CALCIOMERCATO/ Inter, incubo Serie B vicino, gennaio è lontano…

- La Redazione

Rischia il tracollo l’Inter prima della venuta del mercato. La situazione non migliora e per di più i campioni del mondo uscenti perdono anche Maicon, l’unico che si è salvato contro la Juve

Moratti_Massimo_R375_2ott08

CALCIOMERCATO – L’Inter guarda con grande attesa al calciomercato invernale, e precisamente al prossimo 3 gennaio 2012. La società di corso Vittorio Emanuele rischia il tracollo e necessita di forze fresche e soprattutto di elementi di qualità per non rischiare di retrocedere. Nel frattempo, dovrà sopravvivere con i giocatori attualmente inorganico e per un mese circa dovrà fare a meno di Maicon, ieri stiratosi e fermo ai box. La situazione attuale in quel di Appiano Gentile è la seguente: classifica da brividi, le vecchie guardie ormai spolpe e a corto di fiato, e i nuovi arrivi praticamente impalpabili o già finiti nel dimenticatoio. Le carenze maggiori si hanno nel reparto avanzato, guarda caso, quello rimasto orfano di Samuel Eto’o. Recentemente si è parlato di un ritorno del camerunese a San Siro, un contentino di due mesi che verrebbe accolto a braccia più che aperte da Massimo Moratti nonché da tutti i tifosi interisti, seppur per un piccolo scampolo di stagione. I campioni del mondo in carica sono quasi imbarazzanti davanti: manca gioco, ritmo, velocità, idee e soprattutto nessuno la butta dentro, al di fuori di Pazzini, che non può però risolvere ogni gara. Non va tanto meglio la situazione a centrocampo. Zanetti e Cambiasso hanno praticamente giocato sempre, e il segnale non è dei più positivi, quando hai in squadra giocatori giovani e potenziali campioni. Per il capitano 13 cartellini timbrati su 13 gare, mentre il Cuchu ne ha fatte 12. Il turnover non è stato attuato sia per motivi legati ad infortuni ma anche e soprattutto per l’errore di credere “nell’immortalità” dei due suddetti. E’ vero, è stato preso Poli, ma nessuno ad agosto, quando il giovane ex Samp ha firmato il contratto, ha pensato a quest’ultimo come sostituto di Cambiasso ma semplicemente come rincalzo di qualità. Infine c’è la difesa, altra nota dolente. Ad esclusione di Maicon, che come detto sopra dovrà stare in infermeria per un po’, c’è una retroguardia disastrosa ed in particolare il duo Lucio-Chivu, coppia di centrali da sciagura che sicuramente faranno rimpiangere alla dirigenza la partenza di Materazzi di qualche settimana fa. Si attende quindi con ansia gennaio, che dovrà obbligatoriamente innestare la squadra con forze fresche e giocatori di primo livello.

Arriveranno Juan Jesus, giovane difensore brasiliano, Isla si è candidato, occhio anche a Kucka (anche se fino ad oggi in chiaro/scuro) così come a Strootman del PSV: basteranno? Il tempo lo dirà…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori