Ricciardo, che ha dominato le prove libere ieri candidandosi ad un ruolo da protagonista oggi. Ma non sottovalutate le capacità di Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen, che sanno tirar fuori tempi davvero interessanti in qualifica. L’unico che sembra fuori dalla lotta è Max Verstappen. A caccia di un buon tempo per conquistare la pole position, la Ferrari non può temere solo l’uscita allo scoperto della Mercedes, che ieri si è un po’ nascosta. C’è la Red Bull tra le scuderie molto competitive, del resto è un tracciato nel quale non è il motore a far la differenza, visto che è uno dei più lenti del Mondiale. E se allora fosse Ricciardo a prendersi la pole position? Sebastian Vettel dovrà fare attenzione, ma puntiamo ancora una volta su Lewis Hamilton: se è andato forte con le soft, figurarsi cosa può fare con le super-soft. Nella top ten potrebbe rientrare la McLaren per lo stesso motivo per il quale la Red Bull è tornata competitiva: è il telaio a fare la differenza, non il motore.

FORMULA 1, QUALIFICHE IN DIRETTA TV E STREAMING VIDEO

Dove è possibile seguire in diretta tv il Gran Premio d’Ungheria di Formula 1? Gli abbonati al pacchetto Sport di Sky possono usufruire del canale dedicato, Sky Sport F1 (disponibile anche in alta definizione). Chi non è cliente dell’emittente satellitare non deve disperare, perché questo appuntamento del Mondiale di Formula 1 non è trasmesso in esclusiva da Sky, quindi può essere seguito anche in diretta tv con la Rai. L’ultima sessione di prove libere andrà in onda su Rai Sport, mentre le qualifiche verranno trasmesse su Raidue. Non è necessario cambiare il canale, invece, per Sky. Ma se non potete seguire l’appuntamento in diretta tv non disperate, perché è disponibile anche la diretta in streaming video. I clienti di Sky possono usufruire del servizio SkyGO, a patto che siano abbonati al pacchetto Sport. Chi non è abbonato può sfruttare il sito internet ufficiale della Rai per seguire sia l’ultima sessione di prove libere che le qualifiche del Gran Premio d’Ungheria. Nel dettaglio, sulla tv pay per view l’appuntamento sarà sul canale 207 del telecomando ovvero Sky Sport F1 che trasmetterà in diretta tv sia la Fp3 che la qualifiche (negli orari sopra ricordati) con la cronaca di Carlo Vanzini e il commento tecnico di Marc Genè oltre che numerosi inviati presenti sulla pista dell’Hungaroring. Confermata quindi la possibilità di seguire le vicende dell’asfalto magiaro in diretta streaming video tramite l’applicazione Sky Go. Per la tv nazionale invece l’appuntamento per la diretta tv sarà su Raisport + (numero 57) per la Fp3 alle ore 11.00: ci si dovrà spostare invece su Rai 2 (numero 2) per assistere alla diretta delle qualifiche a partire dalle ore 14.00, sempre accompagnati dalla telecronaca di Gianfranco Mazzoni e il commento tecnico di Ivan Capelli. Lo streaming video sarà come sempre garantito dal sito Internet ufficiale www.raiplay.it. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, gli account @Formula1 e @F1.

RED BULL E FERRARI CAMBIANO: LE NOVITÀ

La Red Bull si è presentata in Ungheria con diverse novità tecniche. Adrian Newey aveva promesso un’evoluzione della RB13 e la promessa è stata mantenuta. Il salto di qualità è stato importante, considerando i risultati registrati da Daniel Ricciardo. Imbocco dell’aria per il raffreddamento più in alto e con un disegno non più tondeggiante, parte più bassa della pancia rastremata per favorire il passaggio di aria verso la parte posteriore, due paratie come convogliatori di flusso: sono queste alcune delle novità presentate in questo weekend. Aggiornamenti anche per la Ferrari: sono stati inseriti tre deviatori di flusso sul “pavimento”, mentre sullo splitter sono apparsi due generatori di flusso per orientare l’aria verso la “scimitarra”. Modifiche, ad esempio, anche sui sei slot a forma di Esse per ridurre l’effetto provocato dalla gomma quando viene sottoposta ai carichi laterali o quando passa sui cordoli. Basteranno per tenere a bada la Mercedes?

PROVE LIBERE, COME È ANDATA IN FP1

Red Bull in forma: Daniel Ricciardo ha dominato nella prima sessione di prove libere, confermandosi poi in quella successiva. Nella mattinata di ieri i piloti hanno girato usando soprattutto la mescola di gomme super-soft, quella della Pirelli che garantisce prestazioni migliori. Il pilota australiano ha dunque conquistato la leadership con il tempo di 1:18.486. Dietro Kimi Raikkonen che pur girando poco ha saputo tirare fuori dal cilindro un buon tempo e mettere in ombra l’altro ferrarista, Sebastian Vettel, che si è dovuto accontentare del sesto tempo, a oltre un secondo di ritardo dalla vetta. È rimasta alla finestra invece la Mercedes: Lewis Hamilton e Valtteri Bottas non hanno spremuto più di tanto le loro monoposto per non stressare le varie componenti della W08 in vista delle qualifiche. Ha girato in FP1 anche Antonio Giovinazzi, che però si è reso protagonista di un incidente. L’italiano al volante della Haas è andato a sbattere contro le barriere a causa di un problema meccanico, non di suo errore di guida. I numerosi problemi riscontrati da Romain Grosjean nel tenere in pista la sua macchina hanno confermato questa tesi. Di conseguenza il “titolare” Kevin Magnussen nella sessione successiva è rimasto fermo ai box quasi tutto il tempo per permettere ai meccanici di riparargli la monoposto.

PROVE LIBERE, COME È ANDATA IN FP2

I piloti di Formula 1 sono tornati in pista nel pomeriggio, ma non è cambiato molto rispetto al mattino: Daniel Ricciardo si è confermato al primo posto con la mescola super-soft. L’australiano ha fatto registrare il miglior tempo: 1:18.455. L’unico ad avvicinarsi è stato Sebastian Vettel, a 183 millesimi di distacco. Il migliore della Mercedes è stato Valtteri Bottas, che si è preso il terzo posto, sistemandosi davanti al connazionale Kimi Raikkonen e al compagno di scuderia Lewis Hamilton. Quest’ultimo con la gomma gialla è andato fortissimo, ma non con la super-soft. La Red Bull sorride, ma non può essere del tutto felice, perché la giornata è stata negativa per Max Verstappen, che si è piazzato in sesta posizione a quasi mezzo secondo di ritardo da Ricciardo. A far notizia sono anche Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne, entrati nella top 10 con la loro McLaren. Non sono mancati gli incidenti: da quello di Pascal Wehrlein, che ha perso il controllo della Sauber andando così a muro, a quello di Jolyon Palmer, che ha timbrato le barriere. In difficoltà anche Felipe Massa che non riusciva a tenere in strada la sua Williams, apparsa davvero inguidabile tra escursioni nella via di fuga e qualche testacoda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori