CALCIOMERCATO/ Inter, Maicon in partenza e Sanchez in arrivo: tutte le news

- La Redazione

In casa Inter la giornata si apre con la voce di un Maicon sul piede di partenza. La squalifica, rimediata in Coppa Italia, ha indotto la società a concedergli vacanze anticipate.

Tevez_r400
Carlos Tevez (foto Ansa)

In casa Inter la giornata si apre con la voce di un Maicon sul piede di partenza. La squalifica, rimediata in Coppa Italia, e che gli costerà la finale di Coppa a Roma ha indotto la società a concedergli vacanze anticipate: il brasiliano infatti è già a casa (in patria) da qualche giorno. Quello che sembrava essere un favore della società, appare oggi come il primo passo di una inevitabile rottura. La Gazzetta dello Sport riporta come l’esplosione di Nagatomo e una stagione non all’altezza delle aspettative abbia di fatto messo Maicon sul mercato. Tuttosport parla addirittura di un rapporto tra il tecnico e il difensore “di nuovo profondamente in crisi”, aspetto sottilineato anche dal Corriere dello Sport. Il suo procuratore da tempo ripete che “al momento Maicon non è vendita, anche se è certo che nel calcio non si può mai dire”: frasi che nel gergo calcistico possono voler dire tutto e niente. Ma di una possibile cessione del brasiliano si parla da tempo: “Branca può fare cassa con Maicon, venderlo se ci sono offerte” (disse il procuratore Malù Mpasikatu a tuttomercatoweb qualche tempo fa) e questa frase, rafforzata anche da comportamenti che non sarebbero proprio lineari del ragazzo anche fuori dal campo, è diventato un pensiero sempre più diffuso. In uscita si parla anche di Snejider, che sembrerebbe avere diversi pretendenti oltremanica: il Manchester United lo segue da tempo e il fatto che all’Inter piaccia non poco Nani lascia pensare che ci possa essere uno scambio in vista. Fantasia o realtà? Resta il fatto che l’età e qualche acciacco fisico non giocano a favore della permanenza dell’olandese a Milano: in più se fosse vera l’offerta di 30 milioni di euro è probabile che Moratti, scottato dalla non cessione di Milito e Maicon la scorsa stagione, possa pensarci davvero.
In entrata si parla sempre di Sanchez: il talentino cileno sembra sempre più vicino e i commenti su di lui si sprecano. “Sanchez è fortissimo e può migliorare ancora” (Roberto Mancini), “il cileno è pronto per entrare fra i grandissimi” (Leonardo), “Sanchez è un giocatore che fa sognare” (Massimo Moratti): ecco, i commenti sono più o meno tutti di questo calibro. La seconda parte del commento del patron Moratti (“ha tante cose importanti, anche il prezzo”) nasconde però una grande verità: per lui la base d’asta è a partire dai 35 milioni di euro. L’opinionista Alfredo Pedullà ha rilasciato questa dichiarazione ai microfoni di fcinternews.it: “I colpi nerazzurri? Si farà di tutto per Sanchez, altrimenti si vira su Tevez”. L’impressione è proporio questa.
Parentesi su Montolivo, che non rinnova con la Fiorentina. Di lui si dice un gran bene: “è il centrocampista più completo del campionato italiano” (Claudio Onofri ai microfoni di Radio Toscana) oppure “è una soluzione trasversale ottima ma non fantastica: Montolivo è grande giocatore se fa la mezzala, non il regista davanti alla difesa” (Mario Sconterti al Corriere della Sera). Chi non sembra convintissimo della bontà dell’affare è una vecchia gloria nerazzurra, Nicola Berti (ai microfoni di FirenzeViola.it): “Penso non sia da grandissima squadra. All’Inter, a centrocampo, ci sono fior di giocatori. Non credo che ruberebbe il posto a Cambiasso, Stankovic e Tiago Motta”.

 

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS DI CALCIOMERCATO IN CASA INTER

L’altro nome caldo è quello di Carlitos Tevez. Piace o non piace? E soprattutto va via? E dove andrà? Non c’è giorno che l’Apache non venga dato contemporaneamente per sicuro partente da Manchester, alla Juventus e all’Inter. Su di lui i commenti sono tutti positivi, anche se le parole del dirigente nerazzurro Ausilio (“arrivare a Tevez è difficle”) non lasciano molto tranquilli. “Carlos è un attaccante fantastico, un giocatore importante” continua a dire Mancini, che starebbe facendo di tutto per trattenerlo al City, mentre il vecchio tecnico Agroppi sentenzia a Radio Sportiva: “Benzema o Aguero? Io prenderei Tevez, che è un giocatore fortissimo”. Al momento ogni nome è buono, ma le vere sfide di mercato partiranno solo dopo la finale di Coppa Italia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori