CALCIOMERCATO/ Inter, Branca: no a Ronaldinho e Kakà

Marco Branca smorza gli entusiasmi dei tifosi e dice: sul mercato siamo a posto così.

04.01.2011 - La Redazione
MARCObRANCA_R400
Marco Branca (foto Ansa)

Il direttore dell’area tecnica nerazzurra Marco Branca, presente stamattina ad Appiano Gentile in occasione della presentazione alla stampa del neo acquisto Andrea Ranocchia, ha approfittato dell’occasione per rispondere ad alcune domande sulla situazione attuale dell’Inter, anche in chiave di calciomercato.

“Credo che sia stato molto chiaro il presidente Massimo Moratti: siamo sempre vigili sul mercato ma crediamo di essere molto competitivi così. L’obiettivo è spostato all’inizio della prossima stagione: ora siamo a posto”, ha spiegato Branca ai giornalisti che chiedevano news di mercato.

E poi sul nuovo arrivato Ranocchia, Branca non lesina parole di stima e fiducia: “L’anticipo nel portare Andrea qui ora è derivato dal fatto che lui è stato molto bravo a recuperare in fretta dall’infortunio, dimostrando di essere molto competitivo, e poi dal fatto che sfortunatamente c’è stato l’infortunio di Samuel. A quel punto non potevamo che pensare ad Andrea, che merita tutta la nostra stima. Per rimanere competitivi e non abbassare il nostro livello non potevamo davvero che pensare a Ranocchia. Era lui l’unica soluzione a cui volevamo pensare”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO DI CALCIOMERCATO IN CASA INTER

A Branca vengono poi rivolte numerose domande su alcune voci di mercato circolate negli ultimi giorni, e che parlavano di un interesse nerazzurro per Kakà, Ronaldinho e per il talento dell’Udinese Sanchez.

 

Secco l’incipit di Branca: "Kakà? Noi non abbiamo mai preso in considerazione un’eventualità del genere." E per quello che riguarda la voce circolata oggi di un’Inter che fu vicinissima all’acquisto di Ronaldinho, Branca è ancora più netto: "Ronaldinho? Quando l’ho letto questa mattina mi è sembrata più una necessità giornalistica di riempire un vuoto che una notizia. Se per Kakà non c’è mai stata eventualità di pensarci, per Ronaldinho non ci abbiamo proprio mai pensato."

 

E poi arriva il turno di Sanchez, sogno nerazzurro per nulla velato: "Con l’Udinese ci sono dei rapporti che partono da me 23 anni fa. Non ci sono problemi nel sentirci, ma ho già detto prima che il programma di mercato va da giugno. Comunque, come lo segue l’Inter, lo seguono altre squadre. Noi in ogni caso ci siamo, ma ora siamo a posto così, lo ripeto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori