CALCIOMERCATO/ Inter, Sneijder: non è giusto che torni Eto’o, vorrei Messi e mio fratello. E su Gasperini…

- La Redazione

L’Inter contro il Lille ha raccolto la seconda vittoria consecutiva in Champions League e soprattutto ha ritrovato Wesley Sneijder, centrocampista olandese tornato in campo dopo l’infortunio

Sneijder_int_R375_2set09
Wesley Sneijder, foto Ansa

L’Inter contro il Lille ha raccolto la seconda vittoria consecutiva in Champions League, segnando un gol con Pazzini e riuscendo nell’impresa (di questi tempi è proprio un miracolo sportivo) di non prendere reti. Il gioco nerazzurro è stato più concreto e qualitativo soprattutto nel primo tempo grazie anche al ritorno in campo di Wesley Sneijder, centrocampista olandese classe 84′ che è tornato in campo dove un periodo di assenza a causa di problemi fisici. Claudio Ranieri ha finalmente schierato il faro del gioco nerazzurro, per il tecnico romano, che ha sostituito Gasperini dopo la sconfitta contro il Novara, era la prima volta con Sneijder in campo. L’olandese è stato schierato nel ruolo di trequartista, posizione congeniale alle qualità dell’olandese. Con Gasperini ci sono state tante incomprensioni a livello tattico, il tecnico di Grugliasco lo vedeva anche come regista di centrocampo, ma Sneijder, intervistato in esclusiva dalla Gazzetta dello Sport, rivela: “Gasperini ha detto che ero più felice da centrocampista ma non è vero, questo lo diceva lui. E’ vero che toccavo molti palloni, ma io sono un giocatore offensivo, il mio ruolo è quello di trequartista al massimo seconda punta come contro il Milan in Supercoppa Italiana, ma non centrocampista”. Sneijder ha voluto mettere le cose in chiaro per quanto riguarda alcune dichiarazioni rilasciate dall’ex tecnico nerazzurro. Con Ranieri invece è tutta un’altra musica: “E’ un allenatore che parla di più con i giocatori, lui mi ha detto che vuole schierarmi da trequartista, ovvero nel mio ruolo perchè sono più libero di inventare. Mi piace molto”. Sneijder in estate sembrava sul punto di andare via dal club nerazzurro: “Invece sono rimasto anche perchè io non volevo andare via ma sapevo che l’Inter avrebbe potuto cedermi se fosse arrivata una grande offerta. Quando ho visto che Eto’o è andato via ho capito che sarei rimasto”. A proposito di Eto’o si parla di un possibile ritorno del camerunense anche solo per due mesi, un’idea che non piace all’ex Real Madrid: “Non avrebbe senso e non sarebbe corretto nei confronti di chi fa stabilmente parte di questo gruppo”. Potesse acquistare un giocatore non avrebbe dubbi: “Mi piacerebbe giocare con Messi, però dovrebbe venire lui qui”.

Oltre all’argentino, sogno praticamente impossibile, Sneijder vorrebbe anche il fratello Rodney, di proprietà dell’Ajax ma attualmente in prestito all’Utrecht, anche se quest’ultimo non sembra innamorato del calcio italiano: “Non è vero – precisa Sneijder – qualcuno ha tradotto male le sue parole”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori