CALCIOMERCATO/ Inter, Hazard, il Lille apre alla trattativa

- La Redazione

Pastore in pole, ma senza dimenticare il giovane talentino belga Hazard che tanto ha fatto sognare i tifosi nerazzurri negli ultimi giorni. La società francese sembra disposta a parlarne.

Hazard_r375_20mag09
Hazard (foto Ansa)

Pastore è in cima alla lista dei desideri del patron Moratti, che ieri si è apertamento sbilanciato dicendo: “Sì, lo seguiamo anche noi. E’ davvero grande”. Pastore in pole, ma senza dimenticare il giovane talentino belga Hazard che tanto ha fatto sognare i tifosi nerazzurri negli ultimi giorni. E in casa Inter arrivano buone notizie dalla Francia: il presidente, Michel Seydoux, ha infatti ritrattato e ammorbito la propria posizione rispetto alle dichiarazioni di qualche giorno fa (“Non vendiamo i nostri giocatori a squadre che vogliamo battere in Champions League”). Al quotidiano “Figaro”, oggi ha detto così: “E’ nostra intenzione mantenere l’ossatura della squadra, per questo abbiamo prolungato molti contratti, tra cui quello di Hazard, ma sono sensibile quando ci si interessa a loro, significa che la nostra visibilità aumenta”. Come leggiamo sul sito della Gazzetta dello Sport (www.gazzetta.it) ieri anche da Rudi Garcia, allenatore del Lilla, ha detto la sua su Hazard: “Hazard sa che con noi può migliorarsi ancora molto, ma per sapere se sia incedibile dovete chiedere al presidente. Io non gestisco le finanze del club”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS DI CALCIOMERCATO IN CASA INTER

Anche Dugarry ha voluto intervenire a proposito della vicenda Hazard, reputando un errore un’eventuale cessione del talento belga: “Hazard è ancora immaturo ed è solo un ragazzino, gli consiglierei di restare ancora a Lilla, fare esperienza in Champions League. Non è pronto per una big dove quando sei sotto i fuochi della critica devi venirne fuori da solo. Nessuno ti può aiutare se non te stesso. Questa mentalità penso che manchi a Eden. Basta vedere le difficoltà di Benzema che considero più forte di Hazard”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori