Inter Chievo sospesa per cori contro Napoli?/ Lo speaker ammonisce “alla prossima…”

- Matteo Fantozzi

Inter Chievo potrebbe essere sospesa per cori contro Napoli, la situazione è stata ravvisata dallo speaker di San Siro che ha sottolineato come non ci sarà tolleranza.

Icardi e Spalletti
Probabili formazioni Inter Empoli: Luciano Spalletti e Mauro Icardi (Foto LaPresse)

Inter Chievo rischia di essere sospesa per cori contro Napoli. L’inizio della partita ha infatti visto la curva nord nerazzurra pronta a cantare cose non facili da ripetere. Così lo speaker ha deciso di “scendere in campo” per ammonirli, specificando che la partita sarà sospesa qualora i cori di discriminazione territoriale saranno un’altra volta di scena a San Siro. Una situazione delicata che purtroppo si ripete domenica dopo domenica in vari stadi sparsi per il nostro paese. Fin troppo spesso la città di Napoli e i suoi abitanti vengono presi di mira da diverse tifoserie con la Federazione che ovviamente si è schierata contro queste situazioni difficilissime da controllare. La partita è ora all’intervallo e la situazione sembra essersi calmata, ma sappiamo benissimo che queste cose possono cambiare da un momento all’altro.

Inter Chievo sospesa per cori contro Napoli? La promozione BUU e il precedente

L’Inter è stata protagonista di un brutto precedente legato ai cori contro Napoli. Ricordiamo tutti cosa accadde a Kalidou Koulibaly con l’obbligo di giocare a porte chiuse. La società nerazzurra aveva poi deciso di lanciare un’iniziativa contro ogni forma di iniziativa legata alla discriminazione sia internazionale, antirazzista e di tolleranza lanciando l’acronimo BUU. L’obiettivo era quello di stigmatizzare quanto accaduto in campo cercando di promuovere la tolleranza e diverse situazioni che andrebbero totalmente evitate. Una campagna che dovrà essere ripetuta perché il pubblico nerazzurro non sembra aver capito realmente cosa è accaduto. Superata l’ora di gioco nuovi eventuali cori potrebbero portare l’arbitro davvero a fermare la partita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA