CLASSIFICA FORMULA 1/ Mondiale Piloti e Costruttori: Hamilton festeggia: “Si è avverato un sogno”

- Michela Colombo

Classifica Formula 1: il mondiale piloti e costruttori alla vigilia del Gran Premio di Germania 2018, in questo weekend di casa a Hockenheim. Ferrari sempre in vetta.

vettel_raikkonen_ferrari_sochi_lapresse_2017
Griglia di partenza Formula 1: i piloti Ferrari (LaPresse)

Scongiurato il pericolo di una penalità dopo l’incredibile rimonta che, complice anche l’incidente di Sebastian Vettel, ha permesso a Lewis Hamilton di vincere il Gran Premio di Germania partendo dalla quattordicesima posizione in griglia, il pilota britannico ha espresso estrema soddisfazione per la domenica vissuta. Anche e soprattutto alla luce dei 17 punti di vantaggio che ora può vantare nella classifica mondiale piloti proprio su Vettel. Questo il commento di Hamilton: “Era molto difficile data la posizione di partenza, era altamente improbabile ma ci devi credere sino in fondo. Ho detto una lunga preghiera prima della partenza e il team ha fatto un lavoro meraviglioso. Non avrei mai potuto pensare in qualcosa di simile, ma è successo. Il mio sogno si è avverato. È davvero incredibile, le condizioni erano difficili e al tempo stesso perfette. Sono contentissimo per il grande lavoro fatto dal team, spero che la loro fiducia nel mio lavoro sia ancora più forte dopo questa vittoria.” (agg. di Fabio Belli)

NESSUNA PENALITA’ PER HAMILTON E MERCEDES

Nessuna sanzione per Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes era stato convocato dagli steward per la manovra che lo aveva visto protagonista quando è entrata in pista la Safety Car: richiamato ai box per cambiare le gomme, aveva deciso di rientrare in pista, tagliando la lingua d’erba che separa l’entrata della pit-lane dalla pista. Per manovre analoghe sono stati puniti Felipe Massa nel 2013 a Interlagos, Carlos Sainz nel 2015 a Sochi, Kimi Raikkonen nel 2016 a Baku e Pascal Wehrlein l’anno scorso a Barcellona. C’era stato un esplicito divieto di effettuare la manovra nelle note del Direttore di gara, cosa che non è accaduta a Hockenheim. Hamilton mantiene la sua vittoria, ma ottiene la prima reprimenda della stagione, cioè un “richiamo ufficiale”.

«I commissari hanno visionato le prove audio e video, ascoltato il pilota della vettura numero 44 e i rappresentanti del team. È stato chiaro il taglio della linea che separa l’ingresso della pit-lane dalla carreggiata della pista. Nel prendere la decisione, abbiamo considerato i seguenti fattori: 1) Il pilota e il team hanno candidamente ammesso di aver commesso un errore, causato dalla confusione se restare o meno in pista; 2) L’infrazione è avvenuta in regime di Safety Car; 3) In nessun momento si è vericato alcun pericolo per altri piloti, visto che il cambio di direzione è stato effettuato in maniera sicura. Considerando tutti gli elementi di cui sopra, incluse anche le precedenti violazioni alla regola in oggetto, siamo dell’opinione che una reprimenda sia la penalità più appropriata per l’infrazione commessa» recita il comunicato.

La classifica non cambia e dunque è confermato il triplo sorpasso di Lewis Hamilton e la sua Mercedes. Il primo sorpasso è avvenuto in pista: l’inglese pur partendo in fondo alla griglia di partenza è riuscito a salire sul primo gradino del podio di Hockenheim. Gli altri due sorpassi e i più pesanti arrivano però in  entrambe le classifiche del Mondiale di Formula 1, piloti e costruttori. Nella prima è stato ancora Hamilton il protagonista, visto che l’inglese ha di nuovo ripreso la vetta della graduatoria portandosi a quota 188 punti  a 17 punti di vantaggio da Vettel ex leader e finito out a poco dalla bandiera a scacchi del Gp di casa. L’ultimo sorpasso vedere la Mercedes che dopo due Gp ben al di sotto delle aspettative è tornata a sorridere. Toto Wolff non può che ringraziare i suoi, autori di una bella doppietta al Gp di Germania 2018: i punti incamerati sono stati sufficienti per la testa della classifica costruttori (310 punti), davanti ancora una volta alla Ferrari (che però dista appena 8 lunghezze). Appuntamento al nuovo duello (e probabile sorpasso) a Budapest. (agg. di Silvana Palazzo)

CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE AGGIORNATE

INVESTIGAZIONE HAMILTON, VITTORIA A RISCHIO: COSA SUCCEDE

Il Gran Premio di Germania 2018 di Formula 1 continua a regalare colpi di scena, anche se la gara è finita. La classifica potrebbe presto cambiare, visto che Lewis Hamilton è finito sotto investigazione. La vittoria del pilota britannico torna in discussione, perché alle 18.01 la Fia ha pubblicato un documento con il quale annuncia che Hamilton e Mercedes sono convocati in direzione gara per riferire di una violazione del regolamento sportivo. Durante la gara, infatti, il pilota britannico ha attraversato la linea che separa la pista dall’ingresso in corsia box, in violazione dell’articolo 4(d), appendice L, capitolo 4 del regolamento sportivo. Hamilton, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, rischia di veder sfumare una vittoria che sembrava impensabile alla vigilia, visto che partiva dal 14esimo posto. Attualmente sono 17 i punti che separano Hamilton da Vettel. Resteranno tali? (agg. di Silvana Palazzo)

HAMILTON E MERCEDES DI NUOVO IN VETTA!

Con l’out di Vettel a pochi giri dalla bandiera a scacchi e il successo di Hamilton, ecco che alla bandiera a scacchi del Gp di Germania 2018 la classifica del mondiale piloti cambia totalmente volto. Ecco che è proprio Lewis Hamilton il nuovo leader della classifica della Formula 1: con Hockenheim infatti l’inglese vola in testa con 188 punti, superando quindi proprio il tedesco della Ferrari, ora secondo con 171 punti. Terzo gradino del podio per Kimi Raikkonen con 131 punti: il finlandese ha provato a contenere le perdite in casa della Rossa con il terzo gradino del podio, ma non è bastato per la casa del Cavallino rampante per mantenere il primato anche nella graduatoria costruttori. Anche qui la casa della Mercedes di Hamilton e Bottas torna a regnare, sia pure vantando appena 310 punti e appena 8 lunghezze di vantaggio sulla Ferrari. Tornando alla classifica piloti della formula 1 dopo il Gp diGermania 2018 ecco poi al quarto gradino Bottas con 122 punti e a seguire i due piloti Red bull e quindi Ricciardo (106 punti) e Verstappen (105 punti).  

PRIMI PUNTI PER SIROTKIN?

Mestamente sul fondo della classifica piloti della Formula 1, Sergey Siroktin potrebbe sbloccarsi oggi: il russo della Williams scatta in dodicesima posizione nel Gran Premio di Germania 2018 grazie ad una qualifica comunque solida, nella quale ha anche sfiorato la partecipazione al Q3. “Merito” dai guai avuti da qualche big sicuramente, ma a differenza sua il compagno di scuderia Lance Stroll – che sta subendo una pericolosa involuzione – ha fallito il Q1 ed è penultimo sulla griglia. Sirotkin è l’unico pilota della stagione 2018 a non aver fatto punti: anche Brendon Hartley, il neozelandese al volante della Toro Rosso, è arrivato decimo una volta. Per togliere il fastidioso zero dalla casella, il russo della Williams dovrà recuperare due posizioni rispetto alla partenza: i piloti a lui più vicini sono Fernando Alonso, che gli scatterà di fianco, e Sergio Perez che sarà davanti a lui. Purtroppo non hanno solo monoposto superiori, ma sono anche corridori che sanno bene come si lotta nella bagarre: sarà dura per Sirotkin, ma la pista di Hockenheim potrebbe rappresentare il suo grande momento. (agg. di Claudio Franceschini)

VERSTAPPEN TENTA IL SORPASSO

Alla partenza del Gran Premio di Germania 2018, nella classifica di Formula 1 Daniel Ricciardo è davanti al suo compagno in Red Bull: l’australiano è quarto con 106 punti, Max Verstappen invece è sesto con 93 e di mezzo c’è Valtteri Bottas, che ha 104 punti. Tuttavia oggi Ricciardo sarà costretto a partire dalla quindicesima posizione sulla griglia: è quarto l’olandese, le Red Bull non hanno confermato quanto di buono avevano mostrato nel venerdì delle prove libere ma se non altro c’è una delle due monoposto nelle prime due file. Dunque, attenzione: Verstappen potrebbe avere una bella occasione per superare il compagno nella classifica piloti e, se fosse così, diventerebbe la prima guida delle lattine volanti anche se magari non ufficialmente, nel senso che i due non si stanno tecnicamente giocando il Mondiale e non ci sono ordini di scuderia che propongano un leader. Staremo a vedere se Verstappen, che appare in crescita rispetto a un brutto inizio di stagione, saprà cogliere questa bella opportunità che gli si presenta. (agg. di Claudio Franceschini)

L’OCCASIONE DI VETTEL

Se guardiamo la classifica di Formula 1 prima del Gran Premio di Germania 2018, appare evidente che Sebastian Vettel ha una grandissima occasione per allungare su Lewis Hamilton: già leader della graduatoria, il tedesco della Ferrari arriva sulla pista di Hockenheim con 8 punti di vantaggio sul campione del mondo in carica, ma partirà dalla pole position mentre il suo avversario per il Mondiale sarà solo quattordicesimo, ed essendo piazzato al centro dello schieramento avrà anche rischi maggiori al via. Se le cose dovessero rimanere come sono in partenza, cioè con Vettel primo e Hamilton fuori dai punti, il tedesco si porterebbe a +33: vantaggio assolutamente consistente, che gli permetterebbe di rimanere in testa anche se dovesse fare zero nella prossima gara con Hamilton vincitore. Volendo invece pensare al pilota Mercedes appena giù dal podio – ipotesi realistica – vincendo Vettel si porterebbe comunque a +21, anche in questo caso un divario interessante. La gara ci dirà in che modo andranno le cose… (agg. di Claudio Franceschini)

VETTEL IN TESTA

Siamo in attesa di conoscere quale sarà il verdetto oggi della pista di Hockenheim, e nel frattempo andiamo a vedere che sta succedendo nella classifica del Mondiale di formula 1, alla vigilia quindi del Gp di Germania 2018. Al giro di boa di questa appassionante stagione vediamo che in vetta al mondiale piloti resiste Sebastian Vettel: il tedesco oggi padrone di casa, grazie al successo conseguito pochi giorni fa a Silverstone non solo è volato a quota 171 punti ma ha pure aumentato il suo vantaggio sui primi avversari. Alle calcagna del pilota Ferrari resiste il primo indiziato alla vittoria del titolo, almeno a inizio campionato, ovvero Lewis Hamilton. Il britannico della Mercedes approda quindi alla pista tedesca dalla seconda posizione e con appena 163 punti a bilancio e un  gap da colmare su Vettel di ben 8 lunghezze ora. Terzo gradino del podio per Kimi Raikkonen  e la sua Ferrari, con ben 116 punti e 12 di vantaggio sul connazionale Valtteri Bottas, che con la monoposto della casa stellata ha finora ottenuto 106 punti, utili per il quinto posto. Alla quarta piazza resiste quindi, sia pure solo con 106 punti la Redbull di Daniel Ricciardo, mentre il suo compagno di squadra Verstappen è sesto, fermo a 93 punti. A chiudere la top ten della classifica del Mondiale piloti ecco anche Hulkenberg, Alonso. Magnussen e Sainz, con lo spagnolo fermo ora a 28 punti. Ricordiamo poi che in fondo alla graduatoria vediamo in ordine anche Ocon, undicesimo a 25 punti e Perez a quota 24: ecco poi Gasly, Leclerc, Grosjean, Vandoorne, Stroll, Ericssen e Hartley, con il pilota della Toro Rosso fermo ad appena un punto. 

LA CLASSIFICA COSTRUTTORI

Se Vettel non poteva che presentarsi al Gp di Germania 2018 meglio di così, anche la sua Ferrari ha di che sorridere: al Gp boa della stagione di Formula 1 la casa Maranello è in vetta anche alla classifica del costruttori, prima della prova di Hockenheim. Guardando da vicino questa particolare graduatoria del Mondiale di F1 alla vigilia del Gp di Germania 2018 ecco che la rossa vanta ben 287 punti e un vantaggio di 20 lunghezze sulla prima avversaria ovvero la Mercedes di Toto Wolff, ferma a 267. Terzo gradino del podio e ben distaccata la Red Bull che si presenta in Germania con 199 punti a bilancio: nella top five anche Renault a quota 70 e Haas, fermi a 51 punti. A chiudere la classifica dei costruttori ecco poi Force India, McLaren, Torio Rosso, Sauber e Williams con la casa inglese fanalino di coda con appena 4 punti finora ottenuti in pista.

LA CLASSIFICA PILOTI

1 Lewis Hamilton  MERCEDES 188

2 Sebastian Vettel  FERRARI 171

3 Kimi Räikkönen  FERRARI 131

4 Valtteri Bottas  MERCEDES 122

5 Daniel Ricciardo  RED BULL RACING TAG HEUER 106

6 Max Verstappen  RED BULL RACING TAG HEUER 105

7 Nico Hulkenberg  RENAULT 52

8 Fernando Alonso  MCLAREN RENAULT 40

9 Kevin Magnussen  HAAS FERRARI 39

10 Sergio Perez  FORCE INDIA MERCEDES 30

11 Esteban Ocon  FORCE INDIA MERCEDES 29

12 Carlos Sainz  RENAULT 28

13 Romain Grosjean  HAAS FERRARI 20

14 Pierre Gasly  SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 18

15 Charles Leclerc  SAUBER FERRARI 13

16 Stoffel Vandoorne  MCLAREN RENAULT 8

17 Marcus Ericsson  SAUBER FERRARI 5

18 Lance Stroll  WILLIAMS MERCEDES 4

19 Brendon Hartley  SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 2

20 Sergey Sirotkin  WILLIAMS MERCEDES 0

LA CLASSFICA COSTRUTTORI

1 MERCEDES 310

2 FERRARI 302

3 RED BULL RACING TAG HEUER 211

4 RENAULT 80

5 FORCE INDIA MERCEDES 59

6 HAAS FERRARI 59

7 MCLAREN RENAULT 48

8 SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 20

9 SAUBER FERRARI 18

10 WILLIAMS MERCEDES 4

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori