CALCIOMERCATO/ Inter, ag. Schelotto: E’ pronto per una big

- La Redazione

Il procuratore dell’italoargentino ha commentato le voci sull’accostamento del giocatore ai nerazzurri. A suo dire, Schelotto sarebbe prontissimo per una big, ma…

claudio_ranieri_r400
Claudio Ranieri (foto Ansa)

L’Inter pensa al futuro, forse anche per fuggire dalle ansie di un presente mai così grigio. La classifica, in attesa del recupero di Marassi con il Genoa (fissato per il 13 dicembre), è più inquietante che mai. Meglio pensare al mercato, ed alla ricerca di rinforzi giovani e di qualità. Gente che possa rinverdire l’organico, aiutando la squadra, se possibile, a riaprire un nuovo ciclo. Chè quello vecchio, ormai, ha fatto il suo tempo. Tra i nomi tenuti sotto osservazione c’è quello dell’italo-argentino Schelotto, protagonista di un ottimo avvio di stagione con la maglia dell’Atalanta. Oggi Tuttomercatoweb ha sentito il suo agente per avere conferme circa l’interesse dei nerazzurri. Il procuratore, Gerry Piccolillo, ha smentito contatti con la dirigenza dell’Inter, aggiungendo però: “Se hanno parlato le società non posso saperlo”. In questo momento, Schelotto, dice, è concentrato solo sull’Atalanta. Quanto al suo futuro, si era parlato anche della Roma e di altre squadre, ma si tratta a suo avviso di voci giornalistiche, almeno “per adesso…”. Ad ogni modo, il ragazzo è prontissimo per una big. “Quello che succederà lo vedremo più avanti”. L’ex-cesenate sta facendo benissimo in questo campionato, per di più in un ruolo – quello di esterno alto a destra – in cui non abbondano di certo gli interpreti di qualità. Nemmeno l’Inter ha grossi esterni, se si eccettua il terzino-ala Maicon, che pure inizia ad avere i suoi annetti. E se i nerazzurri volessero Schelotto proprio per farne l’erede del Colosso? Chissà, è ancora presto per dirlo. Per il momento Ranieri è concentrato su una sola cosa: la missione-risalita. La classifica attuale non è da Inter, c’è poco da dire. La ripresa assegnerà in sorte il Cagliari, tra le mura amiche di San Siro. Occorrerà assolutamente far punti, per cominciare a schiodarsi dalle sabbie mobili. Il tecnico romano dovrà fare appello a tutta la sua esperienza per uscire dalla precarietà, nella speranza che i suoi, approfittando della sosta, recuperino le necessarie energie fisiche e mentali. Di certo uno come Schelotto potrebbe fargli assai comodo fin da subito, ma per il momento sono Colantuono e la sua Atalanta a goderselo. Per eventuali assalti bisognerà attendere gennaio, o forse, in alternativa, giugno.

La nuova Inter ripartirà da facce giovani e assetate di successo come quella di Schelotto. Facce da Inter, sperano in via Durini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori