Diretta Formula 1/ Ferrari show nelle prove libere FP1 e FP2: Ricciardo velocissimo (Gp Bahrain 2018)

- Mauro Mantegazza

Diretta Formula 1 prove libere FP1 e FP2 Gp Bahrain 2018 Sakhir: tempi e classifica delle due sessioni che aprono il secondo Gran Premio stagionale (oggi venerdì 6 aprile)

Bottas_Mercedes_Bahrain_lapresse_2017
Diretta Formula 1 - LaPresse: Bottas in Bahrain

DIRETTA FP2/ FORMULA 1 GP BAHRAIN: FERRARI SHOW

Daniel Ricciardo è stato il pilota più veloce nelle prove libere della formula 1. Quello odierno è stato il secondo appuntamento della stagione dopo la partenza a Melbourne. Il pilota della Red Bull ha segnato il miglior crono, piazzandosi davanti a Bottas, Raikkonen. Quarto posto per Sebastian Vettel, quinta Lewis Hamilton. Seguono Grosjean, Gasly e Sainz. Chiudono la graduatoria della prima sessione di prove libere Magnussen e Hulkenberg. Più complicate le libere di Max Verstappen, che per ben due volte è rientrato ai box per problemi tecnici. Il pilota, infatti, non è riuscito a portare a termine il giro. Alla luce di quanto accaduto si prospetta un Gp del Bahrain molto combattuto ed equilibrato. Soddisfazione in casa Ferrari per come è proseguita la giornata. Raikkonen sorride: “È soltanto venerdì, abbiamo provato alcune cose. Si cerca di imparare per vedere cosa accade quando provi qualcosa di diverso”. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

FINE DELLA SECONDA SESSIONE

Si è conclusa la seconda sessione di prove libere del Gp del Bahrain 2018. A pochi minuti dal termine Kimi Raikkonen ha avuto problemi al motore: dai box gli hanno subito consigliato di spegnere la vettura e uscire dalla pista. Piccolo campanello d’allarme per la Rossa. Ciò nonostante proprio il finlandese è stato il più veloce a fine sessione. Assieme a lui, distante soltanto 11 millesimi Sebastian Vettel. Terzo Bottas, quarto Hamilton, entrambi distanti circa mezzo secondo. A un secondo dalle Ferrari invece le due Red Bull con Verstappen più veloce di Ricciardo. La top ten è completata da Hulkenberg, Gasly, Alonso e Vandoorne. Segnali incoraggianti dunque per la scuderia di Maranello anche se le due Red Bull sono sembrate le più performanti nella simulazione del passo gara. Vanno inoltre considerati anche gli ottimi giri di Lewis Hamilton con gomma media. Per quanto riguarda i possibili scenari in vista della gara di domenica crescono le possibilità di vedere due soste.

SIMULAZIONE DI PARTENZA

Il tempo di Kimi Raikkonen resiste. E’ ancora lui il migliore con 1.29.817. Segue ad appena 11 millesimi di ritardo il compagno Sebastian Vettel. Distanti circa mezzo secondo le Frecce d’Argento con Bottas più veloce di Hamilton. Sarà questa la differenza in gara? Difficile dirlo in questo momento, dipende molto dalla strategia utilizzata dalla Mercedes in queste prove libere. Leggermente preoccupati forse anche i due Red Bull. Verstappen più veloce di Ricciardo dietro quasi di un secondo dalle rosse. Le Williams nel frattempo colpiscono in negativo. Anche in questa sessione ne va una fuori pista: stavolta tocca a Sirotkin. Stroll invece ha commesso diversi errori nella guida, confermando i probemi al cambio che probabilmente segneranno tutto il weekend della scuderia britannica. Piloti ora ai box per simulare la prova di partenza.

LE FERRARI VOLANO

Lewis Hamilton rompe gli indugi e torna ai box per montare le gomme supersoft. Il pilota britannico sta prendendo confidenza con le gomme e pian piano sta migliorando la sua prova. In testa però ci sono le due Ferrari. La scuderia di Maranello sta confermando le ottime sensazioni già destate nella FP1. In questo momento al primo posto provvisorio c’è Raikkonen. Soltanto 11 millesimi di ritardo per Vettel. Dopo di lui Bottas e Hamilton. Quinto posto per Ricciardo, sesto per Hulkenberg mentre la top ten momentanea è completata da Gasly, Alonso, Verstappen e Vandoorne. Richiamo ufficiale intanto per Valtteri Bottas. Il finlandese ha quasi chiuso la strada a Daniel Ricciardo, probabilmente non accorgendosi del suo sorpasso. Nulla di grave, comunque. Il pilota Red Bull è riuscito a evitare lo scontro, sterzando al momento giusto e passando alla sinistra dell’avversario.

LE PAROLE DI ANTONIO GIOVINAZZI AI MICROFONI DI SKY

E’ sceso in pista finalmente Sebastian Vettel. Il leader della classifica piloti, dopo aver studiato attentamente le mosse avversarie, è entrato in pista 20 minuti dopo il via ed è subito riuscito a segnare il miglior tempo della sessione. Il tedesco è in pista con la gomma gialla, esattamente come Bottas, Raikkonen e Ricciardo, i piloti che rispettivamente inseguono. Al quinto posto troviamo invece Lewis Hamilton. Il britannico è in pista con la gomma bianca. Mara Sangiorgio ha intanto intervistato ai microfoni di Sky, Antonio Giovinazzi, prossimamente impegnato con il marchio Ferrari nella 24 ore di Le Mans: “per me è sicuramente un onore correre con la Ferrari. Sarà importante tornare in pista, non vedevo l’ora. Certamente ci saranno tante differenze rispetto alla guida di una vettura F1 però credetemi sono estremamente motivato. Mi sto già allenando e arriverò pronto. Non vedo l’ora.”

RAIKKONEN CONVINCENTE

Piloti di nuovo in pista per la seconda sessione di prove libere del Gp del Bahrain 2018. Il miglior tempo lo registra per il momento Kimi Raikkonen su gomma gialla. Dietro di lui, staccato di pochissimo, c’è Daniel Ricciardo. Spettacolare il giro del pilota australiano: la sua vettura fa scintille di dietro e potete immaginare quanto gli appasionati di Formula 1 stiano aspettando la giornata di domenica. Intanto ci si diverte, eccome. Dopo i primi due ci sono Vandoorne (ancora veloce come nella prima sessione), Max Vertsappen, che pian piano sta prendendo confidenza con la pista, Alonso e Gasly. Buoni segnali dunque per il momento anche da parte della McLaren. Per quanto riguarda Sebastian Vettel, il ferrarista è ancora ai box. Si attende l’ingresso anche delle due Mercedes.

VIA ALLA SECONDA SESSIONE

Piloti di nuovo pronti a tornare in pista per la seconda sessione di prove libere del Gp del Bahrain 2018. Saranno 90 minuti molto utili per testare ancora le vetture in vista, soprattutto delle qualifiche di domani. Per quanto riguarda la prima sessione il più veloce è stato Daniel Ricciardo, fermando il cronometro sul 1:31.060. L’australiano è stato più rapido di 3 decimi rispetto alla Mercedes di Valtteri Bottas. Pochissimo margine di ritardo dal finlandese per le Ferrari con Raikkonen più veloce di Vettel. Dopo di loro c’è Hamilton, il quale però è rientrato ai box prima dei compagni. Segnali positivi anche dalle Haas Ferrari: sesto miglior tempo per Grosjean, nono per Magnussen. Tra di loro spiccano le prove di Gasly e Sainz jr. mentre è l’altra Renault di Hulkenberg a chiudere la top ten. Max Verstappen è stato l’unico pilota a non girare nelle FP1 per un guasto elettrico. Tutto risolto per l’olandese pronto al rientro.

RICCIARDO IL PIU’ VELOCE

Si è conclusa la prima sessione del Gp del Bahrain 2018. La situazione a fine prova è la seguente. Miglior tempo registrato da Daniel Ricciardo con 1:31.060. Segue distanziato di ben 3 decimi Valtteri Bottas su Mercedes. Pochissimo margine di ritardo dal finlandese per le Ferrari con Raikkonen più veloce di Vettel. Dopo di loro c’è Hamilton, il quale però è rientrato ai box prima dei compagni. In questo senso è stata interessante la scelta della casa automobilistica tedesca: gomma gialla per simulare il passo gara. Segnali positivi anche dalle Haas Ferrari: sesto miglior tempo per Grosjean, nono per Magnussen. Tra di loro spiccano le prove di Gasly e Sainz jr. mentre è l’altra Renault di Hulkenberg a chiudere la top ten. Notizie poco incoraggianti arrivano invece da casa Williams. Anche in questa sessione problemi per Stroll e Sirotkin, rispettivamente 14esimo e 15esimo. Non ha invece partecipato alla sessione Max Vertsappen: la sua vettura ha avuto un problema elettrico a pochi minuti dal via.

RICCIARDO C’E’

Mancano pochi minuti alla chiusura della prima sessione di prove libere del Gp del Bahrain. Come prevedibile, quasi tutti i piloti hanno deciso di montare le gomme supermorbide (le rosse). Gli unici a decidere di correre con le gialle sono stati Raikkonen, Ricciardo, Bottas, Hamilton, Gasly, Leclerc e Stroll. Nel frattempo al box della Red Bull si è riaccesa la RB14 di Verstappen, ma i meccanici hanno fatto subito segno di spegnere tutto: i problemi persistono quindi. In questo momento il miglior giro è stato registrato da Ricciardo. L’australiano stacca di 3 decimi il secondo, Bottas. Seguono Raikkonen, Vettel, Hamilton, Grosjean, Gasly, Sainz, Magnussen, Hulkenberg e Alonso. La pista sembra migliorare giro dopo giro, per cui è dura catturare sensazioni credibili per la giornata di domani. Tuttavia le 3 scuderie principali sembrano in forma.

GOMME MEDIE E GOMME MORBIDE

E’ iniziata da circa un’ora la prima sessione di prove libere del gp del Bahrain. La scelta di girare con le gomme medie o morbide ha influenzato la classifica provvisioria che in questo momento vede segnare il giro più veloce il pilota Haas, Grosjean. Segue Hamilton, in questo momento ai box. Terza posizione per l’altra Haas di Magnussen. Completano la top ten Bottas, Alonso, Leclerc, Stroll, Vandoorne, Raikkonen e Vettel. Seguono Gasly, Hulkenberg, Ricciardo, Ocon, Hartely, Perez, Sirotkin, Ericsson, Sainz e Verstappen. Il pilota olandese, dopo il guasto a inizio sessione, non è ancora rientrato in pista. Probabilmente il numero 33 deciderà di rinviare il battesimo sull’asfalto medio-orientale alla seconda sessione.

ECCO HAMILTON! ED E’ SUBITO VELOCISSIMO

E’ già arrivato il primo fuori pista di questo weekend: è stato Lance Stroll (Williams) a perdere il controllo della macchina, riuscendo però a evitare danni. Poco prima il figlio del miliardario canadese, Lawrence Stroll, si stava lamentando via radio del cambio. Subito dopo anche Charles Leclerc ha praticamente fatto un errore simile ed è stato costretto a tornare ai box. Il pilota monegasco lo scorso anno, in Formula 2, riuscì a vincere su questo circuito disputando un’ottima prova. Intanto sono scesi tutti i piloti in pista. La situazione attuale vede lo squalo Lewis Hamilton comandare il gruppo con già mezzo secondo di vantaggio sul secondo, il compagno di squadra Bottas. Seguono Vandoorne, Raikkonen, Vettel, Gasly, Grosjean, Hulkenberg, Ricciardo e Magnussen. Arrivano intanto notizie dal box Red Bull: per la vettura di Verstappen si è trattato di un problema elettrico. Non è possibile ancora affermare se l’olandese potrà tornare a girare.

PARTE BENE IL WEEKEND PER LE ROSSE

Max Verstappen è ancora ai box. Il pilota della Red Bull, nonostante il precoce stop forzato, sembra sorridente e fiducioso. Evidentemente è stato ben rassicurato dalla sua squadra. Inoltre, occorre ricordare che la Red Bull è tra le favorite per questo Gp. Ricciardo in effetti lo sta dimostrando. Il pilota australiano al primo giro ha subito insidiato il primo posto per poi andarselo a prendere ai danni di Perez subito dopo. Sono comunque pochi i piloti scesi in pista finora: siamo appena alla prima mezzora di sessione. Pochissimo tempo fa Ricciardo si è visto soffiare il miglior tempo da Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel con il finlandese in questo momento in testa. Dopo di loro troviamo Ocon, Stroll, Perez, Sirotkin, Gasly e Hartley. E’ sceso in pista nel frattempo Bottas. Il secondo pilota della Mercedes ha deciso di montare la gomma gialla. Il resto dei piloti in pista utilizzano per il momento la bianca.

VERSTAPPEN COSTRETTO SUBITO A FERMARSI

E’ ufficialmente iniziato il weekend numero 2 della stagione 2018 di Formula 1. Siamo a Sakhir per il Gp del Bahrain. Le prime vetture sono in pista e c’è subito una sorpresa. Dopo neanche un giro completato Max Verstappen è stato costrettoo a tornare ai box, o meglio a provarci. Infatti dopo che il team-radio aveva comunicato al pilota numero 33 di rientrare ai box, Verstappen si è diretto in zona rifornimenti ma senza riuscirci: “non funziona l’acceleratore” – ha comunicato l’olandese al suo team. In effetti a circa 500 metri dai box la macchina si è addirittura spenta. Abbiamo dunque assistito a una scena da ricordare: Verstappen, ignorando il regolamento, è sceso e ha spinto lui stesso la vettura fino ai box sotto al caldo cocente del medio-oriente. Non parte dunque bene il weekend per la  Red Bull. In questo momento i tecnici stanno cercando di sistemare il guasto così da permettere a Verstappen di effettuare qualche giro in questa FP1.

IL SECONDO APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE

La Formula 1 torna in diretta con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Bahrain 2018 sul circuito di Sakhir, secondo appuntamento del Mondiale di Formula 1. Si riaccendono i motori dopo due settimane: la seconda gara è sempre molto attesa, perché tutti vogliono scoprire se le indicazioni emerse in Australia verranno confermate – tra l’altro su una pista molto diversa sotto numerosi punti di vista; per prima cosa ecco gli orari delle due sessioni in programma oggi, venerdì 6 aprile. Bisogna tenere presente l’ora di fuso orario tra l’Italia e Sakhir, ma pure che tutto il programma sarà spostato verso sera, visto che in Bahrain si gareggia in notturna, sotto i riflettori: la FP1 avrà inizio alle ore 13.00 italiane, quando sul circuito saranno le 14.00; si girerà come di consueto per 90 minuti, per poi tornare in pista alle ore 17.00 (le 18.00 locali) per la FP2, la sessione più significativa perché si disputerà di fatto allo stesso orario di qualifiche e gara.

LE LIBERE IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV

Le prove libere di Formula 1 del Gran Premio del Bahrain 2018 saranno trasmesse su Sky Sport F1 HD, il canale numero 207 della piattaforma satellitare Sky. Anche quest’anno la telecronaca di tutti gli eventi sarà affidata a Carlo Vanzini, affiancato da una schiera di commentatori tecnici d’eccezione tra cui Marc Gené. Inviata ai box sarà Mara Sangiorgio, mentre la rubrica Paddock Live che farà da filo conduttore alla giornata sarà affidata come di consueto a Federica Masolin. Tra le novità della stagione, per la prima volta la Formula 1 sarà visibile in 4K HDR grazie al nuovo Sky Q, per vivere le gare con una definizione talmente simile a quella dell’occhio umano da dare la sensazione di essere in pista. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione Sky Go. In questo e nei prossimi weekend dunque potremo seguire solo le differite, tra l’altro limitate alle giornate di sabato e domenica: di conseguenza, chi non è abbonato Sky non avrà modo di seguire le due sessioni di prove libere del venerdì della Formula 1. Maggiore importanza potranno dunque acquisire i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, gli account @Formula 1 e @F1, oltre alla pagina Facebook ufficiale F1.

IL CIRCUITO DI SAKHIR

Adesso tutti attendono con ansia quello che succederà a Sakhir, pista dove le variabili da considerare sono moltissime: ad esempio la temperatura (anche se il fatto di gareggiare dopo il tramonto renderà meno proibitivo il caldo), il fatto di correre in notturna e naturalmente il deserto, dunque la possibilità di pista sporca – rischio particolarmente alto al venerdì, quando la pista è meno gommata -, soprattutto se dovesse esserci vento. Il circuito misura 5,412 km ed è caratterizzato da 15 curve raccordate da quattro lunghi rettilinei, cioè quello del traguardo e poi quelli fra le curve 3 e 4, 10 e 11 (dove si può azionare il Drs come sul rettifilo d’arrivo), 13 e 14; presenta una parte iniziale e finale più veloci e un settore centrale più lento e “guidato”. Dovrebbe essere più facile superare rispetto a Melbourne, dove in tutto il Gran Premio abbiamo di fatto assistito a un solo sorpasso vero.

GP BAHRAIN 2018: I PROTAGONISTI

Si riparte da Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, tanto per cambiare. L’inglese in Australia ha dominato al sabato, mentre il tedesco nelle qualifiche era finito anche alle spalle di Kimi Raikkonen. In gara però la Ferrari è riuscita a rimanere molto più vicina alla Mercedes e questo ha consentito a Seb di sfruttare con abilità e anche fortuna la Virtual Safety Car per balzare al comando e conquistare così la vittoria. Fin dalla prima gara dunque si rinnova il duello tra Ferrari e Mercedes: la buona notizia per la Rossa è che Raikkonen è partito decisamente meglio di Valtteri Bottas, che dunque in Bahrain sarà atteso al riscatto. Stesso discorso per la Red Bull, che non ha reso secondo le aspettative al debutto, in particolare con Max Verstappen, autore di una gara decisamente deludente. Sappiamo che la continuità è al momento il punto debole dell’ancora giovanissimo olandese, ma sappiamo pure che quando è in giornata può essere un pericolo per chiunque: stavolta quale Verstappen vedremo? L’attesa per quanto succederà in questo weekend sta però per finire, per la gioia di tutti i tifosi e gli appassionati, quindi adesso mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Bahrain 2018 di Formula 1 a Sakhir sta per cominciare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori