CALCIOMERCATO/ Inter: Hazard piace, ma… Parla l’agente Fifa Ferrari (esclusiva)

- int. Fabrizio Ferrari

Hazard interessa all’Inter, ma per ora non c’è nulla di concreto. Il Lille è ancora inesperto, l’Inter è favorita domani sera. Il PSG rivoluzionerà il calcio francese: parla Ferrari.

eden_hazard_r400
Eden Hazard (foto Ansa)

Da tempo si parla dell’interesse dell’Inter per il giovane talento belga del LOSC Lille Eden Hazard, classe 1991, sicuramente uno dei giovani più promettenti dell’intero panorama europeo. Il trequartista è stato determinante per il successo del Lille nello scorso campionato francese, ma sorge spontaneo il dubbio che l’interesse nerazzurro per Hazard sia gonfiato ad arte perché l’Inter e il club francese si trovano nello stesso gruppo di Champions League (e domani a San Siro è in programma lo scontro diretto). Per chiarire la situazione abbiamo allora contattato l’agente Fifa Fabrizio Ferrari, esperto di calcio francese. Ecco cosa ci ha detto su Hazard, il Lille e la situazione generale del calcio transalpino oggi in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Ferrari, quanto è concreto l’interesse dell’Inter per Hazard?

Sicuramente il giovane belga piace all’Inter. Detto questo, però, non mi risulta che siano in corso trattative concrete per portarlo a Milano.

Interesse gonfiato in vista di Inter-Lille?

Penso proprio di sì, credo che se accadrà qualcosa sarà a giugno. Certamente non se ne farà nulla a gennaio.

E lei cosa pensa di Hazard come calciatore? è davvero il campione di cui si parla?

Il talento di Hazard è fuori discussione, l’ha già ampiamente dimostrato, e ha un grande futuro davanti a sé, però deve fare ancora tanta strada.

Dunque crede che non sia ancora pronto per giocare in Italia? E a San Siro in particolare?

Diciamo che non ne sono sicuro. Sappiamo tutti che San Siro è un palcoscenico particolarmente esigente, che può mettere grande pressione, soprattutto considerato come sta andando la stagione dell’Inter. Sicuramente al momento Hazard non è ancora paragonabile a Sneijder.

In effetti nella gara d’andata Sneijder ha dimostrato di essere ancora superiore…

Sì, Hazard deve ancora macinare molto per raggiungere il livello di Sneijder.

Proprio oggi si è parlato di un interessamento anche del Milan. Sono solo voci?

Direi proprio che l’interessamento del Milan è solo una boutade: non c’è niente di vero su questo.

Quali altri giocatori del Lille consiglierebbe alle squadre italiane?

Sicuramente la loro punta, Sow: è davvero molto bravo. A centrocampo il migliore è certamente Mavuba. E poi non dimentichiamoci il buon Joe Cole, che non ha certo dimenticato come si fa a giocare a calcio per il solo fatto di aver lasciato l’Inghilterra.

Come vede la partita tra Inter-Lille? E crede che il Lille possa qualificarsi?

Il Lille, come tutte le squadre francesi tranne il Lione, fatica in Europa, perché manca di esperienza in Champions League. Soffre pure il Marsiglia, figurarsi una squadra che mancava da tantissimi anni dai palcoscenici più prestigiosi. Per questo motivo vedo l’Inter favorita domani sera.

Per finire, il Paris Saint Germain sta davvero rivoluzionando il calcio francese?

Sì. Il PSG sta davvero cambiando tutto: ha il budget per dominare il mercato in Francia, sia interno sia con l’estero, e un progetto davvero interessante che può contare anche sul fascino mondiale della città di Parigi. Ci vorrà del tempo per creare il gruppo, ma se non si fanno prendere dalla fretta entro qualche anno sarà protagonista pure in Europa.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori