FORMULA 1, VETTEL: “RICCIARDO IN FERRARI? CORRE BENE”/ Il pilota Red Bull: “Non faccio la seconda guida”

- Silvana Palazzo

Formula 1, Vettel: “Ricciardo in Ferrari? Corre bene”. Raikkonen sereno: “Sono 15 anni che sento storie…”. Intanto la Scuderia di Maranello si prepara per il prossimo GP in Azerbaigian

vettel_raikkonen_ferrari_sochi_lapresse_2017
Griglia di partenza Formula 1: i piloti Ferrari (LaPresse)

Le ipotesi che vedono Daniel Ricciardo potenziale pilota Ferrari nella prossima stagione continuano a rincorrersi, e l’ipotesi non è poi così peregrina. Nonostante questo, il pilota Red Bull ha lanciato segnali tutt’altro che concilianti verso questo tipo di possibilità. Altro che sostituto di Raikkonen: Ricciardo, stando a quanto da lui stesso affermato, approderebbe a Maranello solo per prendere il posto di Vettel. “Vincere il Mondiale è il mio sogno, non andrei mai in un team dove mi offrissero un posto ma non la possibilità di competere ad armi pari. Pretendo una grande chiarezza di ruoli, come quella che ho sempre avuto in Red Bull.” Il che sembrerebbe chiudere alla possibilità di un trasferimento immediato sul sedile di una Rossa. Soprattutto se fosse quella di Kimi Raikkonen. (agg. di Fabio Belli)

VETTEL: “RICCIARDO CORRE BENE…”

Daniel Ricciardo in Ferrari? Sebastian Vettel preferisce scherzare sull’argomento del giorno. L’australiano è infatti il pilota del momento: la vittoria in Cina lo ha rilanciato, per di più ha il contratto con la Red Bull in scadenza. «Come mi vedrei con Ricciardo compagno di squadra? Eh non posso aiutarlo. Qui si tratta di mettere la firma su un pezzo di carta. E non posso essere io ad aiutare a farlo». Non c’è solo la Ferrari all’orizzonte: anche la Mercedes, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, è un’ipotesi per Ricciardo. Vettel comunque conosce bene l’australiano, visto che ha un passato in Red Bull: «Lui qui? Non mi interessa, siamo stati insieme in un anno complicato per me, corre bene, ha vinto in Cina…», si è limitato a dire il pilota della Ferrari. Il tedesco ha preferito svicolare dal discorso sui suoi reali rapporti con Ricciardo. Preferisce invece concentrarsi su Baku, il cui tracciato sembra fatto su misura per la sua SF71H. Il quattro volte campione del mondo mette però le mani avanti: «È giusto dire che ci sono 3 vetture che sono su livelli simili, la differenza la fa la cura dei dettagli. Chi ci riesce meglio, poi si impone. Comunque la nostra macchina è forte, lo è stata dappertutto».

RICCIARDO IN FERRARI? PARLANO VETTEL E RAIKKONEN

Prima di pensare al 2019 c’è da riprendere il filo con le vittorie, che proprio Daniel Ricciardo ha spezzato. Sebastian Vettel ha dimenticato l’incidente con Max Verstappen: «Ho apprezzato che sia venuto a scusarsi». Il pilota della Ferrari ha anche dimenticato l’autoscontro di un anno fa con Lewis Hamilton: «Ogni gara ti insegna qualcosa». Insomma, è pronto a ripartire dopo la Cina: «Una gara storta su 21 ci può stare, noi siamo tranquilli abbiamo fatto tutto quello che potevamo». Ma sul primo pit stop ha qualcosa da dire: «Non è stato fantastico, perché abbiamo perso la posizione, abbiamo sottovalutato il potenziale dell’undercut. Ma l’importante è non commettere gli stessi errori». Pure Kimi Raikkonen è convinto che la Ferrari possa fare bene a Baku: «Sarei sorpreso se non fossimo là davanti a lottare coi migliori». Ma ha parlato anche di gerarchie: «Sono determinate dal risultato delle qualifiche, chi sta davanti e chi sta dietro. È stato così in tutti i team dove sono stato sinora». In merito al suo futuro invece: «Sono 15 anni che sento storie intorno a me, io penso solo a fare bene e per ora mi diverto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori