PAGELLE/ Inter-Bologna (4-1), i voti, la cronaca, il tabellino (ventesima giornata)

- La Redazione

Inter-Bologna termina con un perentorio 4-1 che non ammette repliche

stankovic_etoo_R375x255_30tt09
Stankovic con Eto'o (Foto Ansa)

Inter-Bologna termina con un perentorio 4-1 che non ammette repliche. la squadra di Leonardo è stata davvero una macchina da guerra, autorevole, cinica e a tratti devastante. Senza strafare non ha mai lasciato che il risultato fosse messo in discussione e la forma strepitosa di alcuni giocatori chiave ha permesso una marcia in più. E forse la freccia per clamorosi sorpassi. Il Bologna, da ammirare per il cuore, faticherà davvero a centrare l’obiettivo della permanenza in Serie A.

Il primo episodio significativo lo annotiamo al 17′ quando una zuccata tremenda di Ivan Ramiro Cordoba a Di Vaio lo costringe a terra sanguinante per un paio di minuti. Gioco fermo, un po’ di apprensione ma poi riecco Cordoba schierarsi al centro della difesa con un vistoso bendaggio e nulla più. Il Bologna cerca di affidarsi a Ramirez più che a Di Vaio nella prima parte del tempo (scelta sbagliata), e non si rende mai pericoloso. Al 20′ arriva il gol di Stankovic sul assist di Eto’o: bello il movimento del camerunense che disinnesca Britos e serve in una zona sguarnita del campo dai difensori rossoblu un pallone d’oro per Stankovic che ringrazia e – seppur in millimetrico offside – insacca. L’arbitro convalida e l’equilibrio si rompe. 1-0 per l’Inter. Maicon comincia a provare le sue solite accelerazioni e la difesa del Bologna traballa. Al 30′ altra fiammata e il gol più atteso, quello di Milito: lancio di Zanetti, Milito supera Britos e fa partire un tiro a incrociare da posizione defilata. E’ il gol che sana tante ferite per l’argentino e che rilancia l’Inter, che non corre se non un pericolo su tiro di Di Vaio ottimamente spedito in angolo da Castellazzi.

La ripresa comincia senza sostituzioni da parte delle due squadre. Il Bologna non ha lo scatto giusto e l’Inter tiene in mano la partita senza particolari affanni, anzi, con il passare dei minuti sono proprio i nerazzurri ad acquisire sicurezza e piglio nella manovra soprattutto in avanti, mentre in difesa concedono qualche spazio di troppo al Bologna ma senza correre gravi rischi. E’ più che sufficiente così un Inter a trazione anteriore per finire quello che si era cominciato nel primo tempo. Dopo i primi 13-15 minuti in cui l’Inter è parsa un po’ troppo subire la pur timida iniziativa del Bologna arriva lo splendido gol di Eto’o che chiude la partita. Eto’o largo fa impazzire la difesa del Bologna, serve un pallone in mezzi per Milito che di tacco chiude la triangolazione per un tocco delizioso a giro del camerunense che non dà scampo a Viviano. Dieci minuti dopo Eto’o concede il bis su punizione: tiro a giro e Viviano battuto. Il gol della bandiera arriva al 32′ con Gimenez che ribadisce in rete un corner sporcato da Portanova. La partita era praticamente già finita, grande impresa dell’Inter e ora il Milan non è più così lontano.

 

INTER-BOLOGNA 4-1 (2-0)

 

MARCATORI: Stankovic al 20’, Milito al 30’ p.t; Eto’o al 18’ e al 27’, Gimenez (B) al 32’ s.t.

 

INTER (4-3-1-2): Castellazzi; Maicon, Lucio, Cordoba, Chivu; Zanetti (dal 41’ s.t. Santon), Cambiasso, Thiago Motta (dal 23’ s.t. Mariga); Stankovic; Eto’o (dal 30’ s.t. Pandev), Milito. (Orlandoni, Ranocchia, Materazzi, Biabiany). All. Leonardo.

 

BOLOGNA (4-3-1-2): Viviano; Garics, Portanova, Britos, Rubin; Perez, Mudingayi (dal 5’ st. Gimenez), Della Rocca; Ekdal (dal 26’ s.t. Casarini); Ramirez (dal 36’ s.t. Buscé), Di Vaio. (Lupatelli, Radovanovic, Esposito, Cherubin). All. Malesani.

 

ARBITRO: Gava (Conegliano Veneto).

 

NOTE: nessun ammonito. Angoli: 5-5. Recuperi p.t. 2’; s.t. 3’

 

 

INTER (4-3-1-2): Castellazzi 6; Maicon 6,5, Lucio 6, Cordoba 6, Chivu 6; Zanetti 6.5 (dal 41’ s.t. Santon s.v.), Cambiasso 6.5, Thiago Motta 5.5 (dal 23’ s.t. Mariga s.v.); Stankovic 7; Eto’o 7.5 (dal 30’ s.t. Pandev s.v.), Milito 7.

 

All. Leonardo 7.

 

BOLOGNA (4-3-1-2): Viviano 5; Garics 5.5, Portanova 5, Britos 5.5, Rubin 5; Perez 6.5, Mudingayi 6 (dal 5’ st. Gimenez 6), Della Rocca 5.5; Ekdal 6 (dal 26’ s.t. Casarini sv); Ramirez 6 (dal 36’ s.t. Buscé sv), Di Vaio 6.5.

 

All. Malesani 6.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori