CALCIOMERCATO/ Inter, la rivoluzione 2012 di Moratti: dall’allenatore ai dirigenti passando per Sneijder

- La Redazione

Rivoluzione in programma in corso Vittorio Emanuele. Il numero uno, Massimo Moratti, ha in mente una nuova Inter e nessun reparto verrà risparmiato

Moratti_Massimo_R375_2ott08

CALCIOMERCATO – L’Inter si appresta ad essere letteralmente rivoluzionata. La strategia verrà messa in atto a partire dal termine della stagione in corso ma studiata nei prossimi mesi. In corso Vittorio Emanuele, il numero uno Massimo Moratti, vuole attuare diverse modifiche all’insegna del fair play finanziario ma soprattutto con l’obiettivo di tornare a conquistare fin da subito Champions League e campionato (escludendo che il tutto non avvenga già nel campionato attuale). Una rivoluzione che toccherà tutti, calciatori, dirigenti e allenatore. Per quanto riguarda quest’ultima questione Claudio Ranieri si giocherà fino al prossimo giugno la conferma. Se il testaccino riuscirà a ridare un gioco alla squadra e magari conquistare un trofeo (anche la Coppa Italia) a quel punto potrebbe essere riconfermato anche per il 2012-2013, Guardiola permettendo. La permanenza dell’ex Roma ad Appiano Gentile è infatti strettamente collegata all’addio o meno del “Pep” a Barcellona. Qualora il catalano dicesse addio ai blaugrana dopo anni di strepitose vittorie a quel punto Moratti potrebbe provare il colpaccio. Novità anche a livello di ruoli dirigenziali e soprattutto per quanto riguarda gli uomini mercato. Il presidente nerazzurro è deluso dell’operato di Marco Branca, direttore dell’area tecnica, e di Piero Ausilio, e starebbe meditando il da farsi. Si parla di un colpo di spugna in favore di Leonardo ipotesi da tempo caldeggiata dallo stesso Moratti. Il ritorno a Milano del brasiliano è però subordinato al bilancio dello stesso a Parigi. Nel frattempo Branca sembra destinato a riabbracciare Roberto Mancini e trasferirsi al Manchester City. Da non escludere anche un ritorno di Lele Oriali, grande figura Inter degli ultimi successi. Infine gli attori in campo. Dopo Samuel Eto’o sono previste altre partenze eccellenti alla Pinetina. Su tutte sembra destinato all’addio l’olandese Wesley Sneijder. Il nazionale orange voleva lasciare Milano già durante l’estate ma il Manchester United non riuscì a trovare l’intesa con l’Inter così come con lo stesso trequartista. Non è comunque da escludere a priori un nuovo tentativo dei Red Devils di Sir Alex Ferguson così come del Manchester City altra grande sulle tracce dell’ex Real Madrid durante il mercato estivo.

Attenzione poi ai vari Julio Cesar, Cambiasso, Maicon e Thiago Motta, altri big che potrebbero lasciare per sempre Milano per essere rimpiazzati da giovani leve.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori