DIRETTA FORMULA 1/ Streaming video SKY prove libere FP1 e FP2 live: anche le FP2 nel segno di Hamilton!

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 live Gp Usa 2018 Austin: tempi e classifica delle due sessioni in programma per aprire il weekend (oggi venerdì 19 ottobre)

Hamilton Formula 1
Formula 1: Lewis Hamilton (Foto LaPresse)

HAMILTON ENTRA, FA UN GIRO, REGISTRA IL MIGLIOR TEMPO E TORNA AI BOX

Si è conclusa la seconda sessione di prove libere del Gp degli Stati Uniti. Il miglior tempo è stato registrato dal solito Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes ha fermato il cronometro a 1:48.716. Al britannico è bastato un solo giro per trovare il miglior giro. Secondo tempo invece per il sorprendente Gasly. Terzo Verstappen, più veloce di qualche decimo di Hulkenberg. Segue l’altra Toro Rosso guidata da Hartley. Dopo ci sono Ericsson, Rasikkonen, Vandorne, Leclerc e Vettel.oll, Vandorne, Ericsson, Leclerc e Vettel. Le Fp2 sono iniziate con diversi minuti di ritardo. I commissari hanno infatti atteso che la pioggia calasse d’intensità. Dopo il semaforo verde i piloti hanno voluto comunque aspettare ancora mezzora prima di entrare in pista. Non tutti in verità. A fine sessione saranno 14 quelli che ad averci provato durante questa sessione. Nel frattempo non arrivano notizie riguardanti Sebastian Vettel. Il tedesco è sotto investigazione per non aver rispettato il delta durante il regime di bandiera rossa.

GP USA 2018, DIRETTA LIVE

QUALCUNO SCENDE IN PISTA

Piloti finalmente in pista per la seconda sessione di prove libere. Dopo diversi minuti di attesa per la pioggia i commissari hanno dato il via libera all’inizio della sessione. Dopo la prima mezzzora con tutti i piloti ai box il primo a rompere le righe è Hartley. Dentro pure Raikkonen, Leclerc, Ericsson, Sirtokin e Stroll. In questo momento il miglior tempo è stato registrato da Kimi Raikkonen. Il finlandese ha fermato il cronometro a 1:53.443. Intanto nulla si muove sul fronte Vettel. Il tedesco è sotto investigazione dopo la prima sessione, quando pare non abbia rispettato il delta imposto durante la bandiera rossa.

I PILOTI NON SI FIDANO

La seconda sessione di prove libere del Gp degli Stati Uniti è in corso ma ancora nessun pilota è sceso in pista.La pioggia, infatti, sta scendendo in maniera ininterrotta da qualche ora. Temperatura che oscilla attorno ai 17 gradi mentre l’umidità si attesta al 94%. Troppi elementi sfavorevoli per convincere i piloti a provare. Restiamo, nel frattempo, in attesa di capire se verrà data l’eventuale penalità a Vettel. Il tedesco non avrebbe rispettato il delta durante la bandiera rossa nelle FP1. A proposito di questo si è pronunciato Horner della Red Bull: “Per coerenza devono dare a Vettel la penalità, è successo a Ricciardo a Malbourne. E’ uno schifo di penalità, ma va data”.

INIZIO POSTICIPATO DI QUALCHE MINUTO

E’ ufficialmente iniziata la seconda sessione di prove libere del Gp degli Stati Uniti. Qualche minuto di ritardo imposto dai giudici per la pioggia, sempre battente. Bandiera rossa che dura circa 7 minuti dopo di che ecco il semaforo verde. I piloti però non si fidano e sono acora ai box per valutare le condizioni della pista prima di provare. Piove sul bagnato intanto in casa Ferrari. Vettel, scuro in volto, è stato investigato per non aver rallentato in regime di bandiera rossa nelle FP1. Qualora i sospetti venissero confermati il tedesco subirebbe una penalizzazione che potrebbe incidere negativamente sul suo weekend.

PIOGGIA FITTA AD AUSTIN

Tutto pronto ad Austin per l’inizio della seconda sessione di prove libere. Dopo il forte nubifragio che si è abbattuto nella notte sul Texas, con fiumi al limite dell’esondazione e allerta mantenuta nelle ore successive, anche la Formula 1 ha dovuto fare i conti con una pista bagnata e dove sono serviti oltre trenta minuti per veder stampati i primi tempi. Alla fine il miglior tempo delle FP1 lo ha ottenuto il Lewis Hamilton su Mercedes in 1:47.502. Il britannico, che in questo weekend ha a disposizione il primo match point per vincere il titolo, ha percorso 6 giri e lasciato dietro gli scarichi della sua W09 quella del compagno Valtteri Bottas (1.304). Poi le Red Bull di Verstappen e Ricciardo e le Ferrari di Vettel e Raikkonen. Per la Rossa del finlandese testato un nuovo fondo. Le SF71 H hanno faticato a tenere il ritmo delle Mercedes, ma con il migliorare della pista sono migliorati anche i tempi; Seb ha comunque chiuso a 2’’ dal leader delle FP1. In questo momento la pioggia sembra farsi sempre più fitta.

SI RIPARTE CON LA FP2

Prende il via con le due Mercedes al comando il weekend di gara ad Austin, in Texas. Lewis Hamilton ha chiuso al vertice, grazie al miglior tempo di 1:47.502, seguito dal fedele compagno di box Bottas e dalla Red Bull di Verstappen, staccati di poco più di un secondo. La sessione non è stata particolarmente proficua – interrotta inoltre da una bandiera rossa – dato che si è svolta tutta con le gomme da bagnato. Quarto crono per Ricciardo, che ha preceduto le due Ferrari, con Vettel davanti a Kimi, e quindi Sainz, Grosjean, Leclerc ed Ericsson. Tra poco di nuovo in pista per la seconda sessione di prove libere.

FP1 CON HAMILTON A VELE SPIEGATE VERSO LA VITTORIA

Lewis Hamilton ha registrato il miglior tempo nella prima sessione di prove libere. Al britannico bastano solo sei giri per fermare il cronometro a 1:47.502. Staccato di quasi un secondo e mezzo Bottas. Seguono Verstappen, Ricciardo, Vettel, Raikkonen, Sainz, Grosjean, Leclerc ed Ericsson. In questa ore e mezza o poco più (qualche minuto di stop causa bandiera rossa post-testacoda di Leclerc) i piloti hanno visto asciugarsi progressivamente l’asfalto. Il passaggio dalla gomma blu alla gomma verde ha portato maggiori benefici in casa Mercedes. Gli ultimi minuti in pista hanno visto tutti i piloti impegnati su mescola intermedia usata, per risparmiare un set in vista delle prossime sessioni, dal momento che il meteo non sembra deciso a migliorare. Comunque competitive le Red Bull mentre si pensa a un’eventuale strategia per capire il pesante ritardo delle Ferrari dall’ormai prossimo campione del mondo.

HAMILTON SUBITO VELOCISSIMO

Mancano circa 15 minuti alla chiusura della prima sessione di prove libere del Gp Usa. Siamo ad Austin, in Texas. Lewis hamilton si è preso poco fa il miglior tempo: cronometro fermato a 1:47.502. A un secondo il compagno di scuderia, Bottas. Seguono le due Red Bull con Verstappen più veloce di Ricciardo. Quinto tempo provvisorio, invece, per il 39enne Raikkonen. La momentanea top ten è completata da Alonso, Norris, Perez e Ocon.

BANDIERA ROSSA

Siamo a metà della prima sessione di prove libere del Gp statunitense di Austin. In questo momento il miglior tempo registrato è quello di Bottas con 1:48.806. Ricciardo, secondo, è staccato di circa mezzo secondo. Seguono Verstappen, Sainz, Raikkonen, Alonso, Leclerc, Norris e Vettel. Dopo una prima fase in cui i piloti hanno scelto per lo più la gomma wet ora quasi tutti sono andati sulla gomma intermedia. Testacoda intanto per Leclerc, che chiama in pista la bandiera gialla, e poi anche Vettel fa una piccola deviazione andando largo, per poi proseguire in pista. Poco dopo la Federazione sceglie di sbandierare la rossa per pulire la pista.

INIZIO FP1

Ericsson con la Sauber è il primo in pista, al quale via radio dicono subito di fare attenzione alle condizioni della pista: gomme full wet per lui, dato che la pista è decisamente bagnata. Sarà un weekend importante per Lewis Hamilton, sempre più vicino al suo quinto titolo iridato dopo il successo firmato a Suzuka, anche se il britannico della Mercedes giura di non sentire la pressione, e di essere pronto ad affrontare questa gara come tutte le altre. Certamente questo è l’approccio migliore, ma siamo certi che qualche calcolo Lewis l’abbia fatto. Chi invece dovrà impegnarsi un po’ di più del solito è Sebastian Vettel; per il tedesco non è ancora detta l’ultima parola, ok, ma la possibilità di recuperare sul rivale sembra sempre più remota e qui ad Austin Hamilton ha nelle mani il suo primo match point.

LE NOVITA’

La Ferrari ha preparato diverse novità per il GP degli Stati Uniti 2018 di Formula 1. L’obiettivo della scuderia di Maranello è mantenere aperta la corsa per il titolo, quindi ci sono stati diversi interventi. Ad esempio, è stato modificato il bargeboard. Ora ci sono undici generatori di vortice che servono a migliorare il flusso che è destinato ad andare verso il diffusore posteriore. Sono aumentati anche gli elementi verticali, perché ci sono due deviatorini in più, come analizzato da Motorsport. L’obiettivo degli aerodinamici della Ferrari è chiaro: aumentare il flusso che si riesce a indirizzare sotto al fondo. Inoltre, sono state introdotte due file di tre piccoli flap arcuati verso l’esterno per fare in modo che lo sporco non possa bloccare il passaggio di flusso con cui si può agire sul “tyre squirt”. La Ferrari, dunque, torna alla carica con un fondo che potrebbe dare grandi risultati anche su una pista di medio carico aerodinamico come quella di Austin. (agg. di Silvana Palazzo)

LA FORMULA 1 FA TAPPA AD AUSTIN

La Formula 1 oggi, venerdì 19 ottobre, torna protagonista con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio degli Stati Uniti Usa 2018 in diretta da Austin, dove domenica si correrà il diciottesimo appuntamento del Mondiale 2018 di Formula 1. La prima annotazione è doverosamente riservata agli orari, che saranno fortemente condizionati dalle sette ore di fuso orario tra l’Italia e il Texas: essendo però passati dalle scorse gare in Asia al continente americano, stavolta tutto il programma sarà spostato verso sera e sarà tutto sommato meglio per gli appassionati italiani. La FP1 avrà inizio alle ore 17.00 italiane, quando sul Circuit of the Americas saranno invece appena le 10.00; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 21.00 (le 14.00 locali) per la FP2, la sessione più significativa perché si disputerà alla stessa ora della gara di domenica e come di consueto sarà la più indicativa per scuderie e piloti. Il Gp Usa sarà un appuntamento molto atteso: ad Austin la Formula 1 sembra avere finalmente trovato una casa stabile negli States a partire dal 2012, particolarmente importante per ragioni di mercato e ancora più significativa adesso che i nuovi padroni del Circus sono appunto americani.

FORMULA 1, LE PROVE LIBERE IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV

Le prove libere FP1 e FP2 di Formula 1 del Gran Premio degli Usa 2018 sul circuito di Austins, saranno trasmesse come ormai è tradizione da qualche anno su Sky Sport F1 HD, il canale numero 207 della piattaforma satellitare Sky. Le sessioni del venerdì saranno visibili solo su Sky, in chiaro qualifiche e gara nei prossimi giorni saranno questa volta visibili in tempo reale, come finora era successo solo per Monza: buona notizia per gli appassionati, vediamo dunque che cosa ci attenderà in questa giornata da Austin. Tra le novità della stagione, per la prima volta la Formula 1 è visibile in 4K HDR grazie al nuovo Sky Q, per vivere le gare con una definizione talmente simile a quella dell’occhio umano da dare la sensazione di essere in pista. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione SkyGo. Per quanto riguarda la tv in chiaro, le notizie sul Gran Premio degli Usa sono decisamente importanti perché ci saranno le immagini in tempo reale su Tv8, tuttavia solamente per quanto riguarda le sessioni di sabato e domenica; oggi dunque le due sessioni di prove libere sul circuito di Austin saranno visibili solamente agli abbonati Sky. Acquisiranno di conseguenza particolare importanza per tutti gli altri appassionati i riferimenti del Mondiale su Twitter, gli account ufficiali @Formula 1 e @F1, oltre alla pagina Facebook F1.

FOCUS MERCEDES

Lewis Hamilton ha ormai in mano il Mondiale, che potrebbe anzi già conquistare matematicamente domenica, per di più su una pista che ama particolarmente, avendo vinto cinque dei sei Gran Premi finora disputati ad Austin dalla Formula 1. La stagione è girata radicalmente a partire da Singapore: già prima Hamilton e Mercedes erano in vantaggio nelle due classifiche iridate, tuttavia spesso avevano sofferto la Ferrari e il primato si doveva essenzialmente alla capacità di ottenere quasi sempre il massimo possibile, capitalizzando anche gli errori che invece qualche volta venivano commessi dai rivali in rosso. Da Singapore in poi però tutto è tornato, quasi all’improvviso, al passato, con una netta superiorità Mercedes che di fatto ha azzerato le speranze di Vettel e della Ferrari: adesso poi si arriva nel “giardino di casa” di Hamilton, che ama in modo particolare il Circuit of the Americas e che potrebbe chiudere i conti già ad Austin, fatto che sarebbe stato impossibile da pronosticare solo poche settimane fa.

FOCUS FERRARI

La Ferrari è l’altra faccia della medaglia: il giudizio sulla stagione di Maranello resta globalmente positivo, tuttavia questo finale di stagione in cui la Mercedes ha preso il largo in modo così clamoroso solleva diversi interrogativi, ai quali si aggiungono quelli suscitati da qualche errore di troppo quando invece la Ferrari sembrava addirittura superiore alle Frecce d’Argento ma troppe vuole non aveva saputo sfruttare occasioni sulla carta favorevoli. Insomma, anche il 2018 sembra essere destinato a chiudersi senza titoli e il secondo posto (che l’anno scorso era comunque un segnale di rinascita) comincia a stare stretto alla scuderia più blasonata e amata della Formula 1 – come il compianto Sergio Marchionne avrebbe certamente sottolineato alla squadra. Il Mondiale di fatto è andato, ma un segnale forte a “casa” Hamilton, dove invece la Ferrari non ha mai vinto e Vettel una volta sola ma ai tempi della Red Bull avrebbe comunque un significato notevole. L’attesa per quanto succederà in questo stuzzicante weekend sta finalmente per finire, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio degli Stati Uniti Usa 2018 di Formula 1 ad Austin sta per cominciare



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori