Gaetano, debutta col Napoli e muore la nonna/ Malore causa lite per i festeggiamenti

- Silvana Palazzo

Gianluca Gaetano, dramma nel debutto col Napoli in Serie A: dalla gioia al dolore, la nonna muore in lite con vicini mentre lui entra in campo

gianluca gaetano napoli lapresse
Gianluca Gaetano (Foto: LaPresse)

Dalla gioia per il debutto in Serie A al dolore per la morte della nonna. Una domenica dai due volti quella di Gianluca Gaetano, che si è messo in luce con la Primavera e così ha coronato il sogno di esordire in Serie A a Ferrara nel match in cui il Napoli ha battuto la Spal. Ma la gioia per l’esordio nella massima serie a 19 anni ha fatto subito posto al dolore per la perdita della nonna. Quest’ultima è stata colta da malore dopo una rissa con i vicini di casa insofferenti per i rumori che provenivano da casa Gaetano, dove appunto si stava festeggiando l’esordio di Gianluca, talento classe 2000 del Napoli. Il dramma è stato ricostruito da Il Mattino, secondo cui tutto è accaduto proprio in quei minuti finali. Mentre Gaetano sostituisce Callejon, quando il 90’ è già scoccato e bisogna giocare il recupero, esplode la gioia nella palazzina del comune vicino Nola dove abitano i familiari. E così scoppia la lite…

GAETANO, DEBUTTA COL NAPOLI IN A E LA NONNA MUORE IN LITE CON VICINI

La gioia per il debutto di Gianluca Gaetano ha spinto i familiari ad esplodere dei fuochi d’artificio, ma si sente anche della musica ad alto volume, forse anche qualche schiamazzo. E allora i vicini, infastiditi da questi festeggiamenti giudicati eccessivi, hanno chiamato i carabinieri. La situazione degenera, volano insulti e forse anche qualche spintone. Interviene nonna Carmela, 67 anni, prova a sedare gli animi, ma viene sopraffatta da un malore. I soccorsi si rivelano inutili: il cuore non ha retto a quel mix di emozioni, tra gioia e rabbia. Sul suo corpo verrà comunque eseguita l’autopsia. Stando a quanto riportato da Il Mattino, Gianluca Gaetano ha appreso la terribile notizia dall’allenatore Carlo Ancelotti e dal direttore sportivo Giuntoli, quando l’aereo che lo ha riportato a Napoli è atterrato a Capodichino. Sui social ha affidato il ricordo della nonna: «Mi hai visto esordire e poi te ne sei andata senza che potessi salutarti. Sarai sempre nel mio cuore».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ricordo quando dovevi farmi le siringhe per curarmi, avevo paura, ma con la tua dolcezza con la tua mano ferma mi rassicuravi,mi facevi stare tranquillo, ricordo che quando facevo un po’ tardi mi aspettavi fuori al balcone e mi dicevi “tu sei l’ultimo a tornare” ti rispondevo di no ma tu non andavi a dormire aspettavi i miei fratelli e tuo figlio per assicurarti che tutti tornavano che tutti dormivano. Mi hai visto fare l’esordio ma io non sono riuscito a vederti per l’ultima volta, io ti ringrazio di tutto di tutte le belle cose fatte insieme delle cene di Natale di tutti i compleanni. Mamma mia, nonna che pizza che facevi nel forno, che pastiera di maccheroni, che sprolunge di pasta con il pesto e pomodoro, compravi il pesto ai funghi mamma mia che belle cose. Tu rimarrai con me, rimarrai nel mio cuore. Adesso non posso più bussarti la sera quando faccio un po’ tardi, dovrò farmi le chiavi perché avevo te che mi aspettavi. Ricordo che ogni lunedì stavo da te perché mamma e papà uscivano, io avevo paura di stare solo giù a casa nel buio e mi facevi salire facendomi stare su da te, sulla poltrona comoda e tu ti mettevi sulla sedia scomoda ma non te ne fregava perché volevi che io stavo bene volevi che stavo comodo a riposare. Che ne sanno gli altri, che NONNA SPECIALE. Grazie di tutti questi anni, mi dispiace non averti visto per l’ultima volta e non aver potuto abbracciarti forte. Ti voglio bene nonna, riposa in pace ,sarai sempre con me .. Nel mio cuore ❤️

Un post condiviso da Gianluca Gaetano⚽️ OFFICIAL (@gianluca_gaetano70) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA