INTER/ Infortunio Milito, dottor Volpi: che errore farlo giocare!

- La Redazione

L’ex medico sociale nerazzurro parla dell’ennesimo infortunio patito dal bomber argentino

milito_disperato_R375x255_27mar10
Diego Milito disperato: emblema della notte araba (Foto Ansa)

INTER – Piero Volpi, ex medico sociale dell’Inter dal 1995 al 2000, è perplesso su come sia stato gestito l’infortunio di Diego Milito, che ha subito domenica l’ennesimo stop di stagione, il quinto per la precisione. Stavolta il problema è serio visto che lo terrà ai box almeno per 45 giorni. “Magari sarebbe stata più opportuna una maggiore attenzione da parte dello staff. Sapendo che Pazzini – dice a Radio Sportiva – non può essere schierato in Champions League, fossi stato l’allenatore non avrei fatto entrare Milito, soprattutto visto che non non era nella migliore condizione. Questo è comunque il mio punto di vista…”.

Il dottore poi offre altri spunti di riflessioni. "Le cause sono molteplici, dai numerosi impegni, alle temperature invernali e ad altre valutazioni da caso a caso. Certamente i muscoli dei giocatori soffrono molto perché giocano stanchi. Basti pensare che il Milan ha giocato 4 incontri in 10 giorni, l´Inter 10 in 32. Sui muscoli vengono erogate forze importanti, perché una partita è un susseguirsi di scatti, di pause, cambi di direzione, e tutto questo li sollecita ancora di più".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori